Tu sei qui: Home / Meditando / In articoli e commenti, scelti da noi / "Difendiamo il Recovery dall'assalto delle mafie": l'allarme di Cafiero De Raho e don Ciotti, di Micol Lavinia Lundari

"Difendiamo il Recovery dall'assalto delle mafie": l'allarme di Cafiero De Raho e don Ciotti, di Micol Lavinia Lundari

creato da Paolo Iacovelli ultima modifica 10/07/2021 08:48
Il procuratore anti-mafia: "Hanno fatto un salto di qualità: sono ricchi imprenditori, agevolati in periodi come questo”…

Don Luigi Ciotti e Libera sono fra i soggetti coinvolti in un progetto di monitoraggio, "per accompagnare questo momento molto delicato con una barca di denaro che sta arrivando nel nostro Paese" per la ripresa post-pandemia, il Recovery Fund. "Nella storia italiana quando sono arrivati molti fondi o sono state realizzate grandi opere,  sempre o quasi sempre le mafie sono riuscite a trovare canali e fare i loro affari", avverte Ciotti ospite di Repubblica delle Idee, al teatro Comunale, insieme al Procuratore antimafia Federico Cafiero De Raho.

"E' nata una rete di realtà per monitorare e verificare, per esserci. La ragione è che negli ultimi due anni il tema delle mafie e della corruzione (e derivati come droga, usura, ecomafie) è andato verso una normalizzazione, sta diventando uno dei tanti problemi, meno grave di quel che sembra, passa per un'esagerazione dei soliti. Le mafie invece sono forti, sono ricche, sono globalizzate, sono intelligenti, usano le grandi tecnologie", insiste don Ciotti.

Cafiero De Raho: come le mafie inquinano l'economia

"Le mafie hanno fatto un salto di qualità", conferma il procuratore Cafiero de Raho intervistato da Conchita Sannino. "I mafiosi apparentemente sono come tutti gli altri imprenditori, si muovono come protagonisti, soggetti ricchi capaci di sollevare le sorti di alcune attività economiche. Proprio periodi come questo agevolano le mafie: è oramai storia giudiziaria che in ogni emergenza le mafie si sono infiltrate e si sono fortificate - ricordiamo l'emergenza rifiuti, le imprese di costruzione post-terremoto, le infiltrazioni nella sanità: tessuti economici inquinati da società gestite dalle mafie, che oramai si muovono come soggetti globali, in Europa e anche al di fuori, in Asia e nelle Americhe". "Nel momento in cui diamo la possibilità di partecipare senza controlli" alla vita economica e produttiva del Paese "diamo la possibilità di operare. Servono invece controlli che non comportino un rallentamento dell'economia", è questa la sfida che lo Stato deve affrontare, "per salvare gli imprenditori sani, che si muovono con lealtà e trasparenza".

Ma la società è consapevole di questi rischi di infiltrazioni ed inquinamento dell'economia? "Consapevolezza è diverso da informazione. La politica è certamente informata, ma la nostra al momento è una voce non ascoltata", avverte il procuratore.

Ciotti: "Non prendiamo in giro i giovani, offriamo opportunità"

Di fronte a queste battaglie quotidiane, è cambiato il Paese? "Non prendiamo in giro i giovani", mette in guardia don Ciotti. "A volte con fatica dobbiamo alzare il tono della nostra voce: un Paese dove 2 milioni di ragazzi, prima del coronavirus, avevano studiato e non c'era una visione di occupazione e opportunità, era un problema serio. Ora, dopo il coronavirus, sono 3 milioni. Una società che non investe sui giovani non investe sul suo futuro. Lo dico con sofferenza: siamo fanalino con due Paesi europei per la dispersione scolastica, perdiamo un giovane su 3 nelle scuole superiori, e il 40% di studenti universitari. Occorre rimettere al centro le persone e i ragazzi. Quando i giovani trovano dei punti di riferimento vero si infiammano, ci sono, e Libera ne è una testimonianza. Sono centinaia in questi giorni con Estate liberi per momenti di incontro e conoscenza nelle varie realtà in cui Libera è presente. Dobbiamo investire nei giovani, offrire loro opportunità. Certo è importante dare il voto ai ragazzi anche al Senato, che possono alzare il tono della loro voce, ma non prendiamoli in giro: hanno bisogno di trovare risposte concrete, dobbiamo fornire loro gli strumenti. Perché migliaia di ragazzi son costretti a lasciare il Sud? Perché non si fa un investimento di grande progettualità, che permetta a migliaia di loro di spendere la loro vita nella loro terra? La politica quando vuole riesce a essere creativa, inventiamoci qualche cosa per piacere per i milioni di ragazzi in difficoltà: diamo loro dignità, creando dei canali per spendere la loro vita con la professionalità che hanno acquisito. Non diamo loro un contentino".

Ciotti: "Servono scelte radicali. Dov'è la sinistra?"

Cambia la geografia delle mafie, come anche l'inchiesta Aemilia ha dimostrato. "Le origini restano lì, molte teste restano lì, ma al centro nord c'è oggi più presenza che al sud, perché qui fanno affari e investimenti. Don Sturzo nel 1900 disse che la mafia sarebbe risalita sempre più forte e crudele verso il Nord fino ad andare oltre le Alpi", ricorda don Luigi Ciotti.

“C’è stima e riconoscenza infinita – nei confronti di magistrati e forze di polizia, segmenti della politica – a chi è impegnato contro le mafie, ma anche noi come cittadini siamo chiamati a fare la nostra parte: se non la facciamo siamo complici. La normalizzazione della mafia – insiste don Ciotti - oggi è il dato più inquietante. Una fetta del mercato dell’azzardo oggi è dello Stato: occorre fare scelte radicali, altrimenti non ne usciamo: son 200 anni che parliamo di mafie, nonostante il sacrificio di tanti. E l’Europa deve prendere coscienza che il problema è di tutti. Ecco perché Libera la trovate in tutta Europa. Dobbiamo essere la nostra parte, essere cittadini veri, essere una spina al fianco della politica. C’era una sinistra che dava una mano, dov’è adesso questa sinistra? O c’è uno scatto da parte di tutti o non ne usciamo”.

"Povertà crimine contro l'umanità"

Ancora don Ciotti: "Dobbiamo dircelo: la povertà è un crimine contro l'umanità. Ma attenzione: il cambiamento in questo senso deve essere etico e culturale: bisogna passare dal paradigma dell'immunità, al principio di comunità, all'etica della condivisione e della corresponsabilità". Gli fa eco Cafiero: "La povertà è un crimine, sì, e le mafie si battono battendo la povertà. L'inclusione, insieme all'istruzione, sono momenti fondamentali della crescita del nostro Paese".

https://bologna.repubblica.it/cronaca/2021/07/09/news/difendiamo_il_recovery_dall_assalto_delle_mafie_l_allarme_di_cafiero_de_raho_e_don_ciotti-309717559/?ref=RHTP-BI-I308232812-P3-S2-T1

Azioni sul documento
  • Stampa
La Vignetta, di Martina Losito

"Il bene più prezioso"

Vignetta di Martina Losito 

*Martina Losito, studentessa di ingegneria energetica presso il Politecnico di Milano.

Pubblicando, i testi di Cercasi un fine

Formare alla politica. L'esperienza di Cercasi un fine

Nasce la nuova collana I libri di Cercasi un fine in coedizione con Magma Edizioni. Il primo volume sul metodo educativo e la storia di Cercasi un fine...


Potere e partecipazione. Un'esperienza locale di amministrazione condivisa, di S. Di Liso, D. Lomazzo

Sesto libro della collana di Cercasi un fine


La salute nella e oltre la leggeLa salute nella e oltre la legge. Sfide odierne, di F. Anelli e G. Ferrara

 Quinto libro della collana di Cercasi un fine


Attrezzarsi per la città

Attrezzarsi per la città. Laboratori di formAZIONE socio-politica, di M. Natale

Questo libro, quarto della collana di Cercasi un fine, racconta un’idea, diventata poi una esperienza, basata sulla convinzione che si possa, anzi si debba, progettare...


 

Meditando in video
Un video per scoprire le nostre attività: scuole di politica, giornale e sito web, collana di libri, incontri e seminari, scuola di italiano per stranieri... benvenuti in Cercasi un fine!
Cercasi un fine. Presentandoci
2020
13th of January 2020, BBC interviews our Director Rocco D'Ambrosio on the case of the book of Ratzinger-Sarah
Il nostro direttore Rocco D'Ambrosio intervistato dalla BBC
2020
Di più…
I nostri amici stranieri

Cercasi un fine organizza degli incontri settimanali di dialogo tra culture e insegnamento della lingua italiana per stranieri.

Maggiori info >>>

centro di ascolto.jpg

Associandoci

logo-barchetta.jpg
Cercasi un fine
è insieme un periodico, un’associazione onlus, di promozione sociale, iscritta all’albo regionale della Puglia, fondata nel 2008, con attività che risalgono a partire dal 2002, una rete di scuole di formazione politica, un gruppo di amici stranieri e volontari per l'insegnamento della lingua italiana. Vi partecipano credenti cristiani e donne e uomini di diverse culture e religioni, accomunati dall’impegno per una società più giusta, pacifica e bella.

Una presentazione sintetica delle nostre attività la trovi nel video qui 

altre info su

presentandoci
cercasi una casa
sostenendoci

con carta di credito o PayPal

Leggendo il giornale

E' in distribuzione Cercasi un fine n. 124
(2021- Anno XVII)

quadratino rosso Tema: Pianeta che vogliamo

Scrivendo per il giornale

Se volete scrivere per il giornale:
direttore@cercasiunfine.it


 

 listing Il n. 124 è su Il Pianeta che vogliamo è in distribuzione.

 

 listing Il n. 125 è sulla Repubblica "post Covid e tante risorse"  Testi da inviare da entro 31 agosto 2021.

Se avete qualcosa da proporci su qualcuno di questi temi siamo ben lieti di accoglierlo. Accettiamo anche contributi in altre lingue.