Tu sei qui: Home / Meditando / In articoli e commenti, scelti da noi / Global Compact, il Vaticano: sia un passo avanti al servizio non solo dei migranti, ma dell’umanità

Global Compact, il Vaticano: sia un passo avanti al servizio non solo dei migranti, ma dell’umanità

creato da Paolo Iacovelli ultima modifica 18/07/2018 09:44
L’intervento a New York di monsignor Bernardito Auza alla sessione conclusiva dei negoziati intergovernativi sull’«accordo per una migrazione sicura, ordinata e regolare»...

«La Santa Sede nutre la speranza che il Global Compact for Migration non si limiti solo ad una buona gestione della migrazione, ma possa veramente essere un significativo passo avanti al servizio della persona, non solo di ogni migrante, ma di tutta l’umanità». È quanto ha dichiarato l’arcivescovo Bernardito Auza, osservatore permanente della Santa Sede presso l’Onu di New York, intervenendo alla sessione conclusiva dei negoziati intergovernativi sull’«accordo per una migrazione sicura, ordinata e regolare».

Il delegato vaticano ha affermato che il processo globale di definizione del documento è un percorso educativo sulle migrazioni internazionali, dove al centro è stata sempre una narrazione positiva del fenomeno e anche che «il vivace scambio di idee sulla questione, i dibattiti onesti su alcuni termini e principi chiave, le innumerevoli conversazioni e dialoghi tra delegazioni e co-facilitatori e tra le stesse delegazioni, l’elenco delle best practice inserite nel Global Compact hanno migliorato la nostra comprensione a riguardo».

Nel suo intervento Auza ha voluto sottolineare che questa visione globale sulle migrazioni «fungerà da punto di riferimento internazionale, nella gestione globale della migrazione, non solo per i governi ma anche per la cooperazione internazionale e per le organizzazioni non governative, tra cui quelle basate sull’esperienza di fede, che hanno le mani in pasta e sono presenti sul territorio per aiutare i migranti».

Secondo l’osservatore permanente, il Global Compact non giustificherà più l’alibi dell’ignoranza perché «Stati, società civile o chiunque di noi, non potrà non essere consapevole delle sfide che le persone migranti devono affrontare e delle nostre responsabilità nei loro confronti, in particolare verso le persone più bisognose della nostra solidarietà».

Infine monsignor Auza ha espresso la gratitudine della Santa Sede per aver tenuto conto, nella stesura del documento, delle indicazioni di Papa Francesco sulla questione migratoria sintetizzate nei quattro verbi: «accogliere, proteggere, promuovere e integrare». Sono questi, ha detto, «principi che garantiscono il rispetto della dignità umana di tutti i migranti» nonché «la bussola dell’agire della Chiesa di fronte a questo storico e globale movimento di interi popoli».

http://www.lastampa.it/2018/07/14/vaticaninsider/global-compact-il-vaticanosia-un-passo-avanti-al-servizio-non-solo-deimigranti-ma-dellumanit-T08TxeRXdQ7x0dgyrf863N/pagina.html

Migrazioni: Onu, raggiunto l’accordo sul Global Compact for Migration

Dopo oltre un anno di dibatti e consultazioni tra gli Stati membri dell’Onu con politici e funzionari locali, esponenti della società civile e gli stessi migranti, il testo del Global Compact for Migration è stato completato ieri. Il patto globale per la migrazione sarà il primo accordo intergovernativo, preparato sotto l’egida delle Nazioni Unite e frutto di negoziati tra gli Stati, per gestire in modo globale e completo le dimensioni della migrazione internazionale con una particolare attenzione ai diritti dei migranti e ad uno sviluppo territoriale sostenibile. Il segretario generale dell’Onu, António Guterres, ha definito l’accordo “significativo” perchè riflette un’idea condivisa dai governi e cioè che “la migrazione transfrontaliera è un fenomeno internazionale che richiede la cooperazione internazionale per gestirla al meglio ed evidenziarne il suo impatto positivo per tutti gli attori coinvolti”. Inoltre, per Guterres il trattato “riconosce che ogni individuo ha diritto alla sicurezza, alla dignità e alla protezione e che gli obiettivi e le azioni messi in atto, implementati o sottoposti a revisione faciliteranno una migrazione sicura, ordinata e regolare, riducendo l’incidenza e l’impatto della migrazione irregolare “.

Il presidente dell’Assemblea generale dell’Onu, Miroslav Lajčák, ha parlato di un “momento storico” e ha sottolineato l’enorme potenziale del Global Compact perché “è una piattaforma nuova per la cooperazione che non incoraggerà né frenerà le migrazioni, che non detterà norme agli Stati anzi ne rispetterà la piena sovranità e non sarà neppure giuridicamente vincolante ma sarà una risorsa che ci aiuterà a trovare un equilibrio e a sfruttare i vantaggi delle migrazioni, mitigandone i rischi”. Gli aspetti caotici e i pericoli di sfruttamento insiti nelle migrazioni internazionali saranno adeguatamente monitorati dal nuovo accordo, secondo Louise Arbor, rappresentante speciale per le migrazioni internazionali, che crede “alla sicurezza, all’ordine, ai benefici economici e sociali” apportati dall’applicazione di un documento frutto di una collaborazione multilaterale.

“Questo accordo non segna la fine dell’impegno, ma l’inizio di uno sforzo storico per plasmare l’agenda globale sulla migrazione “, ha ribadito il direttore generale dell’Agenzia per le migrazioni delle Nazioni Unite (Iom), l’americano William Lacy Swing che ha plaudito al metodo adottato dagli Stati membri. “Durante tutto il processo – ha spiegato Swing – tutti hanno chiaramente riconosciuto che la migrazione riguarda anzitutto le persone. E questo approccio incentrato sui migranti e adottato dai co-facilitatori messicani, svizzeri e del Rappresentante speciale presso il Segretario generale sulla migrazione internazionale, non ha precedenti nella storia”. Il Global Compact sarà formalmente adottato dagli Stati membri in occasione di una conferenza intergovernativa che si terrà a Marrakech, in Marocco, il 10 e l’11 dicembre 2018. A presiedere l’appuntamento sarà Amina Mohammed, segretario generale delle Nazioni Unite per le migrazioni internazionali.

https://www.agensir.it/quotidiano/2018/7/14/migrazioni-onu-accordo-sul-global-compact-for-migration/

Azioni sul documento
  • Stampa
I nostri amici stranieri

Cercasi un fine organizza degli incontri settimanali di dialogo tra culture e insegnamento della lingua italiana per stranieri.

Maggiori info >>>

centro di ascolto.jpg

Associandoci

logo-barchetta.jpg
Cercasi un fine
è insieme un periodico, un’associazione onlus, di promozione sociale, iscritta all’albo regionale della Puglia, fondata nel 2008, con attività che risalgono a partire dal 2002 e una rete di scuole di formazione politica. Vi partecipano credenti cristiani e donne e uomini di diverse culture e religioni, accomunati dall’impegno per una società più giusta, pacifica e bella.

Una presentazione sintetica delle nostre attività la trovi nel video qui 

altre info su

presentandoci
cercasi una casa
sostenendoci

con carta di credito o PayPal

Leggendo il giornale

Cercasi un fine 118.jpg

E' in distribuzione Cercasi un fine n. 118
(2020- Anno XVI)

quadratino rosso Tema: Economia civile

Scrivendo per il giornale

Se volete scrivere per il giornale:
direttore@cercasiunfine.it


 

 listing Il n. 118 è sull'ECONOMIA CIVILE. Il cartaceo è stato spedito da qualche giorno; il PDF lo si trova a destra nella home page.

 listing Il n. 119 è sul DIALOGO INTERRELIGIOSO  è in preparazione.

 listing Il n. 120 è sui DOVERI (si parla spesso di diritti: e i doveri? Cosa intendiamo per doveri? Esistono gruppi, culture e religioni che danno seria testimonianza sui doveri? Come educare ai doveri?)  testi da inviare entro il 30 marzo 2020.

Per il n. 120 lanciamo un’iniziativa per coinvolgere tutti i nostri lettori: Tweet on duty - Un tweet sul dovere

Ti chiediamo di rispondere a una sola di queste domande (indicando nome, cognome, lavoro, città) in maniera sintetica, praticamente non più dei 140 caratteri che si usano in un tweet, da inviare a associazione@cercasiunfine.it o sms o whatsapp al cell. 337 1031728
Ecco le domande, scegline solo una e rispondi!
1. Cosa ti spinge a fare il tuo dovere?
2. Cosa provi nel fare il tuo dovere?
3. Cosa ti aspetti quando fai il tuo dovere?
4. Quali difficoltà incontri quando fai il tuo dovere? 
Testi da inviare entro il 30 marzo 2020.


Se avete qualcosa da proporci su qualcuno di questi temi siamo ben lieti di accoglierlo. Accettiamo anche contributi in altre lingue.