Tu sei qui: Home / Meditando / In articoli e commenti, scelti da noi / Giovani. Non per meritocrazia, ma per competenza, di Gigi Copiello

Giovani. Non per meritocrazia, ma per competenza, di Gigi Copiello

creato da Paolo Iacovelli ultima modifica 09/06/2021 18:23
L’infinita sfida di realizzare uguaglianza nella libertà…

È bene ricordare che il tema del «merito» in senso «meritocratico» fu posto, con allarme, da un sociologo laburista inglese, Michael Young, negli anni 50 del Novecento. Negli anni 60, fu contestazione contro quelli che meritavano allora: padri, padroni, preti e professori. 'Anche l’operaio vuole il figlio dottore' si cantava. 

E il metodo don Milani, la scuola di Barbiana, era la strada che portava sui palchi della Scala di Milano anche il figlio di un muratore dell’Appennino. Poi andò come andò. In Italia i bisogni di sicurezza fecero premio sul merito. Si badi: bisogni di sicurezza dei lavoratori. Ma anche dei 'padroni': che volevano essere sicuri d’esser loro, e solo loro, a decidere i meriti. Quasi sempre espressi in esperienza, anzianità e fedeltà. In altre parti del mondo, il merito ha invece fatto strame dei bisogni: decide persino se puoi curarti, formarti e così via. Ed è stato così ripudiato dal fondatore.

Prima di andare avanti, un passo indietro: Aristotele, duemilacinquecento anni fa. Lui segnalò, nell’Etica nicomachea, che la politica senza dubbio è scienza la più importante: è «architettonica », «poiché è essa che si serve di tutte le altre scienze e che stabilisce cosa si deve fare e non fare». Ma, aggiunge, la politica conduce anche a «verità imprecise». Anzi, «grossolane». Perché la sua materia è complessa e non consente altro e di più.

Questa lezione di Aristotele può avvisarci che la giustizia, se c’è, è cosa complessa. Il merito è solo un particolare. Un particolare strumento, utile, niente di più. E niente di meno, peraltro. Legato al merito c’è il tema del fisco, soprattutto in materia di eredità. Il merito non ammette eredità, anzi. La cosa empiricamente è dimostrata in Italia, sia pure al contrario. In Italia dove l’eredità di patrimoni mobili e immobili è di fatto tax free e dove non per merito ma per anzianità si accede al posto di professore, e per anzianità si cambia sede e dopo i 50 anni si arriva a una paga decorosa. È un esempio, quello della scuola, tra mille altri. 

Che tutti assieme convincono, da un decennio ormai, a decine di migliaia per anno, i 'giovani studiati' d’Italia ad andarsene in Paesi dove è riconosciuto il merito. Così dicono, in ogni intervista. E questo legame tra merito e successione dovrebbe tenerlo presente anche Enrico Letta, altrimenti passa per uno che vuole solo aumentare le tasse.

Ma poi cos’è oggi il merito? Il merito fa riferimento a competenze, skills. E nelle skills sta capitando qualcosa che non c’era ai tempi in cui si iniziò. Ferruccio Resta, rettore del Politecnico di Milano (scuola tecnica per eccellenza, in Italia e nel mondo), va sostenendo che bisogna insegnare filosofia agli ingegneri. Altrimenti non sono (più) bravi ingegneri. La vedo dura. Ma Resta ne è convinto. Lo è perché oggi la letteratura sul tema raccomanda le competenze life. E quindi: pensiero critico, visione d’insieme, capacità relazionale, leadership, responsabilità e così via. Le raccomanda nel senso che fanno premio: contano e valgono quanto e più delle competenze tecniche.

Mi paiono competenze attente ai contesti, dove ci sono meriti ma anche bisogni. Mi pare che la capacità relazionale tra persone sia da raccomandarsi. E se la leadership viene studiata, spiegata e indagata è cosa buona e utile, in tempi dove incappiamo in leader scappati di casa, senza arte né parte, eppure assisi in qualche poltrona. A far danni. Mi pare poi che la competenza 'pensiero critico' non dico sia in grado di autocorreggersi, ma sia disponibile a essere corretto. Nella infinita sfida che la politica fa per approssimare i suoi grossolani tentativi agli ideali di libertà ed eguaglianza, queste competenze meritano ancora qualcosa. In Italia, tutto.

 https://www.avvenire.it/opinioni/pagine/non-per-meritocrazia-ma-per-competenza

Azioni sul documento
  • Stampa
archiviato sotto: , ,
La Vignetta, di Martina Losito

"La disoccupazione"

La vignetta, di Martina Losito 

*Martina Losito, studentessa di ingegneria energetica presso il Politecnico di Milano.

Pubblicando, i testi di Cercasi un fine

Formare alla politica. L'esperienza di Cercasi un fine

Nasce la nuova collana I libri di Cercasi un fine in coedizione con Magma Edizioni. Il primo volume sul metodo educativo e la storia di Cercasi un fine...


Potere e partecipazione. Un'esperienza locale di amministrazione condivisa, di S. Di Liso, D. Lomazzo

Sesto libro della collana di Cercasi un fine


La salute nella e oltre la leggeLa salute nella e oltre la legge. Sfide odierne, di F. Anelli e G. Ferrara

 Quinto libro della collana di Cercasi un fine


Attrezzarsi per la città

Attrezzarsi per la città. Laboratori di formAZIONE socio-politica, di M. Natale

Questo libro, quarto della collana di Cercasi un fine, racconta un’idea, diventata poi una esperienza, basata sulla convinzione che si possa, anzi si debba, progettare...


 

Meditando in video
Un video per scoprire le nostre attività: scuole di politica, giornale e sito web, collana di libri, incontri e seminari, scuola di italiano per stranieri... benvenuti in Cercasi un fine!
Cercasi un fine. Presentandoci
2020
13th of January 2020, BBC interviews our Director Rocco D'Ambrosio on the case of the book of Ratzinger-Sarah
Il nostro direttore Rocco D'Ambrosio intervistato dalla BBC
2020
Di più…
Il 5 x mille per CuF


Sapete quanto è prezioso per noi la vostra firma del 5 x mille a nostro favore: con esso realizziamo scuole di formazione sociale e politica, un sito web e un periodico di cultura e politica, insegnamento dell’italiano per cittadini stranieri, incontri, dibattiti…

Basta la tua firma e il numero dell'associazione 91085390721 nel primo riquadro sul volontariato. 

I nostri amici stranieri

Cercasi un fine organizza degli incontri settimanali di dialogo tra culture e insegnamento della lingua italiana per stranieri.

Maggiori info >>>

centro di ascolto.jpg

Associandoci

logo-barchetta.jpg
Cercasi un fine
è insieme un periodico, un’associazione onlus, di promozione sociale, iscritta all’albo regionale della Puglia, fondata nel 2008, con attività che risalgono a partire dal 2002, una rete di scuole di formazione politica, un gruppo di amici stranieri e volontari per l'insegnamento della lingua italiana. Vi partecipano credenti cristiani e donne e uomini di diverse culture e religioni, accomunati dall’impegno per una società più giusta, pacifica e bella.

Una presentazione sintetica delle nostre attività la trovi nel video qui 

altre info su

presentandoci
cercasi una casa
sostenendoci

con carta di credito o PayPal

Leggendo il giornale

E' in distribuzione Cercasi un fine n. 123
(2021- Anno XVII)

quadratino rosso Tema: Rinascita

Scrivendo per il giornale

Se volete scrivere per il giornale:
direttore@cercasiunfine.it


 

 listing Il n. 124 è su Il Pianeta che vogliamo (1. Che rapporto c'è tra la pandemia e la situazione ambientale? 2. Nuove politiche industriali e del lavoro e impatto sull'ambiente? 3. Cosa cambiare negli stili di vita? 4. Quale il contributo delle religioni?); in preparazione. 

 listing Il n. 125 è sulla Repubblica "post Covid e tante risorse"  Testi da inviare da entro 31 agosto 2021.

Se avete qualcosa da proporci su qualcuno di questi temi siamo ben lieti di accoglierlo. Accettiamo anche contributi in altre lingue.