Tu sei qui: Home / Meditando / In articoli e commenti, scelti da noi / Francesco e la 'battaglia' per una religione non asservita ai potenti di turno, di Riccardo Cristiano

Francesco e la 'battaglia' per una religione non asservita ai potenti di turno, di Riccardo Cristiano

creato da Paolo Iacovelli ultima modifica 07/05/2022 09:54
A Mosca Kirill benedice la guerra di Putin ma a Roma non c’è il capo di una Chiesa etnica, né un fondamentalista…

Qualcuno ha fatto un sogno. Alle dodici in punto il romano pontefice si affaccia alla finestra del palazzo apostolico, quello adiacente la Basilica di San Pietro, e dice: “ Se l’umanità riconosce che la dittatura, la sopraffazione, non sono violazioni della legge di Dio, se l’umanità concorda sul fatto che la tirannide è una delle opzioni per il comportamento umano, allora la civiltà umana finirà lì. E le parate sulla piazza rossa sono progettate per dimostrare che il totalitarismo è una delle variazioni possibili del comportamento umano. Dopo una breve sosta il romano pontefice prosegue: “ciò che sta accadendo oggi nell’ambito delle relazioni internazionali, quindi, non ha solo un significato politico. Stiamo parlando di qualcosa di diverso e molto più importante della politica. Stiamo parlando della salvezza umana, su dove finirà l’umanità, da che parte di Dio Salvatore sarà, alla sua destra o alla sua sinistra… Tutto quanto sopra indica che siamo entrati in una lotta che non ha un senso fisico, ma un significato metafisico”. 

Sono parole che ho immaginato capovolgendo il senso di quanto detto dal patriarca di Mosca, Sua Santità Kirill, nella sua famosa omelia di guerra: “Se l’umanità riconosce che il peccato non è una violazione della legge di Dio, se l’umanità concorda sul fatto che il peccato è una delle opzioni per il comportamento umano, allora la civiltà umana finirà lì. E le parate gay sono progettate per dimostrare che il peccato è una delle variazioni del comportamento umano”.

Dunque per il patriarca Kirill “ciò che sta accadendo oggi nell’ambito delle relazioni internazionali, non ha solo un significato politico. Stiamo parlando di qualcosa di diverso e molto più importante della politica. Stiamo parlando della salvezza umana, su dove finirà l’umanità, da che parte di Dio Salvatore, che viene nel mondo come Giudice e Creatore, a destra o a sinistra… Tutto quanto sopra indica che siamo entrati in una lotta che non ha un senso fisico, ma un significato metafisico”. 

A Roma però non c’è il capo di una Chiesa etnica, né un fondamentalista, il discorso da cui siamo partiti non c’è stato, e non ci sarà. La Chiesa cattolica rimane, come dice il suo nome stesso, “universale” e il vescovo di Roma, quelle parole non le dirà. A Roma non siede un Kirill dell’Occidente, pronto a benedire i missili che dovrebbero smantellare la capitale del male, Mosca. E’ questo che l’Occidente rimprovera a Jorge Mario Bergoglio? E’ questo che molto definiscono “vicinanza a Mosca”?  Per questo ci si ostina a dire che la sua visione è in crisi perché lui ha puntato molto su Pechino e Mosca? Certo, il vescovo che guida una chiesa sinodale e globale ha puntato sulla Russia e sulla Cina, come sull’islam. Ha fatto male? Per chi non ha voluto neanche leggere cosa dica il documento sulla fratellanza che ha firmato con la massima autorità teologica sunnita e condiviso “nei fatti” con quella sciita, arrivando a un passo da farle incontrare qui a Roma, ha fatto male. Invece per me ha fatto bene. 

E se penso che il miliardario Kirill aveva non benedetto le armi atomiche russe, per la prima volta in vita sua, penso che abbia fatto bene anche a sobbarcarsi l’onere di bere l’amaro calice di un comunicato congiunto insopportabile illeggibile pur di incontrarlo. Chi gli rimprovera questo agisce come Mike Pompeo, che arrivò a minacciarlo “politicamente” per l’accordo con Pechino sui criteri di nomina dei vescovi cinesi, primo passo nella millenaria storia cinese verso il pluralismo. 

Il pluralismo che riconosce i tempi diversi della storia di Francesco però non piace solo a Occidente. C’è stato infatti anche un altro sogno. In questo sogno alle dodici in punto il romano pontefice si affaccia alla finestra del palazzo apostolico, quello adiacente la Basilica di San Pietro e dice: “ Se l’umanità riconosce che la Nato, strumento di sopraffazione e negazione della dignità dei popoli, rispetta l’uomo, se l’umanità riconosce che Washington può impunemente minacciare chiunque, allora la civiltà umana finirà lì. Ciò che sta accadendo oggi nell’ambito delle relazioni internazionali, quindi non ha solo un significato politico. Stiamo parlando della salvezza umana, davanti alla quale la salvezza degli ucraini, pur auspicabile, non può distrarci.” 

A Roma però non c’è il capo di una Chiesa ideologica, né un fondamentalista antiamericano. Questo discorso non c’è stato e non ci sarà. Di più! Pur sapendo che il papa non può e non deve benedire qualsiasi arma, perché se lo facesse farebbe proprio quello che ha fatto Kirill, a differenza di chi ha negato empatia agli ucraini in nome di approcci ideologici lui, alla domanda se sia giusto armare la resistenza ucraina ha detto di “non saper rispondere, sono troppo lontano.” In questo modo ha delegato la risposta a chi è in Ucraina, evidentemente ai vescovi ucraini. Loro sanno. Ma lui sa, e ha detto, che in Ucraina accade proprio quel che accadde in Ruanda. Ma nessun “pacifista” ha citato questo raggelante parallelo, che lo ha condotto a definire gli ucraini un “popolo martire”, pur sapendo che questo linguaggio è teologicamente eccessivo. Lo sa, ma lo ha detto ugualmente per far capire che l’empatia con le vittime è prioritaria rispetto alle considerazioni politiche. 

Eccoci allora a un approccio alto, forse troppo per noi. La guerra di difesa degli ucraini ha la sua “vittoria” in Ucraina, nella rinuncia espansionista moscovita, evidentemente in cambio di altre rinunce. Per questo ha detto che l’abbaiare della Nato alle porte di Mosca ha facilitato l’azione moscovita. Che cos’è la Nato? Non è un’alleanza difensiva? E chi è posto a guardia, di uno spazio, cosa fa? Non abbaia forse

Il problema di Francesco è dunque duplice. E’ la duplice deriva nel fondamentalismo dei tifosi sugli spalti del massacro degli ucraini. Da una parte quelli che vogliono trasformare questa guerra in una crociata russa contro l’Occidente, dall’altra quelli che vogliono trasformare questa guerra in una crociata contro l’Oriente dispotico. E le crociate senza croce non si fanno. 

Ecco perché i continui richiami a Francesco da parte di chi ha negato solidarietà agli ucraini non solo non lo hanno capito, ma lo hanno anche danneggiato. Francesco sa bene che se accettasse di ridurre la sua Chiesa a un patriarcato dell’arsenale occidentale tradirebbe se stesso, il suo pontificato e la natura stessa della Chiesa. Lo stesso farebbe negando empatia agli ucraini. I due ricatti sono tremendi perché strappano la sua altissima intervista, e i suoi pronunciamenti precedenti. Non è stato lui a parlare di guerra quando Putin rivendicava la natura di “operazione militare speciale” alla sua invasione? Non è lui che poi ha specificato che quella guerra era “guerra d’invasione”? E’ evidente che il problema non è stato mai posto in termini di equilibrismi, di equidistanza. No. Il problema è stato casomai posto in termini di salvezza del cristianesimo come messaggio universale, mai etnico e mai messianico. Nessuno incarna in sé una sorta di antefatto in terra del Regno di Dio. 

La tristezza italiana ha peggiorato il quadro. Il mondo pacifista ha tolto spazio e peso alla sua opera di “moral suasion” negando sin dal primo giorno sostegno anche armato agli ucraini. Se già allora non si poteva armare l’aggredito cosa dire quando i bellicisti hanno cominciato a trasformare la difesa in attacco? Era a quel punto che il “no” avrebbe avuto un senso politico se pronunciato dalle piazze. Era a quel punto che si sarebbe visto il sostegno culturale dal mondo occidentale allo sforzo globale di Francesco. Ma i movimenti e i leader hanno pensato allo “spazio” e alla propaganda. Facendo di noi la prima triste “doppia colonia”. O colonia americana di chi non sopporta l’ideologia dei pacifisti o colonia russa di chi non sopporta l’ideologia dei bellicisti. Gli opposti estremismi sono, come sempre, una sola condanna.  

https://www.globalist.it/life/2022/05/06/francesco-e-la-battaglia-per-una-religione-non-asservita-ai-potenti-di-turno/

Azioni sul documento
  • Stampa
Associandoci

logo-barchetta.jpg

Cercasi un fine è insieme un periodico, un’associazione onlus, di promozione sociale, iscritta all’albo regionale della Puglia, fondata nel 2008, con attività che risalgono a partire dal 2002, una rete di scuole di formazione politica, un gruppo di amici stranieri e volontari per l'insegnamento della lingua italiana. Vi partecipano credenti cristiani e donne e uomini di diverse culture e religioni, accomunati dall’impegno per una società più giusta, pacifica e bella.

Una presentazione sintetica delle nostre attività la trovi nel video qui 

altre info su

presentandoci
cercasi una casa
sostenendoci

Pubblicando, i testi di Cercasi un fine

Formare alla politica. L'esperienza di Cercasi un fine

Nasce la nuova collana I libri di Cercasi un fine in coedizione con Magma Edizioni. Il primo volume sul metodo educativo e la storia di Cercasi un fine...


Potere e partecipazione. Un'esperienza locale di amministrazione condivisa, di S. Di Liso, D. Lomazzo

Sesto libro della collana di Cercasi un fine


La salute nella e oltre la leggeLa salute nella e oltre la legge. Sfide odierne, di F. Anelli e G. Ferrara

 Quinto libro della collana di Cercasi un fine


Attrezzarsi per la città

Attrezzarsi per la città. Laboratori di formAZIONE socio-politica, di M. Natale

Questo libro, quarto della collana di Cercasi un fine, racconta un’idea, diventata poi una esperienza, basata sulla convinzione che si possa, anzi si debba, progettare...


 

Meditando in video
Un video per scoprire le nostre attività: scuole di politica, giornale e sito web, collana di libri, incontri e seminari, scuola di italiano per stranieri... benvenuti in Cercasi un fine!
Cercasi un fine. Presentandoci
2020
13th of January 2020, BBC interviews our Director Rocco D'Ambrosio on the case of the book of Ratzinger-Sarah
Il nostro direttore Rocco D'Ambrosio intervistato dalla BBC
2020
Di più…
Il 5 x mille per CuF


Sapete quanto è prezioso per noi la vostra firma del 5 x mille a nostro favore: con esso realizziamo scuole di formazione sociale e politica, un sito web e un periodico di cultura e politica, insegnamento dell’italiano per cittadini stranieri, incontri, dibattiti…

Basta la tua firma e il numero dell'associazione 91085390721 nel primo riquadro sul volontariato. 

I nostri amici stranieri

Cercasi un fine organizza degli incontri settimanali di dialogo tra culture e insegnamento della lingua italiana per stranieri.

Maggiori info >>>

centro di ascolto.jpg

Il Gruppo "Il Seggio" di Cercasi un fine a Minervino

 

 

Si chiama "Il seggio": è il gruppo territoriale di Cercasi un fine, nato a Minervino, a fine anno 2021.

Esso nasce dall'iniziativa dei soci fondatori e ordinari di Cuf, residenti a Minervino. Il gruppo (attraverso un apposito Regolamento) è un'emanazione territoriale della nostra Associazione, di cui condivide statuo, finalità, contenuti e strategie associative.

Auguriamo al gruppo di essere attivo e proficuo nella ricerca de nostro Fine come don Milani insegna: "Bisogna che il fine sia onesto. Grande. Il fine giusto è dedicarsi al prossimo. E in questo secolo come lei vuole amare se non con la politica o col sindacato o con la scuola? Siamo sovrani. Non è più il tempo delle elemosine, ma delle scelte".

 

indirizzo: Vico II Spineto, 2
(c/o Parrocchia S. Michele Arcangelo)
76013 Minervino Murge (BT)

per info:
mail: scuolasociopoliticaminervino@cercasiunfine.it
cell: 349 6534286

Contribuendo

Contribuendo.jpg

Bonifico Bancario
Cercasi un Fine ONLUS
IBAN IT26C0846941440000000019932
BCC Credito Cooperatvo

Leggendo il giornale

E' in distribuzione Cercasi un fine n. 126
(2021- Anno XVII)

quadratino rosso Tema: Il rispetto dell'identità sessuale

 

Scrivendo per il giornale

Se volete scrivere per il giornale:
direttore@cercasiunfine.it


  

 listing Il n. 126 è su "Il rispetto dell'identità sessuale"  (cosa intendiamo per identità sessuale? Come rispettarla nella vita quotidiana? Quali tutele politiche e giuridiche introdurre?) è in spedizione.

 listing Il n. 127 è dedicato alla vita quotidiana (in un mondo eccessivamente mediatico quale valore ha il quotidiano? I suoi piccoli e significativi gesti quale senso hanno? Conosciamo i vissuti quotidiani attorno a noi?). Testi da inviare entro il 15 maggio 2022.

 listing Il n. 128 è sulla "Riforma costituzionale in tema ambientale"  (qual è il significato dell'ultima riforma costituzionale in tema ambientale? Quali ricadute per noi e le generazioni future? E' un nuovo patto tra generazioni? Quali effetti sull'attività economica?). Testi da inviare entro il 15 maggio 2022.

 

Se avete qualcosa da proporci su qualcuno di questi temi siamo ben lieti di accoglierlo: testi non superiori a 4000 caratteri/spazi inclusi, da inviare ai nostri indirizzi mail. Accettiamo anche contributi in altre lingue e di bambini.