Tu sei qui: Home / Meditando / In articoli e commenti, scelti da noi / Ho ascoltato Montanari parlare di arte, sicurezza e paura. Ho pensato ai boss che non collaborano, di Federica Fabbretti

Ho ascoltato Montanari parlare di arte, sicurezza e paura. Ho pensato ai boss che non collaborano, di Federica Fabbretti

creato da Paolo Iacovelli ultima modifica 26/10/2021 12:38
La sicurezza per La Pira era la sicurezza sociale e l’ordine pubblico si manteneva facendo giustizia…

Due giorni fa ho avuto il piacere di assistere ad una splendida lectio magistralis sul tema dell’iconografia della sicurezza, condotta dal prof. Tomaso Montanari, neo rettore dell’Università per Stranieri di Siena.

Il professore è partito dalla definizione del lemma “sicurtà” o “sicurezza”, che il dizionario della lingua italiana Battaglia indica come “tranquillità interiore, serenità d’animo, assenza di inquietudine, assenza di sospetto” e solo poi, “come conseguenza di questa dimensione interiore”, aggiunge la definizione “essere al sicuro da pericoli e insidie” e la voce “sicurezza sociale”. Di tale idea di sicurezza Montanari ha fatto un excursus artistico, passando in rassegna diverse opere d’arte italiane ed evidenziando come, in tutte queste, l’iconografia della “sicurtà” fosse intesa come dominio sulla paura. “La sicurezza – conclude lo storico – nella tradizione della nostra storia dell’arte è il contrario della paura, con la sua connaturata incertezza. La sicurezza fa parte dunque di un sistema di governo, di una concezione della cosa pubblica, ma prima della coltivazione dell’animo di chi è chiamato a reggere la cosa pubblica. Questi esempi parlano di un’immagine della sicurezza costruita rassicurando, non costruita terrorizzando… Tutta questa retorica per immagini dice una cosa sola: la paura è un nemico da combattere, non uno strumento di governo da alimentare“.

Alla visione di una sicurezza fondata sul dominio della paura, si contrappone quella fondata sulla paura. Secondo il prof. Montanari, rientra in quest’ultima categoria l’iconografia scelta, per esempio, dal sito web ufficiale dei Servizi Segreti italiani. In una pagina, infatti, viene ripresa parte di un affresco di Ambrogio Lorenzetti, dal titolo Effetti del Buon Governo, con tanto di spiegazione a margine: “Il dipinto… doveva servire come guida per il governo locale, ispirando la classe dirigente ad amministrare saggiamente e proficuamente Siena. Gli affreschi contengono molti elementi simbolici e trasmettono una serie di importanti messaggi di natura politico-istituzionale”.

Interessante la fonte citata nella pagina governativa: il libro Securing the State (pubblicato nel 2010 da David Omand, già alto dirigente dell’intelligence britannica), nel quale – citando ancora il nostro sito governativo – “vengono esaminati in profondità gli aspetti più rilevanti delle politiche di sicurezza nazionale contemporanee e dell’attività di intelligence”, attualizzando “le figure simboliche adoperate dal Lorenzetti, scegliendole come punto di riferimento per lo sviluppo delle strategie di sicurezza di un Paese”.

La copertina del libro di Omand raffigura la Securitas del dipinto del Lorenzetti, ritratta come una donna alata, seminuda e sorridente, che solleva con il braccio destro un cartiglio e con il sinistro un uomo impiccato, e suggerisce, come ha spiegato Montanari, “la necessità di impiccare l’uomo, di vederlo, di ostentarlo impiccato per mantenere la santa giustizia“. Ma non solo: se si allarga lo sguardo sul resto del dipinto, si osserva come “quella sicurezza sanguinaria veglia su una campagna in cui l’ordine da mantenere è anche l’ordine sociale, che non può cambiare: i poveri lavorano duramente ma, contemporaneamente, i ricchi escono a caccia, proprio sotto la Securitas con l’impiccato. La garanzia di quel lusso, di quel dominio di classe, è la sicurezza, fondata sulla paura e sulla repressione. …Non c’è dubbio che la forca, così come oggi il carcere, toccasse soprattutto, anzi, quasi esclusivamente ai poveri”.

Mentre ascoltavo il professor Montanari parlare di carcere, di Servizi segreti e di poveri, non ho potuto fare a meno di pensare a come, per contro, benefici e “grazie” sono stati concessi spesso a chi, colpevole di crimini orribili come furono le stragi o gli omicidi della criminalità organizzata, per scelta non ha mai collaborato con la giustizia. L’ultimo tentativo, in ordine di tempo, è quello avanzato in beneficio del “povero” boss mafioso Domenico Papalia, attualmente all’ergastolo, mandante dell’omicidio dell’educatore carcerario Umberto Mormile, un onesto servitore dello Stato che, con la professione e la vita, aveva cercato di realizzare l’articolo 27 della nostra Costituzione. Mi è tornato alla mente l’appello che, pochi giorni fa, suo fratello Stefano ha rivolto al Presidente della Repubblica Sergio Mattarella, pregandolo di non concedere la grazia a Papalia, che mai ha rivelato nulla sul movente dell’omicidio, né sui suoi contatti in carcere con i Servizi segreti di cui parlano i pentiti, impedendo ad Umberto Mormile e ai suoi cari di ottenere verità e giustizia. Perché, tra i tanti attualmente in carcere, non scegliere veramente un “ultimo”?

Tornando alla lezione di ieri, cosa può significare, dunque, il fatto che i nostri Servizi segreti abbiano scelto quell’immagine de Il buon governo del Lorenzetti? Spiega il professore: “La nostra democrazia preferisce l’iconografia della sicurezza intesa come fondata sulla paura. Il punto è, con ogni evidenza, la necessità di acquisire consenso. E i mezzi scelti per acquisire consenso: la paura. La scelta dell’immagine della sicurezza da parte delle nostre agenzie di sicurezza dovrebbe farci pensare. In una società che si dice democratica questa scelta ci ricorda l’inevitabile tensione tra passato e presente, il rapporto che unisce dimensioni storiche che sarebbe vano tenere distanti”.

In conclusione Montanari paragona le diverse azioni che intrapresero due sindaci di Firenze, Giorgio La Pira e Dario Nardella, per affrontare il problema abitativo dei “poveri”, che minacciava la sicurezza sia di chi non aveva casa sia di chi la aveva. “Per La Pira, come per la Costituzione, il fine è la persona umana e la proprietà privata è un mezzo per costruire un’utilità sociale che promuova e sviluppi la dignità di ogni uomo. La sicurezza per La Pira era la sicurezza sociale e l’ordine pubblico si manteneva facendo giustizia. Per un sindaco di oggi tutto è ribaltato: la tutela della proprietà privata è il fine ultimo, la sicurezza è garantita dalla polizia, l’ordine pubblico dalla sicurezza”.

Le parole con le quali Tomaso Montanari conclude il suo intervento, sofferte quanto lucide, sono un’accusa e, allo stesso tempo, un’invocazione a cambiare rotta: “Il volto terribile della Securitas alata di Siena, sorridente mentre innalza impiccato l’uomo per mantenere la “santa giustizia”, sembra coprire e oscurare ogni altra immagine, ogni altro senso di sicurezza. …Il solo modo di vincere, dunque, è tornare a pronunciare sicurezza come una parola giusta. Una parola di giustizia“.

https://www.ilfattoquotidiano.it/2021/10/26/ho-ascoltato-montanari-parlare-di-arte-sicurezza-e-paura-ho-pensato-ai-boss-che-non-collaborano/6367025/

Azioni sul documento
  • Stampa
archiviato sotto: , ,
La Vignetta, di Martina Losito

"Il bene più prezioso"

Vignetta di Martina Losito 

*Martina Losito, studentessa di ingegneria energetica presso il Politecnico di Milano.

Pubblicando, i testi di Cercasi un fine

Formare alla politica. L'esperienza di Cercasi un fine

Nasce la nuova collana I libri di Cercasi un fine in coedizione con Magma Edizioni. Il primo volume sul metodo educativo e la storia di Cercasi un fine...


Potere e partecipazione. Un'esperienza locale di amministrazione condivisa, di S. Di Liso, D. Lomazzo

Sesto libro della collana di Cercasi un fine


La salute nella e oltre la leggeLa salute nella e oltre la legge. Sfide odierne, di F. Anelli e G. Ferrara

 Quinto libro della collana di Cercasi un fine


Attrezzarsi per la città

Attrezzarsi per la città. Laboratori di formAZIONE socio-politica, di M. Natale

Questo libro, quarto della collana di Cercasi un fine, racconta un’idea, diventata poi una esperienza, basata sulla convinzione che si possa, anzi si debba, progettare...


 

Meditando in video
Un video per scoprire le nostre attività: scuole di politica, giornale e sito web, collana di libri, incontri e seminari, scuola di italiano per stranieri... benvenuti in Cercasi un fine!
Cercasi un fine. Presentandoci
2020
13th of January 2020, BBC interviews our Director Rocco D'Ambrosio on the case of the book of Ratzinger-Sarah
Il nostro direttore Rocco D'Ambrosio intervistato dalla BBC
2020
Di più…
I nostri amici stranieri

Cercasi un fine organizza degli incontri settimanali di dialogo tra culture e insegnamento della lingua italiana per stranieri.

Maggiori info >>>

centro di ascolto.jpg

Associandoci

logo-barchetta.jpg
Cercasi un fine
è insieme un periodico, un’associazione onlus, di promozione sociale, iscritta all’albo regionale della Puglia, fondata nel 2008, con attività che risalgono a partire dal 2002, una rete di scuole di formazione politica, un gruppo di amici stranieri e volontari per l'insegnamento della lingua italiana. Vi partecipano credenti cristiani e donne e uomini di diverse culture e religioni, accomunati dall’impegno per una società più giusta, pacifica e bella.

Una presentazione sintetica delle nostre attività la trovi nel video qui 

altre info su

presentandoci
cercasi una casa
sostenendoci

con carta di credito o PayPal

Leggendo il giornale

E' in distribuzione Cercasi un fine n. 124
(2021- Anno XVII)

quadratino rosso Tema: Pianeta che vogliamo

Scrivendo per il giornale

Se volete scrivere per il giornale:
direttore@cercasiunfine.it


  

 listing Il n. 125 è sulla Repubblica "post Covid e tante risorse"  è in preparazione. 

 listing Il n. 126 è su "Il rispetto dell'identità sessuale"  (cosa intendiamo per identità sessuale? Come rispettarla nella vita quotidiana? Quali tutele politiche e giuridiche introdurre?). Tc

 listing Il n. 127 è dedicato alla vita quotidiana (in un mondo eccessivamente mediatico quale valore ha il quotidiano? I suoi piccoli e significativi gesti quale senso hanno? Conosciamo i vissuti quotidiani attorno a noi?). Testi da inviare entro il 28 febbraio 2022.

Se avete qualcosa da proporci su qualcuno di questi temi siamo ben lieti di accoglierlo: testi non superiori a 4000 caratteri/spazi inclusi, da inviare ai nostri indirizzi mail. Accettiamo anche contributi in altre lingue e di bambini.