Tu sei qui: Home / Meditando / In articoli e commenti, scelti da noi / Gli abusivi dei giornali, di Michele Di Salvo

Gli abusivi dei giornali, di Michele Di Salvo

creato da Denj — ultima modifica 17/09/2015 11:28
Ieri era la giornata della memoria delle vittime della mafia. Rai tre ha deciso di mandare in onda in prima serata Fortapàsc, film sulla storia di Giancarlo Siani, un giovane giornalista precario morto-ammazzato dalla camorra. La simmetria con Falcone e Borsellino è cristallina...

Ieri era la giornata della memoria delle vittime della mafia.
Rai tre ha deciso di mandare in onda in prima serata Fortapàsc, film sulla storia di Giancarlo Siani, un giovane giornalista precario morto-ammazzato dalla camorra.
Dopo mille versioni diverse e contraddittorie si è arrivati ad una sentenza che partiva dal presupposto che la decisione di uccidere Siani fosse stata presa per quello che aveva scritto.
Grazie anche alle inchieste giornalistiche di Roberto Paolo invece il processo è in corso di revisione, perché invece è molto più probabile che quella morte sia stata decisa per quello che Siani stava per scrivere.
La simmetria con la storia di Falcone e Borsellino è cristallina: le mafie non uccidono per qualcosa che è già stato fatto, bensì per quello che quelle persone sono in procinto di fare o di diventare.

 

Durante il film c’è una scena in cui Siani viene “strigliato” dal suo caporedattore che usa una parola gergale del giornalismo “ricordati che tu sei solo un abusivo”.
Stupisce questo termine, proprio in un ambiente in cui si lavora con le parole ed alle parole si da, o dovrebbe dare, particolare peso ed attenzione.
Abusivo, in lingua italiana, è chi, senza titolo, usurpa il posto o la posizione o il luogo, di chi o al posto di chi ne ha titolo, o prende un ruolo o un luogo che non è suo.
E allora “abusivo” dovrebbe essere il rappresentante sindacale di quel giornale, il direttore, il capo redattore, che utilizzano quel lavoro non regolare, o il giornale stesso che viene riempito con pezzi e articoli che non “gli appartengono”.
E invece nel giornalismo finisce con l’essere definito abusivo chi è semplicemente precario, spesso sfruttato, di certo mal pagato, e che attualmente contribuisce complessivamente al “riempimento” di circa il 40% della superficie editoriale della carta stampata che troviamo ogni giorno in edicola – giornale più, giornale meno.
La riflessione poi andrebbe spostata su un concetto più ampio e su cui i lettori, veri proprietari dei giornali, dovrebbero maggiormente riflettere: chi è precario è ricattabile (ad esempio di essere messo alla porta), o ha problemi economici, e in entrambi i casi questa condizione rende anche molto precaria la libertà, l’autonomia, l’indipendenza e la qualità del giornalismo e dell’informazione prodotta.
E nonostante questo, spesso sono proprio i giornalisti “abusivi” che scovano e scrivono e raccontano le storie più importanti.

È la storia di Giancarlo Siani, ma è anche la storia di tanti ragazzi in gamba che almeno provano a fare questa scelta professionale. Sono tutti bravi e capaci e talentuosi? No, come in tutte le professioni, e forse questa è una delle più complesse, proprio perché sottoposta quotidianamente al giudizio, spesso implacabile, atecnico e qualche volta superficiale, dell’opinione pubblica. Fa parte delle regole del gioco, e se vogliamo della democrazia e delle libertà che abbiamo.
Però, un po’ tutti, quando prendiamo in mano un giornale, per sfogliarlo, leggerlo, semmai distrattamente, mentre esercitiamo il diritto-dovere del lettore di essere esigente e implacabile verso i giornali ed i giornalisti, male non faremmo a ricordarci che i piccoli cronisti di provincia che ci raccontano le buche sotto casa, le rapine, gli incidenti, le sedute di giunta dei comuni, spesso hanno contratti (quando li hanno) di poche centinaia di euro.
E qualche volta spendono più di quanto guadagnano per fare il loro lavoro in maniera almeno decorosa.
E qualche volta, in maniera per noi affatto decorosa, “vengono mortamazzati per strada”, e ce li dimentichiamo.

 

fonte: www.unita.it, 24.05.2013

Azioni sul documento
  • Stampa
archiviato sotto:
Associandoci

logo-barchetta.jpg

Cercasi un fine è insieme un periodico, un’associazione onlus, di promozione sociale, iscritta all’albo regionale della Puglia, fondata nel 2008, con attività che risalgono a partire dal 2002, una rete di scuole di formazione politica, un gruppo di amici stranieri e volontari per l'insegnamento della lingua italiana. Vi partecipano credenti cristiani e donne e uomini di diverse culture e religioni, accomunati dall’impegno per una società più giusta, pacifica e bella.

Una presentazione sintetica delle nostre attività la trovi nel video qui 

altre info su

presentandoci
cercasi una casa
sostenendoci

Pubblicando, i testi di Cercasi un fine

La fatica di essere nel mondo. Lettera sul discernimento

Un po’ imitando don Milani e la sua lettera a una prof.ssa, con amici di Vicenza abbiamo scritto insieme una lettera sul discernimento e il nostro essere nel mondo. Per disponibilità copie info al 333 8465594, 0444 226530, 080 5014906 


 

Formare alla politica. L'esperienza di Cercasi un fine

Nasce la nuova collana I libri di Cercasi un fine in coedizione con Magma Edizioni. Il primo volume sul metodo educativo e la storia di Cercasi un fine...


Potere e partecipazione. Un'esperienza locale di amministrazione condivisa, di S. Di Liso, D. Lomazzo

Sesto libro della collana di Cercasi un fine


La salute nella e oltre la leggeLa salute nella e oltre la legge. Sfide odierne, di F. Anelli e G. Ferrara

 Quinto libro della collana di Cercasi un fine


Attrezzarsi per la città

Attrezzarsi per la città. Laboratori di formAZIONE socio-politica, di M. Natale

Questo libro, quarto della collana di Cercasi un fine, racconta un’idea, diventata poi una esperienza, basata sulla convinzione che si possa, anzi si debba, progettare...

Meditando in video
Un video per scoprire le nostre attività: scuole di politica, giornale e sito web, collana di libri, incontri e seminari, scuola di italiano per stranieri... benvenuti in Cercasi un fine!
Cercasi un fine. Presentandoci
2020
13th of January 2020, BBC interviews our Director Rocco D'Ambrosio on the case of the book of Ratzinger-Sarah
Il nostro direttore Rocco D'Ambrosio intervistato dalla BBC
2020
Di più…
Il 5 x mille per CuF


Sapete quanto è prezioso per noi la vostra firma del 5 x mille a nostro favore: con esso realizziamo scuole di formazione sociale e politica, un sito web e un periodico di cultura e politica, insegnamento dell’italiano per cittadini stranieri, incontri, dibattiti…

Basta la tua firma e il numero dell'associazione 91085390721 nel primo riquadro sul volontariato. 

I nostri amici stranieri

Cercasi un fine organizza degli incontri settimanali di dialogo tra culture e insegnamento della lingua italiana per stranieri.

Maggiori info >>>

centro di ascolto.jpg

Il Gruppo "Il Seggio" di Cercasi un fine a Minervino

 

 

Si chiama "Il seggio": è il gruppo territoriale di Cercasi un fine, nato a Minervino, a fine anno 2021.

Esso nasce dall'iniziativa dei soci fondatori e ordinari di Cuf, residenti a Minervino. Il gruppo (attraverso un apposito Regolamento) è un'emanazione territoriale della nostra Associazione, di cui condivide statuo, finalità, contenuti e strategie associative.

Auguriamo al gruppo di essere attivo e proficuo nella ricerca de nostro Fine come don Milani insegna: "Bisogna che il fine sia onesto. Grande. Il fine giusto è dedicarsi al prossimo. E in questo secolo come lei vuole amare se non con la politica o col sindacato o con la scuola? Siamo sovrani. Non è più il tempo delle elemosine, ma delle scelte".

 

indirizzo: Vico II Spineto, 2
(c/o Parrocchia S. Michele Arcangelo)
76013 Minervino Murge (BT)

per info:
mail: scuolasociopoliticaminervino@cercasiunfine.it
cell: 349 6534286

Contribuendo

Contribuendo.jpg

Bonifico Bancario
Cercasi un Fine ONLUS
IBAN IT26C0846941440000000019932
BCC Credito Cooperatvo

Leggendo il giornale

E' in distribuzione Cercasi un fine n. 127
(2022- Anno XVIII)

quadratino rosso Tema: La vita quotidiana

 

Scrivendo per il giornale

Se volete scrivere per il giornale:
direttore@cercasiunfine.it


 

 listing Il n. 128 è sulla "Riforma costituzionale in tema ambientale"  (qual è il significato dell'ultima riforma costituzionale in tema ambientale? Quali ricadute per noi e le generazioni future? E' un nuovo patto tra generazioni? Quali effetti sull'attività economica?). In preparazione.

 

listing Il n. 129 è su "Dopo il Covid e la guerra: una nuova globalizzazione?"  (La pandemia e la guerra in Ucraina sembrano aver messo in crisi il vecchio modello della globalizzazione: come costruire un nuovo modello? Cosa deve cambiare e cosa può restare?). Testi da consegnare entro il 30 settembre 2022. 

Se avete qualcosa da proporci su qualcuno di questi temi siamo ben lieti di accoglierlo: testi non superiori a 4000 caratteri/spazi inclusi, da inviare ai nostri indirizzi mail. Accettiamo anche contributi in altre lingue e di bambini.