Tu sei qui: Home / Meditando / In articoli e commenti, scelti da noi / Promuoviamo l'iniziativa fatto@scampia

Promuoviamo l'iniziativa fatto@scampia

creato da webmaster ultima modifica 15/12/2014 18:33
Un marchio, Fatto@Scampia, raccoglie prodotti, fatti al 100% in Italia, fatti al 100% a Scampia da artigiani esperti. E’ un marchio provocatorio, come simbolo della produzione di qualità e del fatto che anche a Scampia, come dappertutto, tutti possono scegliere di fare con qualità.

Sostienici!


 

“È più facile insegnare che educare, perché per insegnare basta sapere, mentre per educare è necessario essere" (Alberto Hurtado)

Chi siamo?

Siamo una cooperativa sociale di Scampia, La Roccia. Abbiamo sede in una bella struttura, il centro Hurtado, punto di riferimento per tanti giovani e famiglie del quartiere.

Il centro Hurtado è anche formazione al lavoro e formazione alla cultura con i laboratori di lettura, scrittura, musica, arte, cinema e sostegno scolastico.

Lavoriamo dal 2006 creando prodotti di qualità, in sartoria e cartotecnica, distribuiti dalla nostra rete in tutta Italia. Siamo 14 lavoratori e costituiamo una delle poche realtà produttive del nostro quartiere. Ci piace l’idea di lavorare e far lavorare in un luogo dove nessuno vuole investire.

 

Quale è il nostro progetto?

Da tre anni ci siamo inventati un marchio, Fatto@Scampia che raccoglie i nostri prodotti, fatti al 100% in Italia, fatti al 100% a Scampia da artigiani esperti. 
E’ un marchio provocatorio che si sta diffondendo in tutta Italia, come simbolo della produzione di qualità e del fatto che anche a Scampia, come dappertutto, tutti possono scegliere di fare con qualità!

Cosa produciamo?

Produciamo borse, vestiti per bambini, asciugamani, ricami, magliette, tovaglie nonché agende, rubriche, scatole, oggetti di cancelleria e di sistemazione della tua scrivania. Rileghiamo e restauriamo libri antichi e nuovi.

Perché chiediamo soldi?

Chiediamo il tuo contributo per poter aggiornare i laboratori, le macchine e i prodotti. Chiediamo il tuo aiuto perché abbiamo criticità da superare per portare avanti questo progetto. Chiediamo il tuo contributo per permettere ad un numero sempre maggiore di artigiani di lavorare.

Quali risultati immaginiamo?

Vogliamo riuscire a mantenere i livelli occupazionali attuali ed ampliare il numero dei lavoratori della cooperativa.

Grazie per aver letto fin qua! Adesso scegli tra le ricompensa quella più giusta per te!

Il tuo contributo è un valido esempio di essere!

“Così come Hurtado ci insegna ad essere

Per il ritiro delle ricompense puoi utilizzare, oltre alla nostra sede di Napoli, alcuni amici del nostro progetto che trovi a Roma, Bologna e Vicenza.

 

SitoFacebookSito Centro Hurtado

Azioni sul documento
  • Stampa
I nostri amici stranieri

Cercasi un fine organizza degli incontri settimanali di dialogo tra culture e insegnamento della lingua italiana per stranieri.

Maggiori info >>>

centro di ascolto.jpg

Associandoci

logo-barchetta.jpg
Cercasi un fine
è insieme un periodico, un’associazione onlus, di promozione sociale, iscritta all’albo regionale della Puglia, fondata nel 2008, con attività che risalgono a partire dal 2002 e una rete di scuole di formazione politica. Vi partecipano credenti cristiani e donne e uomini di diverse culture e religioni, accomunati dall’impegno per una società più giusta, pacifica e bella.

Una presentazione sintetica delle nostre attività la trovi nel video qui 

altre info su

presentandoci
cercasi una casa
sostenendoci

con carta di credito o PayPal

Leggendo il giornale

Cercasi un fine 118.jpg

E' in distribuzione Cercasi un fine n. 118
(2020- Anno XVI)

quadratino rosso Tema: Economia civile

Scrivendo per il giornale

Se volete scrivere per il giornale:
direttore@cercasiunfine.it


 

 listing Il n. 118 è sull'ECONOMIA CIVILE. Il cartaceo è stato spedito da qualche giorno; il PDF lo si trova qui si sopra nella home page.

 listing Il n. 119 è sul DIALOGO INTERRELIGIOSO  è in preparazione.

 listing Il n. 120 è sui DOVERI (si parla spesso di diritti: e i doveri? Cosa intendiamo per doveri? Esistono gruppi, culture e religioni che danno seria testimonianza sui doveri? Come educare ai doveri?)  testi da inviare entro il 30 marzo 2020.

Per il n. 120 lanciamo un’iniziativa per coinvolgere tutti i nostri lettori: Tweet on duty - Un tweet sul dovere

Ti chiediamo di rispondere a una sola di queste domande (indicando nome, cognome, lavoro, città) in maniera sintetica, praticamente non più dei 140 caratteri che si usano in un tweet, da inviare a associazione@cercasiunfine.it o sms o whatsapp al cell. 337 1031728
Ecco le domande, scegline solo una e rispondi!
1. Cosa ti spinge a fare il tuo dovere?
2. Cosa provi nel fare il tuo dovere?
3. Cosa ti aspetti quando fai il tuo dovere?
4. Quali difficoltà incontri quando fai il tuo dovere? 
Testi da inviare entro il 30 marzo 2020.


Se avete qualcosa da proporci su qualcuno di questi temi siamo ben lieti di accoglierlo. Accettiamo anche contributi in altre lingue.