Tu sei qui: Home / Meditando / In articoli e commenti, scelti da noi / Gregotti: lo ZEN ovvero l’arte di progettare di Matteo Losapio

Gregotti: lo ZEN ovvero l’arte di progettare di Matteo Losapio

creato da Matteo L. ultima modifica 22/04/2020 17:44
Un piccolo contributo per ricordare una delle più grandi figure di intellettuale e di architetto, scomparso il mese scorso a causa del Covid-19

Ad un mese dalla scomparsa del celebre architetto Vittorio Gregotti, vogliamo ricordarlo con una delle sue architetture più famose e rappresentative del suo pensiero. Vittorio Gregotti, infatti, non è solo un architetto ma anche uno dei maggiori intellettuali del Novecento, scomparso lo scorso mese per una polmonite da Covid-19, all’età di 92 anni. Il progetto che presentiamo è il quartiere ZEN (Zona Espansione Nord) di Palermo. Progetto che ha riguardato la zona di espansione della città di Palermo nel Piano Urbanistico del 1962. Progetto non senza significato sia per Palermo sia in quanto termine stesso. Infatti, lo ZEN di Palermo disegnato da Gregotti presenta un richiamo evidente alla città stessa e all’architettura mediterranea. In linea con l’espansione della città nella zona nord, lungo l’asse seicentesco di via Maqueda, il disegno del quartiere è caratterizzato da isolati di case disposti in maniera rettangolare secondo un ordine per cui ogni la lunghezza di ogni isolato è il doppio della sua larghezza. Un quartiere di espansione frutto di una ratio, di una bellezza ordinata e coordinata con il resto della città. In fondo, per Gregotti questo è il progetto stesso, ovvero dare forma al caos. Ciò che Gregotti intende come progetto è una fenomenologia della forma in grado di rendere visibile ciò che prima non c’era ma che, al tempo stesso, era ed è possibile. Il possibile necessario, come Gregotti chiama la progettualità nei suoi libri. E la forma progettuale, secondo Gregotti, non è semplicemente il capriccio dell’architetto di turno, ma lo sviluppo della storia e della cultura del territorio nel territorio stesso. infatti, lo ZEN di Palermo contiene forti richiami alla città mediterranea, alle sue fortificazioni, alle sue strade strette, al suo sviluppo entro cortili a cielo aperto, dove svolgere la maggior parte della vita. E a tutto questo Gregotti aggiunge un punto di incontro, ancora difficile da incontrare nelle nostre periferie, ma che richiama la vita stessa delle città del Mediterraneo, con i loro punti di incontro, di confronto, di scontro. Ciò che ha cercato di fare Gregotti allo ZEN di Palermo, come in tutti i suoi progetti, è ciò che è insito nell’idea stessa di progettualità dell’architetto ovvero rendere visibile ciò che la cultura di un luogo esprime, per non cedere neanche di un passo al caos e all’oblio.

 

 

http://www.makovec.it/gregotti-lo-zen-ovvero-larte-di-progettare/

Azioni sul documento
  • Stampa
archiviato sotto: ,
Pubblicando, i testi di Cercasi un fine

Potere e partecipazione. Un'esperienza locale di amministrazione condivisa, di S. Di Liso, D. Lomazzo

Sesto libro della collana di Cercasi un fine

 


La salute nella e oltre la leggeLa salute nella e oltre la legge. Sfide odierne, di F. Anelli e G. Ferrara

 

Quinto libro della collana di Cercasi un fine


Attrezzarsi per la città

Attrezzarsi per la città. Laboratori di formAZIONE socio-politica, di M. Natale

Questo libro, quarto della collana di Cercasi un fine, racconta un’idea, diventata poi una esperienza, basata sulla convinzione che si possa, anzi si debba, progettare...


 

Meditando in video
Papa Francesco ha inviato domenica 23 aprile 2017 un video messaggio dedicato a don Lorenzo Milani, il priore di Barbiana, alla manifestazione “Tempo di Libri”, a Milano, dove nel pomeriggio è stata presentata l’edizione completa di “Tutte le Opere” del sacerdote, con alcuni inediti, curata dallo storico Alberto Melloni per la collana dei Meridiani Mondadori...
Videomessaggio del Santo Padre per Don Milani
Politica in weekend - 2 e 3 luglio 2016
Guida alla riforma costituzionale
Di più…
I nostri amici stranieri

Cercasi un fine organizza degli incontri settimanali di dialogo tra culture e insegnamento della lingua italiana per stranieri.

Maggiori info >>>

centro di ascolto.jpg

Associandoci

logo-barchetta.jpg
Cercasi un fine
è insieme un periodico, un’associazione onlus, di promozione sociale, iscritta all’albo regionale della Puglia, fondata nel 2008, con attività che risalgono a partire dal 2002 e una rete di scuole di formazione politica. Vi partecipano credenti cristiani e donne e uomini di diverse culture e religioni, accomunati dall’impegno per una società più giusta, pacifica e bella.

Una presentazione sintetica delle nostre attività la trovi nel video qui 

altre info su

presentandoci
cercasi una casa
sostenendoci

con carta di credito o PayPal

Leggendo il giornale

Cercasi un fine 118.jpg

E' in distribuzione Cercasi un fine n. 118
(2020- Anno XVI)

quadratino rosso Tema: Economia civile

Scrivendo per il giornale

Se volete scrivere per il giornale:
direttore@cercasiunfine.it


 

 listing Il n. 118 è sull'ECONOMIA CIVILE. Il cartaceo è stato spedito; il PDF lo si trova qui si sopra nella home page.

 listing Il n. 119 è sul DIALOGO INTERRELIGIOSO  è in preparazione.

 listing Il n. 120 è sui DOVERI (si parla spesso di diritti: e i doveri? Cosa intendiamo per doveri? Esistono gruppi, culture e religioni che danno seria testimonianza sui doveri? Come educare ai doveri?)  testi da inviare entro il 30 aprile 2020.

Per il n. 120 lanciamo un’iniziativa per coinvolgere tutti i nostri lettori: Tweet on duty - Un tweet sul dovere

Ti chiediamo di rispondere a una sola di queste domande (indicando nome, cognome, lavoro, città) in maniera sintetica, praticamente non più dei 140 caratteri che si usano in un tweet, da inviare a associazione@cercasiunfine.it o sms o whatsapp al cell. 337 1031728
Ecco le domande, scegline solo una e rispondi!
1. Cosa ti spinge a fare il tuo dovere?
2. Cosa provi nel fare il tuo dovere?
3. Cosa ti aspetti quando fai il tuo dovere?
4. Quali difficoltà incontri quando fai il tuo dovere? 
Testi da inviare entro il 30 aprile 2020.


Se avete qualcosa da proporci su qualcuno di questi temi siamo ben lieti di accoglierlo. Accettiamo anche contributi in altre lingue.