Tu sei qui: Home / Meditando / In articoli e commenti, scelti da noi / E l’amore guardò il tempo e rise, di Antonino Massimo Rugolo

E l’amore guardò il tempo e rise, di Antonino Massimo Rugolo

creato da Paolo Iacovelli ultima modifica 13/04/2020 17:57
L'amore non passerà mai, nemmeno con il passare del tempo. Magari possiamo cercare di nasconderlo, ma dentro di noi sappiamo che è sempre presente e prima o poi ritornerà...

E l’amore guardò il tempo e rise

Un sorriso lieve come un sospiro, 
come l’ironia di un batter di ciglio, 
come il sussurro di una verità scontata. 
Perché sapeva di non averne bisogno. 
Perché sapeva l’infinita potenza del cuore 
e la sua poesia e la magia di un universo perfetto, 
al di là dei limiti del tempo e dello spazio. 
E le ragioni dell’uomo, fragile come un pulcino, 
smarrito come un uccello, 
cannibale come un animale da preda.
 Perché conosceva la tenerezza di una madre, 
l’incanto di un bacio, il lampo di un incontro. 
Poi finse di morire per un giorno, 
nella commedia della vita, 
nell’eterno gioco della paura, 
nascosto, con il pudore della sofferenza, 
con la rabbia della carne, 
con il desiderio di una carezza. 
Ma era là, beffardo, testardo, vivo. 
E rifiorì alla sera, 
senza leggi da rispettare, 
come un Dio che dispone, sicuro di sé, 
bello come la scoperta, profumato come la luna. 
Ma poi si addormentò in un angolo di cuore 
per un tempo che non esisteva 
e il tempo cercò di prevalere, 
nel grigio di un’assenza senza musica, senza colori. 
E sbriciolò le ore nell’attesa, 
nel tormento per dimenticare il suo viso, la sua verità. 
Ma l’amore negato, offeso, 
fuggì senza allontanarsi, 
ritornò senza essere partito, 
perché la memoria potesse ricordare 
e le parole avessero un senso 
e i gesti una vita e i fiori un profumo 
e la luna una magia. 
Perché l’emozione bruciasse il tempo e le delusioni, 
perché la danza dei sogni fosse poesia. 
Così mentre il tempo moriva, restava l’amore.

https://raiawadunia.com/alla-fine-restera-lamore/

Azioni sul documento
  • Stampa
archiviato sotto: , , ,
I nostri amici stranieri

Cercasi un fine organizza degli incontri settimanali di dialogo tra culture e insegnamento della lingua italiana per stranieri.

Maggiori info >>>

centro di ascolto.jpg

Associandoci

logo-barchetta.jpg
Cercasi un fine
è insieme un periodico, un’associazione onlus, di promozione sociale, iscritta all’albo regionale della Puglia, fondata nel 2008, con attività che risalgono a partire dal 2002 e una rete di scuole di formazione politica. Vi partecipano credenti cristiani e donne e uomini di diverse culture e religioni, accomunati dall’impegno per una società più giusta, pacifica e bella.

Una presentazione sintetica delle nostre attività la trovi nel video qui 

altre info su

presentandoci
cercasi una casa
sostenendoci

con carta di credito o PayPal

Leggendo il giornale

Cercasiunfine-119.jpg

E' in distribuzione Cercasi un fine n. 119
(2020- Anno XVI)

quadratino rosso Tema: Dialogo Interreligioso

Scrivendo per il giornale

Se volete scrivere per il giornale:
direttore@cercasiunfine.it


 

 listing Il n. 120 è sui DOVERI (si parla spesso di diritti: e i doveri? Cosa intendiamo per doveri? Esistono gruppi, culture e religioni che danno seria testimonianza sui doveri? Come educare ai doveri?)  è in spedizione.

listing Il n. 121 è su RESISTERE RESISTERE RESISTERE: come abbiamo vissuto il periodo di crisi sanitaria è in preparazione.

 listing Il n. 122 è su... Tutti pazzi per i Social? Come i social stanno trasformando nostro modo di pensare, giudicare, informarci e razionarci? Riusciamo ad essere ironici su questa influenza diffusa? Testi da inviare entro 31 ottobre 2020.

Se avete qualcosa da proporci su qualcuno di questi temi siamo ben lieti di accoglierlo. Accettiamo anche contributi in altre lingue.