Tu sei qui: Home / Meditando / In articoli e commenti, scelti da noi / Elogio alla Chiesa, unica vera opposizione al Governo degli egoisti, di Flavia Perina

Elogio alla Chiesa, unica vera opposizione al Governo degli egoisti, di Flavia Perina

creato da Paolo Iacovelli ultima modifica 15/05/2019 09:22
Il Cardinale Elemosinere Konrad Krajeski, ex elettricista, si è calato nel tombino e ha risolto quella che stava per diventare un’emergenza sanitaria per decine di persone…

La disobbedienza civile a Roma la fa la Santa Sede, nella persona del Cardinale Elemosinere Konrad Krajewski, già noto alle cronache per i suoi interventi personali in favore di senzatetto, barboni, rifugiati. Sabato era andato a portare regali ai 98 bambini dello Spin Time, l’ex sede Inpdap di via Santa Croce in Gerusalemme dove dal 2013 vivono 400 persone in una delle tante occupazioni “stabilizzate” di Roma. Ha trovato una situazione emergenziale. Da cinque giorni né luce né acqua. Frigoriferi spenti, bagni intasati, anche perché la pompa di collegamento alla fogna ha bisogno di elettricità. Il resto lo raccontano i residenti: ha chiamato la Prefettura, ha chiamato il Comune, ha chiesto un intervento d’urgenza, “se no alle 20 ci penso io”. 

Non è successo niente e alle otto e un quarto di sera il cardinale si è infilato nel tombino dei contatori e ha provveduto di persona. “Ci ha spiegato che era competente di energia elettrica perché prima di prendere i voti, in Polonia, aveva lavorato nel settore”, spiega chi c’era.

L’inaspettata e clamorosa irruzione vaticana sul terreno del disagio sociale spiazza tutti, destra, sinistra, centro, Primo Municipio (uno dei pochi dove governa la sinistra), Campidoglio, potere sindacale, e anche il capo di Action Andrea Alzetta detto Tarzan, che gestisce l’occupazione abusiva, perché tutti sono coinvolti nella surreale vicenda della Spin Time e tutti da tempo promettevano soluzioni che però non sono mai arrivate.

La causa del distacco della luce è un colossale debito – non ci sono cifre precise ma si parla di 300mila euroaccumulato con la Hera Comm di Imola, società che gestisce nel Lazio il cosiddetto Servizio di Salvaguardia, quindi anche i contratti dell’energia dei cattivi pagatori, ai quali viene imposto, per legge, un sovrapprezzo di 17 euro a MegaWatt/ora. La ricontrattazione della somma è da mesi al centro di tavoli di dibattito, con ripetute rassicurazioni: l’ultima, a distacco già avvenuto, prevedeva un intervento della Cgil per fornire garanzie alla Hera, su mediazione del vicesindaco Luca Bergamo e della presidente Pd del municipio Sabrina Alfonsi. 

È arrivato prima il vescovo-elettricista, prendendosi la responsabilità (anche giudiziaria) di un atto che tutti avevano paura di fare. Rompere i sigilli, ripristinare la corrente, evitare che mentre la politica discute i poveracci debbano aspettare a lume di candela e con i bagni intasati.

La destra ha trovato nel gesto di Krajeski la conferma che a San Pietro c’è un Papa comunista, peraltro sottolineata ieri dalla protesta durante l’Angelus di Forza Nuova con un colossale striscione: “Bergoglio come Badoglio – Stop immigrazione”. La sinistra è seccata: nel comunicato di Action il vescovo non è nemmeno citato e Alzetta definisce la storia dell'Elemosiniere “una fantasia giornalistica”. Comune e Municipio tacciono imbarazzati.

L’attivismo della Santa Sede sul terreno del disagio mette in difficoltà ogni soggetto coinvolto nelle politiche cittadine perché ricorda che homeless, baraccati, rom, disperati di ogni provenienza e condizione – insomma, la gran quantità di senza-niente che ogni metropoli produce – non possono essere cancellati con un colpo di penna (o con la ruspa). Sono qui, e giacchè ci sono spingerli verso marginalità sempre più estreme come vivere per strada o sugli argini del fiume, vagabondare con i bambini al seguito, cucinare su fuochi improvvisati, non solo è disumano ma non è utile a nessuno, ne’ ai cittadini “in regola” ne’ al decoro della città. Poi, c’è un secondo memorandum, e anche quello ha un suo peso: d’accordo le regole, d’accordo gli adempimenti doverosi, i tavoli, gli obblighi burocratici, ma neanche allo zoo si lascerebbero gli animali senz’acqua e senza servizi aspettando un accordo su debiti arretrati. Con 400 persone tra cui cento bambini di mezzo, l’ordinaria amministrazione deve avere un sussulto, essere capace di determinare un’eccezione, un atto emergenziale, in attesa di soluzioni a lungo termine.

Ma siamo in campagna elettorale, e più che ogni considerazione di buon senso, vale la propaganda. Il mondo del Pd tace interdetto, da molto tempo teme gli effetti controproducenti della difesa di questo tipo di situazioni. Matteo Salvini, sull’onda dell’indignazione dei suoi che sul web pubblicano inorgogliti le loro fatture Enel o Acea regolarmente corrisposte, manda a dire: “Ora Krajeski paghi le bollette”.

Pure quel mondo tuttavia dimentica che si è appena conclusa una grande operazione di salvataggio dei cattivi pagatori di tasse e di multe, con sanatoria totale delle cartelle sotto i mille euro e sostanziosi sconti per quelle superiori: una rottamazione rivendicata con orgoglio dalle destre perché ha salvato dalla clandestinità piccole imprese e famiglie alla canna del gas. Un po’ della generosità usata per i penultimi – quelli avviati al disastro causa fisco – si potrebbe usare anche per gli ultimi degli ultimi, quelli che al disastro ci sono già. Purtroppo, a ricordarsene, sembra rimasto solo il Vaticano.

 

https://www.linkiesta.it/it/article/2019/05/13/roma-santa-croce-elemosiniere-krajeski-palazzo-occupato/42116/

Azioni sul documento
  • Stampa
archiviato sotto: , ,
Associandoci

logo-barchetta.jpg

Cercasi un fine è insieme un periodico, un’associazione onlus, di promozione sociale, iscritta all’albo regionale della Puglia, fondata nel 2008, con attività che risalgono a partire dal 2002, una rete di scuole di formazione politica, un gruppo di amici stranieri e volontari per l'insegnamento della lingua italiana. Vi partecipano credenti cristiani e donne e uomini di diverse culture e religioni, accomunati dall’impegno per una società più giusta, pacifica e bella.

Una presentazione sintetica delle nostre attività la trovi nel video qui 

altre info su

presentandoci
cercasi una casa
sostenendoci

Pubblicando, i testi di Cercasi un fine

Formare alla politica. L'esperienza di Cercasi un fine

Nasce la nuova collana I libri di Cercasi un fine in coedizione con Magma Edizioni. Il primo volume sul metodo educativo e la storia di Cercasi un fine...


Potere e partecipazione. Un'esperienza locale di amministrazione condivisa, di S. Di Liso, D. Lomazzo

Sesto libro della collana di Cercasi un fine


La salute nella e oltre la leggeLa salute nella e oltre la legge. Sfide odierne, di F. Anelli e G. Ferrara

 Quinto libro della collana di Cercasi un fine


Attrezzarsi per la città

Attrezzarsi per la città. Laboratori di formAZIONE socio-politica, di M. Natale

Questo libro, quarto della collana di Cercasi un fine, racconta un’idea, diventata poi una esperienza, basata sulla convinzione che si possa, anzi si debba, progettare...


 

Meditando in video
Un video per scoprire le nostre attività: scuole di politica, giornale e sito web, collana di libri, incontri e seminari, scuola di italiano per stranieri... benvenuti in Cercasi un fine!
Cercasi un fine. Presentandoci
2020
13th of January 2020, BBC interviews our Director Rocco D'Ambrosio on the case of the book of Ratzinger-Sarah
Il nostro direttore Rocco D'Ambrosio intervistato dalla BBC
2020
Di più…
Il 5 x mille per CuF


Sapete quanto è prezioso per noi la vostra firma del 5 x mille a nostro favore: con esso realizziamo scuole di formazione sociale e politica, un sito web e un periodico di cultura e politica, insegnamento dell’italiano per cittadini stranieri, incontri, dibattiti…

Basta la tua firma e il numero dell'associazione 91085390721 nel primo riquadro sul volontariato. 

I nostri amici stranieri

Cercasi un fine organizza degli incontri settimanali di dialogo tra culture e insegnamento della lingua italiana per stranieri.

Maggiori info >>>

centro di ascolto.jpg

Il Gruppo "Il Seggio" di Cercasi un fine a Minervino

 

 

Si chiama "Il seggio": è il gruppo territoriale di Cercasi un fine, nato a Minervino, a fine anno 2021.

Esso nasce dall'iniziativa dei soci fondatori e ordinari di Cuf, residenti a Minervino. Il gruppo (attraverso un apposito Regolamento) è un'emanazione territoriale della nostra Associazione, di cui condivide statuo, finalità, contenuti e strategie associative.

Auguriamo al gruppo di essere attivo e proficuo nella ricerca de nostro Fine come don Milani insegna: "Bisogna che il fine sia onesto. Grande. Il fine giusto è dedicarsi al prossimo. E in questo secolo come lei vuole amare se non con la politica o col sindacato o con la scuola? Siamo sovrani. Non è più il tempo delle elemosine, ma delle scelte".

 

indirizzo: Vico II Spineto, 2
(c/o Parrocchia S. Michele Arcangelo)
76013 Minervino Murge (BT)

per info:
mail: scuolasociopoliticaminervino@cercasiunfine.it
cell: 349 6534286

Contribuendo

Contribuendo.jpg

Bonifico Bancario
Cercasi un Fine ONLUS
IBAN IT26C0846941440000000019932
BCC Credito Cooperatvo

Leggendo il giornale

E' in distribuzione Cercasi un fine n. 126
(2021- Anno XVII)

quadratino rosso Tema: Il rispetto dell'identità sessuale

 

Scrivendo per il giornale

Se volete scrivere per il giornale:
direttore@cercasiunfine.it


  

 listing Il n. 126 è su "Il rispetto dell'identità sessuale"  (cosa intendiamo per identità sessuale? Come rispettarla nella vita quotidiana? Quali tutele politiche e giuridiche introdurre?) è in spedizione.

 listing Il n. 127 è dedicato alla vita quotidiana (in un mondo eccessivamente mediatico quale valore ha il quotidiano? I suoi piccoli e significativi gesti quale senso hanno? Conosciamo i vissuti quotidiani attorno a noi?). Testi da inviare entro il 15 maggio 2022.

 listing Il n. 128 è sulla "Riforma costituzionale in tema ambientale"  (qual è il significato dell'ultima riforma costituzionale in tema ambientale? Quali ricadute per noi e le generazioni future? E' un nuovo patto tra generazioni? Quali effetti sull'attività economica?). Testi da inviare entro il 15 maggio 2022.

 

Se avete qualcosa da proporci su qualcuno di questi temi siamo ben lieti di accoglierlo: testi non superiori a 4000 caratteri/spazi inclusi, da inviare ai nostri indirizzi mail. Accettiamo anche contributi in altre lingue e di bambini.