Tu sei qui: Home / Meditando / In articoli e commenti, scelti da noi / Difendiamo la Costituzione contro la legge-grimaldello

Difendiamo la Costituzione contro la legge-grimaldello

creato da D. — ultima modifica 15/09/2015 17:36
Si preparano mesi di passione per la Costituzione. Dobbiamo tornare a difenderla e rilanciarla!

Si preparano mesi di passione per la Costituzione. Dobbiamo tornare a difenderla e rilanciarla!

Si progettano cambiamenti alla forma di Stato, alla forma di Governo, al numero dei Parlamentari, al bicameralismo, fino alla corrispondente legge elettorale, mentre si affaccia il mito del presidenzialismo. Ma prima di tutto il disegno di legge costituzionale, approvato dal Consiglio dei ministri, detta  nuovi modi e tempi per la riforma della Costituzione in deroga a quelli stabiliti dall'art. 138 della Carta.

All’inizio la procedura di revisione, invece che a ciascuna Camera, verrebbe affidata ad un Comitato bicamerale di 40 membri e solo dopo riconsegnata al Parlamento: ma per una discussione congegnata come frettolosa e formale. Al punto che l’intervallo tra le due votazioni parlamentari viene ridotto ad un mese, invece dei tre che il Costituente previde al fine di un adeguato dibattito anche nell’opinione pubblica, dato che nella seconda votazione non sono ammissibili emendamenti,

Si tratta perciò di una legge-grimaldello:  per cambiare la Costituzione in parecchie parti si comincia a far saltare innanzitutto le garanzie e le regole che la Costituzione stessa ha eretto a sua difesa.

Chiediamo perciò ai parlamentari pugliesi di:

a) dissentire da quel disegno di legge o comunque di evitare che esso raggiunga  in seconda votazione i due terzi dei voti, in modo che non sia esclusa la possibilità costituzionale del referendum popolare;

b) presentare o sostenere la presentazione, sin da questi mesi estivi, di singole leggi di revisione costituzionale che, su punti specifici, e senza travolgere l’intero ordinamento:

- sostituiscano il Senato con un Senato delle Regioni, composto da rappresentanti dei Consigli regionali senza indennità aggiuntive;

- diminuiscano significativamente  il numero dei parlamentari;

- ridefiniscano il rapporto fra Stato e Regioni, abolendo le Province, e fra Stato ed Unione europea, in direzione di una effettiva unione “politica” e non soltanto  “economica”;

- riscrivano l’art. 81 sul pareggio di bilancio, stabilendo un tetto di spesa per le spese militari ed un minimo di spesa per le spese scolastiche e formative, oltre che il principio del  reddito minimo di esistenza vitale.

Richiamandoci alla grande manifestazione di patriottismo costituzionale tenutasi a Bologna il 2 giugno con la partecipazione di popolo e rappresentanti di movimenti di massa, invitiamo tutte le associazioni, enti, sindacati, comunità culturali e religiose a mantenere vigile l’interesse e la cura per la Costituzione ed i valori che in essa garantiscono che i diritti di ciascuno cittadino vengono presi finalmente sul serio.

 

Nicola Colaianni, Giuseppe Tucci, Luigi Volpe, Rosina Basso, Dino Borri, Luciano Canfora, Rocco D’Ambrosio, Tommaso Fiore, Francesca La Malfa, Valentino Losito

 

Chiunque voglia sottoscrivere l’appello può comunicarlo ai seguenti indirizzi e-mail

nicola.colaianni@uniba.it / Giuseppe.tucci@studiolegaletucci.com / studio_volpe@tin.it

Azioni sul documento
  • Stampa
archiviato sotto:
La Vignetta, di Martina Losito

"Il bene più prezioso"

Vignetta di Martina Losito 

*Martina Losito, studentessa di ingegneria energetica presso il Politecnico di Milano.

Pubblicando, i testi di Cercasi un fine

Formare alla politica. L'esperienza di Cercasi un fine

Nasce la nuova collana I libri di Cercasi un fine in coedizione con Magma Edizioni. Il primo volume sul metodo educativo e la storia di Cercasi un fine...


Potere e partecipazione. Un'esperienza locale di amministrazione condivisa, di S. Di Liso, D. Lomazzo

Sesto libro della collana di Cercasi un fine


La salute nella e oltre la leggeLa salute nella e oltre la legge. Sfide odierne, di F. Anelli e G. Ferrara

 Quinto libro della collana di Cercasi un fine


Attrezzarsi per la città

Attrezzarsi per la città. Laboratori di formAZIONE socio-politica, di M. Natale

Questo libro, quarto della collana di Cercasi un fine, racconta un’idea, diventata poi una esperienza, basata sulla convinzione che si possa, anzi si debba, progettare...


 

Meditando in video
Un video per scoprire le nostre attività: scuole di politica, giornale e sito web, collana di libri, incontri e seminari, scuola di italiano per stranieri... benvenuti in Cercasi un fine!
Cercasi un fine. Presentandoci
2020
13th of January 2020, BBC interviews our Director Rocco D'Ambrosio on the case of the book of Ratzinger-Sarah
Il nostro direttore Rocco D'Ambrosio intervistato dalla BBC
2020
Di più…
I nostri amici stranieri

Cercasi un fine organizza degli incontri settimanali di dialogo tra culture e insegnamento della lingua italiana per stranieri.

Maggiori info >>>

centro di ascolto.jpg

Associandoci

logo-barchetta.jpg
Cercasi un fine
è insieme un periodico, un’associazione onlus, di promozione sociale, iscritta all’albo regionale della Puglia, fondata nel 2008, con attività che risalgono a partire dal 2002, una rete di scuole di formazione politica, un gruppo di amici stranieri e volontari per l'insegnamento della lingua italiana. Vi partecipano credenti cristiani e donne e uomini di diverse culture e religioni, accomunati dall’impegno per una società più giusta, pacifica e bella.

Una presentazione sintetica delle nostre attività la trovi nel video qui 

altre info su

presentandoci
cercasi una casa
sostenendoci

con carta di credito o PayPal

Leggendo il giornale

E' in distribuzione Cercasi un fine n. 124
(2021- Anno XVII)

quadratino rosso Tema: Pianeta che vogliamo

Scrivendo per il giornale

Se volete scrivere per il giornale:
direttore@cercasiunfine.it


 

 listing Il n. 124 è su Il Pianeta che vogliamo è in distribuzione.

 

 listing Il n. 125 è sulla Repubblica "post Covid e tante risorse"  Testi da inviare da entro 31 agosto 2021.

Se avete qualcosa da proporci su qualcuno di questi temi siamo ben lieti di accoglierlo. Accettiamo anche contributi in altre lingue.