Tu sei qui: Home / Meditando / In articoli e commenti, scelti da noi / Dietro le farneticazioni guerrafondaie di Kirill si nasconde una competizione tra aspiranti Rasputin, di Fulvio Scaglione

Dietro le farneticazioni guerrafondaie di Kirill si nasconde una competizione tra aspiranti Rasputin, di Fulvio Scaglione

creato da Paolo Iacovelli ultima modifica 10/03/2022 10:04
Il patriarca di Mosca si sarebbe allineato agli umori di una parte molto influente della sua Chiesa, per non farsi scavalcare e non perdere il controllo. Ma ci sono ragioni anche molto più profonde…

Per qualche giorno Kirill, 75 anni, dal 2009 patriarca di Mosca e di tutte le Russie, è parso scegliere la via di una ipocrita ma accettabile moderazione. Di fronte all’invasione dell’Ucraina decisa da Vladimir Putin, il patriarca si esprimeva con inviti alla pace, alla moderazione e alla comprensione tra i popoli e i fratelli ortodossi. Nei giorni scorsi la svolta. In un momento (la Domenica del Perdono) e in un luogo (la Cattedrale di Cristo Salvatore a Mosca, eretta dopo la vittoria russa su Napoleone, distrutta da Stalin e riedificata com’era e dov’era negli anni di Eltsin) scelti con cura, Kirill ha indossato l’elmetto. Un’omelia di guerra, la sua: ha ricordato il Donbass (“Otto anni di repressione e sterminio di persone con il mondo in silenzio”) e ha denunciato un tentativo di prendere “il potere mondiale”. Ma soprattutto ha trasportato la questione ucraina e la guerra atroce in corso da un piano fisico a uno metafisico. Di fatto offrendo al Cremlino una copertura religiosa.

Secondo Kirill, coloro che cercano “il potere mondiale” chiedono una specie di prova di fedeltà: l’adesione all’ideologia dell’orgoglio gay. Ma questo è “un peccato condannato dalla parola di Dio”. E se “l’umanità accetta che il peccato non è una violazione della legge di Dio, se l’umanità accetta che il peccato è una variazione del comportamento umano, allora la civiltà umana finirà lì”. Quindi la guerra in Ucraina è un sacrificio che la Russia compie per la salvezza della “civiltà umana”.

È un sillogismo agghiacciante ma che ha ragioni di politica ecclesiale e motivazioni storiche ben precise. Vediamo le prime. Certo, si ha la sensazione che il Patriarca all’inizio abbia cercato di barcamenarsi e poi sia stato costretto a prendere posizione. Nella prima fase potrebbe aver pesato, sul suo atteggiamento, la consapevolezza di quanto conti il “fattore Ucraina” nella Chiesa ortodossa russa. Moltissimi sacerdoti (c’è chi dice addirittura il 50%) della Chiesa che risponde al patriarcato di Mosca sono ucraini o di origine ucraina. Questo perché il fervore religioso degli ucraini è molto superiore a quello dei russi, come si nota anche seguendo la pratica dei riti e la frequentazione della parrocchia nei due Paesi. In più, la Chiesa ortodossa russa è presente con centinaia di parrocchie in Ucraina, dove nel 2018 è peraltro nata una Chiesa ortodossa dell’Ucraina nazionalista e filo-governativa. In Ucraina, quindi, Kirill rischia la rivolta dei suoi parroci, che non hanno fatto mancare le prese di posizione contro la guerra. E la crescita esponenziale della Chiesa ortodossa nazionale ucraina, che ovviamente si è schierata contro l’invasione russa senza se e senza ma.

Che cosa ha spinto Kirill a diventare un alfiere della guerra? Certo, possiamo immaginare una telefonata di richiamo da quel Cremlino che in questi anni ha molto concesso alla Chiesa ortodossa russa. 

Ma possiamo anche ricordare che il “rivale” interno di Kirill è il metropolita Tikhon Shevkhunov, il cosiddetto “padre spirituale” di Vladimir Putin, da sempre incline a trattare le relazioni internazionali come una lotta tra la Russia dei valori cristiani e l’Occidente degenerato. Tikhon, come si diceva, ha forti agganci al Cremlino ma è anche molto seguito e apprezzato in un mondo, quello dei monasteri, che non ama molto l’attuale Patriarca. Nella Chiesa ortodossa russa il clero parrocchiale può sposarsi e avere famiglia ma non fare carriera nelle strutture ecclesiali, riservate ai monaci. Le parrocchie sono il contatto con i bisogni della gente comune ma i monasteri sono i fari dell’elaborazione politico-religiosa, i laboratori delle correnti di pensiero che poi influenzano i fedeli. E in quel mondo le teorie “alla Shevkunov” hanno guadagnato moltissimo spazio negli ultimi anni. Kirill, insomma, si sarebbe allineato agli umori di una parte molto influente della sua Chiesa, per non farsi scavalcare e non perdere il controllo.

Ma ci sono ragioni anche molto più profonde di così e ci aiuta a decifrarle padre Stefano Caprio, per molti anni parroco in Russia, slavista e autore tra l’altro di “Lo Zar di vetro – La Russia di Putin (Jaca Book).  “Mentre Putin prova a spiega la necessità di questa guerra con riletture del passato recente e di quello remoto della Russia e dei popoli slavi, Kirill trasporta il problema politico su un piano metafisico. Ancor più che uno scontro di civiltà, nelle sue parole echeggia uno scontro tra mondo del peccato e mondo della morale. È il ritorno della teoria di Mosca come terza Roma. Quando Kirill dice che l’Occidente vuole obbligarci a fare le gay parade, è come se stesse citando le teorie del Cinquecento, quando si diceva che Mosca doveva salvare l’umanità dall’eresia, dagli agareni (i discendenti illegittimi di Agar, concubina e non moglie di Abramo, per estensione medievale i musulmani, nd.r.) e dalla sodomia”.

Siamo tornati molto indietro, come si vede, fino ai tempi di Filofej di Pskov, il monaco di un importante monastero russo che scrisse una serie di epistole al gran principe Basilio III di Russia (o al di lui figlio, lo zar Ivan il Terribile) basate sull’idea che “due Rome son cadute, Mosca è la terza, una quarta non ci sarà”, per sollecitare il sovrano a essere all’altezza di una chiamata storica inevitabile, di fatto la guida del mondo. È la vecchia vocazione, o pretesa, universalistica e imperiale della Russia, passata attraverso l’espansionismo degli zar e l’internazionalismo dell’Urss e risbocciata ora con le voglie di rivincita di Putin.

https://www.famigliacristiana.it/articolo/dietro-le-farneticazioni-guerrafondaie-del-patriarca-kirill-si-nasconde-una-competizione-tra-spiranti-rasputin.aspx

Azioni sul documento
  • Stampa
archiviato sotto: ,
Associandoci

logo-barchetta.jpg

Cercasi un fine è insieme un periodico, un’associazione onlus, di promozione sociale, iscritta all’albo regionale della Puglia, fondata nel 2008, con attività che risalgono a partire dal 2002, una rete di scuole di formazione politica, un gruppo di amici stranieri e volontari per l'insegnamento della lingua italiana. Vi partecipano credenti cristiani e donne e uomini di diverse culture e religioni, accomunati dall’impegno per una società più giusta, pacifica e bella.

Una presentazione sintetica delle nostre attività la trovi nel video qui 

altre info su

presentandoci
cercasi una casa
sostenendoci

Pubblicando, i testi di Cercasi un fine

La fatica di essere nel mondo. Lettera sul discernimento

Un po’ imitando don Milani e la sua lettera a una prof.ssa, con amici di Vicenza abbiamo scritto insieme una lettera sul discernimento e il nostro essere nel mondo. Per disponibilità copie info al 333 8465594, 0444 226530, 080 5014906 


 

Formare alla politica. L'esperienza di Cercasi un fine

Nasce la nuova collana I libri di Cercasi un fine in coedizione con Magma Edizioni. Il primo volume sul metodo educativo e la storia di Cercasi un fine...


Potere e partecipazione. Un'esperienza locale di amministrazione condivisa, di S. Di Liso, D. Lomazzo

Sesto libro della collana di Cercasi un fine


La salute nella e oltre la leggeLa salute nella e oltre la legge. Sfide odierne, di F. Anelli e G. Ferrara

 Quinto libro della collana di Cercasi un fine


Attrezzarsi per la città

Attrezzarsi per la città. Laboratori di formAZIONE socio-politica, di M. Natale

Questo libro, quarto della collana di Cercasi un fine, racconta un’idea, diventata poi una esperienza, basata sulla convinzione che si possa, anzi si debba, progettare...

Meditando in video
Un video per scoprire le nostre attività: scuole di politica, giornale e sito web, collana di libri, incontri e seminari, scuola di italiano per stranieri... benvenuti in Cercasi un fine!
Cercasi un fine. Presentandoci
2020
13th of January 2020, BBC interviews our Director Rocco D'Ambrosio on the case of the book of Ratzinger-Sarah
Il nostro direttore Rocco D'Ambrosio intervistato dalla BBC
2020
Di più…
Il 5 x mille per CuF


Sapete quanto è prezioso per noi la vostra firma del 5 x mille a nostro favore: con esso realizziamo scuole di formazione sociale e politica, un sito web e un periodico di cultura e politica, insegnamento dell’italiano per cittadini stranieri, incontri, dibattiti…

Basta la tua firma e il numero dell'associazione 91085390721 nel primo riquadro sul volontariato. 

I nostri amici stranieri

Cercasi un fine organizza degli incontri settimanali di dialogo tra culture e insegnamento della lingua italiana per stranieri.

Maggiori info >>>

centro di ascolto.jpg

Il Gruppo "Il Seggio" di Cercasi un fine a Minervino

 

 

Si chiama "Il seggio": è il gruppo territoriale di Cercasi un fine, nato a Minervino, a fine anno 2021.

Esso nasce dall'iniziativa dei soci fondatori e ordinari di Cuf, residenti a Minervino. Il gruppo (attraverso un apposito Regolamento) è un'emanazione territoriale della nostra Associazione, di cui condivide statuo, finalità, contenuti e strategie associative.

Auguriamo al gruppo di essere attivo e proficuo nella ricerca de nostro Fine come don Milani insegna: "Bisogna che il fine sia onesto. Grande. Il fine giusto è dedicarsi al prossimo. E in questo secolo come lei vuole amare se non con la politica o col sindacato o con la scuola? Siamo sovrani. Non è più il tempo delle elemosine, ma delle scelte".

 

indirizzo: Vico II Spineto, 2
(c/o Parrocchia S. Michele Arcangelo)
76013 Minervino Murge (BT)

per info:
mail: scuolasociopoliticaminervino@cercasiunfine.it
cell: 349 6534286

Contribuendo

Contribuendo.jpg

Bonifico Bancario
Cercasi un Fine ONLUS
IBAN IT26C0846941440000000019932
BCC Credito Cooperatvo

Leggendo il giornale

E' in distribuzione Cercasi un fine n. 127
(2022- Anno XVIII)

quadratino rosso Tema: La vita quotidiana

 

Scrivendo per il giornale

Se volete scrivere per il giornale:
direttore@cercasiunfine.it


 

 listing Il n. 128 è sulla "Riforma costituzionale in tema ambientale"  (qual è il significato dell'ultima riforma costituzionale in tema ambientale? Quali ricadute per noi e le generazioni future? E' un nuovo patto tra generazioni? Quali effetti sull'attività economica?). In preparazione.

 

listing Il n. 129 è su "Dopo il Covid e la guerra: una nuova globalizzazione?"  (La pandemia e la guerra in Ucraina sembrano aver messo in crisi il vecchio modello della globalizzazione: come costruire un nuovo modello? Cosa deve cambiare e cosa può restare?). Testi da consegnare entro il 30 settembre 2022. 

Se avete qualcosa da proporci su qualcuno di questi temi siamo ben lieti di accoglierlo: testi non superiori a 4000 caratteri/spazi inclusi, da inviare ai nostri indirizzi mail. Accettiamo anche contributi in altre lingue e di bambini.