Tu sei qui: Home / Meditando / In articoli e commenti, scelti da noi / Disarmare Putin si può, di Mauro Magatti

Disarmare Putin si può, di Mauro Magatti

creato da Paolo Iacovelli ultima modifica 13/04/2022 09:57
Ma l’Occidente non ci riuscirà da solo…

Facciamo tutti fatica a capire la natura della guerra nell’epoca dell’interdipendenza globale. Ma se non vogliamo farci trascinare dal gorgo scatenato dall’aggressione di Vladimir Putin servono lucidità e lungimiranza. L’Ucraina, dove ogni giorno hanno luogo i massacri orribili che vediamo in tv, è solo la scena più drammatica ed evidente. Ma non è l’unica. Ce ne sono altre, altrettanto importanti, su cui il conflitto si gioca.
A leggere le dichiarazioni del leader russo e le interviste rilasciate dai suoi principali consiglieri, si deduce che dietro all’invasione si nasconde quel disegno più ambizioso su cui su queste pagine si continua a ragionare: quello di mettere in discussione l’ordine liberale globale venutosi a creare col 1989 della caduta del Muro. Putin ha vissuto quel passaggio storico da giovane dirigente del Kgb. E vuole passare alla storia come colui che è riuscito a ribaltare quell’assetto da cui la Russia postsovietica uscì umiliata e sconfitta. E questo perché è convinto che l’Occidente sia ormai spiritualmente spento e dominato dal solo interesse economico. 

La fine ingloriosa della missione in Afghanistan è l’evento simbolico che certifica il declino dello strapotere americano. Attaccando l’Ucraina, egli sapeva bene che le tensioni si sarebbero riversate sul gas e le altre materie prime essenziali per la crescita globale. E poiché la dipendenza degli Stati europei dalla Russia non è omogenea – Germania e Italia sono i due Paesi più dipendenti – Putin conta di riuscire a incrinare la solidarietà Nato e Ue, che in queste prime settimane è apparsa solida. Passando il tempo, il costo economico e sociale della guerra in Europa comincerà a pesare sempre di più su tutti, non solo a Mosca. Putin è convinto che il mondo sia pronto a ridefinire le alleanze a livello planetario.
Per questo è andato a Pechino per l’inaugurazione delle Olimpiadi, cercando di blindare un’ambigua alleanza con la Cina. Per questo, mentre bombarda, ha mandato Lavrov, il suo navigato ministro degli Esteri, in India e continua ad avere buoni rapporti con il Sudafrica e il Messico, parla e s’intende con Bolsonaro, con Erdogan (che pure resta nel campo Nato) e con l’ungherese Orbán, tutti leader con una fede democratica assai dubbia. L’obiettivo strategico è quello di capovolgere i rapporti di forza con l’Occidente, costituendo un fronte tra i Paesi che vogliano ribellarsi all’ordine internazionale sorto nel post-89.
A tutto ciò si deve, poi, aggiungere l’effetto che la guerra rischia di causare su vaste aree dell’Africa e dell’Asia. A causa della scarsità di grano (di cui Ucraina e Russia sono i principali esportatori mondiali), la Fao ha già previsto gravi problemi alimentari per decine di milioni di persone. Con effetti prevedibili anche in termini di emigrazione forzata. Scarsità energetica, crisi alimentare, pressione migratoria sono fattori destinati a far traballare molti regimi politici in giro per il mondo. Ed è difficile pensare che ciò rafforzi le democrazie.

La conquista dell’Ucraina e la divisione in due Stati è sicuramente un obiettivo fondamentale dell’azione di Putin. Ma non è la sola questione in ballo. Per questo ha ragione chi prevede che questa nuova e terribile fase della guerra ucrainorussa è destinata a durare a lungo e siamo ben lontani dal riuscire a costruire la via d’uscita. Quello che è importante capire è che non si può separare ciò che accade in Ucraina da questi effetti strutturali. Per questo non basta sostenere la resistenza. 

Si deve accelerare almeno su altri tre fronti. Il primo è quello energetico. Durante il Covid abbiamo accorciato i tempi per la messa a punto del vaccino: un processo che di solito impiega anni è stato realizzato in pochi mesi. È necessario uno sforzo simile per raggiungere l’autonomia energetica e realizzarla nel modo più sostenibile. L’accelerazione deve essere massima: i 2-3 anni di cui si parla sono troppi. In secondo luogo, è necessaria un’azione diplomatica più incisiva, convinta, globale. L’Occidente non deve fare l’errore di pensare il mondo dalla sua parte. 

La situazione creata da Putin è tale per cui nessuno regala niente a nessuno. La Cina, in particolare, si muove con cautela e pensa ai propri interessi strategici. Vuole uscire più forte da questa crisi. In queste settimane ha confermato l’alleanza con la Russia, ma al tempo stesso è allarmata che il gioco scappi di mano. Il dialogo con Pechino è fondamentale anche se molto difficile e delicato. E la stessa cosa vale per Messico, Brasile, India, Pakistan, Turchia e Sudafrica. 

Infine, bisogna rafforzare la cooperazione internazionale. I Paesi più poveri sono esposti al rischio di una crisi senza precedenti. Per questo si deve organizzare subito un’azione di sostegno alimentare, per evitare che l’ipotesi della destabilizzazione apra voragini che nessuno sarà poi in grado di gestire. Per affrontare la crisi in corso non è sufficiente concentrarsi sull’aspetto militare. 

Occorre assumere la complessità degli effetti che si producono in un mondo interdipendente. E affrontare i diversi nodi con intelligenza lungimirante, senza recedere per un attimo da un punto cardinale: la pace è il bene comune globale da perseguire a tutti i costi. È infatti proprio questo l’errore di fondo nel diabolico disegno di Putin: per la via bellica, nessuno vincerà. Tutti perderanno. L’umanità perderà. È questo è il vero argomento da sostenere per disarmare l’aggressore. E l’Occidente non può riuscirci da solo.

 https://www.avvenire.it/opinioni/pagine/disarmare-putin-si-pu

Azioni sul documento
  • Stampa
Associandoci

logo-barchetta.jpg

Cercasi un fine è insieme un periodico, un’associazione onlus, di promozione sociale, iscritta all’albo regionale della Puglia, fondata nel 2008, con attività che risalgono a partire dal 2002, una rete di scuole di formazione politica, un gruppo di amici stranieri e volontari per l'insegnamento della lingua italiana. Vi partecipano credenti cristiani e donne e uomini di diverse culture e religioni, accomunati dall’impegno per una società più giusta, pacifica e bella.

Una presentazione sintetica delle nostre attività la trovi nel video qui 

altre info su

presentandoci
cercasi una casa
sostenendoci

Pubblicando, i testi di Cercasi un fine

Formare alla politica. L'esperienza di Cercasi un fine

Nasce la nuova collana I libri di Cercasi un fine in coedizione con Magma Edizioni. Il primo volume sul metodo educativo e la storia di Cercasi un fine...


Potere e partecipazione. Un'esperienza locale di amministrazione condivisa, di S. Di Liso, D. Lomazzo

Sesto libro della collana di Cercasi un fine


La salute nella e oltre la leggeLa salute nella e oltre la legge. Sfide odierne, di F. Anelli e G. Ferrara

 Quinto libro della collana di Cercasi un fine


Attrezzarsi per la città

Attrezzarsi per la città. Laboratori di formAZIONE socio-politica, di M. Natale

Questo libro, quarto della collana di Cercasi un fine, racconta un’idea, diventata poi una esperienza, basata sulla convinzione che si possa, anzi si debba, progettare...


 

Meditando in video
Un video per scoprire le nostre attività: scuole di politica, giornale e sito web, collana di libri, incontri e seminari, scuola di italiano per stranieri... benvenuti in Cercasi un fine!
Cercasi un fine. Presentandoci
2020
13th of January 2020, BBC interviews our Director Rocco D'Ambrosio on the case of the book of Ratzinger-Sarah
Il nostro direttore Rocco D'Ambrosio intervistato dalla BBC
2020
Di più…
Il 5 x mille per CuF


Sapete quanto è prezioso per noi la vostra firma del 5 x mille a nostro favore: con esso realizziamo scuole di formazione sociale e politica, un sito web e un periodico di cultura e politica, insegnamento dell’italiano per cittadini stranieri, incontri, dibattiti…

Basta la tua firma e il numero dell'associazione 91085390721 nel primo riquadro sul volontariato. 

I nostri amici stranieri

Cercasi un fine organizza degli incontri settimanali di dialogo tra culture e insegnamento della lingua italiana per stranieri.

Maggiori info >>>

centro di ascolto.jpg

Il Gruppo "Il Seggio" di Cercasi un fine a Minervino

 

 

Si chiama "Il seggio": è il gruppo territoriale di Cercasi un fine, nato a Minervino, a fine anno 2021.

Esso nasce dall'iniziativa dei soci fondatori e ordinari di Cuf, residenti a Minervino. Il gruppo (attraverso un apposito Regolamento) è un'emanazione territoriale della nostra Associazione, di cui condivide statuo, finalità, contenuti e strategie associative.

Auguriamo al gruppo di essere attivo e proficuo nella ricerca de nostro Fine come don Milani insegna: "Bisogna che il fine sia onesto. Grande. Il fine giusto è dedicarsi al prossimo. E in questo secolo come lei vuole amare se non con la politica o col sindacato o con la scuola? Siamo sovrani. Non è più il tempo delle elemosine, ma delle scelte".

 

indirizzo: Vico II Spineto, 2
(c/o Parrocchia S. Michele Arcangelo)
76013 Minervino Murge (BT)

per info:
mail: scuolasociopoliticaminervino@cercasiunfine.it
cell: 349 6534286

Contribuendo

Contribuendo.jpg

Bonifico Bancario
Cercasi un Fine ONLUS
IBAN IT26C0846941440000000019932
BCC Credito Cooperatvo

Leggendo il giornale

E' in distribuzione Cercasi un fine n. 126
(2021- Anno XVII)

quadratino rosso Tema: Il rispetto dell'identità sessuale

 

Scrivendo per il giornale

Se volete scrivere per il giornale:
direttore@cercasiunfine.it


  

 listing Il n. 126 è su "Il rispetto dell'identità sessuale"  (cosa intendiamo per identità sessuale? Come rispettarla nella vita quotidiana? Quali tutele politiche e giuridiche introdurre?) è in spedizione.

 listing Il n. 127 è dedicato alla vita quotidiana (in un mondo eccessivamente mediatico quale valore ha il quotidiano? I suoi piccoli e significativi gesti quale senso hanno? Conosciamo i vissuti quotidiani attorno a noi?). Testi da inviare entro il 15 maggio 2022.

 listing Il n. 128 è sulla "Riforma costituzionale in tema ambientale"  (qual è il significato dell'ultima riforma costituzionale in tema ambientale? Quali ricadute per noi e le generazioni future? E' un nuovo patto tra generazioni? Quali effetti sull'attività economica?). Testi da inviare entro il 15 maggio 2022.

 

Se avete qualcosa da proporci su qualcuno di questi temi siamo ben lieti di accoglierlo: testi non superiori a 4000 caratteri/spazi inclusi, da inviare ai nostri indirizzi mail. Accettiamo anche contributi in altre lingue e di bambini.