Tu sei qui: Home / Meditando / In articoli e commenti, scelti da noi / Greta Thunberg, la Cop26 e il cambio di paradigma, di Andrea Barolini

Greta Thunberg, la Cop26 e il cambio di paradigma, di Andrea Barolini

creato da Paolo Iacovelli ultima modifica 16/04/2021 08:54
Energia, trasporti, riscaldamento globale. E gli intrecci con la finanza. Ogni settimana il punto sui cambiamenti climatici firmato…

«Se la distribuzione estremamente diseguale dei vaccini rimarrà quella attuale, non parteciperò alla Cop26 di Glasgow». L’annuncio della militante svedese Greta Thunberg è arrivato il 9 aprile. La giovane ecologista ha sottolineato che la mancanza di dosi nei Paesi più poveri del mondo impedirà a molte nazioni di essere rappresentate alla ventiseiesima Conferenza mondiale sul clima delle Nazioni Unite. «Le diseguaglianze di fronte alla crisi climatica – ha aggiunto – sono un problema gigantesco, che la questione dei vaccini non farà altro che aggravare».

Greta Thunberg pone in questo senso un problema duplice. Da un lato, quello della sacrosanta partecipazione del mondo intero ad un evento dal quale dipenderà il futuro dall’umanità. Dall’altro, quello delle sfide “organiche” che apre la crisi climatica. Quest’ultima, infatti, non può né deve essere ridotta al mero calo delle emissioni di gas ad effetto serra, finalizzato alla limitazione della crescita della temperatura media globale. No, la crisi climatica è una crisi di sistema. E per questo rappresenta anche un’opportunità unica: quella di rivedere profondamente il nostro modello economico di sviluppo

Quest’ultimo, per molti aspetti, è oggettivamente incompatibile con la tutela dell’ambiente e del clima. Prendiamo la finanza: la maggior parte delle banche e dei fondi d’investimento continua a puntare larga parte delle proprie attività sul cosiddetto business as usual. Il motivo? È ciò che finora li ha fatti arricchire e, in molti casi, è ancora redditizio. E pazienza se si tratta di fonti fossili, che aggravano i cambiamenti climatici; di produzioni di armi, con cui si scatenano guerre o di filiere del tessile, nelle quali si lavora in condizioni di semi-schiavitù. C’è la trimestrale a cui guardare. Ci sono gli azionisti (non di rado speculatori) a cui rendere conto. Costi quel che costi. 

E i governi? Il mondo, ancora oggi, valuta la bontà della loro azione sulla base di un indicatore, il Prodotto interno lordo (PIL), meramente quantitativo. Per il quale “è buono tutto”. Anche il carbone. Anche i caccia bombardieri e le magliette in arrivo dal Bangladesh al costo di produzione di qualche centesimo di dollaro. 

Al contrario, il mondo nuovo che siamo chiamati a costruire deve essere ecologico, ma anche rispettoso dei diritti, solidale, equo. È per questo che il modo più efficace per rispondere alla crisi climatica è cambiare paradigma

https://valori.it/greta-thunberg-cop26-paradigma-climax/

Azioni sul documento
  • Stampa
archiviato sotto: ,
Pubblicando, i testi di Cercasi un fine

Formare alla politica. L'esperienza di Cercasi un fine

Nasce la nuova collana I libri di Cercasi un fine in coedizione con Magma Edizioni. Il primo volume sul metodo educativo e la storia di Cercasi un fine...


Potere e partecipazione. Un'esperienza locale di amministrazione condivisa, di S. Di Liso, D. Lomazzo

Sesto libro della collana di Cercasi un fine


La salute nella e oltre la leggeLa salute nella e oltre la legge. Sfide odierne, di F. Anelli e G. Ferrara

 Quinto libro della collana di Cercasi un fine


Attrezzarsi per la città

Attrezzarsi per la città. Laboratori di formAZIONE socio-politica, di M. Natale

Questo libro, quarto della collana di Cercasi un fine, racconta un’idea, diventata poi una esperienza, basata sulla convinzione che si possa, anzi si debba, progettare...


 

Meditando in video
Un video per scoprire le nostre attività: scuole di politica, giornale e sito web, collana di libri, incontri e seminari, scuola di italiano per stranieri... benvenuti in Cercasi un fine!
Cercasi un fine. Presentandoci
2020
13th of January 2020, BBC interviews our Director Rocco D'Ambrosio on the case of the book of Ratzinger-Sarah
Il nostro direttore Rocco D'Ambrosio intervistato dalla BBC
2020
Di più…
I nostri amici stranieri

Cercasi un fine organizza degli incontri settimanali di dialogo tra culture e insegnamento della lingua italiana per stranieri.

Maggiori info >>>

centro di ascolto.jpg

Associandoci

logo-barchetta.jpg
Cercasi un fine
è insieme un periodico, un’associazione onlus, di promozione sociale, iscritta all’albo regionale della Puglia, fondata nel 2008, con attività che risalgono a partire dal 2002, una rete di scuole di formazione politica, un gruppo di amici stranieri e volontari per l'insegnamento della lingua italiana. Vi partecipano credenti cristiani e donne e uomini di diverse culture e religioni, accomunati dall’impegno per una società più giusta, pacifica e bella.

Una presentazione sintetica delle nostre attività la trovi nel video qui 

altre info su

presentandoci
cercasi una casa
sostenendoci

con carta di credito o PayPal

Leggendo il giornale

E' in distribuzione Cercasi un fine n. 122
(2021- Anno XVII)

quadratino rosso Tema: Tutti pazzi per i sociale?

Scrivendo per il giornale

Se volete scrivere per il giornale:
direttore@cercasiunfine.it


 

 listing Il n. 123 è sulla RINASCITA (1. Cosa vuol dire “rinascita” dopo la crisi sanitaria? 2. Positività e negatività della crisi sanitaria nel lavoro, scuola, famiglia, politica, sanità, economia, ambiente? 3. Cosa vuol dire sperare in un futuro migliore?): in preparazione.

 listing Il n. 124 è su Il Pianeta che vogliamo (1. Che rapporto c'è tra la pandemia e la situazione ambientale? 2. Nuove politiche industriali e del lavoro e impatto sull'ambiente? 3. Cosa cambiare negli stili di vita? 4. Quale il contributo delle religioni?) Testi da inviare da entro 31 maggio 2021.

 listing Il n. 125 è sulla Repubblica "post Covid e tante risorse"  Testi da inviare da entro 31 agosto 2021.

Se avete qualcosa da proporci su qualcuno di questi temi siamo ben lieti di accoglierlo. Accettiamo anche contributi in altre lingue.