Tu sei qui: Home / Meditando / In articoli e commenti, scelti da noi / Epochè, di Pietro Urcioli

Epochè, di Pietro Urcioli

creato da Denj — ultima modifica 15/09/2015 09:14
I facili entusiasmi sono del tutto inopportuni per chi, come me, è giunto alla soglia dei cinquant’anni. Anche io, sia chiaro, mi sono commosso davanti al teleschermo; ma...

 

I facili entusiasmi sono del tutto inopportuni per chi, come me, è giunto alla soglia dei cinquant’anni. Anche io, sia chiaro, mi sono commosso davanti al teleschermo; ma a qualche ora di distanza la riflessione si fa più cauta e non condizionata dall’emotività.

Anche Wojtyla iniziò in maniera splendida il suo pontificato con quel “Se mi sbaglio mi corigerete”; peccato, però, che poi non diede ad alcuno questa possibilità, men che meno ai teologi più progressisti, espulsi uno a uno. E anche il pontificato di Ratzinger iniziò sotto i migliori auspici se si rammenta che nel settembre 2005 il papa teologo volle incontrare Hans Kung, cacciato da Wojtyla nel 1979 e mai più ricevuto in Vaticano; peccato, però, che poi siano seguiti i lefebvriani, la messa in latino, i valori non negoziabili.

Occorre, perciò, sospendere il giudizio: quello che vale questo pontefice lo vedremo nei prossimi mesi. E non attraverso i discorsi ufficiali pronunciati nel corso di eventi trasmessi in mondovisione ma attraverso quegli atti che non assurgono agli onori della cronaca, riportati solo dalla stampa specializzata; lo vedremo attraverso le prime nomine episcopali, attraverso la piega che prenderà il dialogo con i lefebvriani, attraverso l’atteggiamento della Santa Sede nei confronti dei parroci austriaci e delle suore americane.

Per il momento, mi è sembrato un sogno vedere un pontefice che alla sua prima apparizione pubblica invece di sollecitare l’applauso della piazza invita il popolo alla preghiera, si qualifica come vescovo di Roma e non come papa, chiede a capo chino la benedizione dei fedeli, attribuisce alla Chiesa di Roma il primato della carità, si rivolge a tutti gli uomini di buona volontà. E mi è sembrato un sogno anche sentirgli dire “E adesso incominciamo questo cammino, vescovo e popolo, vescovo e popolo”; mi ha ricordato Giovanni XXIII quando diceva “La mia persona conta niente; è un fratello che vi parla, un fratello diventato padre per volontà di Nostro Signore. Ma tutto insieme, paternità e fraternità, è grazia di Dio. Tutto, tutto.” Il nome prescelto, poi, è tutto un programma. Un sogno bellissimo, quindi, dal quale non vorrei essere costretto a svegliarmi.

Preghiamo, dunque, affinché che lo Spirito Santo assista lui e noi nel mettere mano a quella riforma della Chiesa auspicata dal Concilio Vaticano II e ancora tutta da compiere.

 

fonte: ecclesiaspiritualis.blogspot.it, 14.03.2013

Azioni sul documento
  • Stampa
archiviato sotto:
I nostri amici stranieri

Cercasi un fine organizza degli incontri settimanali di dialogo tra culture e insegnamento della lingua italiana per stranieri.

Maggiori info >>>

centro di ascolto.jpg

Associandoci

logo-barchetta.jpg
Cercasi un fine
è insieme un periodico, un’associazione onlus, di promozione sociale, iscritta all’albo regionale della Puglia, fondata nel 2008, con attività che risalgono a partire dal 2002 e una rete di scuole di formazione politica. Vi partecipano credenti cristiani e donne e uomini di diverse culture e religioni, accomunati dall’impegno per una società più giusta, pacifica e bella.

Una presentazione sintetica delle nostre attività la trovi nel video qui 

altre info su

presentandoci
cercasi una casa
sostenendoci

con carta di credito o PayPal

Leggendo il giornale

Cercasi un fine 118.jpg

E' in distribuzione Cercasi un fine n. 118
(2020- Anno XVI)

quadratino rosso Tema: Economia civile

Scrivendo per il giornale

Se volete scrivere per il giornale:
direttore@cercasiunfine.it


 

 listing Il n. 118 è sull'ECONOMIA CIVILE. Il cartaceo è stato spedito da qualche giorno; il PDF lo si trova a destra nella home page.

 listing Il n. 119 è sul DIALOGO INTERRELIGIOSO  è in preparazione.

 listing Il n. 120 è sui DOVERI (si parla spesso di diritti: e i doveri? Cosa intendiamo per doveri? Esistono gruppi, culture e religioni che danno seria testimonianza sui doveri? Come educare ai doveri?)  testi da inviare entro il 30 marzo 2020.

Per il n. 120 lanciamo un’iniziativa per coinvolgere tutti i nostri lettori: Tweet on duty - Un tweet sul dovere

Ti chiediamo di rispondere a una sola di queste domande (indicando nome, cognome, lavoro, città) in maniera sintetica, praticamente non più dei 140 caratteri che si usano in un tweet, da inviare a associazione@cercasiunfine.it o sms o whatsapp al cell. 337 1031728
Ecco le domande, scegline solo una e rispondi!
1. Cosa ti spinge a fare il tuo dovere?
2. Cosa provi nel fare il tuo dovere?
3. Cosa ti aspetti quando fai il tuo dovere?
4. Quali difficoltà incontri quando fai il tuo dovere? 
Testi da inviare entro il 30 marzo 2020.


Se avete qualcosa da proporci su qualcuno di questi temi siamo ben lieti di accoglierlo. Accettiamo anche contributi in altre lingue.