Tu sei qui: Home / Meditando / In articoli e commenti, scelti da noi / Ecco il ritratto dell’Italia (incerta) nell’ultimo Rapporto Censis, di Maria Cristina Antonucci

Ecco il ritratto dell’Italia (incerta) nell’ultimo Rapporto Censis, di Maria Cristina Antonucci

creato da Paolo Iacovelli ultima modifica 07/12/2019 09:24
Il Rapporto 2019 assume la funzione della lista delle cose rilevanti da fare subito, per recuperare fiducia nel futuro e nella politica. Non resta che sperare che le élite di questo Paese si impegnino in questa direzione…

Il rapporto Censis presentato al Cnel nel corso della consueta giornata di diffusione al pubblico del testo, costituisce uno de momenti più importanti di riflessione collettiva sullo stato di salute del Paese. L’Italia del 2019 viene misurata e presentata secondo un quadro generale (le prime due parti del volume) e ne viene poi fornita una analisi settoriale, riferita a processi formativi, lavoro, welfare, territorio e reti e soggetti economici dello sviluppo; nella parte finale viene fornito un focus sulla dimensione di mezzi e processi, dedicata ai mass media e alla sicurezza e alla cittadinanza.

Il dipinto che emerge dal quadro generale non appare rassicurante: l’Italia è un Paese dominato dall’incertezza, più che dalla sfiducia, sia nella dimensione economica, relegata a tassi di crescita da zero virgola, sia nel sistema di welfare pubblico, progressivamente vittima di tagli e riduzioni di sistema. In questo contesto, le poche certezze iscritte nel Dna nazionale, i Bot e il mattone, hanno smarrito la propria funzione di beni per la progettazione e la trasmissione del futuro, lasciando agli italiani, in preda al “furore di vivere e alla difesa solitaria di sé stessi”, la sola preferenza per il contante come bene rifugio

Il quadro appare peggiorato da alcuni fattori di sistema, come il calo demografico e l’invecchiamento della popolazione, lo spopolamento del Sud Italia, sempre più abbandonato ad un destino di assenza di sviluppo, nonostante l’enorme potenziale culturale, artistico e turistico, le difficoltà sperimentate dai sistemi di istruzione e formazione e il welfare di sempre più difficile sostenibilità.

Anche se qualche segnale positivo viene colto, in nuce, per ambiti specifici (la crescita della sharing economy, lo sviluppo della decarbonizzazione, i numeri positivi dell’industria armatoriale italiana), il quadro difficile presentato appare avere un principale responsabile: la mancanza di una guida politica sicura, stabile e dotata di obiettivi specifici, individuati, misurabili e verificabili. 

Sarebbe quanto mai necessaria, sembra sostenere il Censis, una capacità di guida dei processi descritti verso obiettivi di sistema, in cui società ed economia, scuola e formazione, imprenditorialità e risparmio, lavoro e innovazione vengano posti nella condizione di svolgere al meglio le proprie funzioni specifiche, in un quadro di cooperazione reciproca e in vista di obiettivi di sviluppo dell’intero sistema Paese. In carenza di questa funzione istituzionale, per cui sembrano mancare élite politiche – e non solo – adeguate e una capacità di governo coerente e continuativa, le pulsioni infrante del Paese invocano con sempre maggiore insistenza, l’“uomo forte”, in grado di farsi carico di questa molteplicità di problemi complessi. 

Governare con efficacia, tenendo a mente una prospettiva di medio termine, e riportando la politica agli obiettivi di sviluppo di interi comparti della vita collettiva dell’Italia, appare allora, nell’analisi del Censis, non solo un’esigenza di buon andamento del sistema Paese, ma anche una modalità per far funzionare il sistema democratico italiano.

Il futuro del Paese non è diretto necessariamente verso il declino, se solo si inizia a prestare l’attenzione necessaria ai fenomeni rilevanti e li si governa. In questo senso, il rapporto del Censis assume anche la funzione della lista delle cose rilevanti da fare subito, per recuperare fiducia nel futuro e nella politica

Non resta che sperare che le élite di questo Paese si impegnino in questa direzione.

https://formiche.net/2019/12/rapporto-censis-potere-italia/

Azioni sul documento
  • Stampa
Associandoci

logo-barchetta.jpg

Cercasi un fine è insieme un periodico, un’associazione onlus, di promozione sociale, iscritta all’albo regionale della Puglia, fondata nel 2008, con attività che risalgono a partire dal 2002, una rete di scuole di formazione politica, un gruppo di amici stranieri e volontari per l'insegnamento della lingua italiana. Vi partecipano credenti cristiani e donne e uomini di diverse culture e religioni, accomunati dall’impegno per una società più giusta, pacifica e bella.

Una presentazione sintetica delle nostre attività la trovi nel video qui 

altre info su

presentandoci
cercasi una casa
sostenendoci

Prossimi eventi
Il voto politico tra astensione e progetti 03/09/2022 16:00 - 20:00 — Sala Bice Leddomade, via Sanges 11/A, Cassano delle Murge (BA)
Prossimi eventi…
Pubblicando, i testi di Cercasi un fine

Formare alla politica. L'esperienza di Cercasi un fine

Nasce la nuova collana I libri di Cercasi un fine in coedizione con Magma Edizioni. Il primo volume sul metodo educativo e la storia di Cercasi un fine...


Potere e partecipazione. Un'esperienza locale di amministrazione condivisa, di S. Di Liso, D. Lomazzo

Sesto libro della collana di Cercasi un fine


La salute nella e oltre la leggeLa salute nella e oltre la legge. Sfide odierne, di F. Anelli e G. Ferrara

 Quinto libro della collana di Cercasi un fine


Attrezzarsi per la città

Attrezzarsi per la città. Laboratori di formAZIONE socio-politica, di M. Natale

Questo libro, quarto della collana di Cercasi un fine, racconta un’idea, diventata poi una esperienza, basata sulla convinzione che si possa, anzi si debba, progettare...


 

Meditando in video
Un video per scoprire le nostre attività: scuole di politica, giornale e sito web, collana di libri, incontri e seminari, scuola di italiano per stranieri... benvenuti in Cercasi un fine!
Cercasi un fine. Presentandoci
2020
13th of January 2020, BBC interviews our Director Rocco D'Ambrosio on the case of the book of Ratzinger-Sarah
Il nostro direttore Rocco D'Ambrosio intervistato dalla BBC
2020
Di più…
Il 5 x mille per CuF


Sapete quanto è prezioso per noi la vostra firma del 5 x mille a nostro favore: con esso realizziamo scuole di formazione sociale e politica, un sito web e un periodico di cultura e politica, insegnamento dell’italiano per cittadini stranieri, incontri, dibattiti…

Basta la tua firma e il numero dell'associazione 91085390721 nel primo riquadro sul volontariato. 

I nostri amici stranieri

Cercasi un fine organizza degli incontri settimanali di dialogo tra culture e insegnamento della lingua italiana per stranieri.

Maggiori info >>>

centro di ascolto.jpg

Il Gruppo "Il Seggio" di Cercasi un fine a Minervino

 

 

Si chiama "Il seggio": è il gruppo territoriale di Cercasi un fine, nato a Minervino, a fine anno 2021.

Esso nasce dall'iniziativa dei soci fondatori e ordinari di Cuf, residenti a Minervino. Il gruppo (attraverso un apposito Regolamento) è un'emanazione territoriale della nostra Associazione, di cui condivide statuo, finalità, contenuti e strategie associative.

Auguriamo al gruppo di essere attivo e proficuo nella ricerca de nostro Fine come don Milani insegna: "Bisogna che il fine sia onesto. Grande. Il fine giusto è dedicarsi al prossimo. E in questo secolo come lei vuole amare se non con la politica o col sindacato o con la scuola? Siamo sovrani. Non è più il tempo delle elemosine, ma delle scelte".

 

indirizzo: Vico II Spineto, 2
(c/o Parrocchia S. Michele Arcangelo)
76013 Minervino Murge (BT)

per info:
mail: scuolasociopoliticaminervino@cercasiunfine.it
cell: 349 6534286

Contribuendo

Contribuendo.jpg

Bonifico Bancario
Cercasi un Fine ONLUS
IBAN IT26C0846941440000000019932
BCC Credito Cooperatvo

Leggendo il giornale

E' in distribuzione Cercasi un fine n. 126
(2021- Anno XVII)

quadratino rosso Tema: Il rispetto dell'identità sessuale

 

Scrivendo per il giornale

Se volete scrivere per il giornale:
direttore@cercasiunfine.it


  

 

 listing Il n. 127 è dedicato alla vita quotidiana (in un mondo eccessivamente mediatico quale valore ha il quotidiano? I suoi piccoli e significativi gesti quale senso hanno? Conosciamo i vissuti quotidiani attorno a noi?). In preparazione.

 listing Il n. 128 è sulla "Riforma costituzionale in tema ambientale"  (qual è il significato dell'ultima riforma costituzionale in tema ambientale? Quali ricadute per noi e le generazioni future? E' un nuovo patto tra generazioni? Quali effetti sull'attività economica?). Testi da inviare entro il 30 giugno 2022.

listing Il n. 129 è su "Dopo il Covid e la guerra: una nuova globalizzazione?"  (La pandemia e la guerra in Ucraina sembrano aver messo in crisi il vecchio modello della globalizzazione: come costruire un nuovo modello? Cosa deve cambiare e cosa può restare?). Testi da consegnare entro il 30 agosto 2022. 

Se avete qualcosa da proporci su qualcuno di questi temi siamo ben lieti di accoglierlo: testi non superiori a 4000 caratteri/spazi inclusi, da inviare ai nostri indirizzi mail. Accettiamo anche contributi in altre lingue e di bambini.