Tu sei qui: Home / Meditando / In articoli e commenti, scelti da noi / Francesco, l’unico credibile, di Riccardo Cristiano

Francesco, l’unico credibile, di Riccardo Cristiano

creato da Paolo Iacovelli ultima modifica 22/03/2022 09:44
Francesco ci risolve il problema che non vogliamo davvero porci sino in fondo: il nostro vero problema è che laggiù, dentro, temiamo di non credere più a nulla…

C’è una domanda davanti alla quale ci ritroveremo: «ne è valsa la pena?». La cosa peggiore è trovarsi nella condizione di doverci pensare, temendo che sia arrivato il tempo di doverselo chiedere, quando ormai sia troppo tardi. Senza risposta.

E, se non si crede in nulla, è difficile trovare il modo di dire che − sì − ne è valsa la pena. Perché, se non si crede nell’amore, nella libertà, nell’uguaglianza, nella fraternità, in Dio, che dire?

Il nostro problema, dunque, lo ha posto bene Domenico Quirico su La Stampa di sabato 19 marzo, scrivendo una lettera a Francesco e chiedendogli di andare in Ucraina, a provare lui a fare il miracolo di fermare la guerra. Perché ora la guerra comincia a farci davvero paura. Ma se proviamo appunto a porci la domanda «ne è valsa la pena?», non sappiamo in nome di che cosa rispondere certamente «sì!».

La nostra cattiva coscienza

Avendo creduto nei diritti umani, almeno di quelli sotto le bombe, avremmo potuto o potremmo rispondere che «sì, ne è valsa la pena». Ma non è vero. Perché li abbiamo respinti − i predecessori degli ucraini − deportati dal loro Paese dallo stesso forcone, quello di Putin e del suo amico Assad, delegando la loro gestione ai turchi. Li abbiamo respinti − politicamente − chiudendo i nostri porti nel Mediterraneo, non solo col ministro Salvini, ma anche, meno manifestamente, con chi lo ha preceduto, il ministro Minniti, di altro segno.

Lo abbiamo fatto perché non abbiamo avuto così tanta paura che il loro destino potesse diventare il nostro. Se avessimo davvero creduto a fondo nella libertà, avremmo potuto o potremmo rispondere che «sì, ne è valsa la pena». Ma non è così. Tanto è vero che ora ci entra in testa l’idea che la soluzione migliore sarebbe la resa degli ucraini: la libertà ha un prezzo, se accettassero di pagarlo subito sarebbe tutto finito.

Ma non lo fanno e non lo vogliono fare. E visto che non lo fanno − e non crediamo neppure nella scelta di dirgli «arrendetevi e basta!» − ci comincia a crescere dentro una strana paura: e se non si fermasse questa maledettissima guerra? Se questa volta arrivasse davvero l’ora di chiederci «ne è valsa la pena», in nome di cosa potremmo rispondere «sì!»?

Solo amore ci salverà

Potremmo rispondere affermativamente se credessimo nell’amore, ma esiste qualcuno che oggi, in queste ore, sta pensando all’amore? Potremmo rispondere affermativamente se credessimo nella fraternità, ma abbiamo ceduto immediatamente alla russofobia, alla mortificazione di chi magari ora sta sfidando il tiranno, perché comunque ci serve un mostro. E il mostro non può essere nostro fratello.

Tanto che alcuni preferiscono, per comodità, rendere un mostro gli ucraini, coloro che fanno la guerra per procura del mostro più mostruoso di tutti, la NATO.

È ovvio che non credendo a fondo in nulla di tutto questo, non crediamo in Dio. Qualcuno la chiama scristianizzazione. Io la chiamo disumanizzazione.

E dunque non credendo a nulla, non possiamo credere neanche a qualcuno. In chi vogliamo credere? In chi potremmo credere? Nei leaders europei? Quelli che dal 2014 ucraino − l’anno della rivoluzione di piazza Majdan e dell’annessione della Crimea − hanno saputo soltanto, mentre già si applicavano sanzioni, aumentare la nostra dipendenza energetica dalla Russia? Nei leader statunitensi? Non sono forse quelli che hanno lasciato che si affermasse in Ucraina un modello di democrazia oligarchica opposta e speculare a quella russa?

L’affidabilità di Francesco

Così Quirico coglie la realtà drammatica nella quale ci troviamo. C’è solo Francesco a cui credere. Ma dire una frase del genere, cioè «credere in Francesco» è sbagliato, rischioso. Vuol dire qualcosa, ma dice qualcosa di diverso. La frase giusta è «Francesco è l’unico credibile». Ci possiamo affidare soltanto a lui.

Ha saputo condannare le azioni di Putin senza mai nominarlo. Ha saputo invitare gli ucraini a capire che il loro Paese, restando tale, doveva essere un ponte, non un muro, ma senza mai litigare con loro.

Questo però non basta per capire perché affidarsi a Francesco oggi appaia − a credenti e non credenti − l’unica via.

Non posso naturalmente rispondere interpretando sguardi diversi dal mio, perché sento che ci sono, ma non posso pretendere di rappresentarli.

Dico che non possiamo fare altrimenti di Francesco perché solo lui ci restituisce la forza di credere a qualcosa. Non tutti crediamo in Dio, ma tutti abbiamo bisogno di credere in qualcosa. Francesco ha restituito a tutti noi la possibilità di credere come possiamo, come sappiamo, come vorremmo o come penseremmo di volere.

Questa forza della sua fede, che non esclude dal suo orizzonte le fedi o i desideri di fede degli altri, lo ha reso, in questi anni, l’ultima persona affidabile, l’ultima autorità morale globale. Quale altra autorità morale globale esiste? È la stessa cosa che dice Quirico.

L’affidabilità di Francesco consiste nel fatto che tutti, a prescindere dai più pervicaci tifosi degli opposti fondamentalismi, possiamo fidarci di lui. Dunque, chi altro potrebbe rappresentarci, nelle nostre diversità, davanti alla guerra? Ma soprattutto: chi altro potrebbe comunque salvarci dal pericolo più grande per la nostra stessa umanità, quello di non sapere come rispondere alla domanda, «ne è valsa la pena?».

Nel vuoto del nostro credere

Affidandoci a Francesco sentiamo di poter ritrovare qualcosa di simile a una fede nella chiarezza contagiosa della sua. Anche se la nostra non coincide con la stessa, avvertiamo che la sua è talmente vera da saper comprendere anche la nostra.

E così ci affidiamo a lui perché sappia aprire perlomeno uno spiraglio e faccia diventare qualcuno di noi credente, almeno nei diritti umani, qualcun altro credente nella libertà, qualcun altro credente, persino, in Dio. Tutti in qualche modo credenti.

Così Francesco ci risolve il problema che non vogliamo davvero porci sino in fondo: il nostro vero problema è che laggiù, dentro, temiamo di non credere più a nulla.

Se credessimo davvero in quel che diciamo, non dovremmo chiedere a Francesco di credere per tutti noi. Potremmo dirci che «ne è valsa la pena e ne vale ancora la pena», solo dimostrando a noi stessi − adesso! − che la libertà, l’uguaglianza, la fraternità, sono ciò in cui veramente crediamo.

Giovanni Paolo II a Parigi definì queste «parole cristiane». Anche chi si richiama ai lumi le ha scelte. Credendoci ancora? Loro. Noi. Tutti.

http://www.settimananews.it/lettere-interventi/francesco-unico-credibile/

Azioni sul documento
  • Stampa
archiviato sotto: , ,
Associandoci

logo-barchetta.jpg

Cercasi un fine è insieme un periodico, un’associazione onlus, di promozione sociale, iscritta all’albo regionale della Puglia, fondata nel 2008, con attività che risalgono a partire dal 2002, una rete di scuole di formazione politica, un gruppo di amici stranieri e volontari per l'insegnamento della lingua italiana. Vi partecipano credenti cristiani e donne e uomini di diverse culture e religioni, accomunati dall’impegno per una società più giusta, pacifica e bella.

Una presentazione sintetica delle nostre attività la trovi nel video qui 

altre info su

presentandoci
cercasi una casa
sostenendoci

Prossimi eventi
Il voto politico tra astensione e progetti 03/09/2022 16:00 - 20:00 — Sala Bice Leddomade, via Sanges 11/A, Cassano delle Murge (BA)
Prossimi eventi…
Pubblicando, i testi di Cercasi un fine

Formare alla politica. L'esperienza di Cercasi un fine

Nasce la nuova collana I libri di Cercasi un fine in coedizione con Magma Edizioni. Il primo volume sul metodo educativo e la storia di Cercasi un fine...


Potere e partecipazione. Un'esperienza locale di amministrazione condivisa, di S. Di Liso, D. Lomazzo

Sesto libro della collana di Cercasi un fine


La salute nella e oltre la leggeLa salute nella e oltre la legge. Sfide odierne, di F. Anelli e G. Ferrara

 Quinto libro della collana di Cercasi un fine


Attrezzarsi per la città

Attrezzarsi per la città. Laboratori di formAZIONE socio-politica, di M. Natale

Questo libro, quarto della collana di Cercasi un fine, racconta un’idea, diventata poi una esperienza, basata sulla convinzione che si possa, anzi si debba, progettare...


 

Meditando in video
Un video per scoprire le nostre attività: scuole di politica, giornale e sito web, collana di libri, incontri e seminari, scuola di italiano per stranieri... benvenuti in Cercasi un fine!
Cercasi un fine. Presentandoci
2020
13th of January 2020, BBC interviews our Director Rocco D'Ambrosio on the case of the book of Ratzinger-Sarah
Il nostro direttore Rocco D'Ambrosio intervistato dalla BBC
2020
Di più…
Il 5 x mille per CuF


Sapete quanto è prezioso per noi la vostra firma del 5 x mille a nostro favore: con esso realizziamo scuole di formazione sociale e politica, un sito web e un periodico di cultura e politica, insegnamento dell’italiano per cittadini stranieri, incontri, dibattiti…

Basta la tua firma e il numero dell'associazione 91085390721 nel primo riquadro sul volontariato. 

I nostri amici stranieri

Cercasi un fine organizza degli incontri settimanali di dialogo tra culture e insegnamento della lingua italiana per stranieri.

Maggiori info >>>

centro di ascolto.jpg

Il Gruppo "Il Seggio" di Cercasi un fine a Minervino

 

 

Si chiama "Il seggio": è il gruppo territoriale di Cercasi un fine, nato a Minervino, a fine anno 2021.

Esso nasce dall'iniziativa dei soci fondatori e ordinari di Cuf, residenti a Minervino. Il gruppo (attraverso un apposito Regolamento) è un'emanazione territoriale della nostra Associazione, di cui condivide statuo, finalità, contenuti e strategie associative.

Auguriamo al gruppo di essere attivo e proficuo nella ricerca de nostro Fine come don Milani insegna: "Bisogna che il fine sia onesto. Grande. Il fine giusto è dedicarsi al prossimo. E in questo secolo come lei vuole amare se non con la politica o col sindacato o con la scuola? Siamo sovrani. Non è più il tempo delle elemosine, ma delle scelte".

 

indirizzo: Vico II Spineto, 2
(c/o Parrocchia S. Michele Arcangelo)
76013 Minervino Murge (BT)

per info:
mail: scuolasociopoliticaminervino@cercasiunfine.it
cell: 349 6534286

Contribuendo

Contribuendo.jpg

Bonifico Bancario
Cercasi un Fine ONLUS
IBAN IT26C0846941440000000019932
BCC Credito Cooperatvo

Leggendo il giornale

E' in distribuzione Cercasi un fine n. 126
(2021- Anno XVII)

quadratino rosso Tema: Il rispetto dell'identità sessuale

 

Scrivendo per il giornale

Se volete scrivere per il giornale:
direttore@cercasiunfine.it


  

 

 listing Il n. 127 è dedicato alla vita quotidiana (in un mondo eccessivamente mediatico quale valore ha il quotidiano? I suoi piccoli e significativi gesti quale senso hanno? Conosciamo i vissuti quotidiani attorno a noi?). In preparazione.

 listing Il n. 128 è sulla "Riforma costituzionale in tema ambientale"  (qual è il significato dell'ultima riforma costituzionale in tema ambientale? Quali ricadute per noi e le generazioni future? E' un nuovo patto tra generazioni? Quali effetti sull'attività economica?). Testi da inviare entro il 30 giugno 2022.

listing Il n. 129 è su "Dopo il Covid e la guerra: una nuova globalizzazione?"  (La pandemia e la guerra in Ucraina sembrano aver messo in crisi il vecchio modello della globalizzazione: come costruire un nuovo modello? Cosa deve cambiare e cosa può restare?). Testi da consegnare entro il 30 agosto 2022. 

Se avete qualcosa da proporci su qualcuno di questi temi siamo ben lieti di accoglierlo: testi non superiori a 4000 caratteri/spazi inclusi, da inviare ai nostri indirizzi mail. Accettiamo anche contributi in altre lingue e di bambini.