Tu sei qui: Home / Meditando / In articoli e commenti, scelti da noi / E' andata in Paradiso abbronzata, di Niccolò De Carolis

E' andata in Paradiso abbronzata, di Niccolò De Carolis

creato da D. — ultima modifica 14/09/2015 17:27
Ha fatto una cosa che vale cinquant’anni di educazione di una mamma. Ha lasciato una certezza che spacca ogni limite, tutto quello che un genitore può comunicare ai propri figli...

 

«Ho avuto il privilegio di vedere mia moglie già compiuta». Vincenzo Casella ha quarant’anni e fa l’avvocato. Nel 2000 sposa Francesca Pedrazzini, insegnante di diritto. Insieme hanno tre figli: Cecilia di 11 anni, Carlo di 8 e Sofia di 4. Il 23 agosto dell’anno scorso Francesca muore per un cancro, una ricaduta grave e improvvisa di una malattia diagnosticatale due anni e mezzo prima. Trenta mesi fatti di angoscia («Per me ma più che altro per mio marito, i miei figlie la mia famiglia ed è una cosa che non riesco a vincere» ha scritto in una mail), ma soprattutto di certezza: «Lei ha detto di sì, si è abbandonata a Gesù» dice il marito. Dalla sua storia, che continua a trasformare le persone che la incontrano, è nato il libro “Io non ho paura”, scritto da Davide Perillo, direttore di Tracce.
Vincenzo, insieme all’autore, lo presenterà oggi al Caffè Letterario delle 19. «È andata in Paradiso abbronzata» ama ripetere il marito. «Eravamo tornati da poco dalle vacanze al mare in Grecia, nonostante le cure massacranti Francesca voleva godersi la sua famiglia». Vincenzo ricorda quei momenti ancora pieno di stupore: senza dubbio è la cosa più bella che gli sia capitata nella vita. «Un miracolo che non ti togli più di dosso» dice. «Quando i medici mi hanno detto che le rimanevano pochi giorni di vita sono caduto in uno stato di angoscia pazzesca. Sono stati due giorni di paura. Non ce la facevo a dirglielo, temevo che sarebbe crollata. E io con lei. Mentre mi arrovellavo per trovare le parole giuste, lei mi guarda e mi dice: «Vince, vieni qui». Mi siedo. «Guarda devi stare tranquillo» continua lei. «Io sono contenta. Sono in pace. Sono certa di Gesù. Io non ho paura. Anzi sono elettrizzata e curiosa di vedere quello che succederà». Francesca è un fiume di vita: chiede di essere seppellita a Chiaravalle, raccomanda che la figlia venga iscritta alle scuole medie, chiede di parlare a tu per tu con ogni membro della famiglia. «Io ero lì a guardarla con gli occhi spalancati e senza parole», continua Vincenzo. Quindici minuti ciascuno, per spiegare ai bambini quello che stava succedendo: «Guardate, io vado in Paradiso. È un posto bellissimo, non vi dovete preoccupare. Avrete nostalgia, lo so. Ma io vi vedrò e vi curerò sempre. E mi raccomando, quando vado in Paradiso dovete fare una grande festa».
I figli la prendono in parola. Sofia, la più piccola, il giorno dopo la morte chiede al papà: «Quando facciamo la festa?». Lui, colto alla sprovvista, risponde: «È domani, il funerale». Spiega Vincenzo: «Ha fatto una cosa che vale cinquant’anni di educazione di una mamma». Ha lasciato una certezza che spacca ogni limite, tutto quello che un genitore può comunicare ai propri figli. Ora, a un anno di distanza, la presenza di Francesca è ancora più viva, la certezza più limpida, la fede più semplice: «In questi mesi molta gente è venuta a sapere di mia moglie, mi hanno chiesto di fare tante testimonianze. Poi c’è stata la proposta del libro. Dico di sì a quello che il Signore fa nella mia vita, come mia moglie. Alcuni mi dicono: «Scusa se ti facciamo parlare di questo, lo so che è dura perché ogni volta la ferita si riapre». Molti pensano che per superare bisogna dimenticare, ma per me è l’esatto contrario: più ripercorro quella esperienza, più mi dà pace».

 

fonte: http://www.aleteia.org/it/stile-di-vita/articolo/libro-testimonianza-francesca-pedrazzini-io-non-ho-paura-3486001?fb_action_ids=10201900384418417&fb_action_types=og.likes&fb_ref=s%3DshowShareBarUI%3Ap%3Dfacebook-like&fb_source=hovercard, 21 agosto 2013

Azioni sul documento
  • Stampa
archiviato sotto:
Associandoci

logo-barchetta.jpg

Cercasi un fine è insieme un periodico, un’associazione onlus, di promozione sociale, iscritta all’albo regionale della Puglia, fondata nel 2008, con attività che risalgono a partire dal 2002, una rete di scuole di formazione politica, un gruppo di amici stranieri e volontari per l'insegnamento della lingua italiana. Vi partecipano credenti cristiani e donne e uomini di diverse culture e religioni, accomunati dall’impegno per una società più giusta, pacifica e bella.

Una presentazione sintetica delle nostre attività la trovi nel video qui 

altre info su

presentandoci
cercasi una casa
sostenendoci

Pubblicando, i testi di Cercasi un fine

Formare alla politica. L'esperienza di Cercasi un fine

Nasce la nuova collana I libri di Cercasi un fine in coedizione con Magma Edizioni. Il primo volume sul metodo educativo e la storia di Cercasi un fine...


Potere e partecipazione. Un'esperienza locale di amministrazione condivisa, di S. Di Liso, D. Lomazzo

Sesto libro della collana di Cercasi un fine


La salute nella e oltre la leggeLa salute nella e oltre la legge. Sfide odierne, di F. Anelli e G. Ferrara

 Quinto libro della collana di Cercasi un fine


Attrezzarsi per la città

Attrezzarsi per la città. Laboratori di formAZIONE socio-politica, di M. Natale

Questo libro, quarto della collana di Cercasi un fine, racconta un’idea, diventata poi una esperienza, basata sulla convinzione che si possa, anzi si debba, progettare...


 

Meditando in video
Un video per scoprire le nostre attività: scuole di politica, giornale e sito web, collana di libri, incontri e seminari, scuola di italiano per stranieri... benvenuti in Cercasi un fine!
Cercasi un fine. Presentandoci
2020
13th of January 2020, BBC interviews our Director Rocco D'Ambrosio on the case of the book of Ratzinger-Sarah
Il nostro direttore Rocco D'Ambrosio intervistato dalla BBC
2020
Di più…
Il 5 x mille per CuF


Sapete quanto è prezioso per noi la vostra firma del 5 x mille a nostro favore: con esso realizziamo scuole di formazione sociale e politica, un sito web e un periodico di cultura e politica, insegnamento dell’italiano per cittadini stranieri, incontri, dibattiti…

Basta la tua firma e il numero dell'associazione 91085390721 nel primo riquadro sul volontariato. 

I nostri amici stranieri

Cercasi un fine organizza degli incontri settimanali di dialogo tra culture e insegnamento della lingua italiana per stranieri.

Maggiori info >>>

centro di ascolto.jpg

Il Gruppo "Il Seggio" di Cercasi un fine a Minervino

 

 

Si chiama "Il seggio": è il gruppo territoriale di Cercasi un fine, nato a Minervino, a fine anno 2021.

Esso nasce dall'iniziativa dei soci fondatori e ordinari di Cuf, residenti a Minervino. Il gruppo (attraverso un apposito Regolamento) è un'emanazione territoriale della nostra Associazione, di cui condivide statuo, finalità, contenuti e strategie associative.

Auguriamo al gruppo di essere attivo e proficuo nella ricerca de nostro Fine come don Milani insegna: "Bisogna che il fine sia onesto. Grande. Il fine giusto è dedicarsi al prossimo. E in questo secolo come lei vuole amare se non con la politica o col sindacato o con la scuola? Siamo sovrani. Non è più il tempo delle elemosine, ma delle scelte".

 

indirizzo: Vico II Spineto, 2
(c/o Parrocchia S. Michele Arcangelo)
76013 Minervino Murge (BT)

per info:
mail: scuolasociopoliticaminervino@cercasiunfine.it
cell: 349 6534286

Contribuendo

Contribuendo.jpg

Bonifico Bancario
Cercasi un Fine ONLUS
IBAN IT26C0846941440000000019932
BCC Credito Cooperatvo

Leggendo il giornale

E' in distribuzione Cercasi un fine n. 126
(2021- Anno XVII)

quadratino rosso Tema: Il rispetto dell'identità sessuale

 

Scrivendo per il giornale

Se volete scrivere per il giornale:
direttore@cercasiunfine.it


  

 

 listing Il n. 127 è dedicato alla vita quotidiana (in un mondo eccessivamente mediatico quale valore ha il quotidiano? I suoi piccoli e significativi gesti quale senso hanno? Conosciamo i vissuti quotidiani attorno a noi?). In preparazione.

 listing Il n. 128 è sulla "Riforma costituzionale in tema ambientale"  (qual è il significato dell'ultima riforma costituzionale in tema ambientale? Quali ricadute per noi e le generazioni future? E' un nuovo patto tra generazioni? Quali effetti sull'attività economica?). Testi da inviare entro il 30 giugno 2022.

listing Il n. 129 è su "Dopo il Covid e la guerra: una nuova globalizzazione?"  (La pandemia e la guerra in Ucraina sembrano aver messo in crisi il vecchio modello della globalizzazione: come costruire un nuovo modello? Cosa deve cambiare e cosa può restare?). Testi da consegnare entro il 30 agosto 2022. 

Se avete qualcosa da proporci su qualcuno di questi temi siamo ben lieti di accoglierlo: testi non superiori a 4000 caratteri/spazi inclusi, da inviare ai nostri indirizzi mail. Accettiamo anche contributi in altre lingue e di bambini.