Tu sei qui: Home / Meditando / In articoli e commenti, scelti da noi / Diritti e Doveri dei cittadini, di Francesco Lena

Diritti e Doveri dei cittadini, di Francesco Lena

creato da D. — ultima modifica 29/09/2015 12:01
L'Articolo 3 della costituzione italiana dice che tutti i cittadini hanno pari dignità sociale e sono eguali davanti alla legge, senza distinzioni di sesso, di razza, di lingua, di religione, di opinione pubblica, di condizioni personali e sociali...

L'Articolo 3 della costituzione italiana dice che tutti i cittadini hanno pari dignità sociale e sono eguali davanti alla legge, senza distinzioni di sesso, di razza, di lingua, di religione, di opinione pubblica, di condizioni personali e sociali.

E' compito della repubblica rimuovere gli ostacoli di ordine economico e sociale che, limitando di fatto la libertà e l'eguaglianza dei cittadini, impediscono a pieno sviluppo della persona umana e l'effettiva partecipazione di tutti i lavoratori all'organizzazione politica, economica e sociale del paese.

I giudici hanno applicato la legge al cittadino italiano di cui, in questi giorni, giornali, radio, televisione parlano tanto: finalmente si può dire che la legge è eguale per tutti.

Ora una parte politica del paese pensa di chiedere la grazia al capo dello stato, per questo. Io inviterei tutti a rispettare la decisione dei giudici e l'autonomia della magistratura.

Chiederei piuttosto a tutta la nostra classe dirigente, a tutti i politici, ai responsabili dell'informazione, di parlare e prendersi carico con più impegno e responsabilità, dei problemi del paese, della gente, del bene comune. Qui ci sono tante grazie da fare, da lavorare, da chiedere. Per i disoccupati, la grazia, creandogli un posto di lavoro. Per i pensionati che non ce la fanno più ad arrivare a fine mese, la grazia, dando loro una pensione dignitosa. Per i senza tetto, per chi non ha più niente, per i disperati, per tutti i più bisognosi, per tutti i più deboli, la grazia di avere una dignità umana.

Questi con l'intelligenza, il contributo e l'impegno di tutti hanno bisogno velocemente di trovare delle soluzioni ai loro drammatici problemi: di questo bisogna interessarsi, parlare, fare.

Cari politici, cara classe dirigente del nostro bel paese l'Italia, cari cittadini, qui c'è da lavorare, per costruire una società piena di valori veri, più giusta, per un futuro migliore, per una società dove diritti e doveri siano veramente eguali per tutti i cittadini.

 

di Francesco Lena, Cenate Sopra (BG)

Azioni sul documento
  • Stampa
archiviato sotto: ,
I nostri amici stranieri

Cercasi un fine organizza degli incontri settimanali di dialogo tra culture e insegnamento della lingua italiana per stranieri.

Maggiori info >>>

centro di ascolto.jpg

Associandoci

logo-barchetta.jpg
Cercasi un fine
è insieme un periodico, un’associazione onlus, di promozione sociale, iscritta all’albo regionale della Puglia, fondata nel 2008, con attività che risalgono a partire dal 2002 e una rete di scuole di formazione politica. Vi partecipano credenti cristiani e donne e uomini di diverse culture e religioni, accomunati dall’impegno per una società più giusta, pacifica e bella.

Una presentazione sintetica delle nostre attività la trovi nel video qui 

altre info su

presentandoci
cercasi una casa
sostenendoci

con carta di credito o PayPal

Leggendo il giornale

Cercasiunfine-119.jpg

E' in distribuzione Cercasi un fine n. 119
(2020- Anno XVI)

quadratino rosso Tema: Dialogo Interreligioso

Scrivendo per il giornale

Se volete scrivere per il giornale:
direttore@cercasiunfine.it


 

 listing Il n. 120 è sui DOVERI (si parla spesso di diritti: e i doveri? Cosa intendiamo per doveri? Esistono gruppi, culture e religioni che danno seria testimonianza sui doveri? Come educare ai doveri?)  è in spedizione.

listing Il n. 121 è su RESISTERE RESISTERE RESISTERE: come abbiamo vissuto il periodo di crisi sanitaria è in preparazione.

 listing Il n. 122 è su... Tutti pazzi per i Social? Come i social stanno trasformando nostro modo di pensare, giudicare, informarci e razionarci? Riusciamo ad essere ironici su questa influenza diffusa? Testi da inviare entro 31 ottobre 2020.

Se avete qualcosa da proporci su qualcuno di questi temi siamo ben lieti di accoglierlo. Accettiamo anche contributi in altre lingue.