Tu sei qui: Home / Meditando / In articoli e commenti, scelti da noi / Francesco, papa comunista? di Nina Fabrizio

Francesco, papa comunista? di Nina Fabrizio

creato da Rocco D'Ambrosio ultima modifica 24/09/2015 13:02
A margine di un incontro in Gregoriana, alcuni spunti di riflessione su papa Francesco...

 

Martedì 14 gennaio 2014 il Dipartimento di Teologia Morale della Gregoriana ha organizzato una tavola rotonda sulla prima Esortazione Apostolica di Papa Francesco: EVANGELII GAUDIUM. UN TESTO CHE CI INTERROGA. Criteri per la lettura della prima Esortazione apostolica di Papa Francesco. La discussione moderata da P. Miguel Yáñez, Direttore del Dipartimento di Teologia Morale, ha visto la partecipazione di Don Dario Vitali (Il “Sensus fidelium” e il Popolo di Dio), P. Joseph Xavier, S.I. (Verso una nuova immagine della chiesa), P. Paolo Benanti, T.O.R. (L’annuncio del Vangelo di fronte alle nuove sfide culturali: un dialogo con inedite antropologie e nuovi valori), Don Rocco D’Ambrosio (Parlare e comunicare alla gente), P. Felix Körner, S.I. (Dialogo interreligioso), P. Diego Alonso-Lasheras, S.I. (Evangelizzazione, economia e bene comune), P. René Micallef, S.I. (Il problema delle migrazioni) e P. Miguel Yáñez, S.I. (L’opzione preferenziale per i poveri).

In un'intervista all'ANSA padre Yanez così si è espresso:

 

"Il Papa sarebbe marxista perché nella Evangelii gaudium parla di economia che uccide? E' una critica superficiale e non credo che i marxisti sarebbero d'accordo. Alcuni settori della Chiesa si allarmano per un papa definito 'pauperista'? Mi domando che cosa è successo alla Chiesa, povero era Gesù Cristo". Parola di Miguel Yanez, docente di Teologia morale alla Pontificia Università Gregoriana, promotore della tavola rotonda che si terrà domani nell'ateneo dei Gesuiti proprio per riflettere sull'esortazione apostolica di papa Francesco: "Non dobbiamo usare questo documento - osserva - per accusarci, no 'alla guerra tra di noi', dice lo stesso Bergoglio in un testo in cui c'è tutta la sua impronta e va approfondito e discusso perché davvero apre gli orizzonti".
Padre Yanez è una vecchia conoscenza di Bergoglio. Argentino anche lui, fu il provinciale oggi Papa a farlo entrare nella Compagnia di Gesù nel 1975. Alla Chiesa del Gesù la settimana scorsa ha raccontato a Francesco dell'appuntamento di domani e il Papa lo ha incoraggiato: "Bravi, fate rumore! Fate casino!".
C'è persino chi ipotizza che sia lui uno dei due gesuiti che, come da consuetudine dell'ordine ignaziano, hanno rivisto il testo del Papa. All'ANSA Yanez ovviamente nega: "Non l'ho rivisto io, ma comunque non lo direi". Spiega quindi il perché della tavola rotonda. "Questo documento - dice - apre gli orizzonti, ci interroga anche dal punto di vista teologico, alla base c'è la problematica del rapporto tra evangelizzazione e morale, questo è l'asse portante. C'è un legame profondo con il Vaticano II, ci dice che l'evangelizzazione non va ridotta a un elenco di principi ma è un atto comunicativo che investe tutta la persona, per cui la dimensione morale è molto importante". "Quella del 'marxista' a Bergoglio - osserva Yanez - è una critica superficiale, non credo che i marxisti siano d'accordo - aggiunge ridendo - e non è la prima volta che un Papa critica il capitalismo selvaggio. Non c'è un unico capitalismo: il capitalismo della Germania o degli Stati Uniti, ad esempio, non è lo stesso. Ma in ogni caso il Papa parla da pastore, non da economista e può contare comunque sulla sua esperienza argentina dove ha visto egli stesso gli effetti di un capitalismo mal regolato". "Posso capire che ci sono dei malcontenti - prosegue - ma non è il primo Papa ad avere una posizione del genere, poi ognuno ha il suo approccio. E' normale che la Chiesa sia plurale ma la domanda che mi faccio è sulla fondazione teologica: il Papa sarebbe 'pauperista' perché ha fatto gesti di povertà? L'accusa mi sorprende perché Gesù era povero e se un Papa povero sorprende alcuni settori della Chiesa io mi domando, che cosa è successo? La povertà è un valore evangelico indiscutibile, più il Papa decide di essere povero e più è coerente".
"Il cristiano del terzo millennio - continua il teologo - dovrebbe osservare uno stile di vita non consumistico, aperto ai bisogni degli altri, solidale, l'opzione preferenziale per i poveri è stata indicata già da Giovanni Paolo II, è uno sviluppo del magistero pontificio. Poi che Francesco lo assuma anche a livello personale, che sia un uomo povero io non ho dubbi, lo è sempre stato e mi rallegra vedere che lui è capace di portare avanti questo stile di vita, sono cose che devono cambiare".
Un altro aspetto da sottolineare del documento, per Yanez, "è il discernimento pastorale: il Papa offre delle chiavi per un discernimento personale e comunitario, svela tutte le tentazioni che abbiamo, siamo uomini e nessuno è libero dalle tentazioni soprattutto quelle, come dice Sant'Ignazio, 'sotto specie di bene', cose che distraggono dalle vere finalità pastorali e lì il Papa molto intelligentemente svela tanti atteggiamenti pseudoreligiosi o pseudocristiani". "Non dobbiamo usare questo documento per accusarci - esorta Yanez -, no alla guerra tra di noi, ognuno faccia il suo esame di coscienza davanti a Dio. Non si deve usare la scelta religiosa per il carrierismo o per trascorrere una vita comoda, sarebbe sfuggire alle sfide dell'evangelizzazione che ci aspettano nel mondo d'oggi. Per questo il Papa ci invita a uscire da questi atteggiamenti comodi o ipocriti e lo dice uno che ha grande esperienza pastorale e spirituale, si deve vivere per gli altri, la nostra vocazione è essere con gli altri non è Dio che ci stacca dal mondo". (ANSA).

Azioni sul documento
  • Stampa
archiviato sotto: ,
Il Gruppo "Il Seggio" di Cercasi un fine a Minervino

 

 

Si chiama "Il seggio": è il gruppo territoriale di Cercasi un fine, nato a Minervino, a fine anno 2021.

Esso nasce dall'iniziativa dei soci fondatori e ordinari di Cuf, residenti a Minervino. Il gruppo (attraverso un apposito Regolamento) è un'emanazione territoriale della nostra Associazione, di cui condivide statuo, finalità, contenuti e strategie associative.

Auguriamo al gruppo di essere attivo e proficuo nella ricerca de nostro Fine come don Milani insegna: "Bisogna che il fine sia onesto. Grande. Il fine giusto è dedicarsi al prossimo. E in questo secolo come lei vuole amare se non con la politica o col sindacato o con la scuola? Siamo sovrani. Non è più il tempo delle elemosine, ma delle scelte".

 

indirizzo:

Vico II Spineto,2 (c/o Parrocchia S. Michele Arcangelo)

76013 Minervino Murge (BT)

per info:

mail: scuolasociopoliticaminervino@cercasiunfine.it

cell: 349 6534286

Pubblicando, i testi di Cercasi un fine

Formare alla politica. L'esperienza di Cercasi un fine

Nasce la nuova collana I libri di Cercasi un fine in coedizione con Magma Edizioni. Il primo volume sul metodo educativo e la storia di Cercasi un fine...


Potere e partecipazione. Un'esperienza locale di amministrazione condivisa, di S. Di Liso, D. Lomazzo

Sesto libro della collana di Cercasi un fine


La salute nella e oltre la leggeLa salute nella e oltre la legge. Sfide odierne, di F. Anelli e G. Ferrara

 Quinto libro della collana di Cercasi un fine


Attrezzarsi per la città

Attrezzarsi per la città. Laboratori di formAZIONE socio-politica, di M. Natale

Questo libro, quarto della collana di Cercasi un fine, racconta un’idea, diventata poi una esperienza, basata sulla convinzione che si possa, anzi si debba, progettare...


 

Meditando in video
Un video per scoprire le nostre attività: scuole di politica, giornale e sito web, collana di libri, incontri e seminari, scuola di italiano per stranieri... benvenuti in Cercasi un fine!
Cercasi un fine. Presentandoci
2020
13th of January 2020, BBC interviews our Director Rocco D'Ambrosio on the case of the book of Ratzinger-Sarah
Il nostro direttore Rocco D'Ambrosio intervistato dalla BBC
2020
Di più…
I nostri amici stranieri

Cercasi un fine organizza degli incontri settimanali di dialogo tra culture e insegnamento della lingua italiana per stranieri.

Maggiori info >>>

centro di ascolto.jpg

Associandoci

logo-barchetta.jpg
Cercasi un fine
è insieme un periodico, un’associazione onlus, di promozione sociale, iscritta all’albo regionale della Puglia, fondata nel 2008, con attività che risalgono a partire dal 2002, una rete di scuole di formazione politica, un gruppo di amici stranieri e volontari per l'insegnamento della lingua italiana. Vi partecipano credenti cristiani e donne e uomini di diverse culture e religioni, accomunati dall’impegno per una società più giusta, pacifica e bella.

Una presentazione sintetica delle nostre attività la trovi nel video qui 

altre info su

presentandoci
cercasi una casa
sostenendoci

con carta di credito o PayPal

Leggendo il giornale

E' in distribuzione Cercasi un fine n. 124
(2021- Anno XVII)

quadratino rosso Tema: Pianeta che vogliamo

Scrivendo per il giornale

Se volete scrivere per il giornale:
direttore@cercasiunfine.it


  

 listing Il n. 125 è sulla Repubblica "post Covid e tante risorse"  è in preparazione. 

 listing Il n. 126 è su "Il rispetto dell'identità sessuale"  (cosa intendiamo per identità sessuale? Come rispettarla nella vita quotidiana? Quali tutele politiche e giuridiche introdurre?). Tc

 listing Il n. 127 è dedicato alla vita quotidiana (in un mondo eccessivamente mediatico quale valore ha il quotidiano? I suoi piccoli e significativi gesti quale senso hanno? Conosciamo i vissuti quotidiani attorno a noi?). Testi da inviare entro il 28 febbraio 2022.

Se avete qualcosa da proporci su qualcuno di questi temi siamo ben lieti di accoglierlo: testi non superiori a 4000 caratteri/spazi inclusi, da inviare ai nostri indirizzi mail. Accettiamo anche contributi in altre lingue e di bambini.