Tu sei qui: Home / Meditando / In articoli e commenti, scelti da noi / Elezioni europee: prepariamo le armi, di Franco Bruni

Elezioni europee: prepariamo le armi, di Franco Bruni

creato da Paolo Iacovelli ultima modifica 27/08/2018 08:46
Chi vuole salvare e rilanciare l’Unione deve preparare le armi per un combattimento politico e mediatico decisivo.    Le armi possono essere diverse…

Il processo di integrazione europeo rischia lo stallo. Per il Consiglio di giugno la Commissione e gli stessi Stati membri avevano diversi progetti. L’avvio della predisposizione del bilancio pluriennale dell’UE facilitava le idee innovative. Ma i passi avanti sono mancati.  Sotto l’urgenza del problema migranti, col combinarsi delle debolezze del governo tedesco, del tono euroscettico di quello italiano, delle durezze del gruppo di Visegrad e di quello degli Otto, capeggiato dall’Olanda, il Consiglio è apparso sterile. Pare quasi affacciarsi un’ondata di disintegrazione che i prossimi mesi possono invertire in extremis o accrescere fino a rischiare il disastro. La leva che agirà in un senso o nell’altro sarà l’approssimarsi delle elezioni europee del maggio 2019. Se esse premiassero, in Italia e altrove, i partiti variamente nazional-populisti, le istituzioni comunitarie potrebbero trovarsi intrappolate in una situazione paradossale perché popolate da chi vuole suicidarle. Qualcuno pensa che a paradosso corrisponderebbe paradosso e che tale situazione si autocorreggerebbe perché l’antieuropeismo al potere di addomesticherebbe fino a cambiar di segno. Tralasciando simili acrobazie mentali, chi vuole salvare e rilanciare l’Unione deve preparare le armi per un combattimento politico e mediatico decisivo.

Le armi possono essere diverse. Un primo tipo si concentra sul contrasto alla propaganda euroscettica e, in particolare, alle falsità con cui spesso si alimenta. È l’arma del fact checking contro le fake news. Fra i molti variegati esempi c’è l’ingigantimento del fenomeno delle migrazioni e la falsificazione del suo profilo – proprio in una fase in cui sembra ridimensionarsi e prestarsi a esser meglio governato – che suscitano timori e solleticano suscettibilità nazionalistiche. E, in tutt’altro campo, c’è l’esempio di una pretesa “austerità” finanziaria con cui le direttive di politica monetaria e fiscale europee – in realtà virate da ormai anni verso gli stimoli e la flessibilità – impedirebbero di rilanciare la crescita.

Smentire le falsità è però complicato e ha un impatto sull’opinione pubblica, e sul modo con cui vota, molto minore di quando esse vengono circolate. Le falsità sfruttano l’ipersemplificazione dei problemi che piace alla gente: se chi smentisce si lascia attrarre dalla trappola di ipersemplificare rischia di essere a sua volta smentibile, mentre se articola con qualche completezza la questione perde ascolto e passa per un membro delle élites che imbrogliano i popoli. Inoltre la smentita, anche quando efficace, è un’arma di rimessa che lascia il gioco nel campo di chi avvelena il dibattito con semplicismi e falsità. Va anche detto che si tratta spesso di smentire affermazioni che partono da problemi veri come, negli esempi appena fatti, quelli delle migrazioni e della difficoltà di calibrare le politiche economiche europee. Problemi reali che vengono poi distorti nell’esasperarne le dimensioni, descritti con dati scorretti e affrontati con metodi impropri e controproducenti. Ma chi cerca di raddrizzare il discorso si espone all’accusa di negare i problemi.

Riconoscere la difficoltà e i limiti dell’arma del fact checking non significa rinunciarvi. Occorre anzi usarla con più impegno e abilità. Non solo: occorre informare anche su fatti, dati e questioni che la disinformazione e il semplicismo nazionalista non tocca e non affronta. Oltre all’arma della smentita c’è quella di giocare d’anticipo e spiegare i benefici dell’integrazione e i costi della non-Europa su questioni che l’euroscetticismo non ha ancora attaccato, magari perché la loro effettiva complessità è una sfida anche per i più affermati fabbricatori di semplicismi. Un esempio importante è l’unificazione dei mercati finanziari dell’eurozona – uno dei temi più urgenti oggi in agenda della Commissione – che arrecherebbe benefici notevoli ma obiettivamente difficili da spiegare.

Le armi dello smentire e dello spiegare hanno però entrambe un grave limite. Parlano alla testa più che alla pancia e al cuore, usano il ragionamento più delle emozioni. Poiché l’antieuropeismo fa l’opposto, il rischio è di mancare il bersaglio. È sempre questione di semplificazione, perché le emozioni paiono richiederla: forse che per suscitarle l’europeismo deve piegarsi a usare machiavelliche e false semplificazioni? Forse no, ma è aperta una urgente gara di idee su come evitare di rimanere prigionieri di un linguaggio solo razionale. Occorre, diceva Zweig molto prima che nascesse l’UE, “conferire visibilità e passione all’idea di Europa” perché “mai il cambiamento è venuto dalla sola sfera intellettuale o dalla sola riflessione”. Qualcuno potrebbe non considerare un’indebita semplificazione ricordare con messaggi più efficaci che il progetto di unire l’Europa è nato dal desiderio di scongiurare il ripetersi delle guerre tremende dalle quali essa è stata per secoli dilaniata: dire del rischio che il rinascere dei nazionalismi possa far fare all’Europa “la fine della Jugoslavia” e riaprire forme di ostilità non più solo economiche e politiche, magari partendo da degenerazioni dei già esistenti blocchi di polizia e fili spinati contro le migrazioni interne. Qualcuno potrebbe invece, in positivo, evocare la storia più antica ricordando l’eccezionale contributo dell’apertura continentale agli italici successi culturali ed economici della Venezia e della Firenze rinascimentali.

Più in generale, ci sono due modi di parlare alla pancia e al cuore senza tradire l’onestà della ragione: (i) scegliere con cura gli argomenti su cui insistere con dati e ragionamenti e (ii) insistervi con un linguaggio che sfrutti onestamente anche percezioni emotive complementari a quelle razionali. Abbondano gli esempi di argomenti da privilegiare, come le varie possibili dimostrazioni che, contro le crescenti e minacciose complessità della convivenza globale con i più grandi e forti, “uniti si vince”; e come i progetti per la graduale crescita di un welfare europeo, dove l’UE divenga per tutti i suoi membri un aiuto a superare le ferite sociali più sentite, le fasi acute di disoccupazione e povertà nonché i disagi delle migrazioni. Quanto alla questione linguistica, si tratta di sfruttare le diffuse competenze nell’uso più moderno dei media e delle tecniche oratorie. Usare bene i cartoni animati non offende la nobiltà della causa europea e può convogliare con più facilità dati e informazioni che vaccinano contro le narrazioni scorrette che la danneggiano.

C’è molto meno di un anno per salvare le elezioni europee: è vera emergenza, le armi non mancano, occorre impegno e coraggio.

 

https://www.ispionline.it/it/pubblicazione/elezioni-europee-prepariamo-le-armi-21064

Azioni sul documento
  • Stampa
archiviato sotto: , ,
Prossimi eventi
La comunità che viene dal futuro: ricordando Franco Ferrara 30/11/2019 09:00 - 17:30 — Sala De Deo, Palazzo Comunale, via G. Rossini, Gioia del Colle (Ba)
Prossimi eventi…
Pubblicando, i testi di Cercasi un fine

Potere e partecipazione. Un'esperienza locale di amministrazione condivisa, di S. Di Liso, D. Lomazzo

Sesto libro della collana di Cercasi un fine

 


La salute nella e oltre la leggeLa salute nella e oltre la legge. Sfide odierne, di F. Anelli e G. Ferrara

 

Quinto libro della collana di Cercasi un fine


Attrezzarsi per la città

Attrezzarsi per la città. Laboratori di formAZIONE socio-politica, di M. Natale

Questo libro, quarto della collana di Cercasi un fine, racconta un’idea, diventata poi una esperienza, basata sulla convinzione che si possa, anzi si debba, progettare...


 

Meditando in video
Papa Francesco ha inviato domenica 23 aprile 2017 un video messaggio dedicato a don Lorenzo Milani, il priore di Barbiana, alla manifestazione “Tempo di Libri”, a Milano, dove nel pomeriggio è stata presentata l’edizione completa di “Tutte le Opere” del sacerdote, con alcuni inediti, curata dallo storico Alberto Melloni per la collana dei Meridiani Mondadori...
Videomessaggio del Santo Padre per Don Milani
Politica in weekend - 2 e 3 luglio 2016
Guida alla riforma costituzionale
Di più…
I nostri amici stranieri

Cercasi un fine organizza degli incontri settimanali di dialogo tra culture e insegnamento della lingua italiana per stranieri.

Maggiori info >>>

centro di ascolto.jpg

Associandoci

logo-barchetta.jpg
Cercasi un fine
è insieme un periodico, un’associazione onlus, di promozione sociale, iscritta all’albo regionale della Puglia, fondata nel 2008, con attività che risalgono a partire dal 2002 e una rete di scuole di formazione politica. Vi partecipano credenti cristiani e donne e uomini di diverse culture e religioni, accomunati dall’impegno per una società più giusta, pacifica e bella.

Una presentazione sintetica delle nostre attività la trovi nel video qui 

altre info su

presentandoci
cercasi una casa
sostenendoci

con carta di credito o PayPal

Leggendo il giornale

Cercasiunfine_115_Pagina_01.jpg

E' in distribuzione Cercasi un fine n. 115
(2019 - Anno XIV)

quadratino rosso Tema: Ambiente

Scrivendo per il giornale

Se volete scrivere per il giornale:
direttore@cercasiunfine.it


  Il 116 è sulla COPPIA (cosa vuol dire oggi essere "coppia"? Quali i ruoli nella coppia? Cos è la fedeltà nella coppia?) in preparazione.

 listing Il 117 è sul RAZZISMO (Dove nasce il razzismo? Cosa ci fa diventare razzisti? C'è il razzismo nella Chiesa?),  testi da inviare entro il 15 ottobre 2019.

 listing Il 118 è sull'ECONOMIA CIVILE (Cosa è l'economia civile? I Pro e i Contro di questo modello? Dove è applicato e come?)  testi da inviare entro il 15 novembre 2019.

 listing Il 119 è sul DIALOGO INTERRELIGIOSO  (Quanto abbiamo paura delle altre religioni? Le religioni dialogano tra di loro? Qual'è la finalità del dialogo? Cos'è il fondamentalismo religioso?)  testi da inviare entro il 31 gennaio 2020.

 listing Il 120 è sui DOVERI (si parla spesso di diritti: e i doveri? Cosa intendiamo per doveri? Esistono gruppi, culture e religioni che danno seria testimonianza sui doveri? Come educare ai doveri?)  testi da inviare entro il 15 marzo 2020.


Se avete qualcosa da proporci su qualcuno di questi temi siamo ben lieti di accoglierlo. Accettiamo anche contributi in altre lingue.