Tu sei qui: Home / Meditando / In articoli e commenti, scelti da noi / Flick: «L’aiuto agli aggrediti è un valore. Legittime le armi all’Ucraina», di Virginia Piccolillo

Flick: «L’aiuto agli aggrediti è un valore. Legittime le armi all’Ucraina», di Virginia Piccolillo

creato da Paolo Iacovelli ultima modifica 30/04/2022 09:49
Per il presidente emerito della Corte Costituzionale «È chiaro che la Russia è l’aggressore», «La Carta vieta la guerra ma a fini di pace consente la limitazione di sovranità attraverso associazioni come la Nato». «Putin e Biden siedano per trattare» …

«Certo. La Costituzione non esclude il principio della legittima difesa che la Carta delle Nazioni Unite, all’articolo 51 estende anche all’autotutela nel rapporto fra Paesi. E, a meno di voler credere che l’Ucraina abbia assoldato comparse, è molto chiaro che la Russia è l’aggressore e l’Ucraina l’ aggredito». 

Ma la Costituzione non ripudia la guerra? 

«Sì, ma non esclude la legittima difesa e occorre contemperare la prima e la seconda parte dell’articolo 11. Prima dice che non possiamo utilizzare la guerra come motivo di risoluzione di controversie o come strumento di aggressione alla libertà degli altri popoli. Però poi consente una limitazione della sovranità nazionale attraverso associazioni a fini di pace e giustizia. L’aiuto a chi è aggredito e agisce in autotutela è una consuetudine internazionale consolidata che rispecchia un principio fondamentale di solidarietà. La Nato fa parte di questo tipo di organizzazioni a cui si cede un pezzo di sovranità». 

Ora si discute sui limiti da porre alla Nato. 

«Certo che se ne può discutere. Sono consapevole che bisognerà farlo. Ma non in questo momento in cui c’è un paese aggredito al quale è legittimo e doveroso dare la propria solidarietà».

Ma c’è chi pensa che, mascherata da difesa di un paese aggredito, ci sia in realtà una guerra per procura. 

«Ove anche vi fosse da parte di qualcuno un’intenzione di questo tipo, ciò non vale certamente ad impedire l’aiuto all’aggredito. Si può e si deve discutere sugli errori politici compiuti, che sono tanti. Ma in questo caso è l’aggressore stesso a dire che sta compiendo un’operazione speciale di polizia. Tanto è vero che non è neanche stato dichiarato lo stato di guerra. Non capisco in questo momento chi sale in cattedra per giudicare. Io vedo solo un Paese in lotta per la sua libertà e non spetta a me giudicare quali siano le reali intenzioni di chi gli presta aiuto». 

È Resistenza? 

«Non mi piace chi distingue la Resistenza dall’aggressione russa rispetto a quella che l’Italia ha combattuto con le forze alleate (USA, Gb, Polonia, Brigata ebraica etc) per liberare il paese dall’occupante nazista. Chi può arrogarsi il diritto di giudicare? L’unico giudice su questi temi potrà essere il tribunale penale internazionale per i crimini contro l’umanità, con tutte le sue difficoltà di funzionamento. Ma verrà dopo. Credo che, grazie alle parole soprattutto dei Presidenti Napolitano e Ciampi, dovremmo aver finalmente capito che la Resistenza è un valore di tutti. Non deve essere usata da una parte contro un’altra; e – aldilà delle differenze di contesto – non si può trattare in modo diverso la resistenza vietnamita che vi è stata a suo tempo dalla resistenza ucraina di oggi». 

Dall’Anpi si sono levate polemiche.

«Non vorrei che si stesse trasformando in un partito per coordinare la vita politica del Paese; ha già un compito importante: ricordare la Resistenza, la Liberazione e la Costituzione che è nata da esse e per chiedere che quella Costituzione venga attuata».

Alla commemorazione del 25 aprile a Genova Lei è stato molto applaudito ma anche fischiato. Da chi e perché? 

«Preferisco le assemblee dibattute ai talk show per fare spettacolo o alle adunate oceaniche in cui tutti applaudono. Ma mi ha colpito la disinvoltura con cui chi fischiava metteva insieme il problema della guerra e l’incredibile mascherata dei no vax da ebrei sulla soglia delle camere a gas».

C’è chi vorrebbe scegliere quali armi inviare.

«Non mi piace l’idea di scegliere i mezzi non letali, ammesso che nelle armi possano esistere. Anche perché dipende da come si usano le armi per stabilire se sono letali o meno. Il parlamento italiano come quello europeo non hanno dato un’indicazione limitativa al ricorso alle consuetudini internazionali di solidarietà con l’aggredito. Nel momento in cui dai un aiuto non puoi scegliere tu cosa con esso possa fare. L’essenziale è che l’aiuto non si divenga una co-belligeranza».

Si teme che questo invio scateni una guerra contro di noi.

«Proprio per questo ed a maggior ragione occorre reagire ed aiutare chi è stato aggredito per primo; purtroppo è necessario prima di tutto difendere quest’ultimo».

C’è chi pensa che la Costituzione alla luce di questi eventi non sia più attuale. È così? 

“Non è vero. I principi sono sempre attuali, fra cui il principio fondamentale della solidarietà che è strettamente collegato al principio di pari dignità delle persone come dei popoli. Semmai non è attuata».

Il Papa dice di interrompere la spirale delle armi. Da cattolico, cosa ne pensa? 

«Mi convince moltissimo ma il suo discorso è su un altro piano. Non tiene conto della necessità di respingere, comunque e da subito, l’aggressore. Il Vangelo dice porgi l’altra guancia. Ma dice anche: il tuo parlare sia ‘sì- sì, no- no’, non ‘sì-ma’ o ‘sì-però”. 

Ma è stata veramente tentata la trattativa? Non bisognerebbe far sedere tutti intorno al tavolo a cominciare da Putin e poi da Biden? 

«Per sedersi al tavolo bisogna essere in due. Difendere l’aggredito è il modo più semplice per cercare di costringere l’aggressore a trattare anche lui. A meno di costringere l’aggredito (cosa inammissibile) a cedere alla pretesa dell’aggressore. Vorrei ricordare le parole di un altro pontefice che ha aperto la strada a papa Francesco: Giovanni XXIII dell’enciclica Pacem in terris: non c’è pace senza giustizia. Semmai si tratta di invitare l’altro protagonista di fondo, Biden, a sedersi al tavolo con Putin per trattare i loro problemi. Ma ricordando Esopo: superior stabat lupus». 

 

https://www.corriere.it/politica/22_aprile_28/flick-l-aiuto-aggrediti-valore-legittime-armi-all-ucraina-1f9f89a0-c725-11ec-9886-30033cb6ccfe.shtml

Azioni sul documento
  • Stampa
archiviato sotto: , ,
Associandoci

logo-barchetta.jpg

Cercasi un fine è insieme un periodico, un’associazione onlus, di promozione sociale, iscritta all’albo regionale della Puglia, fondata nel 2008, con attività che risalgono a partire dal 2002, una rete di scuole di formazione politica, un gruppo di amici stranieri e volontari per l'insegnamento della lingua italiana. Vi partecipano credenti cristiani e donne e uomini di diverse culture e religioni, accomunati dall’impegno per una società più giusta, pacifica e bella.

Una presentazione sintetica delle nostre attività la trovi nel video qui 

altre info su

presentandoci
cercasi una casa
sostenendoci

Prossimi eventi
Il voto politico tra astensione e progetti 03/09/2022 16:00 - 20:00 — Sala Bice Leddomade, via Sanges 11/A, Cassano delle Murge (BA)
Prossimi eventi…
Pubblicando, i testi di Cercasi un fine

Formare alla politica. L'esperienza di Cercasi un fine

Nasce la nuova collana I libri di Cercasi un fine in coedizione con Magma Edizioni. Il primo volume sul metodo educativo e la storia di Cercasi un fine...


Potere e partecipazione. Un'esperienza locale di amministrazione condivisa, di S. Di Liso, D. Lomazzo

Sesto libro della collana di Cercasi un fine


La salute nella e oltre la leggeLa salute nella e oltre la legge. Sfide odierne, di F. Anelli e G. Ferrara

 Quinto libro della collana di Cercasi un fine


Attrezzarsi per la città

Attrezzarsi per la città. Laboratori di formAZIONE socio-politica, di M. Natale

Questo libro, quarto della collana di Cercasi un fine, racconta un’idea, diventata poi una esperienza, basata sulla convinzione che si possa, anzi si debba, progettare...


 

Meditando in video
Un video per scoprire le nostre attività: scuole di politica, giornale e sito web, collana di libri, incontri e seminari, scuola di italiano per stranieri... benvenuti in Cercasi un fine!
Cercasi un fine. Presentandoci
2020
13th of January 2020, BBC interviews our Director Rocco D'Ambrosio on the case of the book of Ratzinger-Sarah
Il nostro direttore Rocco D'Ambrosio intervistato dalla BBC
2020
Di più…
Il 5 x mille per CuF


Sapete quanto è prezioso per noi la vostra firma del 5 x mille a nostro favore: con esso realizziamo scuole di formazione sociale e politica, un sito web e un periodico di cultura e politica, insegnamento dell’italiano per cittadini stranieri, incontri, dibattiti…

Basta la tua firma e il numero dell'associazione 91085390721 nel primo riquadro sul volontariato. 

I nostri amici stranieri

Cercasi un fine organizza degli incontri settimanali di dialogo tra culture e insegnamento della lingua italiana per stranieri.

Maggiori info >>>

centro di ascolto.jpg

Il Gruppo "Il Seggio" di Cercasi un fine a Minervino

 

 

Si chiama "Il seggio": è il gruppo territoriale di Cercasi un fine, nato a Minervino, a fine anno 2021.

Esso nasce dall'iniziativa dei soci fondatori e ordinari di Cuf, residenti a Minervino. Il gruppo (attraverso un apposito Regolamento) è un'emanazione territoriale della nostra Associazione, di cui condivide statuo, finalità, contenuti e strategie associative.

Auguriamo al gruppo di essere attivo e proficuo nella ricerca de nostro Fine come don Milani insegna: "Bisogna che il fine sia onesto. Grande. Il fine giusto è dedicarsi al prossimo. E in questo secolo come lei vuole amare se non con la politica o col sindacato o con la scuola? Siamo sovrani. Non è più il tempo delle elemosine, ma delle scelte".

 

indirizzo: Vico II Spineto, 2
(c/o Parrocchia S. Michele Arcangelo)
76013 Minervino Murge (BT)

per info:
mail: scuolasociopoliticaminervino@cercasiunfine.it
cell: 349 6534286

Contribuendo

Contribuendo.jpg

Bonifico Bancario
Cercasi un Fine ONLUS
IBAN IT26C0846941440000000019932
BCC Credito Cooperatvo

Leggendo il giornale

E' in distribuzione Cercasi un fine n. 126
(2021- Anno XVII)

quadratino rosso Tema: Il rispetto dell'identità sessuale

 

Scrivendo per il giornale

Se volete scrivere per il giornale:
direttore@cercasiunfine.it


  

 

 listing Il n. 127 è dedicato alla vita quotidiana (in un mondo eccessivamente mediatico quale valore ha il quotidiano? I suoi piccoli e significativi gesti quale senso hanno? Conosciamo i vissuti quotidiani attorno a noi?). In preparazione.

 listing Il n. 128 è sulla "Riforma costituzionale in tema ambientale"  (qual è il significato dell'ultima riforma costituzionale in tema ambientale? Quali ricadute per noi e le generazioni future? E' un nuovo patto tra generazioni? Quali effetti sull'attività economica?). Testi da inviare entro il 30 giugno 2022.

listing Il n. 129 è su "Dopo il Covid e la guerra: una nuova globalizzazione?"  (La pandemia e la guerra in Ucraina sembrano aver messo in crisi il vecchio modello della globalizzazione: come costruire un nuovo modello? Cosa deve cambiare e cosa può restare?). Testi da consegnare entro il 30 agosto 2022. 

Se avete qualcosa da proporci su qualcuno di questi temi siamo ben lieti di accoglierlo: testi non superiori a 4000 caratteri/spazi inclusi, da inviare ai nostri indirizzi mail. Accettiamo anche contributi in altre lingue e di bambini.