Tu sei qui: Home / Meditando / In articoli e commenti, scelti da noi / Fermiamo i mercanti di esseri umani, di Fulvio Scaglione

Fermiamo i mercanti di esseri umani, di Fulvio Scaglione

creato da D. — ultima modifica 17/09/2015 11:56
In occasione della festa di santa Bakhita, si è celebrata la prima Giornata internazionale contro la tratta di persone. Un crimine che tocca 2,5 milioni di persone, per il 60% donne e minori, ogni anno.

Si è celebrata l'8 febbrraio, nel giorno della festa di Santa Giuseppina Bakhita, la piccola schiava del Sudan che, una volta liberata, divenne una religiosa canossiana ed è infine assurta agli onori degli altari, la prima Giornata mondiale contro le schiavitù e la tratta di persone. Un fenomeno orrendo, che opprime almeno 21 milioni di persone nel mondo e che papa Francesco, fin dall'inizio del proprio pontificato, ha definito "un crimine contro l'umanità".

Raccogliendo l'appello del Papa, le Unioni internazionali maschili e femminili dei Superiori e Superiore Generale, il Pontificio consiglio per la pastorale dei migranti, il Pontificio consiglio della Giustizia e della Pace, la Congregazione per gli Istituti di vita consacrata e le Società di vita apostolica hanno promosso questa giornata internazionale di preghiera e riflessione. Diocesi, parrocchie, gruppi e scuole si sono mobilitati per contrastare questo crimine.

Ogni anno più di 2 milioni e mezzo di persone sono vittime del traffico di esseri umani, e per il 60% sono donne e minori. Un fenomeno perverso di cui dovremmo avere più coscienza, soprattutto nel momento in cui anche in Italia si parla di "quartieri a luci rosse" per legittimare una prostituzione che in gran parte vive proprio di vittime della tratta.

Per dare un piccolo ma concreto segnale di partecipazione alla Giornata, si può visitare il sito Slavesnomore e accendere un candela elettronica per le vittime della tratta. Per fare, tutti insieme, più luce su questo dramma.

fonte: www.famigliacristiana.it, 08.02.2015

Azioni sul documento
  • Stampa
archiviato sotto:
I nostri amici stranieri

Cercasi un fine organizza degli incontri settimanali di dialogo tra culture e insegnamento della lingua italiana per stranieri.

Maggiori info >>>

centro di ascolto.jpg

Associandoci

logo-barchetta.jpg
Cercasi un fine
è insieme un periodico, un’associazione onlus, di promozione sociale, iscritta all’albo regionale della Puglia, fondata nel 2008, con attività che risalgono a partire dal 2002 e una rete di scuole di formazione politica. Vi partecipano credenti cristiani e donne e uomini di diverse culture e religioni, accomunati dall’impegno per una società più giusta, pacifica e bella.

Una presentazione sintetica delle nostre attività la trovi nel video qui 

altre info su

presentandoci
cercasi una casa
sostenendoci

con carta di credito o PayPal

Leggendo il giornale

Cercasi un fine 118.jpg

E' in distribuzione Cercasi un fine n. 118
(2020- Anno XVI)

quadratino rosso Tema: Economia civile

Scrivendo per il giornale

Se volete scrivere per il giornale:
direttore@cercasiunfine.it


 

 listing Il n. 118 è sull'ECONOMIA CIVILE. Il cartaceo è stato spedito da qualche giorno; il PDF lo si trova a destra nella home page.

 listing Il n. 119 è sul DIALOGO INTERRELIGIOSO  è in preparazione.

 listing Il n. 120 è sui DOVERI (si parla spesso di diritti: e i doveri? Cosa intendiamo per doveri? Esistono gruppi, culture e religioni che danno seria testimonianza sui doveri? Come educare ai doveri?)  testi da inviare entro il 30 marzo 2020.

Per il n. 120 lanciamo un’iniziativa per coinvolgere tutti i nostri lettori: Tweet on duty - Un tweet sul dovere

Ti chiediamo di rispondere a una sola di queste domande (indicando nome, cognome, lavoro, città) in maniera sintetica, praticamente non più dei 140 caratteri che si usano in un tweet, da inviare a associazione@cercasiunfine.it o sms o whatsapp al cell. 337 1031728
Ecco le domande, scegline solo una e rispondi!
1. Cosa ti spinge a fare il tuo dovere?
2. Cosa provi nel fare il tuo dovere?
3. Cosa ti aspetti quando fai il tuo dovere?
4. Quali difficoltà incontri quando fai il tuo dovere? 
Testi da inviare entro il 30 marzo 2020.


Se avete qualcosa da proporci su qualcuno di questi temi siamo ben lieti di accoglierlo. Accettiamo anche contributi in altre lingue.