Tu sei qui: Home / Meditando / In articoli e commenti, scelti da noi / Dietro Brexit il fallimento di una classe dirigente, di Sergio Fabbrini

Dietro Brexit il fallimento di una classe dirigente, di Sergio Fabbrini

creato da Paolo Iacovelli ultima modifica 21/01/2019 10:03
Insomma, a Londra è in corso un dramma che sintetizza il fallimento di una classe dirigente. Quel dramma, però, parla anche a noi...

A Londra è in atto un dramma di proporzioni storiche. La decisione di uscire dall’Unione europea (Ue), presa con il referendum del 23 giugno 2016, ha attivato una catena di eventi che nessuno è in grado di governare. Certamente, in quella decisione, un ruolo importante è stato esercitato da giocatori d’azzardo (come Nigel Farage) che hanno convinto il 51,89 per cento degli elettori che Brexit avrebbe portato il Paese verso un futuro radioso. Tuttavia, dietro quel dramma, c’è il fallimento di una intera classe dirigente. Essa ha commesso diversi errori. Due in particolare.

Il primo è consistito nella sottovalutazione dell’interdipendenza economica che collega il Regno Unito all’Europa. Giusto per capirsi. Nell’anno (2017) in cui il Regno Unito ha attivato l’Art. 50 per la secessione dall’Ue, il 44% del totale delle esportazioni britanniche di beni e servizi andava verso i Paesi europei, il 53% del totale delle importazioni britanniche di beni e servizi proveniva da Paesi Ue. In quello stesso anno, mentre la metà dell’interscambio commerciale del Regno Unito era con l’Europa, solamente il 2,9% delle esportazioni britanniche aveva preso la strada per l’Australia e il Canada (i due principali Paesi del Commonwealth), oppure solamente l’11% quella per gli Stati Uniti (il Paese della “relazione speciale”). Il mercato unico ha creato un’area densamente integrata che ha robustamente sostenuto la crescita britannica.

Dal 1973 (anno di adesione del Regno Unito al processo di integrazione) al 2015 (anno precedente al referendum), il Pil pro capite di quel Paese è cresciuto più velocemente (102%) rispetto a quello della Germania (99%), degli Stati Uniti (97%) e della Francia (74%). Ciò nonostante, in quel Paese, si è consentito (per anni) che si sviluppasse una sistematica campagna denigratoria dell’Ue.

Oggi, senza un accordo con l’Ue, il Regno Unito dovrà attendere anni prima di ritornare alla condizione economica del 2015. Un esito drammatico che le leadership europee debbono contribuire a stemperare. Avviando sin da subito un’iniziativa politica (come proposto dal Parlamento europeo nella Risoluzione approvata l’altro ieri) per differenziare il mercato unico e l’unione sempre più stretta. È stata l’assenza dell’integrazione politica (dovuta anche alla irriducibile resistenza dei britannici), che ha caricato il mercato unico di una missione integrativa che spetta invece alla politica assolvere.

Le quattro libertà costitutive del mercato unico (libertà di circolazione dei beni, servizi, capitali e persone) hanno finito per essere interpretate con la stessa rigidità di principi costituzionali. Occorre discutere di una governance differenziata dell’interdipendenza.

Invece, in Italia, ci tocca ascoltare esponenti della maggioranza (come i presidenti leghisti delle commissioni di Bilancio della Camera e delle Finanze del Senato) che propongono di uscire semplicemente dall’interdipendenza, ritornando alla sovranità monetaria della lira. E ciò nonostante il dramma del Regno Unito (che pure non era nellEurozona). Che dire?

Il secondo errore è consistito nella sopravvalutazione della capacità decisionale del popolo. Brexit è il risultato della leggerezza con cui si è pensato (da parte di leader politici come David Cameron) di risolvere un problema che divideva la classe politica ricorrendo al referendum popolare. Come può il singolo cittadino risolvere il dilemma relativo alla permanenza o meno del proprio Paese in un’unione sovranazionale?

Problemi complessi non possono avere risposte semplici, basate sulla scelta binaria del “sì o no” (che è propria del referendum). È stato un atto di irresponsabilità - e non di democrazia - affidare ai cittadini britannici il compito di decidere questioni che vanno al di là del loro buon senso. E sarebbe un atto altrettanto irresponsabile il ricorso ad un secondo referendum (che non risolverebbe alcunché).

Il referendum è uno strumento fondamentale di partecipazione popolare, ma il suo compito è quello di integrare, e non di sostituire, la rappresentanza politica. Spetta ai rappresentanti politici prendere decisioni su materie irriducibili alla semplificazione, assumendosene quindi la responsabilità di fronte ai propri elettori.

È singolare che in Italia, nonostante l’esperienza britannica, esponenti della maggioranza (come il ministro grillino delle Riforme) propongano una riforma costituzionale incentrata sul referendum propositivo. Come se il popolo potesse legiferare su ogni cosa. Così avviene in Svizzera, si dice. Ma la Svizzera è un esempio tutt’altro che confortante, proprio sulla questione del rapporto con l’Ue. Dopo il referendum del 1992, quando gli svizzeri rifiutarono di entrare non solo nell’Ue ma anche nell’Efta (l’associazione di Libero commercio tra Paesi europei che non facevano parte dell’Ue), la Svizzera si è infilata in un vero e proprio labirinto senza uscita. Non potendo fare a meno del mercato unico (che sostiene la sua economia), la Svizzera ha siglato più di 120 accordi bilaterali con l’Ue, creando incongruenze tra materie che hanno incrementato i contrasti con quest’ultima. Su richiesta dell’Ue, la Svizzera ha dovuto riconoscere la necessità di un riordino degli accordi bilaterali all’interno di un comune framework legale. Tuttavia, il governo svizzero è paralizzato, perché tale riordino (che avrebbe la forma di un trattato) dovrebbe poi essere sottoposto a referendum popolare (il cui esito negativo sarebbe scontato). Così, rimangono i 120 accordi separati che non sono sottoponibili a referendum, con la confusione che ne segue. E questo sarebbe un modello da imitare. Che dire?

Insomma, a Londra è in corso un dramma che sintetizza il fallimento di una classe dirigente. Quel dramma, però, parla anche a noi. Ci dice che il popolo non può prendere il posto dei suoi rappresentanti. E ci dice anche che le leadership europee debbono ripensare il progetto di integrazione, separando la prospettiva economica da quella politica. La prima dovrebbe includere tutti i Paesi europei (quindi anche il Regno Unito del post-Brexit), la seconda dovrebbe consentire ad un gruppo di essi di andare verso un’unione sempre più stretta.

 

https://www.ilsole24ore.com/art/commenti-e-idee/2019-01-20/dietro-brexit-fallimento-una-classe-dirigente-100727.shtml?uuid=AEewFeIH

Azioni sul documento
  • Stampa
archiviato sotto: , ,
Pubblicando, i testi di Cercasi un fine

Potere e partecipazione. Un'esperienza locale di amministrazione condivisa, di S. Di Liso, D. Lomazzo

Sesto libro della collana di Cercasi un fine

 


La salute nella e oltre la leggeLa salute nella e oltre la legge. Sfide odierne, di F. Anelli e G. Ferrara

 

Quinto libro della collana di Cercasi un fine


Attrezzarsi per la città

Attrezzarsi per la città. Laboratori di formAZIONE socio-politica, di M. Natale

Questo libro, quarto della collana di Cercasi un fine, racconta un’idea, diventata poi una esperienza, basata sulla convinzione che si possa, anzi si debba, progettare...


 

Meditando in video
Papa Francesco ha inviato domenica 23 aprile 2017 un video messaggio dedicato a don Lorenzo Milani, il priore di Barbiana, alla manifestazione “Tempo di Libri”, a Milano, dove nel pomeriggio è stata presentata l’edizione completa di “Tutte le Opere” del sacerdote, con alcuni inediti, curata dallo storico Alberto Melloni per la collana dei Meridiani Mondadori...
Videomessaggio del Santo Padre per Don Milani
Politica in weekend - 2 e 3 luglio 2016
Guida alla riforma costituzionale
Di più…
I nostri amici stranieri

Cercasi un fine organizza degli incontri settimanali di dialogo tra culture e insegnamento della lingua italiana per stranieri.

Maggiori info >>>

centro di ascolto.jpg

Associandoci

logo-barchetta.jpg
Cercasi un fine
è insieme un periodico, un’associazione onlus, di promozione sociale, iscritta all’albo regionale della Puglia, fondata nel 2008, con attività che risalgono a partire dal 2002 e una rete di scuole di formazione politica. Vi partecipano credenti cristiani e donne e uomini di diverse culture e religioni, accomunati dall’impegno per una società più giusta, pacifica e bella.

Una presentazione sintetica delle nostre attività la trovi nel video qui 

altre info su

presentandoci
cercasi una casa
sostenendoci

con carta di credito o PayPal

Leggendo il giornale

Cercasiunfine_115_Pagina_01.jpg

E' in distribuzione Cercasi un fine n. 115
(2019 - Anno XIV)

quadratino rosso Tema: Ambiente

Scrivendo per il giornale

Se volete scrivere per il giornale:
direttore@cercasiunfine.it


 

 listing Il 117 è sul RAZZISMO (Dove nasce il razzismo? Cosa ci fa diventare razzisti? C'è il razzismo nella Chiesa?), in preparazione.

 listing Il 118 è sull'ECONOMIA CIVILE (Cosa è l'economia civile? I Pro e i Contro di questo modello? Dove è applicato e come?)  testi da inviare entro il 15 dicembre 2019.

 listing Il 119 è sul DIALOGO INTERRELIGIOSO  (Quanto abbiamo paura delle altre religioni? Le religioni dialogano tra di loro? Qual'è la finalità del dialogo? Cos'è il fondamentalismo religioso?)  testi da inviare entro il 31 gennaio 2020.

 listing Il 120 è sui DOVERI (si parla spesso di diritti: e i doveri? Cosa intendiamo per doveri? Esistono gruppi, culture e religioni che danno seria testimonianza sui doveri? Come educare ai doveri?)  testi da inviare entro il 15 marzo 2020.


Se avete qualcosa da proporci su qualcuno di questi temi siamo ben lieti di accoglierlo. Accettiamo anche contributi in altre lingue.