Tu sei qui: Home / Meditando / In articoli e commenti, scelti da noi / Greta Thunberg a Milano ha tirato le orecchie alla politica degli slogan, di Enrico Pitzianti

Greta Thunberg a Milano ha tirato le orecchie alla politica degli slogan, di Enrico Pitzianti

creato da Paolo Iacovelli ultima modifica 30/09/2021 09:28
L’idea espressa dalla fondatrice di Fridays for Future in Italia è chiara: quelle dei leader spesso sono solo parole. Una frase che vuole segnare un solco, quello tra chi è attivamente impegnato nella causa climatica e chi la corteggia per interessi di comodo…

«Green economy: bla, bla, bla. Emissioni zero entro il 2050: bla, bla, bla». Questo ha detto con espressione seria e voce sdegnata l’attivista svedese Greta Thunberg alla platea milanese presente all’inaugurazione della Youth4Climate: Driving Ambition, cioè il summit organizzato dalle Nazioni Unite in cui centinaia di giovani e rappresentanti delle istituzioni discutono del problema del cambiamento climatico. L’idea espressa è chiara: quelle dei leader spesso sono solo parole. Sono promesse sulla riduzione di emissioni, promesse sulla neutralità climatica e altre promesse ancora, ma alla fine dei conti «dopo trent’anni» questi «bla bla bla» non hanno portato risultati concreti. 

Non capita spesso di sentire un leader politico – cosa che ormai, va da sé, Thunberg è di diritto – parlare con tanta franchezza. E non capita spesso nemmeno che qualcuno di così influente e seguito inviti tutti a parlare meno e fare di più, visto che tutti, oggi, non facciamo altro che parlare e parlare. In un’altra parte del discorso Thunberg dice: «Questo non è qualche costoso, politicamente corretto, evento green in cui si abbracciano coniglietti”» . E anche questa frase, insieme all’ormai virale «bla, bla, bla», dà l’idea della temperatura del dibattito di questi giorni.

A Milano oltre al Youth4Climate, iniziato lo scorso martedì, c’è la PreCop26 che si concluderà invece il 2 ottobre. Di fatto i due eventi sono l’inizio della ventiseiesima conferenza dell’Onu sul clima, la Cop26 che si terrà a Glasgow, in Scozia tra il 31 ottobre e il 12 novembre. Intanto il «bla, bla, bla» di Greta si candida da subito a essere la frase che meglio rappresenta l’insofferenza dei giovani attivisti proprio rispetto a eventi istituzionali come questo, dove la farraginosità della diplomazia rischia di far passare in secondo piano l’urgenza dei problemi discussi. Ma anche una critica all’attivismo di facciata, il cosiddetto “green washing”.

Le parole di Thunberg vogliono segnare un solco, quello tra chi è attivamente impegnato nella causa climatica e chi non lo è. Tra chi parla di ambiente per posizionarsi in società, per darsi un tono o per fini elettorali e chi invece ne parla per poter agire concretamente. La scelta delle parole e dei toni dell’attivista svedese serve a sistemare sin dall’inizio del summit l’asticella dei risultati sul punto più alto possibile della scala dei risultati ottenuti.

Ora ci saranno, almeno dal punto di vista comunicativo, solo due possibilità: se alla fine della Cop26 arriveranno decisioni timide e considerabili come prive di coraggio o incisività, allora il mondo dell’attivismo vedrà concretizzarsi il fantasma dell’ignavia indicato da Greta Thunberg e di conseguenza protesterà e rimanderà al mittente le accuse di idealismo, ricordando che si sapeva che era un «bla, bla, bla». Perché questo non succeda – e questa è la seconda possibilità – i leader dovranno prendere per forza delle decisioni concrete e lungimiranti

I dati contenuti nel rapporto Climate change 2021, pubblicato ad agosto dal Intergovernmental Panel on Climate Change (Ipcc) hanno contribuito a far preoccupare cittadini e attivisti e, di conseguenza, a far crescere ulteriormente le aspettative sulla Cop26: il riscaldamento globale è già qui, le temperature crescono «inequivocabilmente» a causa delle attività umane e si può agire, ma serve farlo subito.

Non a caso, a Milano, Thunberg ha aggiunto: «Non possiamo più permettere al potere di decidere cosa sia la speranza. La speranza non è un qualcosa di passivo, non è un bla bla bla. La speranza vuol dire la verità, vuol dire agire», e ancora, «noi vogliamo giustizia climatica, e la vogliamo ora».

 

https://www.linkiesta.it/2021/09/greta-thunberg-milano-youth-climate-bla-bla-bla/

Azioni sul documento
  • Stampa
archiviato sotto: , , ,
La Vignetta, di Martina Losito

"Il bene più prezioso"

Vignetta di Martina Losito 

*Martina Losito, studentessa di ingegneria energetica presso il Politecnico di Milano.

Pubblicando, i testi di Cercasi un fine

Formare alla politica. L'esperienza di Cercasi un fine

Nasce la nuova collana I libri di Cercasi un fine in coedizione con Magma Edizioni. Il primo volume sul metodo educativo e la storia di Cercasi un fine...


Potere e partecipazione. Un'esperienza locale di amministrazione condivisa, di S. Di Liso, D. Lomazzo

Sesto libro della collana di Cercasi un fine


La salute nella e oltre la leggeLa salute nella e oltre la legge. Sfide odierne, di F. Anelli e G. Ferrara

 Quinto libro della collana di Cercasi un fine


Attrezzarsi per la città

Attrezzarsi per la città. Laboratori di formAZIONE socio-politica, di M. Natale

Questo libro, quarto della collana di Cercasi un fine, racconta un’idea, diventata poi una esperienza, basata sulla convinzione che si possa, anzi si debba, progettare...


 

Meditando in video
Un video per scoprire le nostre attività: scuole di politica, giornale e sito web, collana di libri, incontri e seminari, scuola di italiano per stranieri... benvenuti in Cercasi un fine!
Cercasi un fine. Presentandoci
2020
13th of January 2020, BBC interviews our Director Rocco D'Ambrosio on the case of the book of Ratzinger-Sarah
Il nostro direttore Rocco D'Ambrosio intervistato dalla BBC
2020
Di più…
I nostri amici stranieri

Cercasi un fine organizza degli incontri settimanali di dialogo tra culture e insegnamento della lingua italiana per stranieri.

Maggiori info >>>

centro di ascolto.jpg

Associandoci

logo-barchetta.jpg
Cercasi un fine
è insieme un periodico, un’associazione onlus, di promozione sociale, iscritta all’albo regionale della Puglia, fondata nel 2008, con attività che risalgono a partire dal 2002, una rete di scuole di formazione politica, un gruppo di amici stranieri e volontari per l'insegnamento della lingua italiana. Vi partecipano credenti cristiani e donne e uomini di diverse culture e religioni, accomunati dall’impegno per una società più giusta, pacifica e bella.

Una presentazione sintetica delle nostre attività la trovi nel video qui 

altre info su

presentandoci
cercasi una casa
sostenendoci

con carta di credito o PayPal

Leggendo il giornale

E' in distribuzione Cercasi un fine n. 124
(2021- Anno XVII)

quadratino rosso Tema: Pianeta che vogliamo

Scrivendo per il giornale

Se volete scrivere per il giornale:
direttore@cercasiunfine.it


 

 listing Il n. 124 è su Il Pianeta che vogliamo è in distribuzione.

 

 listing Il n. 125 è sulla Repubblica "post Covid e tante risorse"  Testi da inviare da entro 31 agosto 2021.

Se avete qualcosa da proporci su qualcuno di questi temi siamo ben lieti di accoglierlo. Accettiamo anche contributi in altre lingue.