Tu sei qui: Home / Meditando / In articoli e commenti, scelti da noi / Donne al presbiterio, l’ultima svolta post-clericale di Papa Francesco, di Riccardo Cristiano

Donne al presbiterio, l’ultima svolta post-clericale di Papa Francesco, di Riccardo Cristiano

creato da Paolo Iacovelli ultima modifica 14/01/2021 10:01
Una Chiesa capace davvero di inculturarsi in contesti diversi, che non si ponga o imponga come un monolite culturale e sociale, il punto di partenza non può che essere l’aprirsi alle donne...

Lunedì sera, dopo aver letto “Spiritus Domini”, l’atto di riforma ecclesiale varato da Francesco, ho sentito il bisogno di chiamare una delle migliori teologhe italiane, Serena Noceti, per capire bene di cosa si trattasse. Una Chiesa che prevede che ora maschi e femmine laiche possano proclamare la Parola e servire all’altare è molto diversa da quella in cui tutto, anche la lettura della Parola e del servizio all’altare, era affidata al sacerdote e al ministro maschio. È la Chiesa che va oltre il clericalismo di cui spesso ha parlato e parla Francesco? Il clericalismo si era impossessato di ogni spazio?

Ricordavo di aver letto che alle origini la distinzione tra celebrante e lettore poteva essere stata determinata dal diffuso analfabetismo di tanti secoli fa, anche molti Apostoli lo erano. Ma San Paolo no, lui certamente non lo era, eppure anche San Paolo si avvaleva di un lettore. Allora che riforma ha varato Francesco? Cosa vuol dire che 48 anni dopo la riforma di Paolo VI che affidava ai laici maschi il ministero della proclamazione della Parola ora questo ministero viene affidato a maschi e femmine? E’ davvero così scontato che si preveda che un ministero che va esercitato dal “presbiterio”, cioè dall’area della chiesa riservato ai preti, sia anche femminile?

Le riforme si capiscono a seconda di come vengono presentate. Parlare di una riforma ecclesiale che non limita più solo ai maschi il lettorato e l’accolitato consente a pochi di capire di cosa parliamo. Dire che, come accade di fatto da anni ormai in tantissime chiese, le donne potranno proclamare le varie letture sacre durante la celebrazione e coadiuvare il sacerdote nella celebrazione eucaristica, allarga un bel po’ la cerchia, ma non fa capire molto di più, anzi, allontana dalla comprensione.

Meglio di ogni altro una donna, e teologa, può far capire appieno il senso di questa riforma  strutturale di Papa Francesco. Con l’accompagnamento colto e accurato della teologa Serena Noceti si capisce subito che bisogna tornare al Concilio Vaticano II e a quella nuova idea di Chiesa che ne emerse. Per capire il nuovo occorre partire dal vecchio. E Serena Noceti è chiarissima sul passato usando il termine “ascensionale”. E cioè? Tentando di esprimere il punto si può dire che, prima del Concilio, la Chiesa era una società tutta centrata sul clero, una piramide a gradini, tappe della formazione spirituale del sacerdote. Tutti i ministeri sviluppavano e afferivano, passo dopo passo, al clero. Anche quello di lettore era un “ministero minore”: ci si avvicinava al sacerdozio accedendo al ministero della proclamazione della Parola, ad esempio. Ecco l’ordine “ascensionale”: era una piramide. Questo ordine ascensionale separava i laici dai chierici. Tutto questo aveva compimento nella forma del rito: celebrava solo il sacerdote, i fedeli come gregge lo seguivano separati da lui da una balaustra; lui, il presbitero dal presbiterio, dando loro le spalle perché posto davanti a loro, gli indicava la strada, conducendoli.

Il Concilio ha creato uno spazio comune, eliminato la balaustra separatoria, girato gli altari, rendendo la celebrazione comunitaria. Da allora si è formata una Chiesa nella quale tutto il popolo di Dio partecipa ai ministeri ecclesiali. Ecco perché il Concilio ha parlato di Chiesatutta ministeriale”: tutti sono ministri in questa visione. Paolo VI subito dopo il Concilio di conseguenza ha abolito i ministeri minori, che rappresentavano le tappe di avvicinamento al sacerdozio, e i laici hanno avuto accesso a ministeri definiti  “istituiti”. Si tratta di ministeri permanenti perché istituiti con apposito rito dal vescovo – chiarisce la teologa – che sono quelli oggetto delle riforma di cui parliamo, e poi di altri ministeri “affidati”, cioè frutto di un semplice affidamento che può essere revocato.

I laici dunque con questa riforma di Paolo VI sono diventati anche loro ministri nel culto: i ministeri affidati per capirci sono quelli svolti dagli animatori e catechisti parrocchiali, ad esempio. Con i ministeri istituiti, quello di leggere le sacre scritture e di coadiuvare il sacerdote, si riceve dal vescovo l’affidamento definitivo, nessuno potrà rimuoverli. Il racconto ecclesiale di Serena Noceti aiuta a capire bene il valore di questa differenza.  La riforma varata da Paolo VI ha creato una Chiesa tutta ministeriale; i laici, senza avere intenzione di diventare sacerdoti, hanno i ruoli citati (che in qualche caso, ricorda la teologa, hanno anche ecceduto questi confini, contemplando anche la predicazione): poi ci sono i tre ministeri consacrati, cioè i diaconi, i sacerdoti e i vescovi.

In questa visione è davvero difficile, oppure è facilissimo, capire perché le donne fossero escluse, ai sensi del diritto canonico, da questi ministeri affidati. È stata una limitazione senza fondamento teologico, spiega Serena Noceti, visto che è richiesto il battesimo (oltre al merito). Dunque con la riforma si superava il clericalismo, ma non l’idea di Chiesa androcentrica. Lo sforzo di Papa Francesco a rendere la Chiesa davvero Chiesa di popolo e non clericale, riconoscere l’unzione di tutti i battezzati (come ha affermato nella lettera al popolo di Dio che vive in Cile dopo lo scandalo della pedofilia) è stato enorme e causa di non pochi problemi. Per procedere però non poteva non affrontare anche l’infondata esclusione delle donne da questi ministeri affidati. Il superamento nei fatti dell’esclusione non risolveva il problema, spiega Serena Noceti, perché il ruolo di fatto non comportava il rito di istituzione. “Il problema è chi sei, non cosa fai”, afferma con acume e accuratezza: insomma, in assenza di rito di affidamento si fa senza essere. La Chiesa restava androcentrica.

Questa spiegazione mi ha aiutato a capire che questa riforma dimostra l’intenzione di Francesco: creare una Chiesa post-clericale in cui come nel rito anche nel governo della Chiesa, a tutti i livelli, siano coinvolti i laici, maschi e femmine. Qui proprio Serena Noceti, già anni fa, ha giustamente osservato: “è innegabile il fatto che, limitando l’istituzione ai servizi liturgici del lettore e dell’accolito, si è finito per separare – indebitamente, rispetto alla visione ecclesiologica conciliare – il modo di pensare e organizzare il momento celebrativo rispetto al resto della vita ecclesiale, laddove invece una ministerialità poliedrica e ricca andava sviluppandosi senza che venisse effettivamente posta (o meglio, recepita) la questione di istituire altri ministeri, la cui rilevanza pastorale e influsso per la vita di chiesa, sono indubbi”. È infatti difficile capire come mai non si riconosca che i catechisti siano ministri e non richiedano l’istituzione di questo ministero. Forse, penso, perché le catechiste sono tante.

Ma intanto ore le donne hanno ottenuto diritto anche a ministeri istituiti dal vescovo, non è poco. La portata di questo cambiamento l’ho colta seguendo nell’esposizione  della teologa la sottolineature dei tempi che sono serviti per arrivarci: 48 anni. La riforma di Paolo VI, che apriva al laici ma si doveva fermare davanti al problema delle donne, è infatti di 48 anni fa. Dunque è chiaro perché per Serena Noceti questo sia un “riconoscimento visibile” che cambierà “la percezione della Chiesa”. Non è un fatto enorme?

Questo cambiamento apre una prospettiva evidente, chiara e fondata nella storia della Chiesa, quella dell’accesso delle donne al diaconato. I diaconi, che sono il primo grado del ministero ordinato, non sono sacerdoti: Giovanni Paolo II ha ribadito che le donne non possono accedere al sacerdozio. “Le questioni non sono collegate, ma la riforma ha certamente un valore simbolico”, afferma la teologa. Sapevo che il fondamento dell’esclusione delle donne dal sacerdozio sta nella condotta di Gesù, che non scelse una donna tra i suoi apostoli. Così attenta alla parola, la Chiesa ha scelto questa regola seguendo la prassi, convinta che se Gesù non fu rivoluzionario rispetto al sistema vigente a quel tempo, come fu rivoluzionario in tanti altri campi, lo avrà fatto a ragion veduta. Ma i diaconi non sono sacerdoti, le indicazioni esplicite di Giovanni Paolo II non escludono le donne dal diaconato, ma dal sacerdozio: dunque perché le donne, che nei tempi lontani erano diacone, non lo sono più?

Il ragionamento della teologa torna alla ministerialità nella Chiesa, ma è lecito andare a un altro tema proprio del pontificato di Francesco. La sua Chiesa in uscita non ha paura dell’altro, e nel documento di Abu Dhabi si capisce chiaramente che il primo altro per l’uomo è la donna. Questo punto Serena Noceti lo chiarisce con grande visione. Allora immagino che per arrivare a una Chiesa davvero aperta all’altro, una Chiesa capace davvero di inculturarsi in contesti diversi, che non si ponga o imponga come un monolite culturale e sociale, il punto di partenza non può che essere l’aprirsi alle donne. Se Francesco parla di superamento della globalizzazione uniformante non poteva che vedere una Chiesa non uniformante. Andare oltre il clericalismo richiede andare oltre la visione e la cultura centralista e androcentrica, quindi una concezione patriarcale della società, della vita e di supremazia culturale. Porre al centro le periferie vuol dire soprattutto questo. Dunque nell’approccio spirituale di Francesco la riforma ha preso ora un tratto di riforma fattuale a partire dall’apertura al primo altro, la donna. Dicendo approccio spirituale intendo dire quel che ha spiegato così padre Antonio Spadaro: “una volta ho chiesto al Papa: santità, lei vuole fare la riforma della Chiesa? Mi ha risposto: no! Io voglio portare Cristo al centro della Chiesa. Poi la riforma la farà lui.” Portare Cristo al centro vuol dire cambiare i cuori prima degli uffici. Ora era il tempo di aprire le finestre per consentire a tutti di respirare il Concilio, probabilmente, che non va più interpretato, ma attuato.

https://www.reset.it/idee/donne-al-presbiterio-svolta-post-clericale-papa-francesco

Azioni sul documento
  • Stampa
La Vignetta, di Martina Losito

"Il bene più prezioso"

Vignetta di Martina Losito 

*Martina Losito, studentessa di ingegneria energetica presso il Politecnico di Milano.

Pubblicando, i testi di Cercasi un fine

Formare alla politica. L'esperienza di Cercasi un fine

Nasce la nuova collana I libri di Cercasi un fine in coedizione con Magma Edizioni. Il primo volume sul metodo educativo e la storia di Cercasi un fine...


Potere e partecipazione. Un'esperienza locale di amministrazione condivisa, di S. Di Liso, D. Lomazzo

Sesto libro della collana di Cercasi un fine


La salute nella e oltre la leggeLa salute nella e oltre la legge. Sfide odierne, di F. Anelli e G. Ferrara

 Quinto libro della collana di Cercasi un fine


Attrezzarsi per la città

Attrezzarsi per la città. Laboratori di formAZIONE socio-politica, di M. Natale

Questo libro, quarto della collana di Cercasi un fine, racconta un’idea, diventata poi una esperienza, basata sulla convinzione che si possa, anzi si debba, progettare...


 

Meditando in video
Un video per scoprire le nostre attività: scuole di politica, giornale e sito web, collana di libri, incontri e seminari, scuola di italiano per stranieri... benvenuti in Cercasi un fine!
Cercasi un fine. Presentandoci
2020
13th of January 2020, BBC interviews our Director Rocco D'Ambrosio on the case of the book of Ratzinger-Sarah
Il nostro direttore Rocco D'Ambrosio intervistato dalla BBC
2020
Di più…
I nostri amici stranieri

Cercasi un fine organizza degli incontri settimanali di dialogo tra culture e insegnamento della lingua italiana per stranieri.

Maggiori info >>>

centro di ascolto.jpg

Associandoci

logo-barchetta.jpg
Cercasi un fine
è insieme un periodico, un’associazione onlus, di promozione sociale, iscritta all’albo regionale della Puglia, fondata nel 2008, con attività che risalgono a partire dal 2002, una rete di scuole di formazione politica, un gruppo di amici stranieri e volontari per l'insegnamento della lingua italiana. Vi partecipano credenti cristiani e donne e uomini di diverse culture e religioni, accomunati dall’impegno per una società più giusta, pacifica e bella.

Una presentazione sintetica delle nostre attività la trovi nel video qui 

altre info su

presentandoci
cercasi una casa
sostenendoci

con carta di credito o PayPal

Leggendo il giornale

E' in distribuzione Cercasi un fine n. 124
(2021- Anno XVII)

quadratino rosso Tema: Pianeta che vogliamo

Scrivendo per il giornale

Se volete scrivere per il giornale:
direttore@cercasiunfine.it


 

 listing Il n. 124 è su Il Pianeta che vogliamo è in distribuzione.

 

 listing Il n. 125 è sulla Repubblica "post Covid e tante risorse"  Testi da inviare da entro 31 agosto 2021.

Se avete qualcosa da proporci su qualcuno di questi temi siamo ben lieti di accoglierlo. Accettiamo anche contributi in altre lingue.