Tu sei qui: Home / Meditando / In articoli e commenti, scelti da noi / Fa bene la dieta web? Di Alberto Laggia

Fa bene la dieta web? Di Alberto Laggia

creato da D. — ultima modifica 17/09/2015 11:10
Per porre un argine all'invadenza di internet nella quotidianità, un gruppo di genitori vicentini ha proposto e messo in pratica il "digiuno digitale". Meno cellulari, tv, e tablet. Scoprendo che...

E’ giusto o no limitare l’accesso a internet ai propri figli? O quello a Facebook? E’ utile dare delle regole condivise in famiglia riguardo al cellulare o al tablet? Qualcuno crede di sì, tanto da aver inventato il “Digiuno digitale”. A Vicenza, un gruppo di genitori che frequentano la parrocchia  di Sant’Andrea hanno praticato per tutto il mese di marzo questa singolare “dieta” virtuale, impegnandosi a limitare l’invadenza dei dispositivi digitali per riutilizzare il tempo guadagnato nei rapporti diretti con familiari e amici. E hanno scoperto che si può fare, con un piccolo sforzo, e che, anzi, ci guadagna la qualità della vita.

In casa Pasqualetto, ad esempio,  alle nove di sera si spengono i cellulari e si stacca la copertura Wi-Fi. Papà, mamma e le due figlie hanno deciso di bandire smartphone e tablet nel dopocena. C’è chi ha limitato in alcune fasce orarie l’uso di internet e dei social network, chi oscura la tv durante e dopo i pasti,  e chi non porta il telefonino a scuola. Insomma hanno deciso di disconnettersi, almeno per un po’, per riaccendere il dialogo in famiglia e riscoprire, così, il gusto delle relazioni reali.

Tutto è nato in occasione del compleanno di uno dei nostri figli. Ci siamo accorti che la festa non decollava e il motivo era uno solo: tutti i ragazzi invitati se ne stavano isolati a  giocare con i loro cellulari. Allora ho deciso di fare una cosa un po’ impopolare: mi sono fatto consegnare i telefonini e ho proposto un gioco in giardino. Beh, è cambiato tutto. E la festa è iniziata”. Racconta Guido Zovigo, uno dei papà che hanno inventato il “digiuno”. Da quella piccola esperienza  è nata l’idea di proporre ad altri l’impegno a rinunciare un po’ alle tante abbuffate di internet per accogliere, in spirito quaresimale, l’invito a digiunare. Un modo per concedersi una pausa di riflessione, per cercare di capire qualcosa riguardo allo scarso dialogo interpersonale, tra genitori e figli, “perché ci siamo accorti –prosegue - che tutte le famiglie, chi più chi meno, hanno lo stesso probema: siamo sempre più connessi, ma sempre meno comunicanti”.

Così, per allargare l’invito hanno deciso di mettere in rete la proposta del digiuno con lo slogan “Il tempo per noi”. “Abbiamo realizzato un piccolo ‘open project’ e le risposte non sono tardate”, spiega Zovico. Chi ha fatto l’esperimento non se ne è pentito, anzi. “Dopo un inizio faticoso, perché le limitazioni erano vissute come una pesante imposizione dai miei figli”, commenta Filippo Pasqualetto, “una volta compreso il principio, silenziare cellulari e chiudere Facebook per qualche ora è diventato semplice”.    Teresa Sgambato, madre di due ragazze preadolescenti, ha invece proposto in famiglia una specie di decalogo di buone prassi da rispettare in casa e fuori, a partire dall’uso della tv: “una sola trasmissione al pomeriggio, uso del cellulare solo in caso di vera necessità. Se si eccede col telefonino, niente ricarica per il mese successivo”, spiega.

Il gruppo vicentino ha anche organizzato alcuni incontri su internet e l’esperienza digitale, coinvolgendo psicologi e filosofi. Ma non solo: per una sera hanno messo in cattedra i veri esperti, i ragazzi, dando loro la possibilità  di spiegare ai genitori quale uso facciano dei social network.

fonte: http://www.famigliacristiana.it/articolo/fa-bene-la-dieta-web.aspx, 10.04.2014

Azioni sul documento
  • Stampa
archiviato sotto:
I nostri amici stranieri

Cercasi un fine organizza degli incontri settimanali di dialogo tra culture e insegnamento della lingua italiana per stranieri.

Maggiori info >>>

centro di ascolto.jpg

Associandoci

logo-barchetta.jpg
Cercasi un fine
è insieme un periodico, un’associazione onlus, di promozione sociale, iscritta all’albo regionale della Puglia, fondata nel 2008, con attività che risalgono a partire dal 2002 e una rete di scuole di formazione politica. Vi partecipano credenti cristiani e donne e uomini di diverse culture e religioni, accomunati dall’impegno per una società più giusta, pacifica e bella.

Una presentazione sintetica delle nostre attività la trovi nel video qui 

altre info su

presentandoci
cercasi una casa
sostenendoci

con carta di credito o PayPal

Leggendo il giornale

Cercasi un fine 118.jpg

E' in distribuzione Cercasi un fine n. 118
(2020- Anno XVI)

quadratino rosso Tema: Economia civile

Scrivendo per il giornale

Se volete scrivere per il giornale:
direttore@cercasiunfine.it


 

 listing Il n. 118 è sull'ECONOMIA CIVILE. Il cartaceo è stato spedito da qualche giorno; il PDF lo si trova a destra nella home page.

 listing Il n. 119 è sul DIALOGO INTERRELIGIOSO  è in preparazione.

 listing Il n. 120 è sui DOVERI (si parla spesso di diritti: e i doveri? Cosa intendiamo per doveri? Esistono gruppi, culture e religioni che danno seria testimonianza sui doveri? Come educare ai doveri?)  testi da inviare entro il 30 marzo 2020.

Per il n. 120 lanciamo un’iniziativa per coinvolgere tutti i nostri lettori: Tweet on duty - Un tweet sul dovere

Ti chiediamo di rispondere a una sola di queste domande (indicando nome, cognome, lavoro, città) in maniera sintetica, praticamente non più dei 140 caratteri che si usano in un tweet, da inviare a associazione@cercasiunfine.it o sms o whatsapp al cell. 337 1031728
Ecco le domande, scegline solo una e rispondi!
1. Cosa ti spinge a fare il tuo dovere?
2. Cosa provi nel fare il tuo dovere?
3. Cosa ti aspetti quando fai il tuo dovere?
4. Quali difficoltà incontri quando fai il tuo dovere? 
Testi da inviare entro il 30 marzo 2020.


Se avete qualcosa da proporci su qualcuno di questi temi siamo ben lieti di accoglierlo. Accettiamo anche contributi in altre lingue.