Tu sei qui: Home / Meditando / In articoli e commenti, scelti da noi / Governo diviso su economia e politica per l’Europa, di Sergio Fabbrini

Governo diviso su economia e politica per l’Europa, di Sergio Fabbrini

creato da Paolo Iacovelli ultima modifica 15/10/2018 10:03
Alla nuova Europa pensa invece il ministro degli Affari Europei che, nel suo progetto, propone di «studiare e risolvere le debolezze istituzionali e politiche che si riflettono in un saggio di crescita reale permanentemente inferiore al resto del mondo sviluppato»...

Mentre i due vice-premier del governo italiano vanno a uno scontro con l’Unione europea (Ue), un altro membro del governo, il ministro per gli Affari europei va a Bruxelles per discutere il progetto di «una politeia per un’Europa diversa, più forte e più equa». I primi affermano senza scrupoli di «fregarsene dell’Europa», il secondo propone di dotare l’Ue di una nuova «base costituzionale» (o politeia). I primi assumono che la forza dell’Italia dipenda dalla capacità di indebolire l’Europa, il secondo ritiene che il rafforzamento di quest’ultima sia la condizione di una buona politica nazionale. Siamo di fronte al tradizionale gioco delle parti, in cui l’uno fa il poliziotto buono e gli altri il poliziotto cattivo? Può darsi. Tuttavia, l’esito è la confusione al governo. Spiego perché.

Sull’istinto anti-europeista dei due vice-premier c’è poco da discutere. Per loro, l’Ue deve piegarsi alle esigenze del “popolo” italiano (come se essi lo rappresentassero interamente). Quelle esigenze sono prioritarie rispetto alle regole europee del Patto di stabilità e crescita, alle valutazioni impersonali delle agenzie di rating sullo stato di salute della nostra economia, alle analisi econometriche sulla sostenibilità finanziaria delle contro-riforme che si vogliono realizzare. I due vice-premier incarnano il populismo nella sua drammatica superficialità, dividendo il mondo in “noi” (i buoni) e “loro” (i cattivi). Sono consapevoli che ciò li porterà a uno scontro frontale con la Ue, ma è bene che sia così, se si vuole “spazzare via” le sue classi dirigenti con le elezioni del prossimo maggio 2019. Naturalmente non sanno cosa farebbero se vincessero quelle elezioni, né sanno quale nuova Europa dovrebbe sostituire la vecchia Europa. Ma i populisti, come argomenta Yascha Mounk, vivono nel presente, vogliono fare il bene del popolo “subito”, disinteressandosi se ciò produrrà un male “subito dopo”.

Alla nuova Europa pensa invece il ministro degli Affari Europei che, nel suo progetto, propone di «studiare e risolvere le debolezze istituzionali e politiche che si riflettono in un saggio di crescita reale permanentemente inferiore al resto del mondo sviluppato».

Qui il tono è molto diverso. Il progetto è scritto con un linguaggio appropriato a un dibattito pubblico. Le argomentazioni sono ragionevoli, seppure costellate di inesattezze tecniche sorprendenti (si sostiene che il fiscal compact sia una direttiva mentre è un trattato intergovernativo, oppure che il Consiglio dei Capi di stato e di governo abbia poteri legislativi mentre è un organo esecutivo). È comunque ragionevole sostenere, come fa il ministro, che la crescita dipenda anche dalla domanda e non solo dall’offerta. Se è necessario intervenire sui fattori che incidono su quest’ultima (accrescendone la produttività), nondimeno occorre favorire anche politiche di investimento che accrescano la domanda (pubblica e privata). Ciò richiede una maggiore libertà di azione fiscale da parte degli stati membri che (come il nostro) hanno dimostrato di non riuscire a crescere attraverso riforme solamente sul lato dell’offerta.

Ed è qui che interviene il cappio dell’Eurozona, costituito dal controllo delle politiche fiscali dei suoi Stati membri da parte della Commissione e dell’Eurogruppo (l’organo collegiale dei ministri finanziari dell’area). Per il ministro, occorre dunque allargare quel cappio, sia sul versante fiscale che sul versante monetario. Sul versante monetario, formalizzando il ruolo della Banca centrale europea (Bce) come «prestatore di ultima istanza». Sul versante fiscale, alleggerendo «il coordinamento delle politiche fiscali nazionali..(dai vincoli che impediscono) i poteri di intervento» dei singoli Stati. Entrambe le proposte sono insoddisfacenti. Innanzitutto perché la Bce agisce di già da prestatore di ultima istanza. E poi perché l’allentamento del coordinamento delle politiche fiscali nazionali è incompatibile con la logica che regge il funzionamento dell’Eurozona. La zoppia di quest’ultima non è dovuta all’astratta assenza di un’unione politica, ma alla concreta mancanza di una sua capacità fiscale indipendente dagli Stati membri.

Se si rimane nella logica intergovernativa, come fa il ministro, non si farà molta strada. Occorre andare al cuore del compromesso su cui è stata costruita la governance dell’Eurozona, quello costituito da un’unica politica monetaria e da 19 (oggi) politiche fiscali. Occorre fornire l’Eurozona di una capacità fiscale separata dalle politiche di bilancio degli Stati membri. Solamente attraverso un’autonoma capacità fiscale di Bruxelles è possibile avviare politiche di investimento che aiutino la crescita dal versante della domanda. Ma ciò significa rivedere l’idea nazionalista della sovranità fiscale che ha giustificato quel compromesso. Con il risultato che gli Stati membri hanno preservato formalmente la loro sovranità fiscale, ma hanno dovuto poi accettare di regolamentarne l’uso per renderla compatibile con la gestione di una comune moneta.

Per liberarsi del cappio che impedisce una politica della domanda, occorre dunque dotare l’Eurozona di un suo budget. Esattamente come proposto dai due arci-nemici dell’attuale governo italiano (Macron e Merkel) nella loro ‘Dichiarazione di Meseberg' del 19 giugno scorso. Già alla fine del Settecento, Alexander Hamilton aveva elaborato un modello di federalismo fiscale basato sulla distinzione della capacità di spesa dell’unione e dei singoli Stati (questi ultimi poi esposti alla disciplina dei mercati finanziari).

Insomma, la confusione sembra essere al governo. Come è possibile proporre una politica della domanda combattendo la posizione franco-tedesca (favorevole a un bilancio dell’Eurozona) e alleandosi con chi (i Paesi di Visegrad) quel bilancio lo vedono come fumo agli occhi? E soprattutto, come si concilia il progetto di una nuova “politeia” per l’Ue con gli istinti dei due vice-premier che vogliono invece svuotare quest’ultima?

https://www.ilsole24ore.com/art/commenti-e-idee/2018-10-14/governo-diviso-economia-e-politica-l-europa-091556.shtml?uuid=AElhbyMG

Azioni sul documento
  • Stampa
archiviato sotto: , ,
Prossimi eventi
La comunità che viene dal futuro: ricordando Franco Ferrara 30/11/2019 09:00 - 17:30 — Sala De Deo, Palazzo Comunale, via G. Rossini, Gioia del Colle (Ba)
Prossimi eventi…
Pubblicando, i testi di Cercasi un fine

Potere e partecipazione. Un'esperienza locale di amministrazione condivisa, di S. Di Liso, D. Lomazzo

Sesto libro della collana di Cercasi un fine

 


La salute nella e oltre la leggeLa salute nella e oltre la legge. Sfide odierne, di F. Anelli e G. Ferrara

 

Quinto libro della collana di Cercasi un fine


Attrezzarsi per la città

Attrezzarsi per la città. Laboratori di formAZIONE socio-politica, di M. Natale

Questo libro, quarto della collana di Cercasi un fine, racconta un’idea, diventata poi una esperienza, basata sulla convinzione che si possa, anzi si debba, progettare...


 

Meditando in video
Papa Francesco ha inviato domenica 23 aprile 2017 un video messaggio dedicato a don Lorenzo Milani, il priore di Barbiana, alla manifestazione “Tempo di Libri”, a Milano, dove nel pomeriggio è stata presentata l’edizione completa di “Tutte le Opere” del sacerdote, con alcuni inediti, curata dallo storico Alberto Melloni per la collana dei Meridiani Mondadori...
Videomessaggio del Santo Padre per Don Milani
Politica in weekend - 2 e 3 luglio 2016
Guida alla riforma costituzionale
Di più…
I nostri amici stranieri

Cercasi un fine organizza degli incontri settimanali di dialogo tra culture e insegnamento della lingua italiana per stranieri.

Maggiori info >>>

centro di ascolto.jpg

Associandoci

logo-barchetta.jpg
Cercasi un fine
è insieme un periodico, un’associazione onlus, di promozione sociale, iscritta all’albo regionale della Puglia, fondata nel 2008, con attività che risalgono a partire dal 2002 e una rete di scuole di formazione politica. Vi partecipano credenti cristiani e donne e uomini di diverse culture e religioni, accomunati dall’impegno per una società più giusta, pacifica e bella.

Una presentazione sintetica delle nostre attività la trovi nel video qui 

altre info su

presentandoci
cercasi una casa
sostenendoci

con carta di credito o PayPal

Leggendo il giornale

Cercasiunfine_115_Pagina_01.jpg

E' in distribuzione Cercasi un fine n. 115
(2019 - Anno XIV)

quadratino rosso Tema: Ambiente

Scrivendo per il giornale

Se volete scrivere per il giornale:
direttore@cercasiunfine.it


  Il 116 è sulla COPPIA (cosa vuol dire oggi essere "coppia"? Quali i ruoli nella coppia? Cos è la fedeltà nella coppia?) in preparazione.

 listing Il 117 è sul RAZZISMO (Dove nasce il razzismo? Cosa ci fa diventare razzisti? C'è il razzismo nella Chiesa?),  testi da inviare entro il 15 ottobre 2019.

 listing Il 118 è sull'ECONOMIA CIVILE (Cosa è l'economia civile? I Pro e i Contro di questo modello? Dove è applicato e come?)  testi da inviare entro il 15 novembre 2019.

 listing Il 119 è sul DIALOGO INTERRELIGIOSO  (Quanto abbiamo paura delle altre religioni? Le religioni dialogano tra di loro? Qual'è la finalità del dialogo? Cos'è il fondamentalismo religioso?)  testi da inviare entro il 31 gennaio 2020.

 listing Il 120 è sui DOVERI (si parla spesso di diritti: e i doveri? Cosa intendiamo per doveri? Esistono gruppi, culture e religioni che danno seria testimonianza sui doveri? Come educare ai doveri?)  testi da inviare entro il 15 marzo 2020.


Se avete qualcosa da proporci su qualcuno di questi temi siamo ben lieti di accoglierlo. Accettiamo anche contributi in altre lingue.