Tu sei qui: Home / Meditando / In articoli e commenti, scelti da noi / Gli affari neri su Bari

Gli affari neri su Bari

creato da webmaster ultima modifica 17/09/2015 17:48
Ricordate le polemiche della destra barese che un giorno sì e l'altro pure propina luoghi comuni sul fatto che gli immigrati sono troppi, che gli autobus sono uno schifo per colpa loro, che bisogna aiutarli a casa loro, eccetera eccetera?

 

No, ricordate le polemiche sul Cara di Bari
Le polemiche per esempio della destra cittadina che un giorno sì e l'altro pure propina luoghi comuni sul fatto che gli immigrati sono troppi, che gli autobus sono uno schifo per colpa loro, che bisogna aiutarli a casa loro, eccetera eccetera? Ricordate i cartelli di Fratelli d'Italia, così per non fare nomi: "Basta clandestini, prima gli Italiani"?

cland

Ecco mentre protestavano, a Roma gli amici del loro capo, Gianni Alemanno (ma anche della sinistra, eh, anche perchè si trattava di coop rosse) sui migranti e specificatamente sul Cara di Bari facevano grandi affari. Se infatti la struttura che ospita i richiedenti asilo ha un numero di ospiti così alto è grazie a un operazione che Salvatore Buzzi, braccio destro di Massimo Carminati (il Cecato della Banda della Magliana, il Nero di Romanzo Criminale), e Luca Odevaine (ex capo di gabinetto di Veltroni, componnte del tavolo di coordinamento sull'immigrazione) fanno.

Da più parti, infatti, le Regioni chiedevano di limitare il numero massimo di posti nei Cara a cento persone. Non più di cento ospiti per struttura, questa era la richiesta. Per Bari significava una rivoluzione visto che oggi gli ospiti sono poco meno di 800. Ma...

Siamo a maggio del 2014. E l'operazione salta. <Odevaine - si legge nell'ordinanza - fa in modo che nel documento finale la capienza dei centri d'accolgienza era stata fissata a "300 posti minimo", di modo da poter giustificare ad esempio i centri di Mineo e di Bari".

D'altronde Buzzi era stato chiaro al telefono: "Lo sai quanto ci guadagno sugli immigrati? Il traffico di droga rende di meno".

E a protestare, quanto ci guadagnano?

Guarda il video >>>

Azioni sul documento
  • Stampa
archiviato sotto:
I nostri amici stranieri

Cercasi un fine organizza degli incontri settimanali di dialogo tra culture e insegnamento della lingua italiana per stranieri.

Maggiori info >>>

centro di ascolto.jpg

Associandoci

logo-barchetta.jpg
Cercasi un fine
è insieme un periodico, un’associazione onlus, di promozione sociale, iscritta all’albo regionale della Puglia, fondata nel 2008, con attività che risalgono a partire dal 2002 e una rete di scuole di formazione politica. Vi partecipano credenti cristiani e donne e uomini di diverse culture e religioni, accomunati dall’impegno per una società più giusta, pacifica e bella.

Una presentazione sintetica delle nostre attività la trovi nel video qui 

altre info su

presentandoci
cercasi una casa
sostenendoci

con carta di credito o PayPal

Leggendo il giornale

Cercasi un fine 118.jpg

E' in distribuzione Cercasi un fine n. 118
(2020- Anno XVI)

quadratino rosso Tema: Economia civile

Scrivendo per il giornale

Se volete scrivere per il giornale:
direttore@cercasiunfine.it


 

 listing Il n. 118 è sull'ECONOMIA CIVILE. Il cartaceo è stato spedito da qualche giorno; il PDF lo si trova a destra nella home page.

 listing Il n. 119 è sul DIALOGO INTERRELIGIOSO  è in preparazione.

 listing Il n. 120 è sui DOVERI (si parla spesso di diritti: e i doveri? Cosa intendiamo per doveri? Esistono gruppi, culture e religioni che danno seria testimonianza sui doveri? Come educare ai doveri?)  testi da inviare entro il 30 marzo 2020.

Per il n. 120 lanciamo un’iniziativa per coinvolgere tutti i nostri lettori: Tweet on duty - Un tweet sul dovere

Ti chiediamo di rispondere a una sola di queste domande (indicando nome, cognome, lavoro, città) in maniera sintetica, praticamente non più dei 140 caratteri che si usano in un tweet, da inviare a associazione@cercasiunfine.it o sms o whatsapp al cell. 337 1031728
Ecco le domande, scegline solo una e rispondi!
1. Cosa ti spinge a fare il tuo dovere?
2. Cosa provi nel fare il tuo dovere?
3. Cosa ti aspetti quando fai il tuo dovere?
4. Quali difficoltà incontri quando fai il tuo dovere? 
Testi da inviare entro il 30 marzo 2020.


Se avete qualcosa da proporci su qualcuno di questi temi siamo ben lieti di accoglierlo. Accettiamo anche contributi in altre lingue.