Tu sei qui: Home / Meditando / In articoli e commenti, scelti da noi / Finanziamenti: chi li vuole e chi no, di Eleonora della Ratta

Finanziamenti: chi li vuole e chi no, di Eleonora della Ratta

creato da Denj — ultima modifica 14/09/2015 18:12
Abolire l’attuale legge di finanziamento pubblico ai partiti, introdurre misure di controllo e di sanzione sui gruppi parlamentari e regionali, avviare interventi sul piano fiscale per i cittadini che vogliono dare un contributo all’attività politica. È questa l’agenda Letta sul tema caldo dei contributi ai partiti. Un argomento che divide...

 

Abolire l’attuale legge di finanziamento pubblico ai partiti, introdurre misure di controllo e di sanzione sui gruppi parlamentari e regionali, avviare interventi sul piano fiscale per i cittadini che vogliono dare un contributo all’attività politica.
È questa l’agenda Letta sul tema caldo dei contributi ai partiti. Un argomento che divide, tra lunghi elenchi di pro e contro che indicano la necessità di trovare una giusta via di mezzo. Un mese fa dieci senatori Pd (Andrea Marcucci, Rosa Maria Di Giorgi, Stefano Collina, Nadia Ginetti, Roberto Cociancich, Laura Cantini, Mauro Del Barba, Isabella De Monte, Stefano Lepri e Mario Morgoni) hanno depositato una proposta di legge per abolire il rimborso elettorale che eroga il finanziamento non sulla base delle spese effettivamente sostenute, ma in proporzione ai voti presi.
Ma all’interno del Partito democratico ci sono posizioni variegate: da un lato Bersani, Stumpo e altri che restano fermi sulla necessità di accedere ai finanziamenti pubblici per «non lasciare la politica in mano ai miliardari», magari trovando modalità più chiare e trasparenti; dall’altra Matteo Renzi che già durante le primarie si richiamava al referendum del 1993 (che decretò l’abolizione del finanziamento pubblico) e la necessità di sostenere le spese elettorali solo con contributi privati.
Contrario all’abolizione anche Sel, che però propone un tetto alle spese elettorali e la pubblicazione annuale dei bilanci e dei rimborsi di ciascun partito e di tutte le contribuzioni superiori ai 5 mila euro l'anno.
Le parole di Letta sono state «musica per le orecchie del Pdl», come ha commentato il vicepremier Angelino Alfano: Berlusconi e i suoi, infatti, sostengono la necessità di introdurre sistemi di incoraggiamento fiscale alle donazioni e al finanziamento privato, accompagnati da norme sulla trasparenza, spazzando via il sistema di sostegno pubblico. Sulla stessa lunghezza d’onda anche Scelta Civica, con Monti che si è sempre dichiarato favorevole all’abolizione del finanziamento pubblico.
Abolizione tout court anche per il Movimento 5 stelle: Beppe Grillo ha fatto della lotta al finanziamento pubblico uno dei suoi cavalli di battaglia. Ma, nonostante le promesse, allo stato attuale delle cose non può rendere indietro i soldi che gli spettano per legge, al massimo potrà utilizzarli per altro (come hanno fatto gli eletti grillini al consiglio regionale siciliano).
Favorevoli e contrari, ognuno con le sue ragioni: da un lato la necessità di non mettere i partiti in mano alle lobby, dall’altra l’indignazione per gli sprechi fatti con i soldi dei cittadini. Tutti d’accordo sul porre regole e paletti: del resto è quello che accade negli altri Paesi, dove rimborsi e finanziamenti pubblici avvengono regolarmente, ma per cifre più modeste. Una curiosità: secondo l’Institute for democracy and electoral assistance in tutto il mondo sono soltanto 55 gli Stati che non prevedono alcun contributo pubblico ai partiti, ma nella lista, che comprende realtà come la Bielorussia o il Senegal, non ci sono grandi democrazie.

fonte: www.famigliacristiana.it, 04.05.2013

 

Azioni sul documento
  • Stampa
archiviato sotto:
Pubblicando, i testi di Cercasi un fine

Potere e partecipazione. Un'esperienza locale di amministrazione condivisa, di S. Di Liso, D. Lomazzo

Sesto libro della collana di Cercasi un fine

 


La salute nella e oltre la leggeLa salute nella e oltre la legge. Sfide odierne, di F. Anelli e G. Ferrara

 

Quinto libro della collana di Cercasi un fine


Attrezzarsi per la città

Attrezzarsi per la città. Laboratori di formAZIONE socio-politica, di M. Natale

Questo libro, quarto della collana di Cercasi un fine, racconta un’idea, diventata poi una esperienza, basata sulla convinzione che si possa, anzi si debba, progettare...


 

Meditando in video
Papa Francesco ha inviato domenica 23 aprile 2017 un video messaggio dedicato a don Lorenzo Milani, il priore di Barbiana, alla manifestazione “Tempo di Libri”, a Milano, dove nel pomeriggio è stata presentata l’edizione completa di “Tutte le Opere” del sacerdote, con alcuni inediti, curata dallo storico Alberto Melloni per la collana dei Meridiani Mondadori...
Videomessaggio del Santo Padre per Don Milani
Politica in weekend - 2 e 3 luglio 2016
Guida alla riforma costituzionale
Di più…
I nostri amici stranieri

Cercasi un fine organizza degli incontri settimanali di dialogo tra culture e insegnamento della lingua italiana per stranieri.

Maggiori info >>>

centro di ascolto.jpg

Associandoci

logo-barchetta.jpg
Cercasi un fine
è insieme un periodico, un’associazione onlus, di promozione sociale, iscritta all’albo regionale della Puglia, fondata nel 2008, con attività che risalgono a partire dal 2002 e una rete di scuole di formazione politica. Vi partecipano credenti cristiani e donne e uomini di diverse culture e religioni, accomunati dall’impegno per una società più giusta, pacifica e bella.

Una presentazione sintetica delle nostre attività la trovi nel video qui 

altre info su

presentandoci
cercasi una casa
sostenendoci

con carta di credito o PayPal

Leggendo il giornale

Cercasi un fine 118.jpg

E' in distribuzione Cercasi un fine n. 118
(2020- Anno XVI)

quadratino rosso Tema: Economia civile

Scrivendo per il giornale

Se volete scrivere per il giornale:
direttore@cercasiunfine.it


 

 listing Il n. 118 è sull'ECONOMIA CIVILE. Il cartaceo è stato spedito; il PDF lo si trova qui si sopra nella home page.

 listing Il n. 119 è sul DIALOGO INTERRELIGIOSO  è in preparazione.

 listing Il n. 120 è sui DOVERI (si parla spesso di diritti: e i doveri? Cosa intendiamo per doveri? Esistono gruppi, culture e religioni che danno seria testimonianza sui doveri? Come educare ai doveri?)  testi da inviare entro il 30 aprile 2020.

Per il n. 120 lanciamo un’iniziativa per coinvolgere tutti i nostri lettori: Tweet on duty - Un tweet sul dovere

Ti chiediamo di rispondere a una sola di queste domande (indicando nome, cognome, lavoro, città) in maniera sintetica, praticamente non più dei 140 caratteri che si usano in un tweet, da inviare a associazione@cercasiunfine.it o sms o whatsapp al cell. 337 1031728
Ecco le domande, scegline solo una e rispondi!
1. Cosa ti spinge a fare il tuo dovere?
2. Cosa provi nel fare il tuo dovere?
3. Cosa ti aspetti quando fai il tuo dovere?
4. Quali difficoltà incontri quando fai il tuo dovere? 
Testi da inviare entro il 30 aprile 2020.


Se avete qualcosa da proporci su qualcuno di questi temi siamo ben lieti di accoglierlo. Accettiamo anche contributi in altre lingue.