Tu sei qui: Home / Meditando / In articoli e commenti, scelti da noi / I cattolici e la guerra, l’urgenza di un’agenda comune, di Riccardo Cristiano

I cattolici e la guerra, l’urgenza di un’agenda comune, di Riccardo Cristiano

creato da Paolo Iacovelli ultima modifica 02/05/2022 12:30
l cattolicesimo italiano occorre urgentemente una bussola, o un’agenda. La possiamo trovare, allora, in quanto hanno affermato due importanti religiosi, il segretario di Stato cardinale Pietro Parolin e il direttore de La Civiltà Cattolica, padre Antonio Spadaro, e un noto intellettuale cattolico, l’ex presidente della Consulta, Giovanni Maria Flick…

Mondo cattolico italiano sotto stress per la guerra in Ucraina. È un fatto evidente, ma è anche un fatto grave, per le cause di questo stress. Tutto sommato i cattolici sanno bene che c’è un rischio, e questo rischio si chiama “visione manichea”. Applicata al loro mondo questa visione vuol dire o il prevalere dell’eresia “americanista”, quella che ha tentato di capovolgere con i teocon e in particolare Michael Novak la dottrina sociale della Chiesa, facendo diventare l’iperliberismo una naturale derivazione della concorrenza umana capace di produrre il bene con sgocciolamenti economici a favore dei poveri dall’arricchimento dei già ricchi, o il prevalere dell’eresia “terzomondista” che ha visto nella sua esperienza, soprattutto missionaria, gli Stati Uniti attraverso la lente, assai spesso non deformante, del Paese predatore. 

Mentre il primo cattolicesimo si è strutturato apertamente in sostegno all’ex presidente Trump e in avversione a Francesco, il cattolicesimo terzomondista si sente solidale con Francesco, ma essendo radicale tenta di trascinarlo in una corsa manichea dalla parte di un’avversione così pregiudiziale agli Stati Uniti da divenire filo-russa se non per scelta quanto meno per conseguenza. Ma questo campo, a differenza di Francesco, non ha molto a che fare con l’Ucraina, con gli ucraini. Ispirato dai valori di fondo dell’universalismo cattolico, ha maturato un risentimento che lo fa cadere, agli occhi di chi scrive, nella scorciatoia per cui “il nemico del mio nemico è mio amico”.

In Ucraina, negli anni duri della pandemia, il sindacato dei minatori indipendenti ha chiesto di portare da 300 a 1000 dollari la paga minima, si è rimasti per 42 giorni sotto terra, ottenendo importanti riconoscimenti. Oggi quel sindacato, come altri, partecipa all’autodifesa di molte città, è inserito nella rete della distribuzione degli aiuti. Questo non dice nulla ai “terzomondisti”? Gli approcci ideologici non amano fare i conti con i fatti, ma con le idee. Ma l’idea decisiva nel conflitto ucraino è il filo che unisce l’imperialismo russo dei tempi zaristi con il primato del nazionalismo russo dei tempi di Stalin (vincitore sull’opposta tendenza di Lenin, definito infatti amico dell’Ucraina da Putin) e quello degli attuali tempi putiniani. 

Dall’altra parte c’è stata un’Europa disinteressata all’adesione di Kiev, preferibile come vicino povero, molto povero, e dunque produttore di manodopera appetibile e sottocosto. Non è sbandando verso un’avversione all’immodificabile imperialismo americano che si difendono le ragioni dei popoli, ma vedendoli. Questa scelta la si trova solo in Francesco, la cui posizione non è quella di un papa “equidistante”, ma che sa vedere le lotte dei popoli senza mai cedere ai nazionalismi. È per questo che Francesco non ha mai mollato la difesa del diritto internazionale: non perché non sappia che tutti sotto le coperte lo hanno scalciato, ma perché sa che fuori dal diritto internazionale prevalgono gli identitarsimi e quindi i nazionalismi estremi.

Ecco che al cattolicesimo italiano occorre urgentemente una bussola, o un’agenda. Questa la troviamo in quanto hanno affermato due importanti religiosi, il segretario di Stato cardinale Pietro Parolin e il direttore de La Civiltà Cattolica, padre Antonio Spadaro, e un noto intellettuale cattolico, l’ex presidente della Consulta, Giovanni Maria Flick.

Il cardinale Parolin ha messo in chiaro pochi giorni fa che limitarsi a inviare armi a chi ha patito un’aggressione, cioè agli ucraini, “è una risposta debole”. Dunque “una risposta forte è una risposta che intraprende, cercando di coinvolgere tutti, iniziative secondo lo schema di pace, cioè iniziative per fare cessare i combattimenti, per arrivare a una soluzione negoziata, per pensare a quale sarà il possibile futuro di convivenza nel nostro Vecchio Continente”. Qui il cardinal Parolin fa suo il cuore dell’intervento del presidente Sergio Mattarella al Consiglio Europeo. 

Questa agenda si sviluppa in una catena di punti, che padre Spadaro ha così riassunto: la Russia è l’aggressore, l’Ucraina è l’aggredito, difendersi è pienamente legittimo, ma occorre anche capire la cause, non per giustificare, ma per cominciare  a ragionare sul futuro. Si vuole la pace o la vittoria? Qui Spadaro ha fatto riferimento a un curioso titolo del Wall Street Journal, che prospetta  addirittura la “vittoria di una guerra nucleare”. Chi vuole la vittoria pensa che l’altro sia il demonio, “ovvio che col demonio non si tratta né si dialoga (come ad esempio pure fece la Nato dopo il massacro di Srebrenica o Trump con i talebani, che dunque non erano il demonio…)”. 

Qui interviene il professor Flick, che ricorda come l’aiuto all’aggredito sia un valore, un dato che sparisce nel no all’aiuto militare agli ucraini che dovrebbero invece arrendersi. Qui la sua posizione, da cattolico, è importantissima, e completa le riflessioni citate in precedenza: “Difendere l’aggredito è il modo più semplice per cercare di convincere l’aggressore a trattare anche lui”. Questo punto costituisce la vera bussola per l’oggi: la difesa guarda alla pace, direbbe padre Spadaro, non alla vittoria. Respinge dunque l’agenda bellicista, ma senza finire nel campo opposto, quello che porterebbe a costringere l’aggredito all’arrendevolezza.

Ecco allora l’agenda: se le rabbie, contro i comportamenti russi o americani, lasciano spazio all’orgoglio della propria rabbia si finisce magari inconsapevolmente nel manicheismo: se invece alla rabbia si fa seguire la luce, scegliendo l’empatia e la comprensione dei diversi volti del male, si riesce a contribuire alla pace. Far incontrare le voci più radicali di una sensibilità non serve, è  invece urgente un confronto ampio per capire un’agenda indispensabile.

https://formiche.net/2022/05/cattolici-guerra-agenda-comune/

Azioni sul documento
  • Stampa
archiviato sotto: , , ,
Associandoci

logo-barchetta.jpg

Cercasi un fine è insieme un periodico, un’associazione onlus, di promozione sociale, iscritta all’albo regionale della Puglia, fondata nel 2008, con attività che risalgono a partire dal 2002, una rete di scuole di formazione politica, un gruppo di amici stranieri e volontari per l'insegnamento della lingua italiana. Vi partecipano credenti cristiani e donne e uomini di diverse culture e religioni, accomunati dall’impegno per una società più giusta, pacifica e bella.

Una presentazione sintetica delle nostre attività la trovi nel video qui 

altre info su

presentandoci
cercasi una casa
sostenendoci

Prossimi eventi
Il voto politico tra astensione e progetti 03/09/2022 16:00 - 20:00 — Sala Bice Leddomade, via Sanges 11/A, Cassano delle Murge (BA)
Prossimi eventi…
Pubblicando, i testi di Cercasi un fine

Formare alla politica. L'esperienza di Cercasi un fine

Nasce la nuova collana I libri di Cercasi un fine in coedizione con Magma Edizioni. Il primo volume sul metodo educativo e la storia di Cercasi un fine...


Potere e partecipazione. Un'esperienza locale di amministrazione condivisa, di S. Di Liso, D. Lomazzo

Sesto libro della collana di Cercasi un fine


La salute nella e oltre la leggeLa salute nella e oltre la legge. Sfide odierne, di F. Anelli e G. Ferrara

 Quinto libro della collana di Cercasi un fine


Attrezzarsi per la città

Attrezzarsi per la città. Laboratori di formAZIONE socio-politica, di M. Natale

Questo libro, quarto della collana di Cercasi un fine, racconta un’idea, diventata poi una esperienza, basata sulla convinzione che si possa, anzi si debba, progettare...


 

Meditando in video
Un video per scoprire le nostre attività: scuole di politica, giornale e sito web, collana di libri, incontri e seminari, scuola di italiano per stranieri... benvenuti in Cercasi un fine!
Cercasi un fine. Presentandoci
2020
13th of January 2020, BBC interviews our Director Rocco D'Ambrosio on the case of the book of Ratzinger-Sarah
Il nostro direttore Rocco D'Ambrosio intervistato dalla BBC
2020
Di più…
Il 5 x mille per CuF


Sapete quanto è prezioso per noi la vostra firma del 5 x mille a nostro favore: con esso realizziamo scuole di formazione sociale e politica, un sito web e un periodico di cultura e politica, insegnamento dell’italiano per cittadini stranieri, incontri, dibattiti…

Basta la tua firma e il numero dell'associazione 91085390721 nel primo riquadro sul volontariato. 

I nostri amici stranieri

Cercasi un fine organizza degli incontri settimanali di dialogo tra culture e insegnamento della lingua italiana per stranieri.

Maggiori info >>>

centro di ascolto.jpg

Il Gruppo "Il Seggio" di Cercasi un fine a Minervino

 

 

Si chiama "Il seggio": è il gruppo territoriale di Cercasi un fine, nato a Minervino, a fine anno 2021.

Esso nasce dall'iniziativa dei soci fondatori e ordinari di Cuf, residenti a Minervino. Il gruppo (attraverso un apposito Regolamento) è un'emanazione territoriale della nostra Associazione, di cui condivide statuo, finalità, contenuti e strategie associative.

Auguriamo al gruppo di essere attivo e proficuo nella ricerca de nostro Fine come don Milani insegna: "Bisogna che il fine sia onesto. Grande. Il fine giusto è dedicarsi al prossimo. E in questo secolo come lei vuole amare se non con la politica o col sindacato o con la scuola? Siamo sovrani. Non è più il tempo delle elemosine, ma delle scelte".

 

indirizzo: Vico II Spineto, 2
(c/o Parrocchia S. Michele Arcangelo)
76013 Minervino Murge (BT)

per info:
mail: scuolasociopoliticaminervino@cercasiunfine.it
cell: 349 6534286

Contribuendo

Contribuendo.jpg

Bonifico Bancario
Cercasi un Fine ONLUS
IBAN IT26C0846941440000000019932
BCC Credito Cooperatvo

Leggendo il giornale

E' in distribuzione Cercasi un fine n. 126
(2021- Anno XVII)

quadratino rosso Tema: Il rispetto dell'identità sessuale

 

Scrivendo per il giornale

Se volete scrivere per il giornale:
direttore@cercasiunfine.it


  

 

 listing Il n. 127 è dedicato alla vita quotidiana (in un mondo eccessivamente mediatico quale valore ha il quotidiano? I suoi piccoli e significativi gesti quale senso hanno? Conosciamo i vissuti quotidiani attorno a noi?). In preparazione.

 listing Il n. 128 è sulla "Riforma costituzionale in tema ambientale"  (qual è il significato dell'ultima riforma costituzionale in tema ambientale? Quali ricadute per noi e le generazioni future? E' un nuovo patto tra generazioni? Quali effetti sull'attività economica?). Testi da inviare entro il 30 giugno 2022.

listing Il n. 129 è su "Dopo il Covid e la guerra: una nuova globalizzazione?"  (La pandemia e la guerra in Ucraina sembrano aver messo in crisi il vecchio modello della globalizzazione: come costruire un nuovo modello? Cosa deve cambiare e cosa può restare?). Testi da consegnare entro il 30 agosto 2022. 

Se avete qualcosa da proporci su qualcuno di questi temi siamo ben lieti di accoglierlo: testi non superiori a 4000 caratteri/spazi inclusi, da inviare ai nostri indirizzi mail. Accettiamo anche contributi in altre lingue e di bambini.