Tu sei qui: Home / Meditando / In articoli e commenti, scelti da noi / È una sfida tra due sistemi, ma disarmo e commercio devono restare gli obiettivi, di Carlo Carboni

È una sfida tra due sistemi, ma disarmo e commercio devono restare gli obiettivi, di Carlo Carboni

creato da Paolo Iacovelli ultima modifica 29/04/2022 09:18
Vladimir Putin sta sfruttando il clima autoritario che si respira in democrazie come India, Brasile, Turchia e Polonia…

Immanuel Wallerstein sosteneva che nell’economia-mondo capitalista sono in ballo, sul lungo periodo, l’alternativa tra un sistema democratico, più partecipativo (Occidente) e un sistema socialista, più autoritario (Oriente). Nel presente, la conflittualità è tra il moderno sistema-mondo (che è economia-mondo) e gli imperi-mondo che sopravvivono da secoli, sotto diverse spoglie, come la Russia di Vladimir Putin.

Gli eventi inattesi che si sono susseguiti negli ultimi 14 anni e le loro conseguenze dimostrano che nel mondo non esistono certezze. Ciononostante, come sosteneva Ilya Prigogine (e non solo lui), la conoscenza continua a estendersi e a scavare, per offrire all’umanità le migliori redini per cavalcare l’incertezza, con le logiche dell’incerto. Con queste logiche, nella lunga durata storica, secondo Fernand Braudel, l’uomo ha costruito socialmente lo spazio e il tempo. Fino all’oggi globale e digitale che dà velocità moltiplicata e drastico accorciamento delle distanze. Fino a costituire un sistema-mondo moderno che, nei termini di Wallerstein, è oggi un’economia-mondo sempre più interconnessa (globale), ma ancora in conflitto contro gli imperi-mondo superstiti, le forme tradizionali centralizzate di sistemi-mondo.

Gli imperi-mondo fondano la loro esistenza non solo sulla repressione dei conflitti interni, ma soprattutto di quelli esterni con territori periferici o semi-periferici. Come oggi accade con la guerra in Ucraina, dove si confrontano, da un canto, sistemi capitalistici democratici che, nel mondo moderno sempre più interconnesso, considerano il benessere del Paese vicino una conferma del proprio benessere; dall’altro, un impero-mondo zarista-sovietico (17,1 milioni di chilometri quadrati) che per giustificare l’invasione dell’Ucraina sostiene che il proprio benessere è minacciato dalle scelte di campo del proprio vicino (0,6 milioni di chilometri quadrati). Il teatro di guerra è l’Ucraina, a cui l’impero-mondo russo superstite nega il diritto di far parte del moderno sistema-mondo democratico. L’economia-mondo democratica ha il dovere di dar voce e sostegno a quanti viene negato il diritto di scegliere.

Ancora oggi – prevedibilmente per lungo tempo – l’economia mondo capitalista ha – e avrà – un centro capitalistico dominante negli Stati Uniti. La loro egemonia, tuttavia, appare in declino o, quantomeno, contendibile. Lo attesta, sullo scenario delle Nazioni unite, l’astensionismo di grandi semiperiferie come l’India, il Messico, l’Arabia Saudita, l’Iran e, ovviamente, la Cina che ambisce ad affrancarsi come semiperiferia e a candidarsi come nuovo centro capitalistico egemone con un sistema socialista, più autoritario. Da qui viene la sfida politica, tecnologica, economica e militare principale per gli Stati Uniti, sempre più concentrati nell’area del Pacifico.

La sfida russa all’Unione europea (e alla Nato) si pone a un altro livello: è piuttosto tra un redivivo impero-mondo e l’economia mondo a egemonia capitalista democratica. Putin sfrutta un clima geopolitico di backlash autoritario ormai decennale in alcune grandi democrazie come India, Brasile Thailandia, Turchia, Polonia e un mood sociale influenzato da nazionalismi etnoculturali diffusi in tutta la Ue. In questa sfida, l’Unione deve dimostrare di essere capace di colmare i suoi gap (nella difesa e sicurezza, nel digitale e intelligenza artificiale, nell’energia, nel farmaceutico) che la rendono oggi un gigante economico dai piedi politici di argilla. 

Avrà il tempo di una generazione per fare questo salto di qualità, che può restituirle sovranità e la partita vinta con l’impero-mondo di Putin. La strada da percorrere è la cittadinanza europea e un’Europa unita e consapevole che nessun Paese membro è in grado di colmare con le proprie forze quei gap e di reggere il confronto con la Russia, iniziato nel peggiore dei modi. Per ora le sanzioni economico-finanziarie sono la risposta della Ue e di larga parte dell’economia-mondo, con l’obiettivo di un drastico ridimensionamento dell’interconnessione con l’autarchia russa (però, con effetti limitati, secondo l’Ispi).

Questo è il contesto geopolitico complesso in cui si collocano non solo la guerra in Ucraina, ma anche il pacifismo delle società europee, non a caso silente (quindi, ricercato in Tv). Al pacifismo, infatti, manca il coraggio di dire la verità sulla soluzione di lunga durata che può condizionare le scelte di oggi: accanto al rafforzamento delle capacità di difesa della Ue, va ripresa la tessitura del disarmo avviata negli anni Settanta e, dopo Mikhail Gorbacev, di fatto evaporata.

Al momento, l’opinione pubblica europea non può che premere per un cessate il fuoco imminente e sperare in una soluzione Putin-Zelensky che consenta l’illusione del win-win, mentre di fatto la guerra ha solo perdenti perché è distruzione, morti e milioni di profughi. La soluzione è la costruzione di una pace duratura sul Continente fondata su una politica di disarmo, sulla ripresa di una progressiva riduzione di armi nucleari e convenzionali della Nato e della Russia su/contro il territorio europeo, come condizione per un recupero graduale dell’interconnessione russa con l’economia-mondo democratica. Il doppio obiettivo delle giovani generazioni europee è l’unità europea e un confronto con la Russia, anche rude, ma utile alla sua de-zarizzazione, al tramonto definitivo di un vecchio impero.

https://www.ilsole24ore.com/art/e-sfida-due-sistemi-ma-disarmo-e-commercio-devono-restare-obiettivi-AEvfFiUB

Azioni sul documento
  • Stampa
archiviato sotto: , ,
Associandoci

logo-barchetta.jpg

Cercasi un fine è insieme un periodico, un’associazione onlus, di promozione sociale, iscritta all’albo regionale della Puglia, fondata nel 2008, con attività che risalgono a partire dal 2002, una rete di scuole di formazione politica, un gruppo di amici stranieri e volontari per l'insegnamento della lingua italiana. Vi partecipano credenti cristiani e donne e uomini di diverse culture e religioni, accomunati dall’impegno per una società più giusta, pacifica e bella.

Una presentazione sintetica delle nostre attività la trovi nel video qui 

altre info su

presentandoci
cercasi una casa
sostenendoci

Pubblicando, i testi di Cercasi un fine

Formare alla politica. L'esperienza di Cercasi un fine

Nasce la nuova collana I libri di Cercasi un fine in coedizione con Magma Edizioni. Il primo volume sul metodo educativo e la storia di Cercasi un fine...


Potere e partecipazione. Un'esperienza locale di amministrazione condivisa, di S. Di Liso, D. Lomazzo

Sesto libro della collana di Cercasi un fine


La salute nella e oltre la leggeLa salute nella e oltre la legge. Sfide odierne, di F. Anelli e G. Ferrara

 Quinto libro della collana di Cercasi un fine


Attrezzarsi per la città

Attrezzarsi per la città. Laboratori di formAZIONE socio-politica, di M. Natale

Questo libro, quarto della collana di Cercasi un fine, racconta un’idea, diventata poi una esperienza, basata sulla convinzione che si possa, anzi si debba, progettare...


 

Meditando in video
Un video per scoprire le nostre attività: scuole di politica, giornale e sito web, collana di libri, incontri e seminari, scuola di italiano per stranieri... benvenuti in Cercasi un fine!
Cercasi un fine. Presentandoci
2020
13th of January 2020, BBC interviews our Director Rocco D'Ambrosio on the case of the book of Ratzinger-Sarah
Il nostro direttore Rocco D'Ambrosio intervistato dalla BBC
2020
Di più…
Il 5 x mille per CuF


Sapete quanto è prezioso per noi la vostra firma del 5 x mille a nostro favore: con esso realizziamo scuole di formazione sociale e politica, un sito web e un periodico di cultura e politica, insegnamento dell’italiano per cittadini stranieri, incontri, dibattiti…

Basta la tua firma e il numero dell'associazione 91085390721 nel primo riquadro sul volontariato. 

I nostri amici stranieri

Cercasi un fine organizza degli incontri settimanali di dialogo tra culture e insegnamento della lingua italiana per stranieri.

Maggiori info >>>

centro di ascolto.jpg

Il Gruppo "Il Seggio" di Cercasi un fine a Minervino

 

 

Si chiama "Il seggio": è il gruppo territoriale di Cercasi un fine, nato a Minervino, a fine anno 2021.

Esso nasce dall'iniziativa dei soci fondatori e ordinari di Cuf, residenti a Minervino. Il gruppo (attraverso un apposito Regolamento) è un'emanazione territoriale della nostra Associazione, di cui condivide statuo, finalità, contenuti e strategie associative.

Auguriamo al gruppo di essere attivo e proficuo nella ricerca de nostro Fine come don Milani insegna: "Bisogna che il fine sia onesto. Grande. Il fine giusto è dedicarsi al prossimo. E in questo secolo come lei vuole amare se non con la politica o col sindacato o con la scuola? Siamo sovrani. Non è più il tempo delle elemosine, ma delle scelte".

 

indirizzo: Vico II Spineto, 2
(c/o Parrocchia S. Michele Arcangelo)
76013 Minervino Murge (BT)

per info:
mail: scuolasociopoliticaminervino@cercasiunfine.it
cell: 349 6534286

Contribuendo

Contribuendo.jpg

Bonifico Bancario
Cercasi un Fine ONLUS
IBAN IT26C0846941440000000019932
BCC Credito Cooperatvo

Leggendo il giornale

E' in distribuzione Cercasi un fine n. 126
(2021- Anno XVII)

quadratino rosso Tema: Il rispetto dell'identità sessuale

 

Scrivendo per il giornale

Se volete scrivere per il giornale:
direttore@cercasiunfine.it


  

 

 listing Il n. 127 è dedicato alla vita quotidiana (in un mondo eccessivamente mediatico quale valore ha il quotidiano? I suoi piccoli e significativi gesti quale senso hanno? Conosciamo i vissuti quotidiani attorno a noi?). In preparazione.

 listing Il n. 128 è sulla "Riforma costituzionale in tema ambientale"  (qual è il significato dell'ultima riforma costituzionale in tema ambientale? Quali ricadute per noi e le generazioni future? E' un nuovo patto tra generazioni? Quali effetti sull'attività economica?). Testi da inviare entro il 30 giugno 2022.

listing Il n. 129 è su "Dopo il Covid e la guerra: una nuova globalizzazione?"  (La pandemia e la guerra in Ucraina sembrano aver messo in crisi il vecchio modello della globalizzazione: come costruire un nuovo modello? Cosa deve cambiare e cosa può restare?). Testi da consegnare entro il 30 agosto 2022. 

Se avete qualcosa da proporci su qualcuno di questi temi siamo ben lieti di accoglierlo: testi non superiori a 4000 caratteri/spazi inclusi, da inviare ai nostri indirizzi mail. Accettiamo anche contributi in altre lingue e di bambini.