Tu sei qui: Home / Meditando / In articoli e commenti, scelti da noi / Frei Betto, Gesù e i poveri, di Pasquale Pellegrini

Frei Betto, Gesù e i poveri, di Pasquale Pellegrini

creato da webmaster ultima modifica 22/09/2015 11:35
...ricorda il domenicano, la quantità di cibo disponibile è sufficiente per dodici miliardi di persone: siamo sette miliardi, eppure, per fame, muoiono ogni giorno circa sette mila persone.

Prima dell’appuntamento, organizzato, a Polignano a mare, da Rete Radiè Resh e dalla parrocchia Sant’Antonio sul tema della speranza, Frei Betto, frate domenicano brasiliano, esponente della Teologia della liberazione, era stato dal Papa. Un incontro breve in cui il frate ha posto all’attenzione del Pontefice alcuni punti.

Innanzitutto, le comunità ecclesiali di base (Ceb) a cui papa Francesco aveva inviato un messaggio in occasione del raduno nazionale. Nella Chiesa latinoamericana le Ceb rappresentano i poveri. Poi la necessità di instaurare un dialogo con la Teologia della liberazione, guardata con sospetto da Giovanni Paolo II e da Benedetto XVI, e ha chiesto un’attenzione particolare ai popoli indigeni, le cui terre sono minacciate da speculazioni capitalistiche. Frei Betto ha anche  invitato il  Pontefice a riabilitare i domenicani  Maestro Ecchart e Giordano Bruno. Sembrerebbero argomenti slegati dalla speranza, in realtà sono sfaccettature dello stesso discorso, perché, spiega Frei Betto, «noi possiamo trovare la presenza reale di Gesù nell’eucarestia e nei poveri».

Al fondo del dialogo con il Pontefice si scorge l’impegno del teologo della liberazione in difesa dei poveri e dei loro diritti. «Non perché i poveri siano migliori del ricco. La questione è un'altra: la povertà non è prevista nel piano di Dio. Ogni povero è un impoverito. La povertà è un male che deriva da strutture ingiuste, da un sistema che permette l’accumulo di ricchezza nella mani di pochi. Le 85 persone più ricche del Pianeta cumulano una ricchezza pari a quella di 3 miliardi e mezzo di persone». È una condizione inaccettabile da cui ogni povero cerca di affrancarsi. «Solo i religiosi», dice Frei Betto, «fanno voto di povertà, poi però non vivono realmente in povertà. Dovrebbero, invece, fare un voto di impegno per la giustizia, per lottare contro le cause della povertà».

Secondo la Fao, ricorda il domenicano, la quantità di cibo disponibile è sufficiente per dodici miliardi di persone: siamo sette miliardi, eppure, per fame, muoiono ogni giorno circa sette mila persone. «La grande sfida di oggi», sottolinea, «è come costruire un progetto sociale nel quale ogni essere umano possa vedere garantita la propria vita degna; dove i miserabili del mondo non abbiano fretta di emigrare in regioni più ricche e fortunate. Ma non è facile». Tuttavia, non si arrende e non rinuncia alla speranza di un cambiamento. «Noi», spiega, «siamo la prima generazione, nell’arco degli ultimi cinquecento anni, che sta vivendo un cambio epocale: stiamo passando dalla modernità alla post-modernità. Il risultato sono le turbolenze a cui assistiamo oggi nel mondo». Questo significa che alcuni aspetti non sono più attuali, non rispondono più alle esigenze della società. «Un’epoca è caratterizzata dal suo paradigma», chiarisce Frei Betto. «Nel Medioevo il paradigma  era la religione, nella modernità la ragione, con le sue figlie predilette: la scienza e la tecnologia. Tuttavia, nonostante che l’uomo sia andato sulla Luna, non è riuscito a sfamare milioni di bambini africani; nonostante che la medicina abbia fatto progressi notevoli, basta ammalarsi per vedere che l’accesso a tanto progresso non è per tutti». Il risultato della modernità, sembra suggerire il domenicano, non è dei migliori, dal momento che metà dell’umanità è rimasta sotto la soglia della povertà. A decidere se si deve essere poveri o ricchi è solo il caso: dipende in quale parte del mondo si nasce. «È ingiusto», osserva il religioso, «che la nostra fortuna sia dettata dalla lotteria biologica. Questo privilegio deve trasformarsi in un obbligo morale, in un debito totale nei confronti di quelli che non hanno avuto la stessa fortuna avuta».

Perciò, visto che siamo ad un cambiamento epocale, quale potrebbe essere il paradigma della post-modernità?  «Ci sono due possibilità», annota Frei Betto. «La prima è il mercato, la mercificazione di tutte le dimensioni della vita umana e della natura; la seconda è la globalizzazione della solidarietà. Oggi si parla moltissimo di globalizzazione, in realtà si tratta di una “globo colonizzazione”, ossia dell’imposizione a tutto il Pianeta di un modello di capitalismo, di consumismo e di opulenza. L’importante non è produrre, ma consumare e chi non fa parte del mercato, non vale niente. È la merce che conferisce all’essere umano maggior o minor valore». Il risultato, osserva il teologo, è una società disumanizzante, in cui dilaga la droga. «Potremo raggiungere la nostra speranza», conclude, «se  lottiamo per una società della condivisione. Possiamo avere il diritto di chiamare Dio Padre nostro, se non voglio il pane, che rappresenta il bene della vita, solo per me;  se condivido la fede che dà senso alla vita, la speranza, che nobilita la vita in funzione della solidarietà, e, soprattutto, se condivido l’amore». In altre parole, se globalizzo la solidarietà.

Pasquale Pellegrini

Pasquale Pellegrini
(giornalista e saggista, Polignano, Bari)

Azioni sul documento
  • Stampa
Prossimi eventi
III Forum di Etica Civile, Verso un patto tra generazioni: un presente giusto per tutti 16/11/2019 - 17/11/2019 — Firenze
La comunità che viene dal futuro: ricordando Franco Ferrara 30/11/2019 09:00 - 17:30 — Sala De Deo, Palazzo Comunale, via G. Rossini, Gioia del Colle (Ba)
Prossimi eventi…
Pubblicando, i testi di Cercasi un fine

Potere e partecipazione. Un'esperienza locale di amministrazione condivisa, di S. Di Liso, D. Lomazzo

Sesto libro della collana di Cercasi un fine

 


La salute nella e oltre la leggeLa salute nella e oltre la legge. Sfide odierne, di F. Anelli e G. Ferrara

 

Quinto libro della collana di Cercasi un fine


Attrezzarsi per la città

Attrezzarsi per la città. Laboratori di formAZIONE socio-politica, di M. Natale

Questo libro, quarto della collana di Cercasi un fine, racconta un’idea, diventata poi una esperienza, basata sulla convinzione che si possa, anzi si debba, progettare...


 

Meditando in video
Papa Francesco ha inviato domenica 23 aprile 2017 un video messaggio dedicato a don Lorenzo Milani, il priore di Barbiana, alla manifestazione “Tempo di Libri”, a Milano, dove nel pomeriggio è stata presentata l’edizione completa di “Tutte le Opere” del sacerdote, con alcuni inediti, curata dallo storico Alberto Melloni per la collana dei Meridiani Mondadori...
Videomessaggio del Santo Padre per Don Milani
Politica in weekend - 2 e 3 luglio 2016
Guida alla riforma costituzionale
Di più…
I nostri amici stranieri

Cercasi un fine organizza degli incontri settimanali di dialogo tra culture e insegnamento della lingua italiana per stranieri.

Maggiori info >>>

centro di ascolto.jpg

Associandoci

logo-barchetta.jpg
Cercasi un fine
è insieme un periodico, un’associazione onlus, di promozione sociale, iscritta all’albo regionale della Puglia, fondata nel 2008, con attività che risalgono a partire dal 2002 e una rete di scuole di formazione politica. Vi partecipano credenti cristiani e donne e uomini di diverse culture e religioni, accomunati dall’impegno per una società più giusta, pacifica e bella.

Una presentazione sintetica delle nostre attività la trovi nel video qui 

altre info su

presentandoci
cercasi una casa
sostenendoci

con carta di credito o PayPal

Leggendo il giornale

Cercasiunfine_115_Pagina_01.jpg

E' in distribuzione Cercasi un fine n. 115
(2019 - Anno XIV)

quadratino rosso Tema: Ambiente

Scrivendo per il giornale

Se volete scrivere per il giornale:
direttore@cercasiunfine.it


  Il 116 è sulla COPPIA (cosa vuol dire oggi essere "coppia"? Quali i ruoli nella coppia? Cos è la fedeltà nella coppia?) in preparazione.

 listing Il 117 è sul RAZZISMO (Dove nasce il razzismo? Cosa ci fa diventare razzisti? C'è il razzismo nella Chiesa?),  testi da inviare entro il 15 ottobre 2019.

 listing Il 118 è sull'ECONOMIA CIVILE (Cosa è l'economia civile? I Pro e i Contro di questo modello? Dove è applicato e come?)  testi da inviare entro il 15 novembre 2019.

 listing Il 119 è sul DIALOGO INTERRELIGIOSO  (Quanto abbiamo paura delle altre religioni? Le religioni dialogano tra di loro? Qual'è la finalità del dialogo? Cos'è il fondamentalismo religioso?)  testi da inviare entro il 31 gennaio 2020.

 listing Il 120 è sui DOVERI (si parla spesso di diritti: e i doveri? Cosa intendiamo per doveri? Esistono gruppi, culture e religioni che danno seria testimonianza sui doveri? Come educare ai doveri?)  testi da inviare entro il 15 marzo 2020.


Se avete qualcosa da proporci su qualcuno di questi temi siamo ben lieti di accoglierlo. Accettiamo anche contributi in altre lingue.