Tu sei qui: Home / Meditando / In articoli e commenti, scelti da noi / I bambini e il clima, di Paolo Perazzolo

I bambini e il clima, di Paolo Perazzolo

creato da Rocco D'Ambrosio ultima modifica 21/07/2016 18:42
Una mostra fotografica di Luca Catalano Gonzaga allo Spazio Forma di Milano documenta gli effetti dei cambiamenti climatici sull'infanzia. E indica una speranza.
I bambini e il clima, di Paolo Perazzolo

foto di L. Catalano Gonzaga

 

La bellezza salverà il mondo. Perché riuscirà a toccare le coscienze degli uomini, a portare nuove consapevolezze e cambiamenti negli stili di vita. Ne è convinto Luca Catalano Gonzaga, fotografo romano, che espone il suo lavoro allo Spazio Forma di Milano nella mostra Infanzia in pericolo. Child survival in a changing climate

Di questa fede, ne è egli stesso la prova. Dopo una laurea in Economia e anni di professione nel settore della comunicazione e della pubblicità per conto di grandi aziende, dal 2008 si è dato interamente alla fotografia professionale. «Gestivo budget milionari per la campagne pubblicitarie di importanti imprese, la cui finalità era, sempre, l'incremento delle vendite. Ad un certo punto della mia vita, ho avvertito la futilità di questa attività, ho capito che non mi arricchiva come persona», racconta. «Ero uno di quei professionisti che, il lunedì mattina, si arma della sua valigetta e prende l'areo da Roma a Milano, per parlare solo di numeri...». Il cambiamento, con il passaggio alla nuova professione, e alla nuova vita, è stato radicale. «Ho mutato anzitutto il mio stile e tenore di vita. Ho sperimentato che l'agiatezza genera un ozio intellettivo che porta a perdere un po' il senso dell'esistenza. In ogni caso, dal lavoro precedente, ho ereditato un patrimonio prezioso di relazioni e competenze e la capacità di promuovere se stessi. Certo, occorre avere entusiasmo, non scoraggiarsi di fronte ai fallimenti e sapersi correggere».

La mostra allestita allo Spazio Forma riassume la sua "filosofia" di vita ed estetica. L'obiettivo è quello di documentare i devastanti effetti del cambiamento climatico sull'infanzia. «Il progetto riguardava il tema del cambiamento climatico. Per rappresentarlo, avevo bisogno di un focus, e l'ho trovato nell'infanzia: i bambini sono la generazione che più ne subirà gli effetti e più sarà chiamata a farvi fronte». Dopo alcune ricerche, due anni fa presentò il progetto alla Fondazione Nando Peretti, da tempo impegnata in opere di primo soccorso in tutto il mondo. «Indicavo nel dettaglio i Paesi e le situazioni da testimoniare: «La Mongolia e il Burkina Faso per la desertificazione, il Nepal per lo scioglimento dei ghiacciai, il Bengala e il Bangladesh per l'innalzamento del livello del mare, lo Zambia per la malaria e infine l'India per l'energia eolica».

A raccontare che cosa significhi, per l'umanità, il cambiamento climatico dovevano essere dunque i bambini:
«I soggetti più deboli, quelli che più hanno bisogno di protezione. La cui vita viene stravolta. In Bangladesh ho visto che ogni giorno intere famiglie dedicavano parte della giornata a raccogliere fango per costruire argini: i bambini non avevano tempo né per giocare né per andare a scuola. In Mongolia, a  causa della desertificazione, la gente non sa più dove migrare: alcune aree sono già occupate, la capitale sta per esplodere, con immensi slum in condizioni spaventose... Nel campo profughi in Kenia, che avrebbe dovuto essere temporaneo, vivono ormai bambini nati lì, senza la prospettiva di un'istruzionhe, di un lavoro, sprecando la vita nell'inerzia... Sono vite negate. Ricerche di Save the children e dell'Unicef avvertono che nel 2050 saranno 175 milioni i minori che soffriranno a causa del cambiamento climatico. Mentre il dramma della fame sta arretrando, peggiorano in tante zone del mondo le condizioni igienico-sanitarie».

Le fotografie di Catalano Gonzaga mettono in scena una strana dialettica: pur denunciando tragedie orribili, emanano bellezza, grazia, poesia. È come se il contenuto stridesse con la forma, generando non repulsione, bensì portando l'osservatore, attraverso il "piacere" estetico, nel dramma rappresentato. «Cerco sempre una chiave positiva, i bambini che giocano, la capacità di adattamento dell'uomo. Ho visto che, nonostante tutto, i piccoli durante la giornata si ritagliano un momento in cui "essere solo bambini". Vengo dal campo pubblicitario, nel quale la bellezza viene usata per colpire la memoria. Perché non arruolarla per cause come questa? Se si riesce a toccare la coscienza con un sorriso, si è raggiunto lo scopo».

L'artista ha scelto di legare intimamente la sua nuova vita professionale a un forte impegno sociale.
Ha fondato Witness Image, un'associazione senza scopo di lucro che promuove l'educazione e il rispetto dei diritti e delle libertà, come previsto dalla Dichiarazione universale. E che crede che la fotografia possa cambiare la vita delle persone. «Ritraggo molti soggetti, ma la motivazione che mi ha indotto a questa "conversione" personale è quella di provare a documentare la realtà per smuovere le coscienze, in modo da instillare consapevolezza. Sono convinto che la bellezza possa salvare il mondo». 

Dopo averci messo di fronte alla realtà, denunciando i problemi, la mostra si chiude con un messaggio di speranza, affidato, ancora una volta, alla potenza dell'immagine. Catalano Gonzaga ha realizzato un reportage nel campo eolico di Dhule, in India, dove 650 pale rotanti installate su 50 km quadrati hanno eliminato la produzione di 70 mila tonnellate di anidride carbonica. «La soluzione ai problemi esiste. Di fronte al cambiamento climatico, possiamo ad esempio intraprendere la via delle energie rinnovabili e pulite, che non inquinano e danno lavoro. Occorre un cambio di mentalità. Tempo fa una famosa photoeditor attaccò i fotografi, accusandoli di dare voce solo a storie negative. Qualche ragione ce l'aveva: abbiamo il compito di denuciare i mali, ma anche di mostrare le vie d'uscita». Per questo, i prossimi progetti riguarderanno la verifica del raggiungimento degli obiettivi del Millennio stabiliti dall'Onu, che prevedevano, ad esempio, la riduzione della mortalità infantile. 

Saranno ancora i bambini a dirci, attarverso le immagini, se il mondo si salverà.

Dove & quando

"Infanzia in pericolo. Child survival in a changing climate", Milano, Spazio Forma, fino al 14 ottobre. Info:www.formafoto.it

fonte: www.famigliacristiana.it

Azioni sul documento
  • Stampa
archiviato sotto: , , ,
Associandoci

logo-barchetta.jpg

Cercasi un fine è insieme un periodico, un’associazione onlus, di promozione sociale, iscritta all’albo regionale della Puglia, fondata nel 2008, con attività che risalgono a partire dal 2002, una rete di scuole di formazione politica, un gruppo di amici stranieri e volontari per l'insegnamento della lingua italiana. Vi partecipano credenti cristiani e donne e uomini di diverse culture e religioni, accomunati dall’impegno per una società più giusta, pacifica e bella.

Una presentazione sintetica delle nostre attività la trovi nel video qui 

altre info su

presentandoci
cercasi una casa
sostenendoci

Pubblicando, i testi di Cercasi un fine

Formare alla politica. L'esperienza di Cercasi un fine

Nasce la nuova collana I libri di Cercasi un fine in coedizione con Magma Edizioni. Il primo volume sul metodo educativo e la storia di Cercasi un fine...


Potere e partecipazione. Un'esperienza locale di amministrazione condivisa, di S. Di Liso, D. Lomazzo

Sesto libro della collana di Cercasi un fine


La salute nella e oltre la leggeLa salute nella e oltre la legge. Sfide odierne, di F. Anelli e G. Ferrara

 Quinto libro della collana di Cercasi un fine


Attrezzarsi per la città

Attrezzarsi per la città. Laboratori di formAZIONE socio-politica, di M. Natale

Questo libro, quarto della collana di Cercasi un fine, racconta un’idea, diventata poi una esperienza, basata sulla convinzione che si possa, anzi si debba, progettare...


 

Meditando in video
Un video per scoprire le nostre attività: scuole di politica, giornale e sito web, collana di libri, incontri e seminari, scuola di italiano per stranieri... benvenuti in Cercasi un fine!
Cercasi un fine. Presentandoci
2020
13th of January 2020, BBC interviews our Director Rocco D'Ambrosio on the case of the book of Ratzinger-Sarah
Il nostro direttore Rocco D'Ambrosio intervistato dalla BBC
2020
Di più…
Il 5 x mille per CuF


Sapete quanto è prezioso per noi la vostra firma del 5 x mille a nostro favore: con esso realizziamo scuole di formazione sociale e politica, un sito web e un periodico di cultura e politica, insegnamento dell’italiano per cittadini stranieri, incontri, dibattiti…

Basta la tua firma e il numero dell'associazione 91085390721 nel primo riquadro sul volontariato. 

I nostri amici stranieri

Cercasi un fine organizza degli incontri settimanali di dialogo tra culture e insegnamento della lingua italiana per stranieri.

Maggiori info >>>

centro di ascolto.jpg

Il Gruppo "Il Seggio" di Cercasi un fine a Minervino

 

 

Si chiama "Il seggio": è il gruppo territoriale di Cercasi un fine, nato a Minervino, a fine anno 2021.

Esso nasce dall'iniziativa dei soci fondatori e ordinari di Cuf, residenti a Minervino. Il gruppo (attraverso un apposito Regolamento) è un'emanazione territoriale della nostra Associazione, di cui condivide statuo, finalità, contenuti e strategie associative.

Auguriamo al gruppo di essere attivo e proficuo nella ricerca de nostro Fine come don Milani insegna: "Bisogna che il fine sia onesto. Grande. Il fine giusto è dedicarsi al prossimo. E in questo secolo come lei vuole amare se non con la politica o col sindacato o con la scuola? Siamo sovrani. Non è più il tempo delle elemosine, ma delle scelte".

 

indirizzo: Vico II Spineto, 2
(c/o Parrocchia S. Michele Arcangelo)
76013 Minervino Murge (BT)

per info:
mail: scuolasociopoliticaminervino@cercasiunfine.it
cell: 349 6534286

Contribuendo

Contribuendo.jpg

Bonifico Bancario
Cercasi un Fine ONLUS
IBAN IT26C0846941440000000019932
BCC Credito Cooperatvo

Leggendo il giornale

E' in distribuzione Cercasi un fine n. 126
(2021- Anno XVII)

quadratino rosso Tema: Il rispetto dell'identità sessuale

 

Scrivendo per il giornale

Se volete scrivere per il giornale:
direttore@cercasiunfine.it


  

 listing Il n. 126 è su "Il rispetto dell'identità sessuale"  (cosa intendiamo per identità sessuale? Come rispettarla nella vita quotidiana? Quali tutele politiche e giuridiche introdurre?) è in spedizione.

 listing Il n. 127 è dedicato alla vita quotidiana (in un mondo eccessivamente mediatico quale valore ha il quotidiano? I suoi piccoli e significativi gesti quale senso hanno? Conosciamo i vissuti quotidiani attorno a noi?). Testi da inviare entro il 15 maggio 2022.

 listing Il n. 128 è sulla "Riforma costituzionale in tema ambientale"  (qual è il significato dell'ultima riforma costituzionale in tema ambientale? Quali ricadute per noi e le generazioni future? E' un nuovo patto tra generazioni? Quali effetti sull'attività economica?). Testi da inviare entro il 15 maggio 2022.

 

Se avete qualcosa da proporci su qualcuno di questi temi siamo ben lieti di accoglierlo: testi non superiori a 4000 caratteri/spazi inclusi, da inviare ai nostri indirizzi mail. Accettiamo anche contributi in altre lingue e di bambini.