Tu sei qui: Home / Meditando / In articoli e commenti, scelti da noi / Erasmus+ e Garanzia Giovani, l’appuntamento per capire come funzionano

Erasmus+ e Garanzia Giovani, l’appuntamento per capire come funzionano

creato da webmaster ultima modifica 14/09/2015 17:11
L’iniziativa organizzata dall’Agenzia Nazionale per i Giovani per puntare i riflettori sugli strumenti messi a disposizione dall’Europa, come Erasmus+ e Garanzia Giovani, utili a supportare le giovani generazioni nel mercato del lavoro.

 

“Gioventù Italiana, una garanzia per l’Europa”. Si chiama così l’iniziativa dell’Agenzia Nazionale per i Giovani che chiama a raccolta più di 200 giovani, associazioni, enti locali, gruppi informali di tutta Italia per dare spazio e voce alle loro idee, nell’ambito del Semestre Europeo di Presidenza italiana.

Appuntamento il 5 e 6 novembre a Roma al Tempio di Adriano con l’obiettivo di puntare i riflettori sugli strumenti messi a disposizione dall’Europa, come Erasmus+ e Garanzia Giovani, utili a supportare le giovani generazioni ad acquisire conoscenze e competenze spendibili nel mercato del lavoro.

I lavori delle due giornate saranno aperti dal Direttore Generale dell’Ang Giacomo D’Arrigo, il Capo Dipartimento della Gioventù e del Servizio Civile Nazionale Calogero Mauceri, il Sottosegretario con delega agli affari europei Sandro Gozi, la direttrice della Direzione Gioventù e Sport della Commissione Europea Chiara Gariazzo, dal Presidente della Commissione Lavoro della Camera dei Deputati, Cesare Damiano e da Bruno Busacca, responsabile delle segreteria Tecnica del Ministro del Lavoro per fare un punto su Garanzia Giovani.

A moderare i loro interventi Paolo Migliavacca di Vita che presenterà anche alcuni testimonial che, nella passata programmazione, hanno beneficiato delle risorse dei programmi europei e ne metteranno in luce le ricadute in termini personali ed occupazionali.

I veri protagonisti della due giorni romana saranno però i ragazzi che, nel tempo massimo di 10 minuti per gruppo (totale 15 gruppi) nel corso della giornata del 6 novembre – moderata da Federico Taddia di Radio24 – presenteranno, le loro proposte progettuali di fronte ad una giuria e al Sottosegretario del Ministero del Lavoro e delle Politiche Sociali con delega alla Gioventù Luigi Bobba e a don Luigi Ciotti, presidente dell’Associazione Libera. Verrà quindi premiato, alla presenza di Silvia Costa, il miglior progetto al quale sarà dato ampio spazio di visibilità per valorizzare il protagonismo giovanile e la partecipazione attiva delle nuove generazioni.

All’interno delle due giornate è previsto anche il saluto del Ministro del Lavoro e delle Politiche Sociali Giuliano Poletti.

Redazione

Fonte: Formiche.net del 02 novembre 2014


Azioni sul documento
  • Stampa
archiviato sotto:
I nostri amici stranieri

Cercasi un fine organizza degli incontri settimanali di dialogo tra culture e insegnamento della lingua italiana per stranieri.

Maggiori info >>>

centro di ascolto.jpg

Associandoci

logo-barchetta.jpg
Cercasi un fine
è insieme un periodico, un’associazione onlus, di promozione sociale, iscritta all’albo regionale della Puglia, fondata nel 2008, con attività che risalgono a partire dal 2002 e una rete di scuole di formazione politica. Vi partecipano credenti cristiani e donne e uomini di diverse culture e religioni, accomunati dall’impegno per una società più giusta, pacifica e bella.

Una presentazione sintetica delle nostre attività la trovi nel video qui 

altre info su

presentandoci
cercasi una casa
sostenendoci

con carta di credito o PayPal

Leggendo il giornale

Cercasiunfine-119.jpg

E' in distribuzione Cercasi un fine n. 119
(2020- Anno XVI)

quadratino rosso Tema: Dialogo Interreligioso

Scrivendo per il giornale

Se volete scrivere per il giornale:
direttore@cercasiunfine.it


 

 listing Il n. 120 è sui DOVERI (si parla spesso di diritti: e i doveri? Cosa intendiamo per doveri? Esistono gruppi, culture e religioni che danno seria testimonianza sui doveri? Come educare ai doveri?)  è in spedizione.

listing Il n. 121 è su RESISTERE RESISTERE RESISTERE: come abbiamo vissuto il periodo di crisi sanitaria è in preparazione.

 listing Il n. 122 è su... Tutti pazzi per i Social? Come i social stanno trasformando nostro modo di pensare, giudicare, informarci e razionarci? Riusciamo ad essere ironici su questa influenza diffusa? Testi da inviare entro 31 ottobre 2020.

Se avete qualcosa da proporci su qualcuno di questi temi siamo ben lieti di accoglierlo. Accettiamo anche contributi in altre lingue.