Tu sei qui: Home / Meditando / In articoli e commenti, scelti da noi / Draghi: sussidi per crisi Covid finiranno, investimenti massicci su giovani e istruzione. Ritorno alla crescita priorità assoluta, di Gianni Trovati

Draghi: sussidi per crisi Covid finiranno, investimenti massicci su giovani e istruzione. Ritorno alla crescita priorità assoluta, di Gianni Trovati

creato da Paolo Iacovelli ultima modifica 19/08/2020 09:57
L'ex presidente della Bce si è guardato bene dall'entrare nell'analisi puntuale di questa o quella misura decisa a Roma come a Bruxelles. Ma ha indicato l'orizzonte, dominato da alcune, chiare questioni cruciali…

Il veleno prodotto in dosi più massicce dalla pandemia è l'incertezza. E l'antidoto che la politica economica deve mettere in campo in fretta è la costruzione di un futuro sostenibile abbandonando la fase dei sussidi, necessaria ma inevitabilmente temporanea. Perché la crisi economica prodotta dal Coronavirus ha determinato un'impennata di deficit e debito senza precedenti, che per essere sostenibile deve essere impiegato negli investimenti per la crescita. L'intervento di Mario Draghi davanti alla platea del Meeting di Rimini (in prima fila ad ascoltarlo anche il presidente di Confindustria Bonomi) ha tracciato con chiarezza i termini delle sfide colossali che attendono i governi nel prossimo futuro. E implicitamente ha offerto un metro efficace per misurare la distanza fra queste sfide e i temi che occupano in queste settimane il dibattito pubblico italiano. Perché l'ex presidente della Bce si è guardato bene dall'entrare nell'analisi puntuale di questa o quella misura decisa a Roma come a Bruxelles. Ma ha indicato l'orizzonte, dominato da alcune, chiare questioni cruciali.

Debito buono e debito cattivo

Debito e futuro sono due temi intrecciati in un nodo inscindibile. Non solo perché il secondo sarà dominato dal primo, prodotto in questi mesi in quantità «senza precedenti». Ma soprattutto perché il debito da pandemia andrà indirizzato in fretta agli investimenti produttivi (a partire da istruzione e giovani) che servono alla crescita, a sua volta presupposto indispensabile per la sua sostenibilità, archiviando quanto prima la stagione di bonus e sussidi. Sul punto Draghi è stato chiarissimo: «Il debito – ha detto – è destinato a rimanere elevato a lungo e sarà sostenibile, continuerà cioè a essere comprato da Paesi, istituzioni, mercati e risparmiatori, se sarà utilizzato a fini produttivi in investimenti in capitale umano, innovazione e ricerca». Accanto a questo «debito buono» esiste un «debito cattivo», acceso per alimentare spese correnti e aiuti di breve termine anche sull'onda dell'illusione dei tassi bassi. Che da soli «non sono garanzia di sostenibilità» del debito, perché «la percezione dei mercati è altrettanto importante, e quanto più si deteriora, tanto più diventa incerto il quadro di riferimento».

«Non privare i giovani del futuro»

Il primo terreno su cui deve svilupparsi questo cambio di rotta è quello dei giovani e dell'istruzione, dove «la visione di lungo periodo deve sposarsi con un'azione immediata» che vada oltre le discussioni di queste settimane su banchi a rotelle e metri quadrati. A indicare questa priorità è una ragione logica ed etica insieme: «Il debito creato dalla pandemia dovrà essere ripagato da coloro che oggi sono giovani, ed è nostro dovere fare in modo che abbiano le capacità per farlo», perché «privare un giovane del futuro è una delle forme più gravi di diseguaglianza».

«Maggiore chiarezza sugli obiettivi di politica economica»

In quest'ottica, il primo compito dei governi è quello di evitare che si realizzi il timore di una «distruzione del capitale umano senza precedenti dai tempi della seconda guerra mondiale». Con la sospensione delle regole Ue e più in generale di molti dei principi considerati basilari fino a qualche mese fa, la politica economica ha uno spazio di discrezionalità molto più ampio rispetto ai tempi ordinari, e ha di conseguenza il dovere di una «maggiore chiarezza sugli obiettivi» e di una dose aggiuntiva di trasparenza sulle scelte per conseguirli.

Italia ed Europa

Dalla credibilità di queste scelte dipende il futuro dell'Europa. Perché le regole su Patto di stabilità, mercato interno, concorrenza e banche erano oggetto di critiche crescenti prima della pandemia, e sono state sospese con la crisi che ha dato spazio all'avvio di emissioni di debito comune e a una nuova centralità della commissione dopo una lunga fase di dominio intergovernativo. Ma ora tocca ai governi nazionali sfruttare l'occasione puntando sulla «credibilità delle politiche economiche» perché «se ciò avverrà non si potrà più sostenere che i mutamenti nell'ordinamento europeo sono temporanei». Dalla gestione dei fondi di Next Generation Eu passa quindi non solo il futuro dell'Italia, ma anche lo sviluppo dell'Europa. A patto di cambiare passo in fretta.

https://www.ilsole24ore.com/art/draghi-sussidi-crisi-covid-finiranno-giovani-bisogna-dare-piu-ADmGZxj

Azioni sul documento
  • Stampa
archiviato sotto: , ,
Pubblicando, i testi di Cercasi un fine

Formare alla politica. L'esperienza di Cercasi un fine

Nasce la nuova collana I libri di Cercasi un fine in coedizione con Magma Edizioni. Il primo volume sul metodo educativo e la storia di Cercasi un fine...


Potere e partecipazione. Un'esperienza locale di amministrazione condivisa, di S. Di Liso, D. Lomazzo

Sesto libro della collana di Cercasi un fine


La salute nella e oltre la leggeLa salute nella e oltre la legge. Sfide odierne, di F. Anelli e G. Ferrara

 Quinto libro della collana di Cercasi un fine


Attrezzarsi per la città

Attrezzarsi per la città. Laboratori di formAZIONE socio-politica, di M. Natale

Questo libro, quarto della collana di Cercasi un fine, racconta un’idea, diventata poi una esperienza, basata sulla convinzione che si possa, anzi si debba, progettare...


 

Meditando in video
Un video per scoprire le nostre attività: scuole di politica, giornale e sito web, collana di libri, incontri e seminari, scuola di italiano per stranieri... benvenuti in Cercasi un fine!
Cercasi un fine. Presentandoci
2020
13th of January 2020, BBC interviews our Director Rocco D'Ambrosio on the case of the book of Ratzinger-Sarah
Il nostro direttore Rocco D'Ambrosio intervistato dalla BBC
2020
Di più…
I nostri amici stranieri

Cercasi un fine organizza degli incontri settimanali di dialogo tra culture e insegnamento della lingua italiana per stranieri.

Maggiori info >>>

centro di ascolto.jpg

Associandoci

logo-barchetta.jpg
Cercasi un fine
è insieme un periodico, un’associazione onlus, di promozione sociale, iscritta all’albo regionale della Puglia, fondata nel 2008, con attività che risalgono a partire dal 2002, una rete di scuole di formazione politica, un gruppo di amici stranieri e volontari per l'insegnamento della lingua italiana. Vi partecipano credenti cristiani e donne e uomini di diverse culture e religioni, accomunati dall’impegno per una società più giusta, pacifica e bella.

Una presentazione sintetica delle nostre attività la trovi nel video qui 

altre info su

presentandoci
cercasi una casa
sostenendoci

con carta di credito o PayPal

Leggendo il giornale

E' in distribuzione Cercasi un fine n. 122
(2021- Anno XVII)

quadratino rosso Tema: Tutti pazzi per i sociale?

Scrivendo per il giornale

Se volete scrivere per il giornale:
direttore@cercasiunfine.it


 

 listing Il n. 122 è su... Tutti pazzi per i Social? -  è in spedizione.

 

 listing Il n. 123 è sulla RINASCITA (1. Cosa vuol dire “rinascita” dopo la crisi sanitaria? 2. Positività e negatività della crisi sanitaria nel lavoro, scuola, famiglia, politica, sanità, economia, ambiente? 3. Cosa vuol dire sperare in un futuro migliore?): in preparazione.

 listing Il n. 124 è su Il Pianeta che vogliamo (1. Che rapporto c'è tra la pandemia e la situazione ambientale? 2. Nuove politiche industriali e del lavoro e impatto sull'ambiente? 3. Cosa cambiare negli stili di vita? 4. Quale il contributo delle religioni?) Testi da inviare da entro 31 maggio 2021.

 listing Il n. 125 è sulla Repubblica "post Covid e tante risorse" (1. Come la pandemia ha cambiato i processi politici? 2. Cosa cambia nella partecipazione dei cittadini? 3. E' democratico questo processo? 4. Quale visione politica ispira il tutto?) Testi da inviare da entro 31 luglio 2021.

Se avete qualcosa da proporci su qualcuno di questi temi siamo ben lieti di accoglierlo. Accettiamo anche contributi in altre lingue.