Tu sei qui: Home / Meditando / In articoli e commenti, scelti da noi / Elezioni europee 2019: il tuo voto conta ed ecco in che modo, di redazione riparteilfuturo.it

Elezioni europee 2019: il tuo voto conta ed ecco in che modo, di redazione riparteilfuturo.it

creato da Paolo Iacovelli ultima modifica 28/09/2018 10:18
Riparte il futuro insieme ad altre ONG europee lancia la piattaforma multi-lingua YouVoteEu per la partecipazione democratica alle elezioni del 2019…

È iniziato il countdown per le Elezioni europee 2019 (23-26 maggio), un appuntamento cruciale a cui tutti siamo chiamati per esercitare il nostro diritto-dovere di voto e far sentire la nostra voce oltreconfine.  Per orientarsi nell’urna elettorale europea avremo a disposizione per la prima volta uno strumento molto utile, il portale yourvotematters.eu, presentato oggi  all'evento ECAS sullo stato dell'Unione 2018.

Questo sito innovativo, disponibile in otto lingue, nasce con lo scopo di colmare la distanza che continua a separare i cittadini, gli attuali membri del Parlamento europeo e i candidati alle prossime elezioni. Inoltre si propone di amplificare il ruolo vitale delle organizzazioni della società civile spesso trascurate nel dibattito sui temi più scottanti.

“Il tuo voto conta ed ecco in che modo”, recita il claim del progetto YouVoteEu che offre a tutti gli attuali deputati, candidati alle elezioni europee e alle ONG un profilo dedicato in cui possono pubblicare le proprie proposte politiche per il futuro dell'Unione europea.
I cittadini, dal canto loro, possono consultare e decidere di votare queste proposte in maniera più consapevole e informata.

Sul portale sono già accessibili i 751 profili di tutti gli attuali eurodeputati. Per ciascuno di essi è dichiarata la posizione politica rispetto ai 20 principali argomenti discussi in Parlamento negli ultimi quattro anni, dall’immigrazione ai temi relativi alla discriminazione di genere, passando per la tutela dei dati personali e i temi ecologici di grande attualità. Farsi un’opinione su questi punti e sapere chi sostiene cosa è indispensabile per esprimere una preferenza lucida e costruttiva (anziché lamentarsi a cose fatte).

Ogni elettore-utente inoltre potrà rispondere all domande di un test, esprimendo la propria opinione sui 20 temi scottanti, e ottenere in risposta il profilo del candidato o del partito politico che meglio rappresenta le proprie opinioni politiche. Utile per chi percepisce la politica delle Istituzioni europee distante anni luce ma sente che, solo partecipando e informandosi, è possibile colmare questo gap.

Il progetto, cofinanziato dalla Commissione europea, è frutto della collaborazione di cinque organizzazioni non profit europee: l'ECAS e VoteWatch basate a Bruxelles, la greca Vouliwatch, la polacca Collegium Civitas e noi di Riparte il futuro. "Siamo entusiasti di lanciare questa piattaforma e, cosa più importante, che i nostri utenti inizino a giocarci - ha detto la nostra Priscilla Robledo - Internet è ancora uno strumento potente e responsabilizzante nelle democrazie avanzate e l'Unione europea deve affrontare la sfida di utilizzare saggiamente Internet per incoraggiare una vera partecipazione democratica. Faremo la nostra parte in questo processo. Aprire la piattaforma alle ONG è un ulteriore passo in questa direzione ".

All’evento di presentazione a Bruxelles sono interventi anche Jaume Duch Guillot, Director-General for Communication and Spokesperson del Parlamento europeo; Marie-Helene Boulanger, Head of Unit, Union Citizenship Rights and Free Movement, Commissione europea; Lisbeth Kirk Iversen, Founder di EUobserver e membro di ECAS’ Board of Directors; e José Antonio Moreno Diaz, Chair of Group on Fundamental Rights and Rule of Law, European Economic and Social Committee.

 

 

https://www.riparteilfuturo.it/blog/articoli/youvoteeu-elezioni-europee-2019

Azioni sul documento
  • Stampa
archiviato sotto: , ,
I nostri amici stranieri

Cercasi un fine organizza degli incontri settimanali di dialogo tra culture e insegnamento della lingua italiana per stranieri.

Maggiori info >>>

centro di ascolto.jpg

Associandoci

logo-barchetta.jpg
Cercasi un fine
è insieme un periodico, un’associazione onlus, di promozione sociale, iscritta all’albo regionale della Puglia, fondata nel 2008, con attività che risalgono a partire dal 2002 e una rete di scuole di formazione politica. Vi partecipano credenti cristiani e donne e uomini di diverse culture e religioni, accomunati dall’impegno per una società più giusta, pacifica e bella.

Una presentazione sintetica delle nostre attività la trovi nel video qui 

altre info su

presentandoci
cercasi una casa
sostenendoci

con carta di credito o PayPal

Leggendo il giornale

Cercasiunfine_115_Pagina_01.jpg

E' in distribuzione Cercasi un fine n. 115
(2019 - Anno XIV)

quadratino rosso Tema: Ambiente

Scrivendo per il giornale

Se volete scrivere per il giornale:
direttore@cercasiunfine.it


  Il 116 è sulla COPPIA (cosa vuol dire oggi essere "coppia"? Quali i ruoli nella coppia? Cos è la fedeltà nella coppia?) in preparazione.

 listing Il 117 è sul RAZZISMO (Dove nasce il razzismo? Cosa ci fa diventare razzisti? C'è il razzismo nella Chiesa?),  testi da inviare entro il 15 ottobre 2019.

 listing Il 118 è sull'ECONOMIA CIVILE (Cosa è l'economia civile? I Pro e i Contro di questo modello? Dove è applicato e come?)  testi da inviare entro il 15 novembre 2019.

 listing Il 119 è sul DIALOGO INTERRELIGIOSO  (Quanto abbiamo paura delle altre religioni? Le religioni dialogano tra di loro? Qual'è la finalità del dialogo? Cos'è il fondamentalismo religioso?)  testi da inviare entro il 31 gennaio 2020.

 listing Il 120 è sui DOVERI (si parla spesso di diritti: e i doveri? Cosa intendiamo per doveri? Esistono gruppi, culture e religioni che danno seria testimonianza sui doveri? Come educare ai doveri?)  testi da inviare entro il 15 marzo 2020.


Se avete qualcosa da proporci su qualcuno di questi temi siamo ben lieti di accoglierlo. Accettiamo anche contributi in altre lingue.