Tu sei qui: Home / Meditando / In articoli e commenti, scelti da noi / Emergenza profughi, porte chiuse nei Balcani

Emergenza profughi, porte chiuse nei Balcani

creato da webmaster ultima modifica 10/03/2016 18:14
10/03/2016 Slovenia, Croazia, Serbia e Macedonia negano l'accesso a chi non ha documenti validi per il transito. Nel campo greco di Idomeni, colpito dal gelo e dalla pioggia, si aggrava la crisi umanitaria.
Emergenza profughi, porte chiuse nei Balcani

(Nella foto Ansa/Epa: una bambina nel campo profughi di Idomeni colpito dal maltempo)

 

Rotta balcanica addio. Da qui non si passa più. I Paesi della regione hanno chiuso le frontiere al transito dei profughi. La Slovenia ha deciso di lasciar transitare dal confine con la Croazia solo coloro che hanno documenti validi per l'area Schengen, chi ha intenzione di chiedere asilo nel Paese e chi ha bisogno di assistenza umanitaria. La Serbia - che non è membro dell'Unione europea - farà la stessa cosa al confine con Macedonia e Bulgaria. Medesime misure per la Croazia, che fa parte dell'Ue ma non dell'area Schengen. Anche la Macedonia ha deciso di trasformare la porta in un muro. L'Ungheria ha decretato lo stato di crisi, ha rafforzato i controlli alle frontiere con l'invio di 1.500 soldati in più e ha annunciato la costruzione di un muro lungo il confine con la Romania, per impedire l'accesso dei migranti attraverso questo Stato.

Così, lungo la frontiera greca, nel grande campo di Idomeni flagellato anche dal maltempo, la speranza dei circa 14mila profughi ammassati sprofonda sotto la marea di melma e di fango, sotto la pioggia caduta in questi giorni bui. L'emergenza umanitaria è sempre più pressante: nel campo scarseggiano il cibo e l'aqua. Migliaia di bambini sono a rischio di morte. Una situazione infernale, che l'Unicef ha denunciato come gravissima violazione dei diritti dell'infanziasanciti dalla Convenzione del 1989.

A Idomeni la crisi umanitaria è allarmante. Fra le associazioni impegnate a portare aiuto ai migranti bloccati sul confine, Medici senza frontiere si è attivata per allestire due nuovi capannoni di 240 metri quadrati e venti tende per ampliare la capacità di accoglienza del campo. Ma centinaia di persone dormono ancora al freddo e la risposta agli enormi bisogni dei profughi è insufficiente. Per quanto riguardai i Paesi balcanici, Msf fa sapere che ci sono più di mille profughi bloccati da giorni in Serbia. In Macedonia, nel centro di Tabanovce, ci sono più di 700 profughi afghani che non possono muoversi perché non sono stati autorizzati a proseguire il viaggio verso un altro Paese europeo.

Il summit tra Unione europea e Turchia sulla gestione del flusso dei migranti riprenderà il 17 marzo. Intanto a Bruxelles Ankara ha chiesto all'Ue tre miliardi di euro in più e ha lanciato la sua proposta: riprendersi tutti i migranti irregolari arrivati in Ue dal suo confine, a patto che, in cambio, l'Ue accetti di accogliere e redistribuire altrettanti profughi siriani presenti in Turchia.

«I leader europei hanno completamente perso il senso della realtà
e l’accordo che UE e Turchia stanno negoziando è uno degli esempi più chiari del loro cinismo», è il duro commento diLoris De Filippi, presidente di Medici senza frontiere. «Per ogni rifugiato che rischierà la vita in mare e verrà sommariamente rimandato in Turchia, un altro potrebbe avere l’opportunità di raggiungere l’Europa dalla Turchia secondo un programma definito di reinsediamento. Questo calcolo sterile riduce le persone a meri numeri, negando loro un trattamento umano e compromettendo il loro diritto di cercare protezione».

Fonte: http://www.famigliacristiana.it/articolo/profughi-balcani.aspx

Azioni sul documento
  • Stampa
archiviato sotto: ,
Pubblicando, i testi di Cercasi un fine

Formare alla politica. L'esperienza di Cercasi un fine

Nasce la nuova collana I libri di Cercasi un fine in coedizione con Magma Edizioni. Il primo volume sul metodo educativo e la storia di Cercasi un fine...


Potere e partecipazione. Un'esperienza locale di amministrazione condivisa, di S. Di Liso, D. Lomazzo

Sesto libro della collana di Cercasi un fine


La salute nella e oltre la leggeLa salute nella e oltre la legge. Sfide odierne, di F. Anelli e G. Ferrara

 Quinto libro della collana di Cercasi un fine


Attrezzarsi per la città

Attrezzarsi per la città. Laboratori di formAZIONE socio-politica, di M. Natale

Questo libro, quarto della collana di Cercasi un fine, racconta un’idea, diventata poi una esperienza, basata sulla convinzione che si possa, anzi si debba, progettare...


 

Meditando in video
Un video per scoprire le nostre attività: scuole di politica, giornale e sito web, collana di libri, incontri e seminari, scuola di italiano per stranieri... benvenuti in Cercasi un fine!
Cercasi un fine. Presentandoci
2020
13th of January 2020, BBC interviews our Director Rocco D'Ambrosio on the case of the book of Ratzinger-Sarah
Il nostro direttore Rocco D'Ambrosio intervistato dalla BBC
2020
Di più…
I nostri amici stranieri

Cercasi un fine organizza degli incontri settimanali di dialogo tra culture e insegnamento della lingua italiana per stranieri.

Maggiori info >>>

centro di ascolto.jpg

Associandoci

logo-barchetta.jpg
Cercasi un fine
è insieme un periodico, un’associazione onlus, di promozione sociale, iscritta all’albo regionale della Puglia, fondata nel 2008, con attività che risalgono a partire dal 2002, una rete di scuole di formazione politica, un gruppo di amici stranieri e volontari per l'insegnamento della lingua italiana. Vi partecipano credenti cristiani e donne e uomini di diverse culture e religioni, accomunati dall’impegno per una società più giusta, pacifica e bella.

Una presentazione sintetica delle nostre attività la trovi nel video qui 

altre info su

presentandoci
cercasi una casa
sostenendoci

con carta di credito o PayPal

Leggendo il giornale

E' in distribuzione Cercasi un fine n. 122
(2021- Anno XVII)

quadratino rosso Tema: Tutti pazzi per i sociale?

Scrivendo per il giornale

Se volete scrivere per il giornale:
direttore@cercasiunfine.it


 

 listing Il n. 123 è sulla RINASCITA (1. Cosa vuol dire “rinascita” dopo la crisi sanitaria? 2. Positività e negatività della crisi sanitaria nel lavoro, scuola, famiglia, politica, sanità, economia, ambiente? 3. Cosa vuol dire sperare in un futuro migliore?): in preparazione.

 listing Il n. 124 è su Il Pianeta che vogliamo (1. Che rapporto c'è tra la pandemia e la situazione ambientale? 2. Nuove politiche industriali e del lavoro e impatto sull'ambiente? 3. Cosa cambiare negli stili di vita? 4. Quale il contributo delle religioni?) Testi da inviare da entro 31 maggio 2021.

 listing Il n. 125 è sulla Repubblica "post Covid e tante risorse"  Testi da inviare da entro 31 agosto 2021.

Se avete qualcosa da proporci su qualcuno di questi temi siamo ben lieti di accoglierlo. Accettiamo anche contributi in altre lingue.