Tu sei qui: Home / Meditando / In articoli e commenti, scelti da noi / Giovani, laureati e disoccupati, di Paolo Perazzolo

Giovani, laureati e disoccupati, di Paolo Perazzolo

creato da Denj — ultima modifica 15/09/2015 10:58
Meno male che c'è papa Francesco a infondere fiducia ai giovani e a spronarli a combattere la tristezza e la rassegnazione...

Meno male che c'è papa Francesco a infondere fiducia ai giovani e a spronarli a combattere la tristezza e la rassegnazione. A fronte di un quadro cupo, come forse non lo è mai stato nella storia repubblicana del Paese, la politica sembra ancora una volta irretita nei suoi giochi e nelle sue liti, lontane anni luce dalla realtà.


La realtà dei giovani, ad esempio. La disoccupazione fra gli under trenta è ormai intorno al 35 per cento, toccando addirittura il 50 al Sud. E al giovane che non trova lavoro non si può nemmeno dire: studia, vedrai che le porte del mercato professionale si spalancheranno. Proprio oggi l'Istat ha fatto sapere che i senza lavoro con la laurea sotto i 35 anni erano, nel 2012, 200 mila, con un drammatico aumento dell'indice di disoccupazione nel segmento: più 28 per cento. Rispetto al 2008 il dato è spaventoso: il numero di "dottori" senza occupazione è salito del 43 per cento. Insomma, nemmeno il massimo titolo vale un impiego. Senza contare che, quando lo vale, garantisce guadagni molto bassi, come ricorda una indagine Almalaurea (e lo sanno bene i cosiddetti "cervelli in fuga" che vanno a giocarsi le loro carte, e le loro lauree e i loro master, fuori dai confini nazionali).


A rendere desolante la situazione è tuttavia l'assenza di questo tema dal calendario politico: vi risulta che questa sia una priorità dei partiti usciti dalle elezioni o che sia una delle questioni centrali di un accordo minimo di programma su cui le diverse forze politiche potrebbero convergere? Il problema ha radici profonde e lontane - lo sappiamo bene - che nemmeno lo scorso Governo è riuscito ad affrontare. Ricordate la riforma Fornero, quella che, intervenendo sul mercato del lavoro, avrebbe dovuto semplificare l'ingresso di chi è alla ricerca del primo impiego? Sembra che le cose siano andate diversamente. Lo dicono, ancora una volta, i numeri: stiamo perdendo 1.641 posti di lavoro al giorno e persino i famosi contratti atipici (non a tempo indeterminato) sono diminuiti del 24 per cento.


Ben il 65 per cento degli iscritti a Confartigianato - stando a un sondaggio Ispo - ritiene che la riforma Fornero abbia avuto effetti negativi sull'occupazione e, cosa ancor più grave, su ciò che dovrebbe renderla possibile, cioè la crescita: "Le nostre rilevazioni", ha dichiarato il presidente della Confartigianato, Giorgio Merletti, "confermano quanto avevamo temuto e denunciato: la riforma Fornero ha frenato la propensione ad assumere e ad utilizzare contratti flessibili, ha aumentato il costo dell'apprendistato e dei contratti a tempo determinato, senza peraltro alcuna riduzione del costo del lavoro dei cosiddetti contratti standard. Inoltre la confusa formulazione delle norme su partite Iva e associazioni in partecipazione sta determinando un freno anche rispetto al lavoro autonomo genuino e, conseguentemente, al sistema produttivo. E ha ulteriormente complicato la normativa sul lavoro. Insomma, tutto il contrario rispetto a ciò che serve".


Una condanna senza appello che lascia i giovani senza prospettive: lavoro non ce n'è, nemmeno laurearsi serve a ottenerlo, la politica ha altro a cui pensare. Questo Paese non ama i giovani.


fonte: www.famigliacristiana.it, 25.03.2013

Azioni sul documento
  • Stampa
archiviato sotto:
Prossimi eventi
La comunità che viene dal futuro: ricordando Franco Ferrara 30/11/2019 09:00 - 17:30 — Sala De Deo, Palazzo Comunale, via G. Rossini, Gioia del Colle (Ba)
Prossimi eventi…
Pubblicando, i testi di Cercasi un fine

Potere e partecipazione. Un'esperienza locale di amministrazione condivisa, di S. Di Liso, D. Lomazzo

Sesto libro della collana di Cercasi un fine

 


La salute nella e oltre la leggeLa salute nella e oltre la legge. Sfide odierne, di F. Anelli e G. Ferrara

 

Quinto libro della collana di Cercasi un fine


Attrezzarsi per la città

Attrezzarsi per la città. Laboratori di formAZIONE socio-politica, di M. Natale

Questo libro, quarto della collana di Cercasi un fine, racconta un’idea, diventata poi una esperienza, basata sulla convinzione che si possa, anzi si debba, progettare...


 

Meditando in video
Papa Francesco ha inviato domenica 23 aprile 2017 un video messaggio dedicato a don Lorenzo Milani, il priore di Barbiana, alla manifestazione “Tempo di Libri”, a Milano, dove nel pomeriggio è stata presentata l’edizione completa di “Tutte le Opere” del sacerdote, con alcuni inediti, curata dallo storico Alberto Melloni per la collana dei Meridiani Mondadori...
Videomessaggio del Santo Padre per Don Milani
Politica in weekend - 2 e 3 luglio 2016
Guida alla riforma costituzionale
Di più…
I nostri amici stranieri

Cercasi un fine organizza degli incontri settimanali di dialogo tra culture e insegnamento della lingua italiana per stranieri.

Maggiori info >>>

centro di ascolto.jpg

Associandoci

logo-barchetta.jpg
Cercasi un fine
è insieme un periodico, un’associazione onlus, di promozione sociale, iscritta all’albo regionale della Puglia, fondata nel 2008, con attività che risalgono a partire dal 2002 e una rete di scuole di formazione politica. Vi partecipano credenti cristiani e donne e uomini di diverse culture e religioni, accomunati dall’impegno per una società più giusta, pacifica e bella.

Una presentazione sintetica delle nostre attività la trovi nel video qui 

altre info su

presentandoci
cercasi una casa
sostenendoci

con carta di credito o PayPal

Leggendo il giornale

Cercasiunfine_115_Pagina_01.jpg

E' in distribuzione Cercasi un fine n. 115
(2019 - Anno XIV)

quadratino rosso Tema: Ambiente

Scrivendo per il giornale

Se volete scrivere per il giornale:
direttore@cercasiunfine.it


  Il 116 è sulla COPPIA (cosa vuol dire oggi essere "coppia"? Quali i ruoli nella coppia? Cos è la fedeltà nella coppia?) in preparazione.

 listing Il 117 è sul RAZZISMO (Dove nasce il razzismo? Cosa ci fa diventare razzisti? C'è il razzismo nella Chiesa?),  testi da inviare entro il 15 ottobre 2019.

 listing Il 118 è sull'ECONOMIA CIVILE (Cosa è l'economia civile? I Pro e i Contro di questo modello? Dove è applicato e come?)  testi da inviare entro il 15 novembre 2019.

 listing Il 119 è sul DIALOGO INTERRELIGIOSO  (Quanto abbiamo paura delle altre religioni? Le religioni dialogano tra di loro? Qual'è la finalità del dialogo? Cos'è il fondamentalismo religioso?)  testi da inviare entro il 31 gennaio 2020.

 listing Il 120 è sui DOVERI (si parla spesso di diritti: e i doveri? Cosa intendiamo per doveri? Esistono gruppi, culture e religioni che danno seria testimonianza sui doveri? Come educare ai doveri?)  testi da inviare entro il 15 marzo 2020.


Se avete qualcosa da proporci su qualcuno di questi temi siamo ben lieti di accoglierlo. Accettiamo anche contributi in altre lingue.