Tu sei qui: Home / Meditando / In articoli e commenti, scelti da noi / Diminuire i divari tra grandi e piccole città, di Paolo Gualtieri

Diminuire i divari tra grandi e piccole città, di Paolo Gualtieri

creato da Paolo Iacovelli ultima modifica 05/10/2019 09:04
Occorre cambiare approccio sia nelle analisi sia nelle azioni di politica economica per affrontare efficacemente il problema delle disuguaglianze…

Come alcuni studi di economia del lavoro avevano previsto già molti anni orsono, anche in Europa al pari degli Stati Uniti, la ricchezza va concentrandosi in poche importanti città (San Francisco, New York, Boston, Seattle, Londra, Parigi, Monaco di Baviera, Barcellona e Milano) il cui divario con le altre è oramai divenuto enorme e percepibile da chiunque le viva o solo le frequenti per affari o turismo.

Il fenomeno sembra aver avuto origine per la presenza di università, centri di ricerca e di idee, che sono stati il riferimento per lo sviluppo di aziende e la creazione di attività di impresa innovative, che a loro volta, generando profitti e potendo pagare salari e compensi elevati, hanno attratto consulenti, professionisti, operatori dei servizi finanziari e non, e questa cerchia si è ulteriormente allargata al commercio, alla ristorazione fino a incidere sulle istituzioni pubbliche locali che beneficiano degli investimenti nella città e sono anche stimolate dalle iniziative dei privati, come, ad esempio mostra, l’eccellente funzionamento della sanità a Milano. Insomma, come suole dirsi, si è creato un circolo virtuoso del quale godono, chi più chi meno, i cittadini di quelle splendide città.

Questo divario economico tra poche città e tutte le altre è però anche un aspetto del problema delle forti disuguaglianze tra individui che è alla radice degli estremismi di più recente nascita. Le differenze di reddito e di qualità della vita all’interno dei Paesi occidentali sono gradualmente cresciute dopo la fine dei decenni di sviluppo postbellico, che aveva permesso ai figli di superare quasi sempre il livello di qualità di vita dei loro padri, e si sono accentuate notevolmente negli ultimi venti anni.

Le ragioni di queste disuguaglianze non sono spiegate in maniera concorde negli studi economici, però c’è unità di visioni nell’affermare che le disuguaglianze non sono state originate da fenomeni come l’immigrazione di persone che accettano bassi salari oppure le importazioni dalla Cina e più in generale il libero scambio di beni e servizi con Paesi commercialmente aggressivi o ancora la delocalizzazione dei siti produttivi in Paesi con bassi costi di manodopera. Queste ipotetiche cause sono nel racconto facile di persone non sempre disinteressate, ma non trovano riscontro nei dati economici.

La non piena e sicura comprensione delle origini del fenomeno costituisce un limite all’individuazione di correttivi e ha condotto a scelte talvolta confuse e talaltra di ripiego. Tra quelle del primo tipo si annoverano le politiche redistributive di spesa realizzate senza un progetto di lungo termine, che sono controproducenti non solo dal punto di vista economico, ma anche da quello della funzione di educazione culturale e di indirizzo dei comportamenti collettivi.

La più rilevante del secondo tipo è la supplenza della politica monetaria dalla quale si pretendono aiuti che non può dare. Gli interventi espansivi sono stati enormi e prolungati al punto che oggi si parla di “nuova normalità” con riferimento alle condizioni di liquidità e ai livelli di tassi di interesse, impensabili in passato. Ora però gli spazi sono minimi, i tassi negativi e gli ulteriori acquisti di titoli aiuteranno nel breve termine i governi a finanziare il debito e gli investitori a non subire perdite, ma non avranno effetti rilevanti sull’economia reale e quindi favoriranno i rendimenti finanziari ma non i redditi da lavoro.

Occorre a questo punto cambiare approccio sia nelle analisi sia nelle azioni di politica economica per affrontare efficacemente il problema delle disuguaglianze. Bisogna incidere sui valori individuali e delle comunità per modificare i comportamenti e promuovere così le riforme strutturali mai realizzate e per farlo bisogna ricorrere ad altre scienze, alla filosofia, alla sociologia, alle scienze della formazione e della comunicazione, oltre che al diritto e all’economia. Occorre uno sforzo interdisciplinare per un progetto di cambiamento di lungo termine che sia culturale e operativo.

https://www.ilsole24ore.com/art/diminuire-divari-grandi-e-piccole-citta-ACoKqqo

Azioni sul documento
  • Stampa
archiviato sotto: , ,
Pubblicando, i testi di Cercasi un fine

Potere e partecipazione. Un'esperienza locale di amministrazione condivisa, di S. Di Liso, D. Lomazzo

Sesto libro della collana di Cercasi un fine

 


La salute nella e oltre la leggeLa salute nella e oltre la legge. Sfide odierne, di F. Anelli e G. Ferrara

 

Quinto libro della collana di Cercasi un fine


Attrezzarsi per la città

Attrezzarsi per la città. Laboratori di formAZIONE socio-politica, di M. Natale

Questo libro, quarto della collana di Cercasi un fine, racconta un’idea, diventata poi una esperienza, basata sulla convinzione che si possa, anzi si debba, progettare...


 

Meditando in video
Papa Francesco ha inviato domenica 23 aprile 2017 un video messaggio dedicato a don Lorenzo Milani, il priore di Barbiana, alla manifestazione “Tempo di Libri”, a Milano, dove nel pomeriggio è stata presentata l’edizione completa di “Tutte le Opere” del sacerdote, con alcuni inediti, curata dallo storico Alberto Melloni per la collana dei Meridiani Mondadori...
Videomessaggio del Santo Padre per Don Milani
Politica in weekend - 2 e 3 luglio 2016
Guida alla riforma costituzionale
Di più…
I nostri amici stranieri

Cercasi un fine organizza degli incontri settimanali di dialogo tra culture e insegnamento della lingua italiana per stranieri.

Maggiori info >>>

centro di ascolto.jpg

Associandoci

logo-barchetta.jpg
Cercasi un fine
è insieme un periodico, un’associazione onlus, di promozione sociale, iscritta all’albo regionale della Puglia, fondata nel 2008, con attività che risalgono a partire dal 2002 e una rete di scuole di formazione politica. Vi partecipano credenti cristiani e donne e uomini di diverse culture e religioni, accomunati dall’impegno per una società più giusta, pacifica e bella.

Una presentazione sintetica delle nostre attività la trovi nel video qui 

altre info su

presentandoci
cercasi una casa
sostenendoci

con carta di credito o PayPal

Leggendo il giornale

Cercasi un fine 118.jpg

E' in distribuzione Cercasi un fine n. 118
(2020- Anno XVI)

quadratino rosso Tema: Economia civile

Scrivendo per il giornale

Se volete scrivere per il giornale:
direttore@cercasiunfine.it


 

 listing Il n. 118 è sull'ECONOMIA CIVILE. Il cartaceo è stato spedito; il PDF lo si trova qui si sopra nella home page.

 listing Il n. 119 è sul DIALOGO INTERRELIGIOSO  è in preparazione.

 listing Il n. 120 è sui DOVERI (si parla spesso di diritti: e i doveri? Cosa intendiamo per doveri? Esistono gruppi, culture e religioni che danno seria testimonianza sui doveri? Come educare ai doveri?)  testi da inviare entro il 30 giugno 2020.

Per il n. 120 lanciamo un’iniziativa per coinvolgere tutti i nostri lettori: Tweet on duty - Un tweet sul dovere

Ti chiediamo di rispondere a una sola di queste domande (indicando nome, cognome, lavoro, città) in maniera sintetica, praticamente non più dei 140 caratteri che si usano in un tweet, da inviare a associazione@cercasiunfine.it o sms o whatsapp al cell. 337 1031728
Ecco le domande, scegline solo una e rispondi!
1. Cosa ti spinge a fare il tuo dovere?
2. Cosa provi nel fare il tuo dovere?
3. Cosa ti aspetti quando fai il tuo dovere?
4. Quali difficoltà incontri quando fai il tuo dovere? 
Testi da inviare entro il 30 aprile 2020.


Se avete qualcosa da proporci su qualcuno di questi temi siamo ben lieti di accoglierlo. Accettiamo anche contributi in altre lingue.