Tu sei qui: Home / Meditando / In articoli e commenti, scelti da noi / Fiat-Tod's: la lotta si fa pop, di Ulisse Spinnato Vega

Fiat-Tod's: la lotta si fa pop, di Ulisse Spinnato Vega

creato da Rocco D'Ambrosio ultima modifica 21/07/2016 16:48
Intervista al nostro amico e socio Michele Sorice sullo scontro tra Marchionne e Della Valle.
Fiat-Tod's: la lotta si fa pop, di Ulisse Spinnato Vega

lo scontro tra Marchionne e Della Valle

 

Dopo l'ennesima scazzottata mediatica con Diego Della Valle, l’amministratore delegato Fiat Sergio Marchionne parlando ai suoi manager non ha mancato di mandare un’altra frecciata al rivale marchigiano, stavolta senza citarlo direttamente: «Chi urla non ha più ragione, ha solo più fiato, loro non sono la maggioranza e non sono certo la parte sana del Paese».
Insomma continua il battibecco tra il manager globale dell’auto e il patron glocale della pelletteria. Segno di un italico capitalismo che ha perso il bon ton dei tempi andati e per giunta è sull’orlo di una crisi di nervi per colpa della crisi.
L'ALTERCO SI FA POP. Marchionne ora ne fa una questione di decibel («loro urlano, noi no»), ma lo scontro tra suole griffate e parafanghi è diventato sceneggiata «pop» soprattutto grazie a quel «la smetta di rompere le scatole» pronunciato qualche giorno fa proprio dall’italo-canadese all’indirizzo dell’imprenditore di Sant’Elpidio a mare.
Sembrano lontanissime le felpatezze di Gianni Agnelli che rispondeva soft a un altro avversario del Lingotto come l’ingegnere Carlo De Benedetti, fustigatore dell’azienda fin da quando era a capo degli industriali di Torino. «Gli faccio i complimenti anche se parla male di noi», usava commentare l'avvocato.
ECONOMIA MEDIATICA. «Ormai anche l’economia è entrata nei meccanismi della rappresentazione mediatica», spiega a Lettera43.it Michele Sorice, sociologo della comunicazione e docente Luiss. «Dunque la discussione si fa “pop”, appunto. Proprio come la politica». 
Il conflitto, dunque, si radicalizza. «Ci si attacca in modo diretto e personale. Si negativizza l’avversario», aggiunge Sorice. «E questo capita perché l’economia è uscita dalla nicchia del dibattito delle élite».
DUE MODELLI A CONFRONTO. Ma la vera novità del duello Della Valle-Marchionne è che fa emergere lo scontro tra due modelli di capitalismo: «Da una parte quello assistito dallo Stato e malgrado ciò duro sindacalmente», fa notare il professore, «dall’altra quello che cerca di farcela con le proprie gambe e che tesse rapporti più aperti con i lavoratori».
QUESTIONE DI LOOK. Una dicotomia che si riflette pure nell'estetica. Anche il look, per quanto legato alla dimensione personale, è infatti una spia delle differenze tra il  patron Tod's e quello Fiat. «Della Valle?», commenta Sorice, «L’ho sempre visto un po’ bohémien».
Il duello poi si è allargato anche al rampollo Agnelli John Elkann, difeso a spada tratta da Marchionne e trattato con sufficienza snob dal patron della Fiorentina («non litigo con il ragazzino»).
Erede scialbo di una dinastia che ha perso carisma?  «Gli Agnelli», conclude Sorice, «hanno perso peso e credibilità imprenditoriale da quando si è capito che campavano soprattutto alle spalle dei fondi strutturali che lo Stato ha loro elargito a piene mani».

fonte: www.lettera43.it, 28 Settembre 2012

Azioni sul documento
  • Stampa
I nostri amici stranieri

Cercasi un fine organizza degli incontri settimanali di dialogo tra culture e insegnamento della lingua italiana per stranieri.

Maggiori info >>>

centro di ascolto.jpg

Associandoci

logo-barchetta.jpg
Cercasi un fine
è insieme un periodico, un’associazione onlus, di promozione sociale, iscritta all’albo regionale della Puglia, fondata nel 2008, con attività che risalgono a partire dal 2002 e una rete di scuole di formazione politica. Vi partecipano credenti cristiani e donne e uomini di diverse culture e religioni, accomunati dall’impegno per una società più giusta, pacifica e bella.

Una presentazione sintetica delle nostre attività la trovi nel video qui 

altre info su

presentandoci
cercasi una casa
sostenendoci

con carta di credito o PayPal

Leggendo il giornale

Cercasiunfine-119.jpg

E' in distribuzione Cercasi un fine n. 119
(2020- Anno XVI)

quadratino rosso Tema: Dialogo Interreligioso

Scrivendo per il giornale

Se volete scrivere per il giornale:
direttore@cercasiunfine.it


 

 listing Il n. 120 è sui DOVERI (si parla spesso di diritti: e i doveri? Cosa intendiamo per doveri? Esistono gruppi, culture e religioni che danno seria testimonianza sui doveri? Come educare ai doveri?)  è in preparazione.

listing Il n. 121 è su RESISTERE RESISTERE RESISTERE: come abbiamo vissuto il periodo di crisi sanitaria; testi da inviare entro il 15 settembre 2020.

 listing Il n. 122 è su... Tutti pazzi per i Social? Come i social stanno trasformando nostro modo di pensare, giudicare, informarci e razionarci? Riusciamo ad essere ironici su questa influenza diffusa? Testi da inviare entro 31 ottobre 2020.

Se avete qualcosa da proporci su qualcuno di questi temi siamo ben lieti di accoglierlo. Accettiamo anche contributi in altre lingue.