Tu sei qui: Home / Meditando / In articoli e commenti, scelti da noi / Educazione civica nelle scuole. La vera emergenza è la disinformazione, di Mario Caligiuri

Educazione civica nelle scuole. La vera emergenza è la disinformazione, di Mario Caligiuri

creato da Paolo Iacovelli ultima modifica 16/01/2019 08:09
Bisogna innovare l’istruzione scolastica, orientandola sullo studio della disinformazione. Solo in questo modo si può distinguere il vero dal falso, fronteggiando l’eccesso delle informazioni irrilevanti che distorcono la percezione della realtà…

A settanta anni dalla sua introduzione, recentemente si è registrato un aumento di interesse sulla funzione dell’educazione civica nelle scuole. E c’è chi, come Ferruccio de Bortoli sul Corriere della Sera, lo ha collegato con l’esercizio del referendum, evidenziando due temi centrali: la partecipazione democratica e la funzione centrale della scuola. Entrambi richiamano l’importanza fondamentale dell’educazione, che rappresenta l’autentico nodo del cambiamento.

Sull’esistenza del ministero della democrazia diretta guidato da Riccardo Fraccaro non penso che finora siano stati tanti gli italiani ad accorgersene. E piuttosto che proporre di abbassare le percentuali sulla validità dei referendum, forse andrebbe prevista la soglia del 50 per cento per rendere valide le elezioni comunali e regionali, politiche ed europee.

Bisognerebbe, quindi, andare in direzione esattamente opposta, appunto per concretizzare quel principio della partecipazione diretta che dovrebbe rendere i cittadini più consapevoli e capaci di controllare il potere pubblico. E questo vale sopratutto per rendere reale la partecipazione sulla Rete, dove si manifesta quello che Zygmunt Bauman e Byug-Chul Han hanno definito “effetto sciame”, in base al quale le ondate di indignazione e di partecipazione come velocemente si innalzano così rapidamente si spengono, dimostrando sullo sfondo che l’effetto politico dei like è prossimo allo zero.

Per quanto riguarda la reintroduzione dell’educazione civica, l’Anci insieme ad altri ha raccolto 50 mila firme dando pratica attuazione al secondo comma dell’articolo 71 della Costituzione che prevede la presentazione di leggi da parte dei cittadini. In questo caso, trovo l’iniziativa – posso dirlo? – lievemente populista, poiché sarebbe bastata la proposta di uno qualsiasi dei 945 parlamentari per ottenere il medesimo risultato.

Mi si potrebbe obiettare che l’autorevolezza dei deputati e senatori è piuttosto relativa poiché eletti su liste bloccate che li rendono talmente rappresentativi che sia il Presidente della Repubblica che il capo del governo – e cioè i ruoli istituzionali più rilevanti dello Stato – vengono individuati al di fuori di essi. Assegnare poi all’educazione civica, con tempi peraltro assai striminziti, una serie di compiti che riguarderebbero materie di innumerevoli corsi di laurea, non sembra il massimo dell’applicabilità.

Eppure quando nel 1958 il ministro della Pubblica Istruzione Aldo Moro propose l’istituzione di due ore mensili di educazione civica da assegnare al professore di storia, si seguiva una logica molto precisa, che richiamava un ordine del giorno approvato dalla Costituente nel dicembre del 1947: fare diventare materia di studio i valori della nostra legge istitutiva e attraverso questa attualizzare in modo trasversale tutti gli insegnamenti.

Dopo sette decadi ci ritroviamo gli stessi problemi, accentuati da una crisi dell’istruzione che ha assunto proporzioni drammatiche, poiché non solo il 75 per cento dei nostri concittadini non sa interpretare una semplice frase nella nostra lingua ma il 27,9 per cento è considerato analfabeta funzionale: cioè non sa leggere, scrivere e far di conto. E sono le stesse persone che rispondono ai sondaggi, postano sui social e, sopratutto, votano.

Pertanto, seguendo l’intuizione dello statista pugliese, se vogliamo rendere l’educazione civica uno strumento che contribuisca a innovare l’istruzione scolastica, essa andrebbe orientata sullo studio della disinformazione. Solo in questo modo si può distinguere il vero dal falso, fronteggiando l’eccesso delle informazioni irrilevanti che distorcono la percezione della realtà. Appunto per questo, la disinformazione oggi probabilmente rappresenta la principale emergenza educativa e democratica di questo tempo. E quello che abbiamo sotto gli occhi ne è la logica.

 

https://formiche.net/2019/01/educazione-civica-scuola-disinformazione/

Azioni sul documento
  • Stampa
archiviato sotto: , ,
I nostri amici stranieri

Cercasi un fine organizza degli incontri settimanali di dialogo tra culture e insegnamento della lingua italiana per stranieri.

Maggiori info >>>

centro di ascolto.jpg

Associandoci

logo-barchetta.jpg
Cercasi un fine
è insieme un periodico, un’associazione onlus, di promozione sociale, iscritta all’albo regionale della Puglia, fondata nel 2008, con attività che risalgono a partire dal 2002 e una rete di scuole di formazione politica. Vi partecipano credenti cristiani e donne e uomini di diverse culture e religioni, accomunati dall’impegno per una società più giusta, pacifica e bella.

Una presentazione sintetica delle nostre attività la trovi nel video qui 

altre info su

presentandoci
cercasi una casa
sostenendoci

con carta di credito o PayPal

Leggendo il giornale

Cercasiunfine_115_Pagina_01.jpg

E' in distribuzione Cercasi un fine n. 115
(2019 - Anno XIV)

quadratino rosso Tema: Ambiente

Scrivendo per il giornale

Se volete scrivere per il giornale:
direttore@cercasiunfine.it


  Il 116 è sulla COPPIA (cosa vuol dire oggi essere "coppia"? Quali i ruoli nella coppia? Cos è la fedeltà nella coppia?) in preparazione.

 listing Il 117 è sul RAZZISMO (Dove nasce il razzismo? Cosa ci fa diventare razzisti? C'è il razzismo nella Chiesa?),  testi da inviare entro il 15 ottobre 2019.

 listing Il 118 è sull'ECONOMIA CIVILE (Cosa è l'economia civile? I Pro e i Contro di questo modello? Dove è applicato e come?)  testi da inviare entro il 15 novembre 2019.

 listing Il 119 è sul DIALOGO INTERRELIGIOSO  (Quanto abbiamo paura delle altre religioni? Le religioni dialogano tra di loro? Qual'è la finalità del dialogo? Cos'è il fondamentalismo religioso?)  testi da inviare entro il 31 gennaio 2020.

 listing Il 120 è sui DOVERI (si parla spesso di diritti: e i doveri? Cosa intendiamo per doveri? Esistono gruppi, culture e religioni che danno seria testimonianza sui doveri? Come educare ai doveri?)  testi da inviare entro il 15 marzo 2020.


Se avete qualcosa da proporci su qualcuno di questi temi siamo ben lieti di accoglierlo. Accettiamo anche contributi in altre lingue.