Tu sei qui: Home / Meditando / In articoli e commenti, scelti da noi / Governo, l’ultima chiamata, di Massimo Franco

Governo, l’ultima chiamata, di Massimo Franco

creato da Paolo Iacovelli ultima modifica 30/01/2021 10:07
Se l’esplorazione di Fico fallisce per colpa dei veti tra Pd, 5 Stelle e Italia viva, Mattarella passerà subito al governo istituzionale…

Dietro l’«esplorazione» affidata dal capo dello Stato, Sergio Mattarella, al presidente della Camera, il grillino Roberto Fico, si indovina la sagoma della maggioranza uscente: incluse, forse, le silhouettes di Giuseppe Conte e di Matteo Renzi. È quello il recinto politico dal quale si cerca di ripartire, dopo due settimane e mezzo di crisi surreale. Per questo il compito è stato affidato a Fico e non alla presidente del Senato, Elisabetta Casellati, espressione dell’opposizione.

Il tentativo è di formare un governo politico, proiettato verso le elezioni per il Quirinale del prossimo anno e verso la fine della legislatura nel 2023. Va sottolineato: il tentativo. 

Ma se questo è il progetto, e riesce, bisognerà spiegare bene che cosa è successo. I protagonisti dovranno motivare lo strappo consumatosi il 13 gennaio scorso, in piena pandemia. E l’unico modo per giustificare la permanenza della stessa maggioranza a Palazzo Chigi sarà quello di cambiare molto, moltissimo nell’esecutivo: nella scelta dei ministri, nell’approccio alla crisi, nella gestione dei fondi europei. Ancora di più se alla fine dei colloqui di Fico dovesse emergere perfino l’eventualità di un incarico al premier uscente.

Lo pretende un’Italia che ha assistito sconcertata a una rissa avulsa dalla realtà drammatica in cui è immersa.

Da questo punto di vista, il modo in cui ieri sera Mattarella ha rimesso ordine su una scacchiera impazzita è suonato insieme severo e allarmato, al di là dei toni. Ha parlato dei contagi, dell’emergenza sanitaria, sociale ed economica. E l’impressione è che si sia trattato di un monito felpato quanto fermo a tornare alla realtà e alle vere priorità del Paese: una sorta di ultima chiamata ai partiti di governo perché arrivino a una soluzione politica. Se falliscono, il Quirinale è pronto a passare rapidamente allo schema del governo istituzionale: tutte soluzioni da fare emergere comunque entro l’inizio della prossima settimana. 

Solo una discontinuità profonda può legittimare la sopravvivenza di una coalizione nella quale fino a due giorni Conte e Renzi, con le rispettive tribù, giuravano di non tornare mai più insieme. La conferma indiretta arriva dalla minaccia di rompere col M5S, arrivata ieri da Alessandro Di Battista, e giustificata con la giravolta grillina su Iv. È la certificazione di un Movimento in sofferenza da mesi, nel quale la minoranza radicale si è trovata sempre più a disagio; e, aizzata dai tifosi del premier, è giunta alla convinzione errata che i rapporti con Renzi si sarebbero chiusi per sempre.

E invece, ieri sera si è manifestato il ripensamento del Movimento, ufficializzato dal reggente Vito Crimi dopo la consultazione con Mattarella: un gesto di realismo dirompente per equilibri interni già fragilissimi; e un esorcismo contro il pericolo di rotolare verso elezioni anticipate. Per paradosso, se l’emorragia dell’ala nostalgica del grillismo è limitata, potrebbe risultare un vantaggio: quasi di rimbalzo favorirebbe l’evoluzione dei Cinque Stelle verso una politica meno demagogica. 

E pazienza se l’effetto collaterale sarebbe quello di offrire maggiore potere contrattuale a Renzi in una fase che rimane confusa e convulsa. D’altronde, anche l’ex premier si trova a dovere scegliere tra una marcia indietro che implicherebbe l’appoggio rinnovato e forzato a Conte, e un passo avanti verso nuovi equilibri. 

Il «no» compatto a un nuovo esecutivo del premier dimissionario, pronunciato dal centrodestra, lascia socchiusa la porta a un governo istituzionale, se la situazione dovesse complicarsi. Ci si muove sul filo dell’azzardo, sotto lo sguardo preoccupato di un Pd impigliato in manovre che subisce. Ma il tempo si sta consumando rapidamente. Andare alle urne con una pandemia che si fatica tuttora a contenere e un disagio sociale palpabile sarebbe una follia. Ma rimane e si inspessisce l’ombra di un cortocircuito del sistema politico. Sarebbe l’epilogo beffardo della breve epopea populista.

 

https://www.corriere.it/politica/21_gennaio_30/governo-l-ultima-chiamata-88136e9a-62c5-11eb-abca-1766700006e6.shtml

Azioni sul documento
  • Stampa
archiviato sotto: , , ,
Pubblicando, i testi di Cercasi un fine

Formare alla politica. L'esperienza di Cercasi un fine

Nasce la nuova collana I libri di Cercasi un fine in coedizione con Magma Edizioni. Il primo volume sul metodo educativo e la storia di Cercasi un fine...


Potere e partecipazione. Un'esperienza locale di amministrazione condivisa, di S. Di Liso, D. Lomazzo

Sesto libro della collana di Cercasi un fine


La salute nella e oltre la leggeLa salute nella e oltre la legge. Sfide odierne, di F. Anelli e G. Ferrara

 Quinto libro della collana di Cercasi un fine


Attrezzarsi per la città

Attrezzarsi per la città. Laboratori di formAZIONE socio-politica, di M. Natale

Questo libro, quarto della collana di Cercasi un fine, racconta un’idea, diventata poi una esperienza, basata sulla convinzione che si possa, anzi si debba, progettare...


 

Meditando in video
Un video per scoprire le nostre attività: scuole di politica, giornale e sito web, collana di libri, incontri e seminari, scuola di italiano per stranieri... benvenuti in Cercasi un fine!
Cercasi un fine. Presentandoci
2020
13th of January 2020, BBC interviews our Director Rocco D'Ambrosio on the case of the book of Ratzinger-Sarah
Il nostro direttore Rocco D'Ambrosio intervistato dalla BBC
2020
Di più…
I nostri amici stranieri

Cercasi un fine organizza degli incontri settimanali di dialogo tra culture e insegnamento della lingua italiana per stranieri.

Maggiori info >>>

centro di ascolto.jpg

Associandoci

logo-barchetta.jpg
Cercasi un fine
è insieme un periodico, un’associazione onlus, di promozione sociale, iscritta all’albo regionale della Puglia, fondata nel 2008, con attività che risalgono a partire dal 2002, una rete di scuole di formazione politica, un gruppo di amici stranieri e volontari per l'insegnamento della lingua italiana. Vi partecipano credenti cristiani e donne e uomini di diverse culture e religioni, accomunati dall’impegno per una società più giusta, pacifica e bella.

Una presentazione sintetica delle nostre attività la trovi nel video qui 

altre info su

presentandoci
cercasi una casa
sostenendoci

con carta di credito o PayPal

Leggendo il giornale

E' in distribuzione Cercasi un fine n. 121
(2020- Anno XVI)

quadratino rosso Tema: Resistere

Scrivendo per il giornale

Se volete scrivere per il giornale:
direttore@cercasiunfine.it


 

 listing Il n. 122 è su... Tutti pazzi per i Social? -  è in spedizione.

 

 listing Il n. 123 è sulla RINASCITA (1. Cosa vuol dire “rinascita” dopo la crisi sanitaria? 2. Positività e negatività della crisi sanitaria nel lavoro, scuola, famiglia, politica, sanità, economia, ambiente? 3. Cosa vuol dire sperare in un futuro migliore?): in preparazione.

 listing Il n. 124 è su Il Pianeta che vogliamo (1. Che rapporto c'è tra la pandemia e la situazione ambientale? 2. Nuove politiche industriali e del lavoro e impatto sull'ambiente? 3. Cosa cambiare negli stili di vita? 4. Quale il contributo delle religioni?) Testi da inviare da entro 31 maggio 2021.

 listing Il n. 125 è sulla Repubblica "post Covid e tante risorse" (1. Come la pandemia ha cambiato i processi politici? 2. Chi e Come stiamo utilizzando le risorse comunitarie? 3. Quale visione politica ispira il tutto?) Testi da inviare da entro 31 luglio 2021.

Se avete qualcosa da proporci su qualcuno di questi temi siamo ben lieti di accoglierlo. Accettiamo anche contributi in altre lingue.