Tu sei qui: Home / Meditando / In articoli e commenti, scelti da noi / Giovanni Moro: «Mattarella, garante di una Costituzione viva»

Giovanni Moro: «Mattarella, garante di una Costituzione viva»

creato da Rocco D'Ambrosio ultima modifica 14/09/2015 17:35
Intervista di Lorenzo Maria Alvaro a Giovanni Moro, nostro socio e amico di CuF, che si sofferma sulla figura del presidente Sergio Mattarella. L'intervista è stata realizzata il giorno prima dell'elezione.

 

 

Matteo Renzi ha messo sul tavolo il nome. Davanti all'assemblea di partito, con i grandi elettori Pd la scelta è stata Sergio Mattarella. Politico democristiano più volte ministro tra gli anni cinquanta e sessanta, e fratello minore di Piersanti, che nel 1980 fu assassinato da Cosa Nostra mentre era presidente della Regione Siciliana. In gioventù ha militato tra le file della Gioventù Studentesca di Azione Cattolica, di cui fu responsabile per il Lazio dal 1961 al 1964 e poi della FUCI. La scelta sembra essere strategicamente vincente. Intanto perché ha ricompattato il Pd facendo convergere anche la minoranza (escluso forse il solo Civati che rilancia ossessivamente la candidatura di Romano Prodi) ma anche perché mette in difficoltà Silvio Berlusconi. Il leader di Fi infatti non trova entusiasmante (ma neanche irricevibile) la candidatura di Mattarella ma sa anche che mettersi di traverso potrebbe essere controproducente. Con il Pd infatti voterebbero Sel, i fuoriusciti del M5S, le autonomie e potrebbero arrivare anche i voti degli alleati di Governo di Ncd, rendendo l'elezione fattibile anche senza Forza Italia. Ma chi è Sergio Mattarella? Per capirlo lo abbiamo chiesto a Giovanni Moro, sociologo, profondo conoscitore del mondo DC e amico personale del candidato al Colle.

giovanni moro 2
Giovanni Moro

Chi è Sergio Mattarella?
Lo conosco da trent’anni. È una persona stimabile cui viene rimproverato il fatto di essere molto riservato. In realtà è uno stile politico, uno stile molto istituzionale. I ruoli che ha svolto sono sempre stati votati a questa impronta. È la candidatura migliore che si poteva trovare dal mio punto di vista.

Ha dei ricordi che aiutino a capire che tipo di politico sia?
Ho ricordi lontani, negli anni 80, lui era deputato e io dirigevo il Movimento di Cittadinanzattiva, che aveva al suo interno il Tribunale dei Diritti del Malato. Presentammo alla Commissione Affari Costituzionali della Camera, di cui Mattarella era presidente, una legge sulle carte dei diritti del malato che riconosceva alle dichiarazioni dei cittadini, che denunciavano i propri diritti violati, un valore quasi legale. Quella legge fu approvata in Commissione e portata in aula grazie soprattutto al suo impegno. Non stiamo quindi parlando di un grigio uomo delle istituzioni ma un uomo delle istituzioni che sa collegarsi con il mondo fuori dal sistema politico.

Una caratteristica che, in un momento di grande difficoltà nel rapporto tra cittadini e istituzioni, può giocare un ruolo fondamentale…
Sì, questa sua capacità di intercettare il sentimento delle persone è molto importante. Non è un comunicatore ma sa ascoltare ed è capace di vedere cosa succede nell’attivismo civico trovando sempre modo di coinvolgerlo senza precettarlo. Questo senza contare la sua legge elettorale.

In che senso?
A proposito di coinvolgimento dei cittadini la sua è stata la legge elettorale più rappresentativa di sempre. Un sistema che costringeva i partiti a selezionare le persone migliori. Una legge che aveva cominciato a generare un rinnovamento politico e ad innescare le elezioni primarie come metodo normale per la scelta dei candidati.

Nel caso venga eletto, che presidente potrebbe essere a suo avviso?
Un presidente con un forte legame con la Costituzione e capace di garantirla. Ma non una Costituzione ancorata, ferma al passato. Una Costituzione viva, che viene costruita giorno per giorno, non solo dalle istituzioni ma anche dai cittadini.

Le viene in mente qualche aneddoto del passato che ci vuole raccontare?
Mai (ride ndr), siamo entrambi troppo riservati

Come si spiega la scelta di Renzi di indicare Mattarella?
Non sono un grande espero della materia, poi queste cose rispondono a dinamiche di relazioni all’interno del sistema politico che non si capiscono mai fino in fondo da fuori. Mi sembra che le motivazioni date da Renzi per la candidatura siano tutte vere e sincere. Tra le quali c’era anche il fatto che sia l’unico democristiano che si sia dimesso veramente (ride ndr)

fonte: http://www.vita.it/politica/rappresentanze/moro-mattarella-garante-di-una-costituzione-viva.html

Azioni sul documento
  • Stampa
archiviato sotto:
Prossimi eventi
III Forum di Etica Civile, Verso un patto tra generazioni: un presente giusto per tutti 16/11/2019 - 17/11/2019 — Firenze
La comunità che viene dal futuro: ricordando Franco Ferrara 30/11/2019 09:00 - 17:30 — Sala De Deo, Palazzo Comunale, via G. Rossini, Gioia del Colle (Ba)
Prossimi eventi…
Pubblicando, i testi di Cercasi un fine

Potere e partecipazione. Un'esperienza locale di amministrazione condivisa, di S. Di Liso, D. Lomazzo

Sesto libro della collana di Cercasi un fine

 


La salute nella e oltre la leggeLa salute nella e oltre la legge. Sfide odierne, di F. Anelli e G. Ferrara

 

Quinto libro della collana di Cercasi un fine


Attrezzarsi per la città

Attrezzarsi per la città. Laboratori di formAZIONE socio-politica, di M. Natale

Questo libro, quarto della collana di Cercasi un fine, racconta un’idea, diventata poi una esperienza, basata sulla convinzione che si possa, anzi si debba, progettare...


 

Meditando in video
Papa Francesco ha inviato domenica 23 aprile 2017 un video messaggio dedicato a don Lorenzo Milani, il priore di Barbiana, alla manifestazione “Tempo di Libri”, a Milano, dove nel pomeriggio è stata presentata l’edizione completa di “Tutte le Opere” del sacerdote, con alcuni inediti, curata dallo storico Alberto Melloni per la collana dei Meridiani Mondadori...
Videomessaggio del Santo Padre per Don Milani
Politica in weekend - 2 e 3 luglio 2016
Guida alla riforma costituzionale
Di più…
I nostri amici stranieri

Cercasi un fine organizza degli incontri settimanali di dialogo tra culture e insegnamento della lingua italiana per stranieri.

Maggiori info >>>

centro di ascolto.jpg

Associandoci

logo-barchetta.jpg
Cercasi un fine
è insieme un periodico, un’associazione onlus, di promozione sociale, iscritta all’albo regionale della Puglia, fondata nel 2008, con attività che risalgono a partire dal 2002 e una rete di scuole di formazione politica. Vi partecipano credenti cristiani e donne e uomini di diverse culture e religioni, accomunati dall’impegno per una società più giusta, pacifica e bella.

Una presentazione sintetica delle nostre attività la trovi nel video qui 

altre info su

presentandoci
cercasi una casa
sostenendoci

con carta di credito o PayPal

Leggendo il giornale

Cercasiunfine_115_Pagina_01.jpg

E' in distribuzione Cercasi un fine n. 115
(2019 - Anno XIV)

quadratino rosso Tema: Ambiente

Scrivendo per il giornale

Se volete scrivere per il giornale:
direttore@cercasiunfine.it


  Il 116 è sulla COPPIA (cosa vuol dire oggi essere "coppia"? Quali i ruoli nella coppia? Cos è la fedeltà nella coppia?) in preparazione.

 listing Il 117 è sul RAZZISMO (Dove nasce il razzismo? Cosa ci fa diventare razzisti? C'è il razzismo nella Chiesa?),  testi da inviare entro il 15 ottobre 2019.

 listing Il 118 è sull'ECONOMIA CIVILE (Cosa è l'economia civile? I Pro e i Contro di questo modello? Dove è applicato e come?)  testi da inviare entro il 15 novembre 2019.

 listing Il 119 è sul DIALOGO INTERRELIGIOSO  (Quanto abbiamo paura delle altre religioni? Le religioni dialogano tra di loro? Qual'è la finalità del dialogo? Cos'è il fondamentalismo religioso?)  testi da inviare entro il 31 gennaio 2020.

 listing Il 120 è sui DOVERI (si parla spesso di diritti: e i doveri? Cosa intendiamo per doveri? Esistono gruppi, culture e religioni che danno seria testimonianza sui doveri? Come educare ai doveri?)  testi da inviare entro il 15 marzo 2020.


Se avete qualcosa da proporci su qualcuno di questi temi siamo ben lieti di accoglierlo. Accettiamo anche contributi in altre lingue.