Tu sei qui: Home / Meditando / In articoli e commenti, scelti da noi / È il modello più interculturale. Custodire lo sport anche per salvare il Paese, di Francesco Del Pizzo

È il modello più interculturale. Custodire lo sport anche per salvare il Paese, di Francesco Del Pizzo

creato da Paolo Iacovelli ultima modifica 14/01/2019 11:54
Lo sport è, infatti, il modello più interculturale che possa esistere. Se sottratto alle logiche della finanza e del profitto (anche politico) è un vero luogo di impegno civile per il dialogo e la promozione di valori autentici…

Il Campionato è fermo (non la Coppa Italia), ed è meglio non dimenticare i cori razzisti sentiti durante Inter-Napoli del 26 dicembre 2018 all’indirizzo del giocatore partenopeo, di origine senegalese e di nazionalità francese Koulibaly. Il peso dell’accaduto non può essere sottaciuto o messo da parte, anche perché uno sport di massa come il calcio, dall’altissimo impatto mediatico, ha anche un valore educativo che genera sentimenti, emozioni, valori, atteggiamenti e stili di vita. Dunque, prima di tutto, dobbiamo continuare a chiederci perché se una norma forte e motivata esiste, non viene applicata? Perché il responsabile dell’ordine pubblico dello stadio non ha ordinato la sospensione della gara così come previsto dal regolamento della Fgic?

La questione è politica. All’indomani della gara il difensore napoletano, espulso per errori frutto del nervosismo legato all’accaduto, ha scritto sul suo profilo Twitter. «Mi dispiace per la sconfitta e soprattutto per aver lasciato i miei fratelli! Però sono orgoglioso del colore della mia pelle, di essere francese, di essere senegalese, napoletano: uomo». Il sindaco di Milano, Giuseppe Sala, in un’intervista ha risposto: «Chiedo scusa a Kalidou Koulibaly, a nome mio e della Milano sana che vuol testimoniare che si può sentirsi fratelli nonostante i tempi difficili in cui viviamo. La prossima volta che sentirò dei 'buu' razzisti me ne andrò dallo stadio».

E il sindaco di Napoli, Luigi De Magistris, ha chiuso il cerchio parlando, senza mezzi termini, di «razzismo di Stato». Il rischio di strumentalizzazioni è sempre possibile, ma non può frenare riflessione e indignazione. Lo sport se non educa smette di essere tale. E le istituzioni sportive, come tutte le istituzioni, sono deputate a ogni livello alla formazione di cittadini responsabili e rispettosi della dignità umana. Koulibaly è integralmente uomo e le sue parole non sono una nota autodescrittiva, ma una denuncia e una richiesta di riconoscimento.

L’umanità non dipende da colori e provenienze, e non è limitata da barriere culturali e geografiche. Non sembri troppo citare il messaggio del Papa per la Giornata mondiale della Pace 2019. Dice Francesco: «Viviamo in questi tempi in un clima di sfiducia che si radica nella paura dell’altro o dell’estraneo, nell’ansia di perdere i propri vantaggi, e si manifesta purtroppo anche a livello politico, attraverso atteggiamenti di chiusura o nazionalismi che mettono in discussione quella fraternità di cui il nostro mondo globalizzato ha tanto bisogno».

La fraternità non può essere solo sentimento del singolo o di una categoria, ma deve essere impegno istituzionale, specie in un momento storico in cui i concetti di umanità e fraternità sembrano smarriti, in cui la divaricazione economico-sociale tra Nord e Sud è al limite dell’esasperazione e in cui il dibattito politico sembra costruito non più con l’obiettivo di accorciare le distanze, ma sullo spauracchio dell’ 'altro' ridotto a oggetto di sospetto, paura e odio. E non retorico ritrovarsi a sperare che i troppi giovani che lasciano il Meridione per le cause strutturali e socio-economiche che tutti conosciamo non incontrino ululati e resistenze dai propri connazionali.

Non si può fare a meno di chiedercelo: Inter-Napoli può tristemente e drammaticamente parafrasare un’emergenza culturale e sociale radicata in un sistema Paese completamente diviso e non più in grado di accogliere, integrare e progettare?

La parabola sportiva ci aiuta, come nel gioco di squadra, a coltivare la fiducia di cui il Papa parla ancora nel Messaggio citato, una fiducia dinamica: «io mi fido di te e credo in te». Insegna a lavorare insieme per il Bene comune. Lo sport è, infatti, il modello più interculturale che possa esistere. Se sottratto alle logiche della finanza e del profitto (anche politico) è un vero luogo di impegno civile per il dialogo e la promozione di valori autentici. Viviamolo e custodiamolo così. E con Pino Daniele torniamo a cantare: «Viva viva ’o Senegàl»!

*Sociologo, Facoltà teologica di Napoli

https://www.avvenire.it/opinioni/pagine/custodire-anche-lo-sport-per-salvare-il-paese

Azioni sul documento
  • Stampa
archiviato sotto: , ,
Pubblicando, i testi di Cercasi un fine

Potere e partecipazione. Un'esperienza locale di amministrazione condivisa, di S. Di Liso, D. Lomazzo

Sesto libro della collana di Cercasi un fine

 


La salute nella e oltre la leggeLa salute nella e oltre la legge. Sfide odierne, di F. Anelli e G. Ferrara

 

Quinto libro della collana di Cercasi un fine


Attrezzarsi per la città

Attrezzarsi per la città. Laboratori di formAZIONE socio-politica, di M. Natale

Questo libro, quarto della collana di Cercasi un fine, racconta un’idea, diventata poi una esperienza, basata sulla convinzione che si possa, anzi si debba, progettare...


 

Meditando in video
Papa Francesco ha inviato domenica 23 aprile 2017 un video messaggio dedicato a don Lorenzo Milani, il priore di Barbiana, alla manifestazione “Tempo di Libri”, a Milano, dove nel pomeriggio è stata presentata l’edizione completa di “Tutte le Opere” del sacerdote, con alcuni inediti, curata dallo storico Alberto Melloni per la collana dei Meridiani Mondadori...
Videomessaggio del Santo Padre per Don Milani
Politica in weekend - 2 e 3 luglio 2016
Guida alla riforma costituzionale
Di più…
I nostri amici stranieri

Cercasi un fine organizza degli incontri settimanali di dialogo tra culture e insegnamento della lingua italiana per stranieri.

Maggiori info >>>

centro di ascolto.jpg

Associandoci

logo-barchetta.jpg
Cercasi un fine
è insieme un periodico, un’associazione onlus, di promozione sociale, iscritta all’albo regionale della Puglia, fondata nel 2008, con attività che risalgono a partire dal 2002 e una rete di scuole di formazione politica. Vi partecipano credenti cristiani e donne e uomini di diverse culture e religioni, accomunati dall’impegno per una società più giusta, pacifica e bella.

Una presentazione sintetica delle nostre attività la trovi nel video qui 

altre info su

presentandoci
cercasi una casa
sostenendoci

con carta di credito o PayPal

Leggendo il giornale

Cercasiunfine_115_Pagina_01.jpg

E' in distribuzione Cercasi un fine n. 115
(2019 - Anno XIV)

quadratino rosso Tema: Ambiente

Scrivendo per il giornale

Se volete scrivere per il giornale:
direttore@cercasiunfine.it


 

 listing Il 117 è sul RAZZISMO (Dove nasce il razzismo? Cosa ci fa diventare razzisti? C'è il razzismo nella Chiesa?), in preparazione.

 listing Il 118 è sull'ECONOMIA CIVILE (Cosa è l'economia civile? I Pro e i Contro di questo modello? Dove è applicato e come?)  testi da inviare entro il 15 dicembre 2019.

 listing Il 119 è sul DIALOGO INTERRELIGIOSO  (Quanto abbiamo paura delle altre religioni? Le religioni dialogano tra di loro? Qual'è la finalità del dialogo? Cos'è il fondamentalismo religioso?)  testi da inviare entro il 31 gennaio 2020.

 listing Il 120 è sui DOVERI (si parla spesso di diritti: e i doveri? Cosa intendiamo per doveri? Esistono gruppi, culture e religioni che danno seria testimonianza sui doveri? Come educare ai doveri?)  testi da inviare entro il 15 marzo 2020.


Se avete qualcosa da proporci su qualcuno di questi temi siamo ben lieti di accoglierlo. Accettiamo anche contributi in altre lingue.