Tu sei qui: Home / Meditando / In articoli e commenti, scelti da noi / Dopo Charlie Hebdo, la minaccia jihadista in Europa

Dopo Charlie Hebdo, la minaccia jihadista in Europa

creato da D. — ultima modifica 17/09/2015 17:46
L’attentato terroristico che ha sconvolto la Francia ha sollevato anche importanti interrogativi sull’evoluzione del fenomeno jihadista in Europa. La dinamica e la scelta dell’obiettivo indicano un elemento di novità e discontinuità rispetto a molti episodi simili già avvenuti nei paesi europei.

L’attentato terroristico che ha sconvolto la Francia ha sollevato anche importanti interrogativi sull’evoluzione del fenomeno jihadista in Europa. La dinamica e la scelta dell’obiettivo indicano un elemento di novità e discontinuità rispetto a molti episodi simili già avvenuti nei paesi europei. Inoltre, ci si interroga sulle motivazioni che hanno portato all’attacco e la possibile affiliazione dei responsabili. Quanto è avvenuto ieri alla redazione del settimanale satirico Charlie Hebdo ha inoltre riportato al centro dell’attenzione mediatica e politica il problema del terrorismo fondamentalista che, tornando a colpire al cuore dell’Europa, ha messo in luce la necessità di una revisione delle azioni di contrasto finora attuate.


Jihadismo made in Europe?

I due presunti responsabili dell’attentato sarebbero Said e Cherif Kouachi, franco-algerini, che secondo alcune fonti sarebbero tornati in Francia quest’estate dalla Siria. Ma i fratelli Kouachi non sono gli unici francesi in Medio Oriente per combattere il jihad; anzi, secondo fonti non ufficiali, un terzo degli stranieri arruolati nelle file dell’ISIS proverrebbero dalla Francia. Di questo fenomeno, e in particolare dei jihadisti di origine italiana, si è occupato a lungo Lorenzo Vidino, ISPI Visiting Fellow e autore dell’e-book “Il jihadismo autoctono in Italia: nascita, sviluppo e dinamiche di radicalizzazione”. Secondo Vidino non è più valida la motivazione della mancanza di integrazione ma, come sostiene anche nell’intervista pubblicata oggi da Avvenire, la spiegazione più solida è quella della “catena umana”: chi parte, attratto dalla guerra in Iraq o in Siria, recluta anche fratelli, amici e colleghi. Ma non tutti decidono di partire, per molti il jihad si combatte dentro i confini europei.

 

Lupi solitari o commando organizzato?

La dinamica dell’attentato, il suo livello di organizzazione e le informazioni che stanno rivelando le indagini della polizia sembrano indicare che, contrariamente a quanto avvenuto in passato, l’attentato parigino non sia opera di un “lupo solitario” ma di un piccolo commando relativamente indipendente, esperto nell’uso delle armi, attivabile da una regia e capace di agire e pianificare. Questa è l’opinione di Marco Lombardi, ISPI Scientific Advisor e responsabile di ITSTIME, condivisa anche da Eugenio Dacrema, PhD Candidate dell’Università di Trento e ISPI, che nel suo post sul The Times of Israel vede un parallelismo con le modalità dell’attentato a Monaco del 1972.

 

Isis o al-Qaeda?

Posto che non si tratti di lupi solitari resta la questione di quale organizzazione terroristica abbia fornito l’addestramento necessario ai responsabili dell’attentato di Parigi. Secondo Sam Jones, Financial Times, sarebbe facile pensare all’ISIS, ma molti indizi portano in un’altra direzione e precisamente ad al-Qaeda o a qualche sua cellula, come al-Qaeda in Yemen o Jabhat al-Nusra in Siria. L’attentato di mercoledì, scrivono su The New York Times Rukmini Callimachi e Alison Smale, ha mostrato per esempio un grado di premeditazione e di sofisticatezza che manca nelle azioni rivendicate dai simpatizzanti dell’ISIS. Lo scontro tra queste due formazioni, che dopo aver travolto il Medio Oriente interessa ora anche l’Europa, è stato approfondito da diversi esperti nel recente e-book ISPI curato da Andrea Plebani “New (and old) patterns of jihadism: al-Qa’ida, the Islamic State and beyond”.

 

Qual è il rischio di attentati simili in Italia e in Europa?

A seguito dell’attentato di Parigi, tutti i principali paesi europei hanno innalzato il proprio livello di allarme. Nel suo intervento a Zapping, Arturo Varvelli, ISPI, ha sottolineato che per l’Italia la situazione è molto diversa, sebbene nulla possa essere escluso con certezza. Ciò è dovuto in particolare alla minor presenza di foreign fighters e alla diversa proiezione esterna del nostro paese, meno impegnato della Francia nei conflitti mediorientali. Secondo Laura Smith-Spark di CNN la Gran Bretagna è il paese europeo più a rischio anche a causa della presenza in Siria e Iraq di circa 500 combattenti provenienti dal Regno Unito. Infine, Norvegia e Danimarca potrebbero rivelarsi obiettivi sensibili per via delle vignette giudicate blasfeme pubblicate nel 2005.

 

fonte: www.ispionline.it, 08.01.2015

 


Azioni sul documento
  • Stampa
archiviato sotto:
I nostri amici stranieri

Cercasi un fine organizza degli incontri settimanali di dialogo tra culture e insegnamento della lingua italiana per stranieri.

Maggiori info >>>

centro di ascolto.jpg

Associandoci

logo-barchetta.jpg
Cercasi un fine
è insieme un periodico, un’associazione onlus, di promozione sociale, iscritta all’albo regionale della Puglia, fondata nel 2008, con attività che risalgono a partire dal 2002 e una rete di scuole di formazione politica. Vi partecipano credenti cristiani e donne e uomini di diverse culture e religioni, accomunati dall’impegno per una società più giusta, pacifica e bella.

Una presentazione sintetica delle nostre attività la trovi nel video qui 

altre info su

presentandoci
cercasi una casa
sostenendoci

con carta di credito o PayPal

Leggendo il giornale

Cercasi un fine 118.jpg

E' in distribuzione Cercasi un fine n. 118
(2020- Anno XVI)

quadratino rosso Tema: Economia civile

Scrivendo per il giornale

Se volete scrivere per il giornale:
direttore@cercasiunfine.it


 

 listing Il n. 118 è sull'ECONOMIA CIVILE. Il cartaceo è stato spedito da qualche giorno; il PDF lo si trova a destra nella home page.

 listing Il n. 119 è sul DIALOGO INTERRELIGIOSO  è in preparazione.

 listing Il n. 120 è sui DOVERI (si parla spesso di diritti: e i doveri? Cosa intendiamo per doveri? Esistono gruppi, culture e religioni che danno seria testimonianza sui doveri? Come educare ai doveri?)  testi da inviare entro il 30 marzo 2020.

Per il n. 120 lanciamo un’iniziativa per coinvolgere tutti i nostri lettori: Tweet on duty - Un tweet sul dovere

Ti chiediamo di rispondere a una sola di queste domande (indicando nome, cognome, lavoro, città) in maniera sintetica, praticamente non più dei 140 caratteri che si usano in un tweet, da inviare a associazione@cercasiunfine.it o sms o whatsapp al cell. 337 1031728
Ecco le domande, scegline solo una e rispondi!
1. Cosa ti spinge a fare il tuo dovere?
2. Cosa provi nel fare il tuo dovere?
3. Cosa ti aspetti quando fai il tuo dovere?
4. Quali difficoltà incontri quando fai il tuo dovere? 
Testi da inviare entro il 30 marzo 2020.


Se avete qualcosa da proporci su qualcuno di questi temi siamo ben lieti di accoglierlo. Accettiamo anche contributi in altre lingue.