Tu sei qui: Home / Meditando / In articoli e commenti, scelti da noi / Giustizia, ora tocca ai partiti (sconfitti): corsa in Aula per la riforma, di Giovanni Bianconi

Giustizia, ora tocca ai partiti (sconfitti): corsa in Aula per la riforma, di Giovanni Bianconi

creato da Paolo Iacovelli ultima modifica 13/06/2022 09:15
Eventuali nuove modifiche al Senato riaprirebbero il conflitto nella coalizione di governo e allontanerebbero il via libera. Lo spettro del voto di fiducia, che il governo vuole evitare…

Chiusa la parentesi referendaria, la riforma della giustizia ricomincia il suo faticoso cammino in Parlamento. E quali saranno gli effetti del fallimento della consultazione popolare a trazione leghista lo si vedrà da oggi al Senato, quando scadrà il termine per la presentazione degli emendamenti al testo approvato dalla Camera.

Il voto a Montecitorio sulla riforma cosiddetta Cartabia (che in realtà è il frutto di ulteriori mediazioni e innesti imposti dai partiti della maggioranza, rispetto al testo predisposto dalla ministra) risale al 26 aprile, è stato trasmesso a palazzo Madama il 4 maggio e da allora s’è fermato tutto, proprio in attesa dei referendum: un eventuale avanzamento della discussione, o addirittura l’approvazione del testo, avrebbe reso ancora più superflui i quesiti proposti agli elettori, in almeno tre casi su cinque. Di qui la scelta di aspettare altri quaranta giorni, fino a oggi.

Ora che l’attesa è finita, si tratta di vedere se il fallimento dei referendum agevolerà o renderà ancora più arduo l’iter della riforma. L’incognita sta essenzialmente nel comportamento dei partiti che puntavano sul voto popolare per «una vera riforma della giustizia», come da slogan salviniani. Che faranno ora in Parlamento? Nonostante i 328 sì raccolti alla Camera (contro gli appena 41 no), da quella stessa sera sono cominciati gli annunci di ulteriori modifiche al Senato. Che inevitabilmente riaprirebbero conflitti all’interno della coalizione di governo e allontanerebbero ancora il via libera definitivo: esattamente ciò che la Guardasigilli, e con lei il premier Draghi, vuole evitare. Anche perché c’è una scadenza alle porte, l’elezione del prossimo Consiglio superiore della magistratura che dovrebbe avvenire con le nuove regole. 

I togati avrebbero dovuto votare a luglio, l’appuntamento potrebbe slittare a settembre, ma c’è comunque la necessità di fare in fretta se non si vuole prolungare l’esistenza dell’attuale Csm, già duramente screditato dallo «scandalo Palamara» e altre vicende.

Nelle ultime settimane, causa campagna elettorale, i contatti tra i partiti si sono interrotti, e solo oggi si capirà che aria tira. Tuttavia la Lega aveva già avvertito con la senatrice Giulia Bongiorno che le modifiche varate alla Camera «non riescono a incidere sui nodi cruciali del Csm, per questo proporremo correzioni al Senato». E il presidente della commissione Giustizia di Palazzo Madama Andrea Ostellari, esponente del Carroccio nonché relatore, aveva messo in guardia da ogni tentativo di «mettere il bavaglio a uno dei due rami del Parlamento». Come dire che il Senato non avrebbe accettato il ruolo di passacarte.

La Lega insiste sulla inefficacia della riforma elettorale del Csm, il punto più discusso e più urgente, ma anche altri partiti di governo (e referendari) potrebbero puntare i piedi. Ad esempio Forza Italia, che pure ha ottenuto di ridurre a una la possibilità di cambiare funzioni tra giudice a pm; una quasi separazione di fatto delle carriere inseguita da uno dei quesiti abortiti nelle urne. 

Infine c’è l’incognita renziana. Negli ultimi mesi Italia Viva s’è mostrata il partito più agguerrito su questa materia, e alla Camera s’è astenuto giudicando «inutile» la riforma. Un modo per tenersi le mani libere in Senato, dove l’ex premier che non perde occasione per attaccare il sistema giudiziario (anche in qualità di imputato tramutatosi in accusatore dei pm che vorrebbero trascinarlo in giudizio) può giocare personalmente la sua partita.

Davanti a questo scenario la ministra attende di conoscere la nuova collocazione dei partiti, dopo averli più volte richiamati a rispettare gli impegni presi; ad esempio quando applaudirono a lungo il presidente della Repubblica Sergio Mattarella che nel discorso di re-insediamento richiamò per l’ennesima volta la necessità di approvare con sollecitudine la riforma del Csm che lui stesso presiede. Era il 3 febbraio, più di quattro mesi fa. Per tutto questo periodo, fino alla sospensione delle trattative in vista dei referendum, è rimasto sullo sfondo lo spettro della questione di fiducia che metterebbe le forze di maggioranza di fronte alle proprie responsabilità senza perdere altro tempo, mettendo sul piatto la sopravvivenza stessa del governo. È la minaccia dell’arma letale che i partiti e lo stesso esecutivo vorrebbero evitare, ma più volte è stata evocata di fronte all’impasse. Ora che non c’è più nemmeno il pretesto della scadenza referendaria, nessuno può escludere che torni ad esserlo in presenza di nuovi ostacoli o rinvii.

Proprio per evitare questo scenario Cartabia aveva coinvolto pure i senatori nell’elaborazione del testo approvato dalla Camera. Dove sono state introdotte quelle modifiche che hanno spinto i magistrati allo sciopero contro la riforma: un mezzo fallimento per la scarsa adesione, che rappresenta l’altra faccia del flop referendario; un’altra variabile nella disputa che da oggi si riapre in Parlamento.

https://www.corriere.it/politica/22_giugno_13/giustizia-ora-tocca-partiti-sconfitti-corsa-aula-la-riforma-553afc4c-ea8a-11ec-afb1-eda73379fb39.shtml

Azioni sul documento
  • Stampa
archiviato sotto: , ,
Associandoci

logo-barchetta.jpg

Cercasi un fine è insieme un periodico, un’associazione onlus, di promozione sociale, iscritta all’albo regionale della Puglia, fondata nel 2008, con attività che risalgono a partire dal 2002, una rete di scuole di formazione politica, un gruppo di amici stranieri e volontari per l'insegnamento della lingua italiana. Vi partecipano credenti cristiani e donne e uomini di diverse culture e religioni, accomunati dall’impegno per una società più giusta, pacifica e bella.

Una presentazione sintetica delle nostre attività la trovi nel video qui 

altre info su

presentandoci
cercasi una casa
sostenendoci

Pubblicando, i testi di Cercasi un fine

La fatica di essere nel mondo. Lettera sul discernimento

Un po’ imitando don Milani e la sua lettera a una prof.ssa, con amici di Vicenza abbiamo scritto insieme una lettera sul discernimento e il nostro essere nel mondo. Per disponibilità copie info al 333 8465594, 0444 226530, 080 5014906 


 

Formare alla politica. L'esperienza di Cercasi un fine

Nasce la nuova collana I libri di Cercasi un fine in coedizione con Magma Edizioni. Il primo volume sul metodo educativo e la storia di Cercasi un fine...


Potere e partecipazione. Un'esperienza locale di amministrazione condivisa, di S. Di Liso, D. Lomazzo

Sesto libro della collana di Cercasi un fine


La salute nella e oltre la leggeLa salute nella e oltre la legge. Sfide odierne, di F. Anelli e G. Ferrara

 Quinto libro della collana di Cercasi un fine


Attrezzarsi per la città

Attrezzarsi per la città. Laboratori di formAZIONE socio-politica, di M. Natale

Questo libro, quarto della collana di Cercasi un fine, racconta un’idea, diventata poi una esperienza, basata sulla convinzione che si possa, anzi si debba, progettare...

Meditando in video
Un video per scoprire le nostre attività: scuole di politica, giornale e sito web, collana di libri, incontri e seminari, scuola di italiano per stranieri... benvenuti in Cercasi un fine!
Cercasi un fine. Presentandoci
2020
13th of January 2020, BBC interviews our Director Rocco D'Ambrosio on the case of the book of Ratzinger-Sarah
Il nostro direttore Rocco D'Ambrosio intervistato dalla BBC
2020
Di più…
Il 5 x mille per CuF


Sapete quanto è prezioso per noi la vostra firma del 5 x mille a nostro favore: con esso realizziamo scuole di formazione sociale e politica, un sito web e un periodico di cultura e politica, insegnamento dell’italiano per cittadini stranieri, incontri, dibattiti…

Basta la tua firma e il numero dell'associazione 91085390721 nel primo riquadro sul volontariato. 

I nostri amici stranieri

Cercasi un fine organizza degli incontri settimanali di dialogo tra culture e insegnamento della lingua italiana per stranieri.

Maggiori info >>>

centro di ascolto.jpg

Il Gruppo "Il Seggio" di Cercasi un fine a Minervino

 

 

Si chiama "Il seggio": è il gruppo territoriale di Cercasi un fine, nato a Minervino, a fine anno 2021.

Esso nasce dall'iniziativa dei soci fondatori e ordinari di Cuf, residenti a Minervino. Il gruppo (attraverso un apposito Regolamento) è un'emanazione territoriale della nostra Associazione, di cui condivide statuo, finalità, contenuti e strategie associative.

Auguriamo al gruppo di essere attivo e proficuo nella ricerca de nostro Fine come don Milani insegna: "Bisogna che il fine sia onesto. Grande. Il fine giusto è dedicarsi al prossimo. E in questo secolo come lei vuole amare se non con la politica o col sindacato o con la scuola? Siamo sovrani. Non è più il tempo delle elemosine, ma delle scelte".

 

indirizzo: Vico II Spineto, 2
(c/o Parrocchia S. Michele Arcangelo)
76013 Minervino Murge (BT)

per info:
mail: scuolasociopoliticaminervino@cercasiunfine.it
cell: 349 6534286

Contribuendo

Contribuendo.jpg

Bonifico Bancario
Cercasi un Fine ONLUS
IBAN IT26C0846941440000000019932
BCC Credito Cooperatvo

Leggendo il giornale

E' in distribuzione Cercasi un fine n. 127
(2022- Anno XVIII)

quadratino rosso Tema: La vita quotidiana

 

Scrivendo per il giornale

Se volete scrivere per il giornale:
direttore@cercasiunfine.it


 

 listing Il n. 128 è sulla "Riforma costituzionale in tema ambientale"  (qual è il significato dell'ultima riforma costituzionale in tema ambientale? Quali ricadute per noi e le generazioni future? E' un nuovo patto tra generazioni? Quali effetti sull'attività economica?). In preparazione.

 

listing Il n. 129 è su "Dopo il Covid e la guerra: una nuova globalizzazione?"  (La pandemia e la guerra in Ucraina sembrano aver messo in crisi il vecchio modello della globalizzazione: come costruire un nuovo modello? Cosa deve cambiare e cosa può restare?). Testi da consegnare entro il 30 settembre 2022. 

Se avete qualcosa da proporci su qualcuno di questi temi siamo ben lieti di accoglierlo: testi non superiori a 4000 caratteri/spazi inclusi, da inviare ai nostri indirizzi mail. Accettiamo anche contributi in altre lingue e di bambini.