Tu sei qui: Home / Meditando / In articoli e commenti, scelti da noi / Europa-Italia, il vai e vieni della strana coppia Bannon-Dugin, di Guido Gentili

Europa-Italia, il vai e vieni della strana coppia Bannon-Dugin, di Guido Gentili

creato da Paolo Iacovelli ultima modifica 07/06/2019 09:32
Ambedue, Bannon e Dugin, considerano l'Italia come il terreno più fertile per coltivare la spallata alla vecchia Europa...

Per la strana coppia l'Italia è un paese-laboratorio in un'Europa da ribaltare, e dunque la frequentano volentieri. Magari, inconsapevolmente, dandosi anche il cambio. Se ne va l'americano Steve Bannon, ex stratega del presidente Trump, che atterrando a Londra conclude il suo ultimo viaggio in Italia, ed arriva il russo Aleksandr Dugin, filosofo e politologo in forte sintonia con Putin. Così, il 4 giugno, ecco anche due interviste parallele: Bannon a LaVerità e Dugin al Giornale.
Dugin, va precisato, nell'intervista non parla specificamente dell'Italia e vedremo se lo farà venerdi 7 giugno in un incontro a Milano. Da teorico della “democrazia illiberale” e avversario del globalismo propone la formula dell'“Eurasiatismo” per difendere “l'identità di tutti i popoli dall'aggressione perpetrata dall'Occidente moderno”. 

La dottrina europeista è il nemico da abbattere: nei risultati del voto del 26 maggio Dugin vede “l'insorgere di un'immensa volontà popolare contro la dominazione totalitaria e impositiva del globalismo e del pensiero europeista, un passo verso la vittoria, non la vittoria stessa”.
Anche se numeri e tendenze suggeriscono un bilancio molto diverso e in qualche caso opposto, per Bannon no, proprio di vittoria contro l'euroglobalismo (e Macron in particolare) si tratta: “risultato straordinario, in Europa sono cambiate le regole di ingaggio…”. I partiti populisti hanno insomma vinto, “non formeranno un partito unico ma voteranno allo stesso modo sugli argomenti chiave”. Anche per allentare le regole sul debito, verrebbe da chiedere?
Ambedue, Bannon e Dugin, considerano l'Italia come il terreno più fertile per coltivare la spallata alla vecchia Europa. Ambedue sono stati sostenitori della formula di governo gialloverde Mov5Stelle-Lega. Dugin (ottobre 2018) si è espresso così: “è il primo caso nella storia della politica moderna di vittoria dei populisti, Salvini e Di Maio sono l'esempio dell'alleanza del populismo di sinistra con quello di destra”. 

Oggi Bannon (nessun accenno al premier Conte, apprezzamento per Giorgia Meloni e forte contrarietà ad intese con la Cina che sarebbe portatrice di un “capitalismo predatorio”) conferma la piena fiducia in Salvini per stringere il rapporto dell'Italia con gli Usa e gli dà il benvenuto per la prossima visita a Washington. 

Dettaglio interessante: alla domanda su una possibile coalizione di centrodestra guidata da Salvini, Bannon risponde in questo modo: “cosa farà nel contesto della politica italiana è da vedere, ha appena confermato che manterrà il patto di governo”.
Da vedere, aggiungiamo, se sarà confermata la visita di Putin in Italia a luglio e se Salvini (accreditato di un rapporto solido con il leader russo) volerà presto negli Usa per far visita a Trump. Per ora il vai e vieni con l'Italia è quello della strana coppia Bannon-Dugin.

https://www.ilsole24ore.com/art/commenti-e-idee/2019-06-06/europa-italia-vai-e-vieni-strana-coppia-bannon-dugin-141214.shtml?uuid=ACkDMDO

Azioni sul documento
  • Stampa
archiviato sotto: , ,
I nostri amici stranieri

Cercasi un fine organizza degli incontri settimanali di dialogo tra culture e insegnamento della lingua italiana per stranieri.

Maggiori info >>>

centro di ascolto.jpg

Associandoci

logo-barchetta.jpg
Cercasi un fine
è insieme un periodico, un’associazione onlus, di promozione sociale, iscritta all’albo regionale della Puglia, fondata nel 2008, con attività che risalgono a partire dal 2002 e una rete di scuole di formazione politica. Vi partecipano credenti cristiani e donne e uomini di diverse culture e religioni, accomunati dall’impegno per una società più giusta, pacifica e bella.

Una presentazione sintetica delle nostre attività la trovi nel video qui 

altre info su

presentandoci
cercasi una casa
sostenendoci

con carta di credito o PayPal

Leggendo il giornale

Cercasiunfine-120.jpg

E' in distribuzione Cercasi un fine n. 120
(2020- Anno XVI)

quadratino rosso Tema: I doveri

Scrivendo per il giornale

Se volete scrivere per il giornale:
direttore@cercasiunfine.it


 

 listing Il n. 120 è sui DOVERI (si parla spesso di diritti: e i doveri? Cosa intendiamo per doveri? Esistono gruppi, culture e religioni che danno seria testimonianza sui doveri? Come educare ai doveri?)  è in spedizione.

listing Il n. 121 è su RESISTERE RESISTERE RESISTERE: come abbiamo vissuto il periodo di crisi sanitaria è in preparazione.

 listing Il n. 122 è su... Tutti pazzi per i Social? Come i social stanno trasformando nostro modo di pensare, giudicare, informarci e razionarci? Riusciamo ad essere ironici su questa influenza diffusa? Testi da inviare entro 31 ottobre 2020.

Se avete qualcosa da proporci su qualcuno di questi temi siamo ben lieti di accoglierlo. Accettiamo anche contributi in altre lingue.