Tu sei qui: Home / Meditando / In articoli e commenti, scelti da noi / Immigrati e Porta Santa, intervista a G. Perego

Immigrati e Porta Santa, intervista a G. Perego

creato da webmaster ultima modifica 16/01/2016 17:30
16/01/2016 In piazza San Pietro, per la Giornata mondiale del rifugiato, domenica 17 gennaio, cinquemila immigrati, varcheranno la Porta Santa...

 

Arriveranno in cinquemila in piazza San Pietro, carichi delle loro storie di sofferenza e di speranza, sotto lo sguardo della Croce di Lampedusa. Nella Giornata mondiale del migrante e del rifugiato, il 17 gennaio, gli immigrati accolti a Roma e nelle diocesi del Lazio assisteranno all’Angelus di papa Francesco, attraverseranno la Porta Santa, per poi partecipare alla Messa nella Basilica celebrata dal cardinale Antonio Maria Vegliò, presidente del Pontificio consiglio della pastorale per i migranti e gli itineranti.

«A rappresentare tutti i migranti saranno in particolare i 150 che provengono dal Cara di Castelnuovo di Porto, con le bandiere dei loro Paesi», spiega monsignor Gian Carlo Perego, direttore generale della Fondazione Migrantes, promotrice del Giubileo dei migranti. La Croce di Lampedusa, realizzata con il legno dei barconi provenienti dalle coste libiche, approda a Roma dopo aver percorso l’Italia in una staffetta ideale tra le parrocchie.

«Le ostie che saranno consacrate durante la Messa», continua monsignor Perego, «sono prodotte da tre detenuti del carcere di massima sicurezza di Opera: simbolo della partecipazione al Giubileo dei migranti da parte del mondo delle carceri, che oggi conta 20 mila detenuti stranieri».

Monsignor Perego, il cardinale Bagnasco ha ribadito che l’accoglienza da sola non basta, servono percorsi di integrazione. Lo ha ricordato anche il presidente della Repubblica Mattarella nel suo discorso di fine anno...

«Per chi arriva chiedendo protezione internazionale le parole d’ordine restano salvare e accogliere. È importante poi promuovere un servizio su tutto il territorio che trasformi l’accoglienza in un cammino comune attraverso i percorsi scolastici e professionali. Ma va ricordato che l’integrazione è un percorso biunivoco: anche le nostre comunità sono chiamate a ripensarsi alla luce di questi incontri, per costruire una nuova comunità fatta anche di altre storie, culture, altri mondi. Diversamente, rischia di degenerare in un processo di assimilazione che, come è successo in Paesi come Belgio, Francia, Inghilterra, può generare insofferenza, distanza, esclusione sociale. Inclusione significa valorizzare la partecipazione civile, politica, amministrativa dei migranti, significa attenzione a una politica familiare che guardi al mondo delle 400 mila coppie miste in Italia, ai bambini figli di stranieri che sono nelle nostre scuole. Questi temi fino a oggi sono stati deboli nella politica migratoria italiana, che ha guardato all’immigrazione soprattutto con un occhio alla sicurezza e ha dato grande importanza al tema del permesso di soggiorno, ovvero al lavoro delle questure e della polizia, con poca attenzione ai mondi sociali».

Nell’ospitalità dei migranti la Chiesa ha attuato il modello dell’accoglienza diffusa. Può spiegare?

«La Chiesa nelle sue diocesi ha accolto oltre 27 mila migranti, con una media di accoglienza di 10-12 persone in ogni struttura. Vorremmo che tutti gli oltre 8 mila Comuni italiani, e non solo gli attuali 450, dessero una risposta. In passato il modello di accoglienza diffusa si è sviluppato in altri campi: la sperimentazione di una comunità terapeutica per tossicodipendenti in seguito è stata assunta da Asl, Comuni e Provincie come modello di cura, sostituendolo al precedente che era di semplice sanitarizzazione. Così 500 mila giovani sono stati salvati ricominciando a vivere nelle nostre città, a lavorare, studiare, mettere su famiglia. Lo stesso percorso è avvenuto nelle carceri con la Legge Gozzini del 1986: attraverso le misure alternative alla detenzione le persone escluse dietro le sbarre sono tornate a vivere e operare nelle città. Con i migranti dobbiamo sperimentare un percorso di inclusione. Diversamente rischiamo di creare dei grandi campi profughi – come è successo con i Cara – e situazioni difficili come quelle dei campi rom. Non si può parlare di invasione se ci riferiamo a 100 mila migranti su un territorio con 8 mila Comuni. Lo stesso vale per l’Europa: 1 milione di migranti in un continente di 500 milioni di abitanti non può essere un’invasione. Chiaro, se l’accoglienza ricade su 5 dei 28 Paesi Ue, il peso dell’immigrazione diventa eccessivo per quegli Stati».

Il Comune di Milano ha lanciato un bando per le famiglie disponibili a ospitare migranti a fronte di un rimborso spese di 350 euro al mese. Cosa pensa di questa iniziativa, tra l’altro prevista dal ministero dell’Interno?

«La famiglia è la realtà sociale di base di ogni comunità, da sempre è soggetto fondamentale per l’accoglienza. Lo abbiamo visto in vari momenti della storia: nella Prima guerra mondiale 12 milioni di rifugiati furono ospitati da famiglie in tutta Europa. E 50 mila ebrei, dopo la Seconda, si fermarono in Puglia e furono ospitati dalle famiglie di Gallipoli prima di muoversi verso Israele. In Italia sono arrivati oltre 15 mila minori non accompagnati: la famiglia è una risposta. L’attenzione ai minori con le famiglie affidatarie è in atto da anni, così come l’accoglienza in famiglia di anziani soli e di persone disabili. L’esperienza che oggi viene rilanciata con i migranti ci ricorda che la famiglia è il soggetto fondamentale per l’accoglienza di tutte le persone più fragili».

Gli italiani sono solidali?

«I sondaggi dicono che, sul piano dell’opinione, metà degli italiani non vorrebbero che i migranti fossero ospitati. Ma sul piano della prassi le cose cambiano: quando li conoscono personalmente, almeno otto italiani su dieci si aprono alla solidarietà».

Fonte: http://www.famigliacristiana.it/articolo/famiglie-aprite-le-vostre-porte.aspx

Azioni sul documento
  • Stampa
archiviato sotto: , ,
I nostri amici stranieri

Cercasi un fine organizza degli incontri settimanali di dialogo tra culture e insegnamento della lingua italiana per stranieri.

Maggiori info >>>

centro di ascolto.jpg

Associandoci

logo-barchetta.jpg
Cercasi un fine
è insieme un periodico, un’associazione onlus, di promozione sociale, iscritta all’albo regionale della Puglia, fondata nel 2008, con attività che risalgono a partire dal 2002 e una rete di scuole di formazione politica. Vi partecipano credenti cristiani e donne e uomini di diverse culture e religioni, accomunati dall’impegno per una società più giusta, pacifica e bella.

Una presentazione sintetica delle nostre attività la trovi nel video qui 

altre info su

presentandoci
cercasi una casa
sostenendoci

con carta di credito o PayPal

Leggendo il giornale

Cercasiunfine_115_Pagina_01.jpg

E' in distribuzione Cercasi un fine n. 115
(2019 - Anno XIV)

quadratino rosso Tema: Ambiente

Scrivendo per il giornale

Se volete scrivere per il giornale:
direttore@cercasiunfine.it


  Il 116 è sulla COPPIA (cosa vuol dire oggi essere "coppia"? Quali i ruoli nella coppia? Cos è la fedeltà nella coppia?) in preparazione.

 listing Il 117 è sul RAZZISMO (Dove nasce il razzismo? Cosa ci fa diventare razzisti? C'è il razzismo nella Chiesa?),  testi da inviare entro il 15 ottobre 2019.

 listing Il 118 è sull'ECONOMIA CIVILE (Cosa è l'economia civile? I Pro e i Contro di questo modello? Dove è applicato e come?)  testi da inviare entro il 15 novembre 2019.

 listing Il 119 è sul DIALOGO INTERRELIGIOSO  (Quanto abbiamo paura delle altre religioni? Le religioni dialogano tra di loro? Qual'è la finalità del dialogo? Cos'è il fondamentalismo religioso?)  testi da inviare entro il 31 gennaio 2020.

 listing Il 120 è sui DOVERI (si parla spesso di diritti: e i doveri? Cosa intendiamo per doveri? Esistono gruppi, culture e religioni che danno seria testimonianza sui doveri? Come educare ai doveri?)  testi da inviare entro il 15 marzo 2020.


Se avete qualcosa da proporci su qualcuno di questi temi siamo ben lieti di accoglierlo. Accettiamo anche contributi in altre lingue.