Tu sei qui: Home / Meditando / In articoli e commenti, scelti da noi / Fermarsi e fermezza: nel mezzo il “per-dono”, di Angelo Lucarella

Fermarsi e fermezza: nel mezzo il “per-dono”, di Angelo Lucarella

creato da Paolo Iacovelli ultima modifica 21/03/2022 14:37
Un Papa, un Popolo, un Destino. Tra il fermarsi (in riferimento alla guerra) e la fermezza appunto c’è la solennità valoriale: “io mi fermo con fermezza”; parrebbe un ossimoro o un paradosso, ma operando un processo logico ci si può accorgere di come fermarsi non significa non fare alcunché. È l’opera umana più forte poiché implica rinuncia...

Le parole del Papa “In nome di Dio, vi chiedo: fermate questo massacro” segnano uno spartiacque tra il fermarsi e la fermezza. Tra questi due concetti c'è il perdono. 

Se pensiamo per un attimo a quel che ha rappresentato e rappresenta per gli italiani il 16 marzo, ci si riferisce al rapimento (di matrice terroristica) di Aldo Moro, potremmo trarne esperienza rispetto a quel che accade in Ucraina. 

Oggi c'è la guerra, questo è vero. È l'esperienza umana più ciclica nella storia. 

Se dicessimo la stessa cosa della Pace faremmo un torto ideologico perché quest’ultima non può essere (nell'immaginario comune) ciclica, ma deve essere l'obiettivo primario di stabilità esistenziale sul piano globale. 

Qual è allora il motore della Pace dinanzi alle sciagure belliche e terroristiche? 

Proprio il perdono (prendendo spunto da Agnese Moro, figlia dell'illustre statista italiano) è un “processo di ricerca che pone la realtà umana in confronto con il cuore del Vangelo”. È cioè un modo diverso di vivere. 

Chissà se i parenti dei morti delle guerre, di qualunque parte del mondo, avranno la forza del perdono. 

Noi abbiamo un compito però: portare loro la speranza. Perché si costruisca nei cuori. Anche dove non c'è democrazia. Con fermezza.

Tra il fermarsi (in riferimento alla guerra) e la fermezza appunto c’è la solennità valoriale: “io mi fermo con fermezza”; parrebbe un ossimoro o un paradosso, ma operando un processo logico ci si può accorgere di come fermarsi non significa non fare alcunché.  

È l’opera umana più forte poiché implica rinuncia. 

Termine che sta a rappresentare come all’annunciazione (cioè il nunzio) corrisponda alla privazione di qualcosa del sé verso l’altro o gli altri. 

Difronte ai morti delle guerre come può, allora, pensarsi che la mera filosofia possa contribuire alle sorti delle drammatiche vicende a cui assistiamo ancora oggi. 

Perché la filosofia se è comunitaria, non egoisticamente propagandistica, opera nella rinuncia, nella privazione, nel fermarsi. 

Non è filosofia quella che, nonostante abbia pensato e ripensato, non susciti la calma, l’abbassamento dei toni, delle armi.

Chiamiamola come vogliamo, ma dove la filosofia non può arrivare c’è la teologia. 

Papa Francesco non dice infatti “fermate questo massacro”, come se si ponesse da Capo di uno Stato. Lo dice in nome di Dio (da umano tra gli umani di fede). Neanche per conto di Dio (il ché implicherebbe arroganza). 

È una frase così semplice, ma di portata solenne. Al pari di un valore enunciato nelle leggi, nelle Costituzioni. 

Se c’è un destino comune, quello sì che è “Fratelli Tutti”. 

E se le altre Chiese soffrono (in questo momento storico), ci si fermi con la filosofia lasciando spazio alla teologia solidale. 

Il nostro è un Popolo in cammino perché “il bene, come anche l’amore, la giustizia e la solidarietà non si raggiungono una volta per sempre: vanno conquistati ogni giorno” (enciclica sulla fraternità e amicizia solidale del 3 ottobre 2020).  

Nella guerra le vittime sono sempre i Popoli. 

In nome del bene, fermatevi. 

Solo così si può costruire il per-dono la cui radice è nell’atto di umanità più incredibile della nostra esistenza. Anche questo però è un processo lungo in termini politici, breve in termini di fede. 

Ecco il vero spartiacque. 

Se conosco il perdono, non potrò volere la guerra. Il destino è valoriale. Non di valore. 

Anche qui, con fermezza.

Azioni sul documento
  • Stampa
Associandoci

logo-barchetta.jpg

Cercasi un fine è insieme un periodico, un’associazione onlus, di promozione sociale, iscritta all’albo regionale della Puglia, fondata nel 2008, con attività che risalgono a partire dal 2002, una rete di scuole di formazione politica, un gruppo di amici stranieri e volontari per l'insegnamento della lingua italiana. Vi partecipano credenti cristiani e donne e uomini di diverse culture e religioni, accomunati dall’impegno per una società più giusta, pacifica e bella.

Una presentazione sintetica delle nostre attività la trovi nel video qui 

altre info su

presentandoci
cercasi una casa
sostenendoci

Pubblicando, i testi di Cercasi un fine

Formare alla politica. L'esperienza di Cercasi un fine

Nasce la nuova collana I libri di Cercasi un fine in coedizione con Magma Edizioni. Il primo volume sul metodo educativo e la storia di Cercasi un fine...


Potere e partecipazione. Un'esperienza locale di amministrazione condivisa, di S. Di Liso, D. Lomazzo

Sesto libro della collana di Cercasi un fine


La salute nella e oltre la leggeLa salute nella e oltre la legge. Sfide odierne, di F. Anelli e G. Ferrara

 Quinto libro della collana di Cercasi un fine


Attrezzarsi per la città

Attrezzarsi per la città. Laboratori di formAZIONE socio-politica, di M. Natale

Questo libro, quarto della collana di Cercasi un fine, racconta un’idea, diventata poi una esperienza, basata sulla convinzione che si possa, anzi si debba, progettare...


 

Meditando in video
Un video per scoprire le nostre attività: scuole di politica, giornale e sito web, collana di libri, incontri e seminari, scuola di italiano per stranieri... benvenuti in Cercasi un fine!
Cercasi un fine. Presentandoci
2020
13th of January 2020, BBC interviews our Director Rocco D'Ambrosio on the case of the book of Ratzinger-Sarah
Il nostro direttore Rocco D'Ambrosio intervistato dalla BBC
2020
Di più…
Il 5 x mille per CuF


Sapete quanto è prezioso per noi la vostra firma del 5 x mille a nostro favore: con esso realizziamo scuole di formazione sociale e politica, un sito web e un periodico di cultura e politica, insegnamento dell’italiano per cittadini stranieri, incontri, dibattiti…

Basta la tua firma e il numero dell'associazione 91085390721 nel primo riquadro sul volontariato. 

I nostri amici stranieri

Cercasi un fine organizza degli incontri settimanali di dialogo tra culture e insegnamento della lingua italiana per stranieri.

Maggiori info >>>

centro di ascolto.jpg

Il Gruppo "Il Seggio" di Cercasi un fine a Minervino

 

 

Si chiama "Il seggio": è il gruppo territoriale di Cercasi un fine, nato a Minervino, a fine anno 2021.

Esso nasce dall'iniziativa dei soci fondatori e ordinari di Cuf, residenti a Minervino. Il gruppo (attraverso un apposito Regolamento) è un'emanazione territoriale della nostra Associazione, di cui condivide statuo, finalità, contenuti e strategie associative.

Auguriamo al gruppo di essere attivo e proficuo nella ricerca de nostro Fine come don Milani insegna: "Bisogna che il fine sia onesto. Grande. Il fine giusto è dedicarsi al prossimo. E in questo secolo come lei vuole amare se non con la politica o col sindacato o con la scuola? Siamo sovrani. Non è più il tempo delle elemosine, ma delle scelte".

 

indirizzo: Vico II Spineto, 2
(c/o Parrocchia S. Michele Arcangelo)
76013 Minervino Murge (BT)

per info:
mail: scuolasociopoliticaminervino@cercasiunfine.it
cell: 349 6534286

Contribuendo

Contribuendo.jpg

Bonifico Bancario
Cercasi un Fine ONLUS
IBAN IT26C0846941440000000019932
BCC Credito Cooperatvo

Leggendo il giornale

E' in distribuzione Cercasi un fine n. 126
(2021- Anno XVII)

quadratino rosso Tema: Il rispetto dell'identità sessuale

 

Scrivendo per il giornale

Se volete scrivere per il giornale:
direttore@cercasiunfine.it


  

 

 listing Il n. 127 è dedicato alla vita quotidiana (in un mondo eccessivamente mediatico quale valore ha il quotidiano? I suoi piccoli e significativi gesti quale senso hanno? Conosciamo i vissuti quotidiani attorno a noi?). In preparazione.

 listing Il n. 128 è sulla "Riforma costituzionale in tema ambientale"  (qual è il significato dell'ultima riforma costituzionale in tema ambientale? Quali ricadute per noi e le generazioni future? E' un nuovo patto tra generazioni? Quali effetti sull'attività economica?). Testi da inviare entro il 30 giugno 2022.

listing Il n. 129 è su "Dopo il Covid e la guerra: una nuova globalizzazione?"  (La pandemia e la guerra in Ucraina sembrano aver messo in crisi il vecchio modello della globalizzazione: come costruire un nuovo modello? Cosa deve cambiare e cosa può restare?). Testi da consegnare entro il 30 agosto 2022. 

Se avete qualcosa da proporci su qualcuno di questi temi siamo ben lieti di accoglierlo: testi non superiori a 4000 caratteri/spazi inclusi, da inviare ai nostri indirizzi mail. Accettiamo anche contributi in altre lingue e di bambini.